Lug

22

By potatore

Commenti disabilitati su Come lavare le auto senza acqua.

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Come lavare le auto senza acqua.

autolavaggioa cura di le.lo.

L’impresa spagnola Ecowash, che si dedica alla pulizia degli autoveicoli, ha messo a punto un sistema che consentirebbe di pulire le auto senza usare acqua. Stando a quanto riferito dai responsabili dell’impresa, i risultati della pulizia sarebbero identici a quelli tradizionali. Il sistema quindi, oltre che garantire un risparmio di acqua, non genererebbe alcun tipo di rifiuto. Il nome del prodotto è “Protector Wash” e altro non è che un detergente il quale, secondo la descrizione fornita dall’azienda, sarebbe completamente biodegradabile. Il prodotto infatti è basato sulla ionizzazione ed è interamente costituito da prodotti non contaminanti. In sostanza si tratta di uno spray da apporre alla carrozzeria del veicolo, la cui applicazione consiste nel lasciarlo agire qualche minuto per poi toglierlo con un panno. Attraverso questo sistema sembrerebbe che si possa risparmiare tra i 100 e i 250 litri di acqua per ogni lavaggio auto (che sono le quantità d’acqua medie impiegate per lavare un veicolo). Il prodotto è inoltre stato messo a punto per la pulizia interna del veicolo, per i pneumatici e per le plastiche, senza naturalmente danneggiamenti alla superficie di applicazione. Dall’inizio della sua commercializzazione, ovvero nel 2006, la società sostiene di aver contribuito al risparmio di più di 43 milioni di litri di acqua. Alla luce della descrizione il sistema si presenta particolarmente interessante. Siamo davvero di fronte ad un prodotto rivoluzionario o si tratta semplicemente dell’ennesima bufala che il mercato vuole proporci?…A voi la scelta.

Set

19

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

La bufala dell'auto ecologica

Pubblicità martellanti, servizi fotografici di fior di professionisti, costosissimi spot servono solo a mascherare auto ecologiche che di ecologico hanno ben poco. A detto degli esperti, per ridurre i consumi delle autovetture e di conseguenza l’inquinamento, occorre ridurre il peso delle auto ma se li riempi di gadget più o meno utili il peso aumenta. Aria condizionata, stereo, motori alzavetri o sposta sedili,  tergicristalli posteriori, imbottiture di elevato confort aumentano progressivamente il peso dell’autovettura e di conseguenza va aggiunto il servosterzo e quindi altro peso. Per intenderci vetture con ruote di 155 non necessitano, visto il peso, di optional come l’idroguida.  La prima serie delle Golf pesava all’incirca 800 Kg mentre quello delle vetture attuali e pressoché il doppio e questo perché, nel tempo, le vetture si sono riempiti di inutili accessori che di conseguenza hanno alzato i consumi. Pubblicizzare vetture con  emissioni di 100 grammi di anidride carbonica a km quanto , già dieci anni fa, in circolazione avevamo vetture che ne emettevano solo 80 e veramente una bufala ecologica. In Brasile le vetture vengono alimentate con ecologissimo alcool ricavato dalla distillazione della canna da zucchero, mentre,  in Italia, le vetture alimentate con l’altamente inquinante diesel hanno superato la metà del parco macchina circolante. Da aggiungere che prezzi inspiegabilmente elevati dell’istallazione del gpl o del metano scoraggiano l’utilizzo di questi carburanti. Perché a Roma un impianto del genere costa circa 700 euro e a Bergamo, lo stesso identico impianto a circa 1800? Per il momento purtroppo siamo costretti a circolare con “bufale ecologiche” quantomeno finché l’automobilista si lascia abbagliare dai “consigli commerciali” e non dalle prestazioni.

