Dic

5

By potatore

Commenti disabilitati su L'uomo e la …natura

Categories: Potatore news

Tags: , ,

L'uomo e la …natura

E’ alta 300 piedi (91,5 m) questa scala lungo una  parete nelle montagne Taihang in Linzhou (Cina). L’opera dell’uomo sembra convivere con quella della natura–

Gen

29

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Potare il kiwi….

kiwi

L’Italia è secondo produttore di kiwi al mondo dopo la Cina, paese di cui, ha origine la pianta. Inverni freddi ed estati piovose e umide caratterizzano il clima di provenienza, terreni sciolti ma piogge abbondanti ed aria molto umida. Condizioni similari la pianta la trova al nord Italia e da qui il primato. Come potarla? I ragazzi della foto maturandi all’Itas di Bergamo si sono messi di buona volontà e con poche e precise indicazioni sono passati ai fatti con risultati ben evidenti. Alla pianta in oggetto, un kiwi maschio,  (pianta dioica) sono state inizialmente asportate i rami piccoli ,mal formati o rovinati. Successivamente tra quelli rimasti debolmente diradati sono stati raccorciati a 8 -10  gemme. I rami rimasti, vigorosi, formati nell’anno precedente, formeranno le nuove infiorescenze maschile  utili all’impollinazione. Trattandosi di maschio, la necessità di lasciare un pò più abbondantemente dei rami in modo da privilegiare la formazione di un numero elevato di fiori.  In caso di soggetto  femmina, ovviamente, al fine di evitare frutti troppo piccoli, sarebbe stato necessario diradare ancora qualche ramo. Alla fine va dato uno sguardo generale per rendere la forma della chioma piacevole e la foto di classe è d’obbligo. Occhio che se arriva il vicino e obietta che i tagli sono stati eccessivi o viceversa poco incisivi, se fa notare che avrebbe eliminato il l ramo x piuttosto che y niente paura: è incompetenza e invidia. Non potarla sarebbe stato peggio dal punto di vista produttivo mentre chi pota, come tutti, ha sempre dei dubbi sulla corretta procedura, ma per fortuna al momento della produzione la natura fa il resto e decide da sola se sei stato bravo o meno. Per intanto un 8+ ai ragazzi.

Altri articoli sull’argomento

Ott

6

By potatore

Commenti disabilitati su Il pitosforo

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Il pitosforo

Il Pittosporo appartiene alla famiglia delle pittosporaceae ed è una pianta originaria dell’Asia orientale, dell’Africa e dell’Australia, da cui provengono la maggior parte delle specie, che sono circa 150. Si tratta di arbusti e di alberi di piccole dimensioni, sempreverdi, semirustici e dotati di un fogliame molto ornamentale. Sono particolarmente adatti per essere coltivati in serra, nelle vasche, ma anche come cespugli nei giardini delle zone con clima mite; nelle zone litoranee sono utilizzati per formare siepi. Tra le principali specie ricordiamo:
Pittosporum tobira. Proviene dal Giappone e dalla Cina, ma vive facilmente in tutte le zone a clima mite. In genere, raggiunge un’altezza che varia tra i 2-5 metri. Le foglie sono obovate, lucide e di colore verde scuro. I fiori sono giallo-crema, sono delicatamente profumati e sbocciano da aprile a settembre
Pittosporum crassifolium. E’ una specie arbustiva originaria della Nuova Zelanda. L’altezza massima è di 5 metri. Le foglie sono obovate, di colore verde scuro sulla pagina superiore, bianche o rossicce sulla pagina inferiore. I fiori nascono da aprile a maggio, sono marroni e sono seguiti da frutti bianchi e ovoidali.
Pittosporum tenuifolium. Anche questa specie proviene dalla Nuova Zelanda. Si differenzia dalle altre per la forma delle foglie, che sono allungate ed hanno margini ondulati di colore verde chiaro. I fiori sono bruni ed emanano un odore simile a quello della vaniLa piantumazione va effettuata alla fine di aprile o in maggio. Il terreno deve essere fertile e ben drenato.
La posizione deve essere al sole, anche pieno, ma al riparo dai venti.Se il pittosporum è utilizzato per formare siepi, è bene rispettare la distanza di circa 50/70 cm tra una pianta e l’altra.
La potatura si esegue in aprile ed ha lo scopo di ridare una forma, sfoltire e rinforzare la pianta; i rami da tagliare saranno dunque quelli più “disordinati”. Le siepi si pareggiano ogni anno, da aprile a giugno.
La riproduzione può avvenire per seme o per talea. La semina deve essere effettuata in marzo, dopo che i semi sono stati separati dalla sostanza vischiosa che li ricopre all’interno del frutto. I semi devono essere posti in vasi piccoli, ogni anno si procederà al rinvaso. I vasi, prima di essere collocati a dimora definitiva, vanno riposti in cassoni freddi per un periodo di 2-3 anni. Le talee si prelevano dai rami laterali semimaturi, da maggio a giugno; la loro lunghezza deve essere di circa 10 cm. Dopo il loro radicamento si può procedere al rinvaso, sempre graduale, fino a quando, nel maggio dell’anno successivo, potranno essere messi a dimora all’aperto.
Particolarmente pericolose per il pittosporum sono le gelate tardive, che nei casi più gravi possono provocare anche la morte della pianta.Il pittosforum è soggetto ad attacchi da parte di cocciniglie, che tuttavia possono essere facilmente debellate grazie all’utilizzo di anticoccidici come l’olio minerale.

