Mag

4

By potatore

Commenti disabilitati su Sciopero, sciopero ed ancora sciopero….

Categories: Istruzione

Tags: , , , , ,

Sciopero, sciopero ed ancora sciopero….

Ci siamo già espressi sulla nostra posizione sulla scuola: è il momento di passare dalle parole allo sciopero! Non solo come docente ma in primis come genitore e profondo conoscitore della realtà scolastica mi preme domani partecipare alla giornata di protesta della scuola.

  • no ai super poteri del dirigente scolastico e a modelli di gestione autoritaria

  • subito un piano di assunzioni che assicuri la stabilità del lavoro per tutto il personale docente e ATA impiegato da anni precariamente;

  • organici adeguati al fabbisogno, per un’offerta formativa efficace e di qualità;

  • rinnovo del contratto scaduto da sette anni per una giusta valorizzazione del lavoro nella scuola;

  • no a incursioni per legge su materie soggette a disciplina contrattuale, come le retribuzioni e la mobilità del personale;

  • avvio di una politica di forte investimento su istruzione e formazione

La buona scuola esiste già e il governo non se n’è accorto mancano solo le aule, le palestre, le connessioni internet   e la carta igienica.  L e famiglie autotassandosi in stretto contatto con la classe docente continuano a sopperire a quanto di competenza statale mentre i vari governi ci mettono a disposizioni ministri che poco sanno della realtà scolastica….. Domani si sciopera con l’augurio che  da domani gli insegnanti abbiano una classe con un numero normale di alunni e che non cada niente in testa, una lavagna e un poco di carta … il resto spetterà al buon padre di famiglia e il docente è sempre stato …un buon padre di famiglia.

 

Apr

27

By potatore

Commenti disabilitati su Il rumore delle pentole

Categories: Istruzione

Tags: , , , ,

Il rumore delle pentole

Sono  docente ormai da diversi anni e a mie spese (e lo sottolineo) mi sono aggiornato sulla didattica, sul registro elettronico, sull’utilizzo del tablet (per un’ora e 15 minuti, poi ho desistito perchè ero più preparato del relatore), sui ragazzi con disturbi di apprendimento; e quando ancora niente si sapeva di BES e dislessia avevamo già messo in pratica sistemi per il recupero di questi ragazzi, non riuscendo a capire quale fosse la difficoltà ma ottenendo ottimi risultati con pragmatici sistemi, schemi, riassunti, interrogazioni più frequenti su contenuti limitati. Come Insegnante Tecnico Pratico ho poi insegnato laboratorio di chimica di scienze (7 programmazione diverse, un’ora per 18 classi diverse e relativi consigli), esercitazioni agrarie, esercitazioni di agronomia, di estimo, di meccanica ecc ecc.  Negli ultimi anni a completamento cattedra mi hanno dato una nuova classe di concorso: supplenza! “Per favore prof. vada in 1^c (“facciamo giardinaggio?”), poi in 2^(“ragazzi va bene agronomia?”), 4^c ( le razze caprine), 5^a (alimentazione dei ruminanti), 2^g (etologia animale), 1^h ( esercizi sulle potenze)”. “Prof per 15 giorni mi sostituisce il prof. Zorro (per la privacy) assente per malattia e tralascia il suo orario quando rientra?”,”ok ok ho capito, non ci sono problemi”. Mi sento un jukebox, metti il gettone e canta. In classe però di canto ce n’é poco: spieghi, senti, consigli, motivi, incoraggi, dài consigli sull’alimentazione, fai il buon padre di famiglia… Una parte dei  genitori a casa pensano di delegare alla scuola le incombenze da genitore: “a 13 anni è già grande e può fare da solo”, “mio figlio è un genio”, “mi avete chiamato a scuola per cosa? Uno scherzo innocente…. ha solo dato della troia su Facebook alla sua docente!! Che sarà mai … Sì, ha pure detto “la prof. puzza ma, scusate, chi da giovane non ha insultato i docenti?”.   E io da docente che faccio? consiglio straordinario, sto a sentire le ragioni del ragazzo, quelle del padre saccente e borioso e poi, con tatto e educazione, mi prendo il resto delle osservazioni del genitore, il quale individua nella mia frustrazione tutte le difficoltà del rapporto con il figlio “genio”; e figuriamoci se capirà la sacrosanta punizione che il docente (buon padre di famiglia) con il consiglio di classe somministrerà al buontempone probabilmente male educato. Mentre faccio il tutto con molta dignità e pochi soldi (e senza nessun aumento salariale ormai da quasi un decennio)…che succede? Cambio di ministro, poi un altro e un altro ancora, ma al peggio probabilmente non c’è fine. Il mio ruolo mi impone di ascoltare e io l’ho fatto: ho sentito per intero l’intervista del ministro, l’ho risentita, l’ho seguita alla radio, in tv, sui giornali. Mi sono arreso: io non ho capito nulla, se fosse stato un alunno gli avrei dato 4, spiegato il perchè e mandato al posto. Non ho visto in lui la minima consapevolezza del ruolo di “padre di famiglia” discusso prima, né tantomeno ci ho visto un ministro che avesse la vaga percezione dei problemi della scuola. Per anni ho ascoltato i vari ministri che, tunnel dopo tunnel (frecciatina), hanno divagato su come riformare la scuola: riforma dopo riforma ci troviamo,  non voglio essere assolutamente puritano, col culo di fuori. Basta ascoltare ministri alle prese con problemi di bilancio, si taglino il proprio stipendio, riformino il loro Ministero, ascoltino le problematiche dei docenti seri e che lavorano, e dopo saranno ascoltati. “Per intanto” cara la mia Ministra lei si merita solo … il rumore delle pentole.

