Set

19

By potatore

7 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Il parquet in bambù

di Daniel Bernini


Una maggiore sensibilità al rispetto dell’ambiente ha portato alla riscoperta del bambù che, per le sue caratteristiche, è un’interessante e valida alternativa al legno. Molti non sanno che in oriente esso è già usato da centinaia di anni nel settore edilizio e domestico; infatti il bambù è leggero, flessibile e talmente resistente da essere usato in Cina per i ponteggi dei muratori nella costruzione dei grattacieli; difficilmente subisce alterazioni a causa di fattori esterni. Quindi, a maggior ragione per il parquet, esso rappresenta un’alternativa estetica, ecologica ma anche economica al legno.  Il bambù raggiunge il massimo della crescita in pochi mesi contro i 20-30 anni di un albero; ricresce senza doverlo ripiantare e non necessita di antiparassitari o fertilizzanti. Il parquet in bambù è antiallergico perché non necessita di particolari trattamenti avendo già di suo una lucentezza naturale; in origine è chiarissimo ma può essere scurito con getti di vapore, senza coloranti. La pulizia è altrettanto semplice perché va passato solo con l’aspirapolvere e periodicamente con prodotti specifici per il legno. A volte, certe soluzioni si vanno a cercare chissà dove, senza rendersi conto che le abbiamo sotto il naso.