Ott

31

By potatore

Commenti disabilitati su Drosophila suzuki…

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Drosophila suzuki…

E’  tra gli ultimi arrivi in fatto di parassiti esotici. si riproduce con notevole facilità e di conseguenzasi diffonde con estrema rapidità e le segnalazioni e le preoccupazioni del suo arrivo tengono in allerta metà Europa. Proveniente con molta  probabilità dalla Cina, e simile ad una mosca,  misura circa tre millimetri di lunghezza e si caratterizza per la presenza di grandi occhi rossi.  Dopo essere apparso negli Stati Uniti nel 2008 ha fatto la sua comparsa  in Spagna  e nel 2009 le prime denuncie di avvistamento in Toscana  e recentemente segnalato in tutte le valli del  Trentino ove trova  abbondanza del suoi ospiti: i piccoli frutti.  I danni vengono causati dalle larve che mangiano la polpa oltre che di more e lamponi  anche di fragole, ciliegie, albicocco susino ma anche pesco e alcune varietà di vite. Visto la velocità di diffusione sembra difficile la sua eradicazione e al momento diventa difficile anche la lotta in particolare  con agenti di biocontrollo visto che si conosce poco di questo insetto.  I centri di fitoiatria del Trentino hanno cominciato ad allevare in laboratorio  il piccolo moscerino con la speranza di trovare i punti deboli della sua riproduzione e intervenire con lotta adeguata, possibilmente ecocompatibile per tenere “buono” il mangiatore di frutta. Sicuramente la preparazioni dei nostri entomologi ci permettera di far fronte anche a questo parassita ma resta la preoccupazione per le continue invasioni di popolazioni esotiche sia vegetali che creano sempre più anomalie negli ecosistemi: il mercato globale pare che non ha confini neanche per gli insetti.

Apr

28

By potatore

Commenti disabilitati su Rose ad alberello

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Rose ad alberello

Le rose ad alberello sono ottenute con l’innesto di una rosa ornamentale sul fusto di una specie a portamento eretto.  Non tutte le rose da giardino si prestano all’innesto e i risultati migliori si ottengono con le cultivar a fiore piccolo o con quelle tappezzanti.  Le prime formano una bella sfera compatta di fiori, le ultime una corona con getti ricadenti. I fiori di queste cultivar hanno il formato più piccolo delle rose da giardino comuni, ma la fioritura è possibilmente ancora più abbondante.  Questo mese, i garden hanno in vendita una ricca scelta di cultivar, tra cui la ‘Estrellita d’Oro’, con fioritura di colore albicocco, la’Cinderella’, bianca, la’Yellow Beauty’, gialla, e la’Orange Beauty’, arancione.  Davvero particolare è la varietà ‘The Fairy’ (che in italiano significa La Maga), che fa onore al suo nome per i fiori doppi, di colore rosa pallido, che regalano una magica fioritura in estate inoltrata.

Una bella coppia!

Con le rose ad alberello si possono creare contenitori misti di grande effetto, accostandole ad esempio  ad ederine o altre piante perenni, che coprono la terra e mettono in risalto la forma slanciata del fusto.  Con l’abbinamento a piante fiorite dello stesso colore si realizza una composizione armoniosa, mentre la scelta di piante verdi crea un contrasto di colori.