Mag

19

By potatore

Commenti disabilitati su "Chi semina…..raccoglie!!!!!”

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

"Chi semina…..raccoglie!!!!!”

I ragazzi della 2°A, scuola secondaria  di primo grado di Brusaporto, Istituto comprensivo di Bagnatica, hanno condiviso  un’esperienza educativa molto affascinante.Il progetto “Chi semina… raccoglie!!!”che già dal nome fa presagire l’entusiasmo dei partecipanti: “Grazie a questa esperienza abbiamo potuto imparare nuove cose riguardo all’agricoltura” è stato il primo commento dei giovani agricoltori  ed ancora “Ognuno di noi, ha capito cose diverse e queste sono le nostre considerazioni

  • E’ stata un’esperienza costruttiva, che mi ha divertito molto (Fabio)
  • E’ stato bello anche se avrei preferito lavorare da solo perché era bellissimo (Paolo)
  • Ho imparato a considerare la terra che è importante per la vita (Michela)
  • E’ stato molto bello, mi sono molto divertito soprattutto quando abbiamo dovuto piantare. (Stefano)
  • E’ stato bello perché ho imparato che se a un orto ci lavorano più persone che sanno qualcosa si possono imparare molte cose (Riccardo)
  • E’ stato bello perché ho imparato nuove cose sulle colture e ho imparato che la terra è una risorsa indispensabile per vita e non dobbiamo sprecarla (Laura).

Notevole è stata la soddisfazione della prof.ssa responsabile del progetto per la riuscita didattica importante per la formazione dei ragazzi ed ancor di più per la collaborazione che ha trovato sia nel comune di Brusaporto, che ha fornito il materiale occorrente, sia negli insegnanti dell’Istituto Tecnico agrario di Bergamo che si sono occupati dell’aspetto agronomico  e sia  nei  genitori che hanno fornito ” le braccia” per i lavori più pesanti.

Nov

14

By potatore

Commenti disabilitati su La scuola del "buon padre di famiglia".

Categories: Potatore news

Tags: , ,

La scuola del "buon padre di famiglia".

-mail firmata

La scuola pubblica anno dopo anno viene letteralmente smantellata. Se negli anni passati si poteva riscontrare una certa continuità nell’azione di governo con l’ultima annunciata riforma e in parte operativa si è rimasti del tutto spiazzati: Si aspettava una riforma del biennio superiore e invece si è avuta in primis quella delle elementari. La scuola primaria era,  speriamo che dopo i cambiamenti continua ad essere, il fiore all’occhiello della istruzione in Italia e invece è stata rivista? risistemata? tre I (inglese, informatica,impresa)?No, niente di tutto questo e di antica memoria Morattiana: è stato tagliato il personale per rimettere su cassa. Sul resto. rettifica su rettifica si riesce a capire poco di quale materie vanno in pensione e quali restano;  sui tempi, poi, è un autentico terno al lotto. Nel frattempo nella scuola, anche se con molta fatica, si lavora, si ci aggiorna, gli insegnanti si dotato( a loro spese di computer (registri elettronici,programmi, verbali) perché diventa impossibile lavorare ed esaudire le richieste dell’utenza senza questi strumenti. Nessuno ti costringe ma il lavoro di programmazione va scritto al computer se non sei provvisto puoi lavorare a scuola con quelli sgangherati passati d’uffico e alla fine uno sforzo (tanto serve anche ai tuoi figli)  lo compri. Il personale docente si informatizza a zero spese per lo Stato. Altre considerazioni: passerella di alunni tra istituti diversi?Era possibile già trentanni or sono. Alternanza Scuola-lavoro: la maggior parte degli Istituti ha già avviato da tempo progetti.Mi fermo qua negli esempi ma va detto: la scuola va avanti e lo Stato mette i bastoni tra le ruote. Cosa c’è da fare? Poche cose: quelle del buon padre di famiglia:

