Set

14

By potatore

Commenti disabilitati su I lavori di Settembre

Categories: Agricoltura, Giardino

Tags: , , , , ,

I lavori di Settembre

Clima – Le temperature notturne in decisa diminuzione determinano la fine delle specie da “frutto” e in compenso  lo sviluppo delle specie da foglia. Prolungare anche per sole poche settimane la produzione di pomodori, melanzane, zucchine e fagiolini è utile al fine di poter approfittare per un periodo più lungo di questi prodotti che possono essere trasformati, in caso di abbondante raccolto, in conserve sott’olio, sott’aceto o nel caso di fagiolini scottati e sistemati in buste nel congelatore fino al momento del consumo. Diventa importante considerare, al fine di migliorare il microclima dell’orto, che il terreno bagnato tende a trattenere meno calore di un terreno asciutto e pertanto  occorre limitare gli apporti idrici al minimo e in caso di piogge favorire il drenaggio rapido delle acque in eccesso.

Pomodori – Per allungare la permanenza e la produzione degli ultimi pomodori le aiuole vanno tenute ben pulite da erbe infestanti e i solchi utilizzati eventualmente per le irrigazioni vanno aperti in modo da favorire lo sgrondo dell’acqua piovana. Eventuali protezioni con film in plastica risultano molto efficaci per migliorare la qualità del raccolto. Verificare i sostegni,  tenere liberi dalle foglie i frutti presenti e raccogliere precocemente completando la maturazione richiesta in casa in modo da diminuire lo stress per le piante ormai giunte ai limiti della produzione. Le piante rimaste senza frutti vanno prontamente estirpate ed preferibilmente sistemate nel contenitore del compost.

Lavorazioni al terreno – Gli appezzamenti che via via si rendono liberi possono essere prontamente sistemati in modo da ospitare le specie  ad accrescimento autunnale. Prima di qualsiasi operazione al terreno occorre asportare tutti i residui della coltivazione precedente che a seguito delle notevoli condizioni di umidità presenti sia nel terreno che nell’aria possono creare un serio ostacolo alle coltivazioni. Nel caso di prossima semina o trapianto il terreno va lavorato superficialmente effettuando preferibilmente una leggera vangatura che avrà lo scopo oltre che di arieggiare il terreno anche quello di eliminare la parte radicale della precedente coltura.

Semine – Entro metà settembre è possibile seminare cipolle bianche in semenzaio e ravanello a spaglio utilizzando 0,5-2,5 grammi di seme per metro quadro di terreno. In condizioni ottimali la raccolta del ravanello può avvenire dopo 25-40 giorni mentre per la cipolla il ciclo di coltivazione prevede un fino a 240 giorni di permanenza in campo. Per tutto il mese invece si può seminare lattughino  e radicchio da taglio, spinacio e valerianella. I tempi necessari per la raccolta vanno dai 60 agli 80 giorni con un leggero anticipo per il lattughino. Fino al 15 del mese, inoltre, è possibile trapiantare cicoria catalogna e tutti i tipi di radicchio compreso quello di Verona per produzioni tardive e ancora finocchio a raccolta autunnale e porro per raccolte primaverili.

Innesti –  A gemma dormiente è possibile innestare: agrumi, albicocco, ciliegio, mandorlo, melo, nespolo giapponese, olivo, pesco, pero e susino. Alla maiorchina o chip budding: ciliegio, melo noce, pero e susino infine a pezza e  a zufolo l’ulivo .

Piante aromatiche – Approfittate di quest’ultimo periodo di sole per rendere rigoglioso il fogliame, irrigandolo abbondantemente e scegliendo l’angolo più assolato della casa. Per basilico e prezzemolo una decisa cimatura allungherà il periodo di produzione.

Alberi e arbusti – Dopo la fioritura può essere effettuata una leggera potatura al fine di riequilibrare la chioma e sfoltire l’interno. Eliminare i succhioni che si formano dal pedale (es. nei tigli)

 Afidi – Possono ancora creare seri danni alle specie da fiore come le rose e a quelle da frutta. Per chi ama il ” fai da te” può mettere a macerare mozziconi di sigarette per circa 8-10 giorni; successivamente il tutto va filtrato e irrorato sulle piante. Altri trattamenti necessari sono rivolti al controllo dell’Oidio o mal bianco e quindi il ricorso a zolfi bagnabili.

Fiori secchi – I fiori di ortensia, lavanda, alisso, rosa e tante altre possono essere essiccati per ottenere delle splendide composizioni secche. I fiori vanno raccolti prima che  sboccino completamente, appesi in mazzetti a testa in giù in luogo fresco e ventilato preferibilmente al buio

Ago

25

By potatore

Commenti disabilitati su Il rientro dalle vacanze!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Il rientro dalle vacanze!!