Le origini

Le rose selvatiche, indigene nella zona tra la Cina e la Gibilterra, sono coltivate da migliaia d’anni per la bellezza e il profùmo dei fiori e per le proprietà medicinali, come risulta tra l’altro dalla scoperta di pitture murali di rose a Creta, che risalgono al duemila avanti Cristo, e dal fatto che sappiamo che gli antichi romani estraevano l’olio di rosa dalla pianta.  Durante il Medioevo, nei Paesi ora appartenenti all’Europa, l’uso della rosa come ornamento e medicina andò perduto, ma non nel mondo arabo.  Furono i cavalieri crociati ad introdurre in Europa le prime rose profumate dal Damasco.  La scoperta delle rose tea in Cina, avvenuta alla fine del Settecento, ha dato un importante stimolo al lavoro d’ibridazione e la coltivazione di queste piante in giardino continua fino ad oggi.

Mag

6

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Lo sapevate che….il bonsai


Il termine BONSAI deriva da 2 ideogrammi giapponesi “bon” (vaso) e “sai” (albero) ovvero “albero in vaso”. I bonsai, infatti, sono alberi di piccole dimensioni, che vengono coltivati in piccoli vasi!! Il metodo di coltivazione dei bonsai consiste nel dare una forma alle piante,ha avuto origine in Cina e nel tempo anche in Giappone. Questa tecnica in oriente è considerata una vera e propria arte e viene eseguita con estrema cura.Il bonsai viene addirittura considerato la fusione fra arte e natura…Il delicato processo della coltivazione del bonsai va eseguito costantemente e attraverso regole ben precise da seguire in merito alla potatura delle foglie, alle tecniche per direzionare i rami e il tronco e alla cura delle radici. Anche se può sembrare una tecnica “crudele” nei confronti della pianta,in quanto si cercano di modificare le sue naturali forme, in realtà i bonsai non soffrono di questi trattamenti, anzi, sono molto più curati di altre piante lasciate crescere in modo spontaneo. Per dare un aspetto di albero maturo con dei rami orizzontali o addirittura leggermente volti verso il basso a piante giovani e vigorose, che tendono invece a produrre rami che crescono verso l’alto, è spesso necessario correggere la direzione dei rami grazie alla tecnica del filo. Anche le curve del tronco e dei rami devono spesso essere indotte dal ‘bonsaista’ per ottenere una forma! La tecnica prevede che si avvolgano tronco e rami in un filo di metallo (in genere di alluminio, per rami grossi, anche di rame) e di piegarli, modificandone l’andamento. Può essere utile utilizzare della rafia, avvolgendola a spirale attorno al ramo da trattare col filo, allo scopo di non intaccare il delicato strato esterno del ramo stesso, cioè,quello dei condotti linfatici. Dopo un certo tempo, che dipende dall’essenza, il filo metallico è rimosso e il ramo o il tronco si sono fissati nella posizione voluta….. Più il ramo è grosso, maggiore sarà il diametro necessario per il filo. Non tutte le essenze sopportano il filo e in ogni caso un’applicazione errata può produrre la perdita della pianta!!! Di bonsai ne esistono molte varietà diverse, come ad esempio l’acero palmato che, sicuramente è uno degli alberi più belli da coltivare come bonsai. Le foglie hanno 5 punte e cambiano colore a seconda della stagione. O il pino nero chiamato anche “re dei bonsai”. Il pino nero ama vivere all’asciutto e quindi, prima di annaffiarlo ancora bisogna aspettare almeno un altro giorno!

Set

19

By potatore

7 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Il parquet in bambù

di Daniel Bernini


Una maggiore sensibilità al rispetto dell’ambiente ha portato alla riscoperta del bambù che, per le sue caratteristiche, è un’interessante e valida alternativa al legno. Molti non sanno che in oriente esso è già usato da centinaia di anni nel settore edilizio e domestico; infatti il bambù è leggero, flessibile e talmente resistente da essere usato in Cina per i ponteggi dei muratori nella costruzione dei grattacieli; difficilmente subisce alterazioni a causa di fattori esterni. Quindi, a maggior ragione per il parquet, esso rappresenta un’alternativa estetica, ecologica ma anche economica al legno.  Il bambù raggiunge il massimo della crescita in pochi mesi contro i 20-30 anni di un albero; ricresce senza doverlo ripiantare e non necessita di antiparassitari o fertilizzanti. Il parquet in bambù è antiallergico perché non necessita di particolari trattamenti avendo già di suo una lucentezza naturale; in origine è chiarissimo ma può essere scurito con getti di vapore, senza coloranti. La pulizia è altrettanto semplice perché va passato solo con l’aspirapolvere e periodicamente con prodotti specifici per il legno. A volte, certe soluzioni si vanno a cercare chissà dove, senza rendersi conto che le abbiamo sotto il naso.