turnover per i dirigenti scolastici max 5 anni sulla stessa sede. Gli stessi devono andare in pensione una volta maturati gli anni di servizio senza possibilità di prolungamento.

Ridurre del 50%le funzioni strumentali oggi per lo più oggetto di nepotismo-e allo stesso tempo i vari progetti che si risolvono in uno sperpero inutile di risorse.

Impedire i trasferimenti del personale docente prima dei dieci anni se non per comprovate necessità.
Obbligo minime conoscenze informatiche quali navigazioni in internt,gestione posta elettronica e a tal proposito possibilità di detrarre dall’irpef le spese di acquisto di pc, libri, e cosa molto strana in un paese di musicanti le spese relative all’acquisto di strumenti musicali da studio.
Infine che tutte le scuole si attrezzino per ricevere via email documenti di iscrizione, e allo stesso tempo di spedire direttamente a casa tramite email risultati scolastici e notizie sia sull’andamento didattico sia di natura amministrativa….
Il personale in futuro, prima di essere assunto, deve dimostrare buone se non ottime conoscenze informatiche in aggiunta a quelle richieste per la disciplina di insegnamento.. Dimenticavo: rivedere gli stipendi degli insegnanti che sono equivalenti a quello di un lavoratore generico 0 anni di servizio e con titolo di studio licenza elementare

Set

29

By potatore

9 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Animali a scuola

di Anna Bosc


”Mi piacerebbe moltissimo partecipare con il mio cane Landi ad attività nella scuola”…
Nelle scuole (materne o elementari) si potrebbero realizzare molte attività legate agli animali: i bambini amano gli animali, gli piace disegnarli, accarezzarli, guardarne le immagini o leggerne storie. Immaginate come sarebbe felice di poter svolgere attività con un cagnolino bravo ed educato. Educare i bambini al rapporto con i cani è fondamentale per numerosi motivi.Nella nostra civiltà tecnologica e virtuale si sta perdendo sempre di più il contatto con la natura, molti bimbi se gli chiedi “ sai cos’è e che verso fa una mucca?” lui risponde sorridendo “certo”, ma se gli chiedi “Hai mai visto una mucca?” lui ti dice “no” e ti guarda incuriosito. Ecco perché realizzare attività legate agli animali può essere molto positivo, un cane può fare da tramite tra il bimbo e la natura, può insegnarli a prendersi cura delle cose e a portarne rispetto e ad essere più gentile e sensibile; infatti di solito i bimbi che hanno un animale domestico sono più sereni, imparano a prendersi cura degli altri, a rispettare l’altro anche se è diverso, sono più capaci di dimostrare affetto.
E’ stato dimostrato che la relazione tra bambini e animali apporti grossi benefici nelle fasi dello sviluppo: siccome i bambini sono gli adulti del futuro sarebbe un bene insegnarli a rispettarli, amarli e che non bisogna assolutamente abbandonarli o maltrattarli. Ma c’è di più: far conoscere oggi gli animali ai bambini può servire a farli crescere più consapevoli del fatto che esistono esseri viventi e senzienti molto diversi, che percepiscono il mondo in maniere diverse, eppure nessuno è superiore o migliore di un altro, ognuno merita il rispetto della propria identità. visita di un cane può poi essere un utile strumento per la prevenzione di episodi di aggressione: si può insegnare ai bambini come relazionarsi con i cani, come vanno interpretati i loro atteggiamenti e qual è il loro linguaggio, come bisogna avvicinarli, accarezzarli, in generale come ci si deve comportare in loro presenza.
Praticare a scuola idonee attività con un cane può in definitiva essere per i bambini un’occasione per vivere una preziosissima, divertente, utile e ricca esperienza sensoriale, emozionale e sociale.

