Feb

27

By potatore

Commenti disabilitati su Terminologia agraria

Categories: Istruzione

Tags: , , , , , ,

Terminologia agraria

Quando si hanno delle difficoltà sul significato di  alcuni termini  si ricorre al dizionario o alla enciclopedia e  non sempre  si riesce nello scopo specialmente se si  tratta  di termini  tecnici o parole composte. Per venire  incontro  ai lettori di questa rubrica si darà  di seguito il significato dei termini tecnici più utilizzati. Relativamente  al ciclo compiuto dalla pianta con “germina­toio” si intende il luogo ove i semi vengono fatti germinare e dove la piantina rimane per due-quattro giorni. In  vivaio  le piantine da orto rimangono dalle quattro alle sei setti­mane ben distanziate tra loro in modo di evitare la filatu­ra degli internodi cioè l’eccessivo sviluppo in lunghezza  a scapito dell’ingrossamento. Con  “messa  a  dimora”  viene inteso  il luogo dove la pianta compie la maggior parte  del  proprio  ciclo e dove produce i suoi frutti. Ciò non  toglie che  i semi di alcune   piante come ad es.  le  cucurbitacee vengono  direttamente seminati senza subire i vari  passaggi che pregiudicano lo sviluppo dell’apparato radicale.  Per quanto riguarda invece le operazioni colturali, queste si  dividono “operazioni molto profonde” che vengono  effet­tuate una due volte l’anno come ad esempio la vangatura  con la  quale  si  può anche incorporare il  letame,  da  altre “superficiali”  come la sarchiatura o la  rincalzatura.  La prima  serve  al contenimento delle erbe infestanti e alla rottura  delle croste superficiali per  evitare  l’eccessiva evaporazione; la seconda pratica, invece, consiste nell’ac­cumulare  alla  base del fusto delle piante del  terreno al fine di stimolare la formazione delle radici, proteggere la pianta dal gelo, per favorire l’imbianchimento ecc..  Con “scacchiatura e sbottonatura” si intende  rispettiva­mente  la soppressione dei germogli ascellari pratica  molto diffusa  nel pomodoro, e dei bottoni fiorali ascellari  come nel caso tipico del garofano. Infine con “sostanza organica” si  indica tutto ciò che brucia come letame, torba,  foglie, residui di cucina ecc.

Feb

7

By potatore

Commenti disabilitati su Prepararsi alla primavera

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Prepararsi alla primavera

 

L’avvicinarsi a grandi passi della primavera non deve cogliere impreparato l’orticoltore che deve, al più presto, preparare le piantine da sistemare in pieno campo. Se per le specie resistenti al freddo come lattughino, spinaci e radicchi la semina direttamente in pieno campo è la più rapida, per le altre, macroterme, sarà opportuno preparare dei semenzai che posti al riparo anticipano la messa a dimora. Ciò, ovviamente, vale per coloro che preferiscono il “fai da te” anche sulla produzione delle piantine che altrimenti possono essere reperite sul mercato già pronte per il trapianto. E’ necessario verificare lo stato sanitario dei semi raccolti nell’annata precedente e conservati durante l’in­verno in sacchetti di carta, eventualmente selezionati e trattati con un conciante. Nel caso in cui i semi vengono acquistati non richiedono particolari cure in quanto la stessa ditta produttrice ha effettuato la selezione e i trattamenti fungicidi. Le cassette necessarie ad accogliere i semi per la germinazione possono essere in materiale vario, plastica o legno, larghe 50 cm e lunghe 1 m circa. La cassetta profonda 10-15 cm deve essere riempita con un substrato leggero e poco fertile di torba e sabbia nel rapporto 1:1 in volume. La concentrazione dei semi può essere anche alta 500-1000 semi ma, nel caso in cui tale quantità risulta eccessiva per le esigenze dell’orto, sarà opportuno dividere in due settori la cassetta con specie affini (melanzane e pomodori ad esempio). Fondamentale risulta riempire fino all’orlo la cassetta per migliorare la circolazione d’aria e una volta rasata possibile distribuire i semi che vanno interrati leggermente e subito bagnati con annaffiatoio a gettito leggero. Per mantenere le migliori condizioni di umidità di calore la cassetta sarà coperta con un film di plastica trasparente mantenuto fino all’emergenza dei semi 4-5 giorni circa e dopo altri 2-3 giorni le piantine vanno ripicchettate.