Mar

22

By potatore

Commenti disabilitati su Equinozio….in ritardo!!

Categories: Potatore news

Tags: , ,

Equinozio….in ritardo!!

La parola “equinozio” deriva dal laino”equi -noctis” e in pratica  significa che le ore di buio della notte sono uguali alle ore di luce del giorno. La definizione puramente teorica  perchè nella realtà  l’equinozio sarebbe solo un preciso istante del giorno in cui il buio e il giorno si dividono esattamente le 12 ore.  Nell’emisfero settentrionale, l’equinozio di primavera  cade il 20 o 21 marzo mentre a  settembre  cade il 22 o il 23  e quindi equinozio d’autunno. Per un sito di giardinaggio l’importante è che siamo in primavera e quindi le temperature diventano gradevoli e siamo in inizio fioritura di ciliegi e pruni mentre  i peschi più precoci sono, ormai in sfioritura. Al via le semine per gli ortaggi da frutto, anche se con qualche protezione al Nord. Rimandiamo ai vari articoli presenti sul sito per le modalità e ” buona primavera” a tutti ahimè per quelli affetti da allergie ai pollini.

Gen

3

By potatore

Commenti disabilitati su Frutta e ortaggi… i più sicuri d'Europa

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Frutta e ortaggi… i più sicuri d'Europa

di Daniel Bernini
ortaggi
Recentemente il Ministero della Salute ha pubblicato i risultati di una ricerca riguardante la presenza di antiparassitari sulla frutta e sugli ortaggi prodotti in Italia. I dati si riferiscono al 2010 e dicono che il 98.7% dei nostri prodotti ortofrutticoli sono “regolari”, cioè senza residui o con residui ampiamente sotto i limiti previsti per legge. Esiste infatti una normativa europea che prevede che nei prodotti agricoli possano esserci tracce di antiparassitari, purchè a livelli bassissimi e non pericolosi per la salute umana; a tale scopo ha fissato i cosiddetti LMR (limiti massimi di residuo), che sono decine di volte più bassi rispetto a quelli considerati dannosi dalle autorità sanitarie. Legambiente ha comunque manifestato la sua reoccupazione per la presenza di questi residui; in particolare punta il dito sul fatto che ancora non si conoscono bene gli effetti sulla salute umana di residui di più prodotti chimici, anche se ciascuno presente sotto i limiti ammessi. C’è da dire che l’EFSA, l’agenzia europea per la sicurezza alimentare, ha pubblicato uno studio piuttosto tranquillizzante su questo aspetto, ma le rassicurazioni non sono mai troppe. La buona notizia è che la frutta e la verdura made in Italy sono le più sicure d’Europa. Qui i dati ufficiali più recenti sono relativi al 2007, ma sono comunque interessanti. In quell’anno i campioni fuorilegge di frutta e verdura furono l’1.1% in Italia, il 4.82% in Spagna, il 4.85% in Germania e il 7.59% in Francia. Inoltre, nel nostro Paese, vi è stato un costante miglioramento nel tempo: in 15 anni la percentuale di irregolarità si è ridotta di quasi cinque volte. Questi dati testimoniano come gli agricoltori italiani siano molto attenti a questo aspetto e ci spronano a fare molta attenzione al momento di fare la spesa: non solo scegliendo prodotti italiani diamo una mano alla nostra economia, ma abbiamo la certezza di acquistare prodotti più sicuri e di migliore qualità.

Mag

29

By potatore

Commenti disabilitati su Difendiamo le nostre piante!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Difendiamo le nostre piante!!

insetto utile predatore di afidi

Gli ortaggi, come tutti i vegetali, vanno soggetti a malattie che possono arrecare gravi danni e pregiudicare l’intera produzione. I parassiti che colpiscono l’orto sono di natura vegetale, crittogamica o fungina e di origine animale. La lotta non è facile e comporta la conoscenza dei mezzi idonei al loro controllo ed una certa costanza negli interventi. In genere le malattie più pericolose sono di origine crittogamica e il loro sviluppo è favorito da condizioni ambientali caratterizzate da elevate umidità e temperature. Il mese di maggio, che si avvia alla fine, sicuramente ha creato le condizioni adatte allo sviluppo di tali malattie e pertanto si consiglia una costante attenzione. Eventualmente si dovessero notare i primi segni di insorgenza di muffe e funghi occorre effettuare dei trattamenti a base di zolfo attivi contro tutti gli oidi e composti a base di rame e calce che hanno un ampio spettro d’azione contro tutte le crittogame. Per quanto riguarda invece la difesa da insetti tra cui afidi e ragno rosso si utilizzano insetticidi sia di natura inorganica che di origine vegetale come il piretro, appunto, estratto da alcune varietà di crisantemo tra cui il piretro di Dalmazia. Per la scarsa persistenza e la bassa tossicità nei confronti dell’uomo questo prodotto viene utilizzato contro insetti infestanti le abitazioni per la lotta a zanzare, mosche e formiche. La lotta va effettuata solo nei casi di effettiva necessità e quando l’infestazione supera il 10% del fogliame, in quanto tali trattamenti oltre a distruggere i parassiti dannosi colpiscono, il più delle volte, anche gli insetti utili predatori di quelli dannosi alterando così l’equilibrio biologico. Se l’infestazione risulta circoscritta ad alcune piantine, può risultare utile il ricorso ad un preparato di aglio, rosmarino e tarassaco. Pestati nel mortaio e lasciati a macerare con dell‘acqua che verrà poi irrorata sulle piante con uno spruzzino.

Ott

13

By potatore

Commenti disabilitati su Orto: quanto mi costi !!

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Orto: quanto mi costi !!

A meno che non si disponga di un discreto appezzamento di terreno e non si abbia a disposizione molto tempo risulta sicuramente difficile risparmiare sul bilancio familiare con le colture dell’orto. Il costo dei semi, dei fertilizzanti o degli antiparassitari consumano ben presto ogni margine di guadagno. Anche se questa prima osservazione può sembrare scoraggiante in pratica corrisponde alla realtà ma a sostegno delle motivazioni positive c’è da annoverare la qualità e la soddisfazione che se ne ricava dalla coltivazione anche di un piccolo orto. Inoltre la frutta e verdura presenti nei negozi pur presentando un aspetto qualitativo superiore riferito alla grossezza dei frutti o alla assoluta mancanza di abrasioni o necrosi dovute a malattie o ad errori di concimazioni non sono migliori in termine di sapore, freschezza e valore nutritivo di quelli del proprio orto. Nonostante che il sistema di trasporto dei prodotti agricoli sia molto veloce bisogna sempre considerare il tempo occorrente per la lavorazione o il confezionamento e pertanto tali prodotti non possono competere con la freschezza degli ortaggi appena raccolti nel proprio orto e portati in tavola. Questa regola è valida soprattutto per gli ortaggi da foglia come lattuga e spinaci in cui la freschezza è sicuramente determinante per la qualità del prodotto e per il mantenimento delle proprietà organolettiche e vitaminiche. Se pertanto non si dispone di molto spazio su cui far ruotare diverse colture è consigliabile concentrarsi sulle colture da consumo fresco e da foglia tipo insalata, valerianella e spinaci rifornirsi in negozio per quei prodotti tipo patate, carote, che oltre ad essere notevolmente economiche sono di più facile conservazione. Da evitare, infine, la coltivazione di cavoli, cavolfiori i quali richiedono decisamente più spazio e impiegano molto tempo per la completa maturazione.