Set

14

By potatore

6 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Le mense scolastiche

Postato da Daniel Bernini

Sì alla polenta, no al couscous. A Cremona un assessore ha deciso di rivoluzionare il menu di tutte le scuole comunali e tra i primi cibi a sparire dalle mense ci sarà il couscous. La scelta è stata motivata dal fatto che i bambini hanno il diritto di mangiare cibi freschi locali. Si vuole favorire tutti i prodotti “a chilometri zero” e servire i prodotti delle campagne circostanti, dalle verdure al pollo, dalla carne alle uova, dalla frutta ai formaggi. Ovviamente farà sparire anche molti prodotti equosolidali, proprio perché arrivano dall’Africa o dal Sud America. Il risultato? E’ stato bollato come razzista, come uno che vuole discriminare i bambini stranieri all’interno della scuola. Ma non si era detto che proprio scegliendo alimenti locali o italiani si potevano evitare migliaia di camion, inquinamento e, perché no, anche rischi di mangiare prodotti ultra-trattati? Allora sono stati interpellati alcuni nutrizionisti affinché potessero dire la loro: essi hanno fatto notare che pasta, riso, patate o couscous non hanno sostanziali differenze nutritive e quindi la scelta è possibile. Che fare?

Set

12

By potatore

16 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

La scuola e i dialetti locali

postato da Daniel Bernini


Qualcuno di recente ha lanciato la proposta di poter approfondire in classe il dialetto locale e di non affidare l’insegnamento al prof. che non lo conosca. E si è scatenato il putiferio. Da un lato le posizioni leghiste, per le quali è doveroso che sia proprio la scuola a dare spazio alla cultura locale, con la riscoperta delle tradizioni, delle lingue, degli usi e costumi di una data regione. Non solo: se arriva un prof. da fuori, egli deve dimostrare di conoscere la realtà in cui va a lavorare anche imparandone la lingua. Dall’altra tutti coloro che invece vogliono la scuola trasversale a tutto il Paese, col medesimo insegnamento dal Trentino alla Sicilia. Ognuna delle due posizioni ha i suoi torti e le sue ragioni. Se è vero che non vi è nulla di male nell’insegnamento generale, gettando ogni tanto l’occhio sulla realtà locale, è vero anche che non ha senso inserire in una scuola dei docenti solo in base alla loro conoscenza del luogo. Molto meglio scegliere in base alla preparazione culturale, alla capacità di trasmettere le nozioni, alla sensibilità e all’apertura mentale grazie ai quali possano diventare un riferimento positivo per i ragazzi. Perciò ben venga l’approfondimento e lo studio del luogo dove si vive ma soprattutto ben vengano insegnanti preparati, indipendentemente da dove arrivano.

Set

3

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

La “SCUOLA” di sumeri e egizi

di fe.pa


Con il termine scuola si fa riferimento all’insieme di istituzioni che forniscono l’istruzione e la formazione ai bambini e ai ragazzi. Le università, che sono tecnicamente anch’esse scuole, sia pure di alto livello, vengono escluse dal termine scuola nell’uso normale.
La scuola oggi è il “lavoro” di bambini e ragazzi, ma la parola scuola in origine significava riposo (ozio, tempo beato lontano da ogni fatica e preoccupazione).
Essa deriva infatti dal greco scholè, che significa appunto “riposo”; e questo perché in antico gli uomini, i soli che si dedicassero agli studi essendone le donne escluse, finché avevano muscoli sani erano dediti alle cure delle armi o dei campi.  Perciò quei pochi momenti liberi che potevano dedicare all’esercizio della mente erano considerati un riposo piacevole, uno svago ristoratore. La prima testimonianza della presenza di scuole risale al IV millennio a.c. nell’antico Egitto. In quest’epoca iniziano infatti a formarsi le scuole degli scribi, riservate alla élite che avrebbe dovuto amministrare lo stato. Fin dal IV millennio a.c. i Sumeri avevano scuole per gli scribi, simili a quelle egizie, tanto che sono stati rinvenuti nel corso degli scavi archeologici in Iraq sillabari e testi scolastici.

Ago

21

By potatore

Commenti disabilitati su Educare i bambini è ancora di moda?