Dopo la pausa estiva riprendono, con gli inizi del mese di settembre, le varie attività lavorative, al tempo stesso le piante di casa e di giardino ben presto torneranno ad una situazione di “normalità” e le cure colturali torneranno ad essere più costanti. Occorre intervenire un po’ su tutte le specie erbacee, arbustive e arboree al fine che sfruttino al meglio questo ultimo periodo favorevole e si preparino all’arrivo della stagione fredda. Piante sane e ben curate o tappeti erbosi in buon rigoglio vegetativo sono sicuramente requisiti minimi per superare brillantemente la stagione invernale e proprio in questo mese vanno approntate le ultime cure significative per riequilibrare eventuali eccessi o difetti determinati dal periodo di ferie. Per primo va verificato se durante il periodo d’assenza non sono state soddisfatte pienamente le esigenze idriche delle piante sia in vaso sia in giardino. Per le prime, se viene costatata la mancanza del giusto turgore, sarà opportuno immergere l’intero vaso in una vaschetta con acqua per un’ora circa e successivamente far sgocciolare l’acqua in eccesso e ricollocarlo nel posto iniziale. Per tutte le altre in piena terra, l’irrigazione sarà conveniente effettuarla in due tempi di cui la prima di soccorso, appena arrivati, e la successiva nella tarda sera o nelle prime ore del mattino successivo fino alla totale sazietà. Altri interventi necessari sono la pulizia delle erbe infestanti, la soppressione dei fiori avvizziti, una leggera rimozione del terriccio superiore del vaso. Se le piogge autunnali tardano ad arrivare e le temperature si mantengono elevate occorre continuare a somministrare alle varie specie alte quantità di acqua mentre se il clima viene rinfrescato dai temporali di fine estate ciò sarà un toccasana per i rosai rifiorenti che riprenderanno a fiorire e allo stesso tempo per i prati e per le graminacee microterme come poe, loietti e festuche che riacquisteranno una certa vigoria vegetativa. Dal punto di vista pratico ciò comporta la necessità di sfalciare più frequentemente il prato, anche una volta la settimana, e quindi più spesso del periodo estivo. Va ricordato che con il taglio va asportato circa un terzo dell’altezza dell’erba al fine di evitare antiestetici fenomeni di comparsa di erba secca determinata dallo stress a cui vengono sottoposte le piantine con tagli troppo “drastici”. Per tutte le specie presenti il colore delle foglie è indicatore dello stato di salute. Si può osservare facilmente, in particolare su alcune specie come rose, ortensie ed agrumi, un ingiallimento del margine fogliare che gradualmente tende ad occupare l’intera lamina fogliare, in questi casi è facile intuire che si tratta di assenza di ferro o di altri microelementi come zinco, magnesio e manganese. Sul mercato esistono prodotti specifici di basso costo somministrabili per irrorazione fogliare proprio in questo periodo, oppure preparati da somministrare al terreno diluiti in acqua e in questo caso è possibile intervenire tutto l’anno.

Mag

8

By potatore

Commenti disabilitati su Arbusti o frutici

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Arbusti o frutici

Gli arbusti hanno un ruolo determinate nei giardini sia che vengono utilizzati da soli che in gruppi, adatti a creare macchie di colore, mascherare da sguardi indiscreti delle zone particolari del giardino o creare zone di riposo.  La varietà di piante arbustive  utilizzate è molto ampia e non è possibile avere un sistema universale di potatura visto che le varie specie hanno caratteristiche tra di loro molto diverse. Innanzitutto occorre precisare che la differenza tra alberi e  arbusti non è data dall’altezza ma bensì dal fatto che questi ultimi, anche se raggiungono altezze ragguardevoli, si ramificano a livello del terreno al contrario dei primi che invece sviluppano un tronco legnoso singolo. Al contrario degli alberi da frutta non è sempre necessario potare gli arbusti visto che tra l’altro in questo modo  si aumenta lo stress della pianta, ma in alcuni casi la pratica diventa indispensabile. La sola rimozione di rami cresciuti disordinatamente o rovinati dalle gelate invernali è un tipo di potatura applicabile a  buona parte delle piante arbustive e richiede interventi mirati e  ridotti di numero allo stretto necessario. Camelia, Viburno, Azalee, Cistus e Potentilla sono solo alcuni esempi di specie arbustive con cui si può procedere nel modo precedentemente descritto. Questo tipo di potatura va effettuata tra l’altro in genere ogni due o tre anni, solo per eventi eccezionali legati a fattori ambientali particolari come abbondanti nevicate o eccesso di vento è possibile intervenire in modo più ravvicinato. Diffidare di improvvisati giardinieri che hanno la “facilità” al taglio allo scopo di rendere più visibile il loro operato. Diverso è il discorso per quegli arbusti che fioriscono sui gettiti dell’anno precedente per i quali occorre intervenire una volta ultimata la fioritura a prescindere  della stagione.In questo caso tutti i rami vanno accorciati a due tre gemme in modo da contenere lo sviluppo della parte aerea e favorire lo sviluppo di un numero contenuto di rami e quindi di fiori che saranno in numero ridotto con il vantaggio di essere  ben sviluppati. Kerria, Prunus glandulosa e Spirea si avvantaggiano molto da questo modo di operare e a questi  va aggiunta la Lagerstroemia che però va potata all’inizio della primavera in fase di riposo vegetativo. La Forstizia e l’Ortensia traggono notevole beneficio dal taglio delle vecchie branche vecchie di due-tre anni ormai eccessivamente lignificate e piene di vecchi tagli  a condizione che vengano recise a livello del terreno. Lo sfoltimento  può interessare rami anche più giovani quando si denota una scarsa vigoria ed un eccessivo numero di gettiti. Nel caso specifico dell’ortensia sarà opportuno raccorciare tutti i rami in modo da ridurre lo sviluppo e provvedere ad un discreto diradamento pari a circa il 60% della chioma mentre per quanto riguarda la  Forstizia, se non sussistono limitazioni di spazio per il suo sviluppo, occorre limitare gli interventi al solo sfoltimento.