Apr

8

By potatore

Commenti disabilitati su Pioggia benefica!!

Categories: Agricoltura

Tags: , , , , ,

Pioggia benefica!!

Pioggia  benefica!  Le irrigazioni anche se  regolari  ed abbondanti  non sembrano avere lo stesso effetto  sull’orto di  quello  provocato da una abbondante pioggia.  Ristabilire le condizioni ottimali per la crescita  delle  piante è la prima operazione necessaria nell’orto dopo questa meteora. Pertanto un manciata di concime completo e delle lavorazione  super­ficiale con una zappetta hanno il duplice scopo di favorire l’interramento dei concimi e allo stesso tempo di rompe­re  l’eventuale crosta superficiale. Le lavorazioni  dei primi strati del terreno ritardano l’evaporazione  dell’ac­qua che sale per capillarità dagli strati più profondi  e  nello  stesso tempo eliminano sul nascere eventuali  erbe  infestanti. Chi  possiede del  terreno già adeguatamente preparato può tranquillamente provvedere all’impianto di  quelle colture come sedano e cetriolo che  necessitano  di  temperature  più  elevate delle altre colture da  orto. La semina a file per il sedano è  la migliore mentre può risul­tare utile trapiantare le piantine di cetriolo vicino alla eventuale rete di recinzione per dare la possibilità  alla futura pianta di sostenersi e effettuare così, una coltiva­zione in verticale.  Se ciò non fosse possibile, in commercio esistono reti in plastica di facile applicazione che possono essere  utiliz­zate  anche  per altre colture come fagiolini  e  piselli rampicanti. Dagli  inizi del mese in poi, via  libera  al trapianto  di cavoli e cavolfiori  precoci  per raccolte  estive e varietà tardive a raccolta autunnale.  Per le  semine di spinaci e lattughe  occorrerà, invece, stare  attenti ad utilizzare varietà estive

Mar

15

By potatore

Commenti disabilitati su Al Nord bel tempo!.

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Al Nord bel tempo!.

Il perdurare delle condizioni di bel tempo ha dato la possibilità alle colture dell’  orto di sviluppare notevolmente la crescita. Bisogna in ogni caso essere prudenti ancora per qualche giorno per la messa a dimora di quelle specie come pomodoro, zucchine e cetriolo che necessitano di temperature non inferiore ai 10-12 gradi. Eventuali ripari con film in plastica o campane in pvc possono ancora risultare necessari nelle ore notturne e nei terreni esposti ad est.
La siccità ormai prolungata determina il ricorso sistematico alle irrigazioni che devono essere effettuate nelle ore mattutine e in quelle serali evitando di utilizzate acque molto fredde provenienti da pozzi o condutture molto profonde. In questi casi può risultare utile riempire delle tinozze o dei recipienti in latta, lasciarli al sole per tutta la giornata ed irrigare nelle ore serali. Per coloro che utilizzano grossi fusti per l’irrigazione, possono sciogliere in questi 100-200 grammi di concime completo e utilizzare successivamente l’acqua come fertirrigazione. Per evitare competizione vanno eliminate tutte le infestanti presenti nell’orto e molto cura va posta nella pulizia degli appezzamenti di aglio da erbacce, come “gli occhi della madonna” o veronica comune che tendono a tapezzarle fragole e per le cucurbitacee, invece, il ricorso alla pacciamatura con paglia può essere uno dei migliori sistemi sia per la difesa dalle infestanti che per l’igiene dei frutti. L’utilizzo in ogni caso della pacciamatura a prescindere del materiale usato apporta indubbi vantaggi alla coltura e oltre agli aspetti sanitari determina un risparmio di acqua di irrigazione e trattiene il calore di irraggiamento. Le serre vanno aperte completamente per favorire il ricambio di aria e d evitare lo sviluppo di malattie crittogamiche. Lattuga, spinaci, bieta da coste o erbette ed in ogni caso le specie a semina invernale in genere non sopportano temperature superiori ai 21-23 gradi e pertanto vanno molto aerati.