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Educare i bambini è ancora di moda?

An.Bo.
“Mamma ho mal di pancia e non mi va di andare a scuola”. E’ il solito ritornello del bambino che non vuole andare a scuola, di solito si pensa sia per colpa delle interrogazioni, ma in realtà è una vera e propria “fobia scolare”.
Un fenomeno in aumento, secondo gli esperti intervenuti al forum dal titolo “Educare i bambini e’ ancora di moda?”, organizzato a Roma dall’Agenzia di stampa Dire. All’incontro, moderato dalla giornalista Daniela Daniele (La Stampa), hanno partecipato la psicoterapeuta dell’eta’ evolutiva Magda Di Renzo, la dirigente scolastica Tiziana Sallusti, la responsabile della comunicazione dell’Associazione genitori (Age), Miela Fagiolo D’Attilia, e il vicedirettore della Dire, Nico Perrone.
La fobia della scuola riguarda soprattutto bambini piccoli e ragazzi delle scuole elementari e medie. Non è la paura del brutto voto perchè riguarda anche ragazzi con un buon rendimento, si tratta invece di una fobia, dover lasciare la famiglia per andare in un luogo dove si è continuamente messi alla prova, dove ci sono difficoltà e dove bisogna confrontarsi con gli altri.
Una conferma arriva da Tiziana Sallusti, dirigente scolastica: “Ci sono bambini che piangono in modo inconsolabile perchè non vogliono venire a scuola. Ma non hanno certo paura delle interrogazioni”. Più in generale, si registra un grave mancanza di educazione.
La colpa va suddivisa in parte a bambini sempre più tecnologici e quindi soli, con le settimane cadenzate e pieni di impegni, dall’altro adulti spesso “nevrotici”, incalzati da ritmi frenetici che non si fermano mai e non hanno mai il tempo di ascoltare e aiutare i propri figli.
Una realtà che i piccoli denunciano con comportamenti di protesta e di ribellione fino alle forme più estreme: dal bullismo ai disturbi disciplinari e della condotta.
Da anni gli adulti hanno immagazzinato l’idea che il bambino deve essere pronto a diventare adulto in pochissimo tempo, e deve quindi acquisire conoscenze e saper fare tutto in un breve periodo, in una specie di corsa ad ostacoli. Quindi, una sorta di bambino tecnologico, spiega Di Renzo.
Da questa problematica è sorta un gran confusione. E’ giusto educare il bambino a quelle che sono le richieste della società, ma non basta. Educarlo significa anche aiutarlo a costruirsi una sfera intima, prepararlo alle relazioni affettive con il mondo. Spesso però viene tralasciato quel bisogno del bambino di sentire accanto il genitore che fa da punto di riferimento. È come se stesse sempre di più venendo a mancare il ruolo di mediatore dell’adulto.

Lug

21

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Si può essere amici a scuola?

di fe.pa


Si può essere amici a scuola? Ma noi cosa intendiamo per amicizia?
Per amicizia si intende un sentimento di reciproco affetto tra due o più persone, ma anche tra persone e animali.
Un legame di amicizia si basa sul rispetto, sulla stima e sulla disponibilità , dove ognuno riesce a sentirsi libero di essere se stesso senza pensare di essere giudicato.
Un’amicizia può nascere per una passione comune, per puro caso o perché qualcuno ti dà una mano quando gli altri ti abbandonano.
A volte non é un’amicizia sincera, perché nasce solo per chiedere aiuto e risolvere i propri problemi di socializzazione o per interesse.
La scuola è un luogo che unisce e che potrebbe favorire legami di amicizia, ma è un po’ difficile riuscire ad essere amici di tutti i compagni di classe, perché siamo molto diversi gli uni dagli altri e soprattutto perché è difficile frequentarci al di fuori della scuola in quanto abitiamo in paesi molto distanti tra loro. Un’amicizia a scuola ci può essere, non tutto è destinato a concludersi con il suono della campanella!
Per me fare amicizia alle elementari è stato facile perché i miei compagni erano gli stessi che ho incontrato alla scuola materna e che conoscevo dall’età di tre anni. Alle medie non è stato così semplice, perché c’erano molti ragazzi che si credevano meglio degli altri, molti di loro si conoscevano già dalle elementari, mentre io venivo da un’altra scuola e non mi sentivo accettato, ma mi sentivo sempre preso in giro.
Finalmente in terza media mi sono legato molto al mio compagno D. P. Ci sentiamo spesso e, a volte, ci troviamo a casa sua o mia per giocare e chiacchierare. Purtroppo non ci incontriamo spesso perche non abitiamo vicino e poi abbiamo scelto scuole diverse e lontane tra loro: io vado a Bergamo e lui a Zogno. Al momento di scegliere la scuola superiore eravamo tutti e due preoccupati perché non sapevamo se saremmo riusciti a trovare nuovi amici. Per quanto riguarda le superiori ritengo di avere trovato dei veri amici. All’inizio mi sentivo solo e preferivo restare sempre in disparte, finché non ho trovato il coraggio di parlare un po’ con i miei compagni e allora ho capito che potevo contare su di loro, che avevano anche loro le mie stesse paure i miei dubbi, che avevamo degli interessi in comune con me e che potevamo aiutarci in caso di bisogno.

