Gen

8

By potatore

Commenti disabilitati su Sotto la neve…pane!!

Categories: Giardino

Tags: , , , , , ,

Sotto la neve…pane!!

 

La neve rende più piacevole la stagione invernale e quest’anno non si è fatta attendere, anche se una piccola spruzzata che ha creato, per questo pochi  problemi di viabilità e solo qualche fastidio negli spostamenti ma, anche se per altri versi, è a considerare di indubbia utilità alla campagna ed ai giardini. Il manto nevoso, infatti, protegge i cereali autunno vernino e il manto erboso del giardino dagli eccessivi sbalzi termici. Inoltre la neve sciogliendosi gradualmente arricchisce il prato e l’orto di una notevole quantità di acqua che sarà facilmente trattenuta grazie al potere assorbente del terreno al contrario degli acquazzoni violenti che si verificano talune volte, abbattendosi sul suolo, perché questi non danno tempo allo stesso di assorbire l’acqua piovana che il più delle volte defluisce verso i luoghi di scolo trascinandosi parte delle sostane nutritive che il suolo aveva precedentemente immagazzinato. Con lo scioglimento della neve si noterà che il cotico erboso del prato sarà molto rigoglioso e l’erba sottostante in virtù del calore emanato dal terreno e trattenuto dalla neve, si sarà leggermente accresciuto. Pertanto durante il periodo di scioglimento della neve dovrà essere evitato qualsiasi calpestio il quale non farebbe altro che arrecare notevoli danni non solo perché si sarebbero potuto formare eventuali zone di ghiaccio, ma anche perché il terreno, molto inzuppato, mal sopporta il peso eccessivo e le orme che si vengono a creare, una volte asciugate, formano crostoni duri che pregiudicano il successivo sviluppo dell’erba. Anche alberi ed arbusti non vanno assolutamente mossi ne tanto meno potati in quanto i rami col freddo intenso tendono facilmente a spezzarsi. Gli eventuali interventi cesori vanno indirizzati per rami spezzati dal peso eccessivo della neve e i tagli effettuati, se di grossa entità, vanno inizialmente rifiniti con una lama molto affilata e successivamente protetti con mastici cicatrizzanti. Gli attrezzi utilizzati per il taglio vanno preventivamente disinfettati e l’immersione in alcool e il successivo passaggio alla fiamma è uno dei sistemi più sicuri. Per evitare la trasmissione di malattie crittogame e virus questa operazione va effettuata tutte le volte che si passa da un albero all’altro. Nelle giornate più tiepide e assolate vanno controllati gli arbusti e le piante tenute sotto un film di plastica a protezione del freddo; se all’interno della copertura si è formata molta condensa sarà opportuno rimuoverla o facendola asciugare oppure più semplicemente rivoltando la stessa in modo che la parte umida rimanga all’esterno. Ciò eviterà il formarsi di malattie fungine che notoriamente si sviluppano in presenza di alta umidità e per lo stesso motivo può risultare utile effettuare dei fori nella parte alta della copertura. Per il resto rimaniamo in attesa che arrivi copiosa ed abbondante….

Ago

3

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Potature da "arresti cardiaci"

C’è chi sostiene che le piante cessano momentaneamente le funzioni vitali quando si avvicina qualcuno che può arrecare loro del danno e se la teoria è esatta durante l’anno numerosi saranno numerosi gli  “arresti cardiaci”. Pertanto un vademecum è d’obbligo affinché vengono evitati certi eccessi che hanno caratterizzano gli anni passati e per i quali ne hanno fatto le spese splendidi e maestosi esemplari non solo nei viali cittadini, per alcuni versi giustificabili, ma soprattutto nei giardini e nei parchi.
Regola fondamentale è ricordare che la migliore potatura è quella che non si vede e l’abilità del potatore deve essere misurata non dai vistosi e poco numerosi tagli effettuati ma al contrario da un maggior numero di interventi di ridotta entità che evitano di sbilanciare eccessivamente il rapporto tra parte aerea e parte radicale. In quest’ultimo caso la professionalità richiederà un maggiore numero di ore ma la longevità e la funzionalità della pianta ripagheranno abbondantemente nel tempo perduto. I tagli devono sempre essere effettuati di netto e senza sbavature o slabbrature di corteccia in modo che l’acqua piovana non ristagni sulle ferite e la stessa pianta le possa rimarginare con facilità.
L’utilizzo di mastice, pece o qualsiasi altro preparato commerciale non riparerà il danno effettuato da un taglio disarticolato che non ha rispettato la zona del collare in quanto troppo a filo col tronco o al contrario che ha lasciato un inutile moncherino. A tal proposito sarà utile ricercare su un qualsiasi testo di giardinaggio come effettuare il cosiddetto “taglio di ritorno” su un ramo, in modo che lo stesso mantenga la capacità di ripresa nonostante venga notevolmente accorciato.
Prima di procedere ai vari tagli il consiglio migliore è quello di valutare attentamente il rigoglio vegetativo della pianta in oggetto. Un eccessiva presenza di rami vigorosi non è segno di buona salute anzi vuol dire che la pianta è stata potata drasticamente e pertanto non va fatto lo stesso errore. Al contrario uno sviluppo stentato e poco rigoglioso sta ad indicare una scarsa capacità di assorbimento radicale che deve essere compensato con una riduzione molto energica della chioma. Una volta stabilito se potare poco o al contrario molto è bene iniziare sempre dalle parti interne più basse a quelle più in alto togliendo inizialmente, specialmente se trattasi di pianta giovane, tutte le “forcelle” che, notoriamente, con la crescita, tendono a diventare zona di debolezza e di improvvisi “crolli”. Il resto presuppone una minima conoscenza delle gemme a fiore viceversa delle gemme adibite alla produzione di germogli. Vanno potate tutte le piante da frutta come pere, mele e pesche per le quali è bene potarle anche male piuttosto che non potarle affatto ; richiedono interventi minori o quantomeno meno constanti susini, albicocchi e kaki per i quali è meglio, al contrario delle precedenti, non potarli affatto piuttosto che potarli male.