Feb

15

By potatore

Commenti disabilitati su La bufala mediterranea italiana

Categories: Allevamento

Tags: , , , ,

La bufala mediterranea italiana

bufal-ottimaÈ nella grande famiglia del tipo River che si inquadra la bufala allevata in Italia che fino a pochi anni fa era definita bufalo di tipo mediterraneo e che oggi è riconosciuta come razza Mediterranea Italiana. Tale traguardo è stato raggiunto grazie al lungo isolamento ed alla mancanza di incroci con bufale appartenenti allo stesso gruppo o a gruppi diversi allevati in altri paesi del mondo. Fisiologicamente il bufalo differisce dal bovino perchè di diversa specie, numero diverso di cromosomi 48 anzichè 60 e tra loro infertili. Sono molto somiglianti e hanno lo stesso paia di coste (13) mentre nei bisonti e nei yack  è di 14 paia. Assenza di giogaia, la convessità frontale e la forma delle corna, per rimanere nel tecnico,  e curiosamente la sequenza degli anelli delle corna non indica l’età . Il pelo scarso  tanto che la cute, spessa e coriacea rimane spesso rimane nuda ed è più dotata di ghiandole sebacee da qui la necessità per questi animali di rotolarsi nel fango.  Piu intelligente del  bovino i visitatori di allevamenti bufalini avranno notato la curiosità di questi animali verso gli estranei. Stessa formula della tavola dentaria e ha la” bocca fatta a sei anni” in pratica ha la dentizione completa da adulto a questa età. I tori  hanno i testicoli aderenti al ventre e non pendenti e un minor dimorfismo sessuale al contrario dei tori dei bovini che denotato una spiccata mascolinità. La gravidanza è in media di 316 giorni di media, un mese in più dei bovini. I bufali, in Italia, vengono allevati per la produzione della ormai famosa e gustosissima mozzarella ma, poco mercato trova, probabilmente per scarse conoscenze, la commercializzazione e il consumo  della carne:  tenera e succulenta, vanta la metà del colesterolo e il doppio del ferro rispetto al manzo.  Ottimi motivi per valorizzare un prodotto italiano

Nov

4

By potatore

Commenti disabilitati su Intervista al medico fiscale

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Intervista al medico fiscale

postato da  c.v

Dottore buonasera. Buonasera. “l’ammalata?” Eccola.  Formalità di rito : dove lavora, cosa insegna di bello, matematica? Mica tanto bello!. Si confermo lei ha inflluenza H1n1 ma non si proccupi appena ho letto che l’Oms ha dato allerta sei ho subito acquistato…. Il vaccino? NOOOOO! le azioni farmaceutiche perchè era evidente che era una bufala ma questo avrebbe fatto impennare le azioni delle farmaceutiche collegate e quindi bussines. Le do una dritta: quando i giornali gridano al disastro compra le azioni. Pensi poi ai collegamenti oggi ho già effettuato 18 visite e con quello che mi pagano ( grazie Brunetta)  è come se avessi fatto quaterna al lotto. Arrivederci e stia a casa almeno due giorni dopo che si è sfrebbrata perchè è ancora contagiosa.

Ott

6

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Suina o bufala?

L’influenza suina ha una mortalità  nettamente inferiore alla normale influenza stagionale. Questo è quanto affermano i più autorevoli luminari; allora viene da chiedersi: perchè tanto clamore? Gli esperti tengono a puntualizzare che l’unico problema è solamente organizzativo e cioè che essendo un virus sconosciuto all’uomo e quindi a livello globale nessuno è immune può  probabilmente costringere a letto o quantomeno a riposo un numero elevato di persone per cui, i servizi essenziali,  essere colpiti  pesantemente. Per fare un esempio: se si ammalano contemporaneamente 10 autisti di bus di una piccola cittadina probabilmente ci saranno ripercussioni sulla mobilità tranviaria e viaggerà qualche bus in meno; se invece si ammaleranno dieci docenti di un corso di studi gli alunni probabilmente festeggeranno perchè non ci saranno lezioni e quindi potranno dormire in tutta tranquillità.  Domanda: dottore lei vaccinerà i suoi figli? Certo che no visto che sono sani e non hanno patologie particolari. E lei? probabilmente no. Più chiaro di così……..