Mag

29

By potatore

5 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Come mai nella mia scuola non ricevo lo scontrino fiscale?

 

 

Quando acquisto qualcosa nella mia scuola non ricevo lo scontrino fiscale, ovvero la ricevuta di pagamento.Per il consumatore lo scontrino fiscale non è obbligatorio, non rischia alcuna multa se non ce l’ha con sé e non è tenuto ad esibirlo. Lo scontrino fiscale è andato in pensione dopo 20 anni con l’entrata in vigore del decreto legge numero 269 del 2 ottobre 2003. I commercianti e gli artigiani (titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo) sono tenuti a rilasciare lo scontrino, anche se il cliente non ne fa esplicita richiesta.
È importantissimo ricordare che lo scontrino resta come prova d’acquisto e garanzia sulle merci comprate, quindi si consiglia di richiederlo sempre quando si acquistano beni di valore o soggetti a garanzia( o anche un semplice panino).
Lo scontrino fiscale è valido come garanzia d’acquisto su tutti i beni di consumo, vale 24 mesi a partire dalla data di rilascio, aumenta di due mesi se il difetto si manifesta negli ultimi giorni di validità della garanzia legale.
Quindi ricordatevi di richiedere sempre lo scontrino fiscale e fatevi più furbi di coloro che non vogliono rilasciarvi lo scontrino fiscale!!!

di And Arc

Mag

10

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

L'arte del quieto vivere

Postato da “cavallo pazzo”

Sollecitato dall’articolo “bulli e bulloni” mi appresto a scrivere quanto segue.

Dall’esperienza a vari titoli fino a questo momento raggiunta, o meglio, dall’osservazione costante di quello che mi vedo intorno noto che il problema dei bulli come molti altri problemi di cui la scuola soffre sono pressocchè irrisolvibili, e dico questo senza nessun pessimismo congenito.

Ho notato che gli organi preposti a risolverli con estrema cura fanno di tutto per evitarli, ridurli nasconderli con naturalezza, anzi con grande “savoir faire”. Vengo con un esempio pratico e molto reale noto a tutti. Immaginiamo di avere un bullo in una classe dopo varie note, trascrizioni e richiami di varia natura cosa di fatto è successo? Nulla: il ragazzo si vanterà scolasticamente di aver raggiunto 40-50 e oltre note e di essere primo nella classe per numero di “attenzioni”anche se il suo primato è in bilico perchè i soliti emulatori cercano nella stessa classe di raggiungerlo. Nel frattempo quanti lavorano con serietà e si comportano correttamente vedono con dispiacere come in classe esistono due pesi e due o forse tre misure: il bullo arriva in ritardo, non prende appunti, risponde sempre in modo irrispettosoo in definitiva fa quello che vuole e il docente di turno chiude due o tre occhi e alla fine della lezione esclama in cuor suo “per oggi è andata”. Al fesso alunno dal normale comportamento niente è permesso: deve prendere appunti, studiare, comportarsi bene ecc.ecc. Nel frattempo il bullo affina la sua “bravura” mette un paio di occhiali all’ultimo grido ed appariscenti ( frutto dell’ultima prestito) fa i suoi proseliti, fa provare le sue sigarette speciali, consiglia i suoi adepti sul comportamento da tenere con questo o quel insegnante ( a secondo del permissivismo o potere nella classe di questo. In definitiva in bullo si alimenta, si ingrassa si esalta.  Il consiglio di classe decide, propone in conclusione dopo varie discussioni decide di non decidere perchè le sue decisioni saranno contestate dal garante di turno che con motivazioni varie tipo: ma son ragazzi, ma sono ragazzate, ma chi non si è fatto una canna, anche io avevo sette in condotta, ma la famiglia non riesce a tenerlo a casa, ma noi abbiamo il compito di recuperali. Alla fine risulterà insomma che la colpa e del pirla ( affettuosamente) di docente che non è stato in grado di gestirlo… il come è tutto un programma. Giorno dopo giorno nell’aria si espande soave, aleggia una brezza nuova: l’arte del quieto vivere. Niente problemi, niente rogne, evitiamo gli eccessivi allarmismi, attenti a segnalare anomalie, problemi e quantaltro può fare finire una scuola sul giornale o in tv. Qua vogliono andarci solo le veline e tutti quelli che aspirano ad un successo facile . Figuriamoci se la scuola intitolata al famoso pedagogo“ Felice la Quiete” va a finire sul giornale per un episodio di droga o di bullismo. Le statistiche dicono che sono i minorenni sotto i quindici anni a utilizzare varie forme di droga più o meno leggere ma quante scuole hanno permesso ai cani della Guardia di Finanza di quantomeno farsi vedere come deterrente. Quante denunce dei Dirigenti scolastici per fatti di droga o bullismo? Gli alunni non hanno visto, i docenti devono star zitti, i dirigenti non hanno avuto nessuna notizia o sentore, i provveditore parla di provincia indenne o oasi felice, il Ministero sta provvedendo: l’esaltazione del quieto vivere!!