Set

9

By potatore

Commenti disabilitati su Al Nord estate agli….sgoccioli!

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Al Nord estate agli….sgoccioli!

Ultime colture estive nell’orto e si è pronti per seminare valerianella e spinaci, colture a ciclo breve che riescono meglio ad utilizzare gli spazi lasciati liberi dagli ortaggi da frutto. Occorre approfittare delle belle giornate di sole per lavorare il terreno e subito dopo provvedere alla semina visto che le ore di luce cominciano velocemnte a diminuire. Negli spazi utilizzati durante il periodo estivo a colture “sfruttanti” quali pomodori, zucchine e melanzane, è il caso di provvedere, una volta completata la raccolta, alla rapida lavorazione del terreno e alla semina di un a coltura da rinnovo o da sovescio, ma anche colture autunnale come lattuga, spinaci, biete o erbette da taglio. Altre semine consigliate sono quelle dell’aglio  e delle cipolle e per quest’ultime è possibile utilizzare quelle che in dispensa tendono a germogliare. Quanto sopre è rivolto, ovviamente, alle regioni del Nord Italia e di montagna del Centro Sud nel resto siamo ancora in piena estate e i classici ortaggi da frutto come pomodori, melanzane, fagioli ecc. sono in piena produzione. In tutti i casi ricordarsi di procedere alla lavorazione del terreno solo immediatamente prima della  semina  per evitare che le eventuali precipitazioni, dilavano i nutrienti residui presenti.

Mag

30

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Pioggia benefica …per l'orto

Le irrigazioni anche se  regolari  ed abbondanti  non sembrano avere lo stesso effetto  sull’orto di  quello  provocato da una abbondante pioggia.   Dopo  un periodo notevolmente lungo, le piogge della scorsa settimana  hanno  risvegliato  la natura ormai allo stremo visto  la siccità e le temperature molto instabili con sbalzi frequen­ti. Il vento, poi, ha aggravato tale situazione costringen­do le piante ad una traspirazione  forzata  con  notevoli perdite di acqua dalle parti verdi e da quelle fogliari. Ristabilire  le condizioni ottimali per la  crescita  delle piante è la prima operazione necessaria nell‘orto. Pertanto un manciata di concime completo e delle lavorazione  super­ficiale con una zappetta hanno il duplice scopo di favorire  l’interramento dei concimi e allo stesso tempo di rompe­re  l’eventuale  crosta superficiale.  Le  lavorazioni  dei primi strati del terreno ritardano l’evaporazione  dell’ac­qua  che sale per capillarità dagli strati più profondi   e nello  stesso  tempo eliminano sul nascere  eventuali  erbe infestanti. Resta beninteso che l’utilizzo della pacciamatura con materiale organico come l’erba di risulta del prato è  il sistema migliore per “concimare”  l’orto e ridurre le perdite di acqua per evaporazione. Chi possiede del  terreno  già adeguatamente preparato può tranquillamente provvedere  all’impianto  di quelle  colture come sedano e cetriolo che  necessitano  di temperature  più  elevate delle altre colture da orto. La semina a file per il sedano è la migliore mentre può risul­tare utile trapiantare le piantine di cetriolo vicino  alla eventuale rete di recinzione per dare la possibilità alla futura pianta di sostenersi e effettuare così, una coltiva­zione in verticale. Se ciò non fosse possibile, in commercio esistono reti in plastica di facile applicazione che possono essere  utiliz­zate  anche  per  altre colture come  fagiolini  e  piselli rampicanti.  Dagli  inizi del mese in poi,  via  libera  al trapianto  di   cavoli e cavolfiori  precoci  per  raccolte estive  e  varietà tardive a raccolta  autunnale.  Per  le semine  di  spinaci  e lattughe occorrerà,  invece,  stare attenti ad utilizzare varietà estive.