Apr

21

By potatore

7 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Ignorante io

Così come ci è stato spedito l’abbiamo pubblicato: errori compresi. Dallo stesso autore di “come vivere bene la mia casa” e “l’uomo di casa esce per il carnevale” l’atteso articolo.Sicuramente lascia spazio alla riflessione. A voi i commenti

Per pasqua ho regalato dei fiori a mia madre
A pasqua ho regalato un mazzetto di fiori a mia mamma.
Per farmi perdonare i brutti voti che porto a casa da scuola.
Appena glie li ho consegnati lei mi ha detto “Mi sono persa qualche cosa?…è il mio compleanno?”. Le ho risposto” A dire la verità te li ho regalati per farmi perdonare i voti che stò portando portando a casa”
Mi ha guardato stupita, mi ha ringraziato per il pensiero, ma poi mi ha risposto “Grazie ma non basta… è troppo tardi; avrei preferito di gran lunga dei bei voti!”
Appoggiò i fiori e se ne andò fuori in giardino .
Sono salito in camera mia sapendo che i fiori non bastavano, mi sono seduto sul letto e ho pensato:” Mi devo svegliare prima!… Ignorante io!!”.

Mar

28

By potatore

7 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Bulli e bulloni


Il  bullismo a scuola è un problema di attualità. Ma, per capirne le ragioni è meglio far luce sulla figura del bullo: partiamo dal fatto che un bullo grande non è un bullone, piuttosto il bullone c’è l’ha al posto della materia grigia. Se qualcuno pensa che scerzare sull’argomento sia scorretto io rispondo questo: i bulli si sono tanto divertiti a spese dei più deboli ed è giusto che ora le vittime siano loro e che i deboli si divertano a spese dei bulli.

Partiamo con l’identikit del bullo:

Primo – il bullo agisce sempre in gruppo, perchè è un coniglio e da solo ha paura.

Secondo – il bullo ha sempre la playstation a casa. Avete mai visto un bullo senza playstation o altra consolle?

Terzo – il bullo fa affidamento su alleati che si trovano al di fuori della banda: i compagni di classe, ad esempio, che quando  succede qualcosa ne sanno sempre meno dei muri, molto meno.

Quarto – il colore delle mutande del bullo è noto sempre a tutti. Avete visto un bullo senza pantaloni larghi, bassi fino alle ginocchia e per evitare che gli cadano è costretto a camminare con le gambe larghe?

Quinto – il bullo non conosce il diagramma “ch” ma usa benissimo la “k”.

Sesto – le tasche del bullo sono più capienti della borsa di Mary Poppins. Infatti da queste escono sempre coltelli, accendini, e centinaia di petardi.

Settimo – il bullo non conosce le parole “per favore”o “permesso”, ma conosce una barca anzi un transatlantico di parole che per motivi di decenza non riporto ed è meglio così.