Gen

8

By potatore

Commenti disabilitati su Sotto la neve…pane!!

Categories: Giardino

Tags: , , , , , ,

Sotto la neve…pane!!

 

La neve rende più piacevole la stagione invernale e quest’anno non si è fatta attendere, anche se una piccola spruzzata che ha creato, per questo pochi  problemi di viabilità e solo qualche fastidio negli spostamenti ma, anche se per altri versi, è a considerare di indubbia utilità alla campagna ed ai giardini. Il manto nevoso, infatti, protegge i cereali autunno vernino e il manto erboso del giardino dagli eccessivi sbalzi termici. Inoltre la neve sciogliendosi gradualmente arricchisce il prato e l’orto di una notevole quantità di acqua che sarà facilmente trattenuta grazie al potere assorbente del terreno al contrario degli acquazzoni violenti che si verificano talune volte, abbattendosi sul suolo, perché questi non danno tempo allo stesso di assorbire l’acqua piovana che il più delle volte defluisce verso i luoghi di scolo trascinandosi parte delle sostane nutritive che il suolo aveva precedentemente immagazzinato. Con lo scioglimento della neve si noterà che il cotico erboso del prato sarà molto rigoglioso e l’erba sottostante in virtù del calore emanato dal terreno e trattenuto dalla neve, si sarà leggermente accresciuto. Pertanto durante il periodo di scioglimento della neve dovrà essere evitato qualsiasi calpestio il quale non farebbe altro che arrecare notevoli danni non solo perché si sarebbero potuto formare eventuali zone di ghiaccio, ma anche perché il terreno, molto inzuppato, mal sopporta il peso eccessivo e le orme che si vengono a creare, una volte asciugate, formano crostoni duri che pregiudicano il successivo sviluppo dell’erba. Anche alberi ed arbusti non vanno assolutamente mossi ne tanto meno potati in quanto i rami col freddo intenso tendono facilmente a spezzarsi. Gli eventuali interventi cesori vanno indirizzati per rami spezzati dal peso eccessivo della neve e i tagli effettuati, se di grossa entità, vanno inizialmente rifiniti con una lama molto affilata e successivamente protetti con mastici cicatrizzanti. Gli attrezzi utilizzati per il taglio vanno preventivamente disinfettati e l’immersione in alcool e il successivo passaggio alla fiamma è uno dei sistemi più sicuri. Per evitare la trasmissione di malattie crittogame e virus questa operazione va effettuata tutte le volte che si passa da un albero all’altro. Nelle giornate più tiepide e assolate vanno controllati gli arbusti e le piante tenute sotto un film di plastica a protezione del freddo; se all’interno della copertura si è formata molta condensa sarà opportuno rimuoverla o facendola asciugare oppure più semplicemente rivoltando la stessa in modo che la parte umida rimanga all’esterno. Ciò eviterà il formarsi di malattie fungine che notoriamente si sviluppano in presenza di alta umidità e per lo stesso motivo può risultare utile effettuare dei fori nella parte alta della copertura. Per il resto rimaniamo in attesa che arrivi copiosa ed abbondante….

Ott

6

By potatore

Commenti disabilitati su Il pitosforo

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Il pitosforo

Il Pittosporo appartiene alla famiglia delle pittosporaceae ed è una pianta originaria dell’Asia orientale, dell’Africa e dell’Australia, da cui provengono la maggior parte delle specie, che sono circa 150. Si tratta di arbusti e di alberi di piccole dimensioni, sempreverdi, semirustici e dotati di un fogliame molto ornamentale. Sono particolarmente adatti per essere coltivati in serra, nelle vasche, ma anche come cespugli nei giardini delle zone con clima mite; nelle zone litoranee sono utilizzati per formare siepi. Tra le principali specie ricordiamo:
Pittosporum tobira. Proviene dal Giappone e dalla Cina, ma vive facilmente in tutte le zone a clima mite. In genere, raggiunge un’altezza che varia tra i 2-5 metri. Le foglie sono obovate, lucide e di colore verde scuro. I fiori sono giallo-crema, sono delicatamente profumati e sbocciano da aprile a settembre
Pittosporum crassifolium. E’ una specie arbustiva originaria della Nuova Zelanda. L’altezza massima è di 5 metri. Le foglie sono obovate, di colore verde scuro sulla pagina superiore, bianche o rossicce sulla pagina inferiore. I fiori nascono da aprile a maggio, sono marroni e sono seguiti da frutti bianchi e ovoidali.
Pittosporum tenuifolium. Anche questa specie proviene dalla Nuova Zelanda. Si differenzia dalle altre per la forma delle foglie, che sono allungate ed hanno margini ondulati di colore verde chiaro. I fiori sono bruni ed emanano un odore simile a quello della vaniLa piantumazione va effettuata alla fine di aprile o in maggio. Il terreno deve essere fertile e ben drenato.
La posizione deve essere al sole, anche pieno, ma al riparo dai venti.Se il pittosporum è utilizzato per formare siepi, è bene rispettare la distanza di circa 50/70 cm tra una pianta e l’altra.
La potatura si esegue in aprile ed ha lo scopo di ridare una forma, sfoltire e rinforzare la pianta; i rami da tagliare saranno dunque quelli più “disordinati”. Le siepi si pareggiano ogni anno, da aprile a giugno.
La riproduzione può avvenire per seme o per talea. La semina deve essere effettuata in marzo, dopo che i semi sono stati separati dalla sostanza vischiosa che li ricopre all’interno del frutto. I semi devono essere posti in vasi piccoli, ogni anno si procederà al rinvaso. I vasi, prima di essere collocati a dimora definitiva, vanno riposti in cassoni freddi per un periodo di 2-3 anni. Le talee si prelevano dai rami laterali semimaturi, da maggio a giugno; la loro lunghezza deve essere di circa 10 cm. Dopo il loro radicamento si può procedere al rinvaso, sempre graduale, fino a quando, nel maggio dell’anno successivo, potranno essere messi a dimora all’aperto.
Particolarmente pericolose per il pittosporum sono le gelate tardive, che nei casi più gravi possono provocare anche la morte della pianta.Il pittosforum è soggetto ad attacchi da parte di cocciniglie, che tuttavia possono essere facilmente debellate grazie all’utilizzo di anticoccidici come l’olio minerale.

Giu

2

By potatore

Commenti disabilitati su Viburnum: un profumato arbusto!!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Viburnum: un profumato arbusto!!!

Il viburnum, appartenente alla famiglia delle Caprifogliacee, è un arbusto apprezzato per l’aspetto decorativo dei fiori che assomigliano a quelli dell’ortensia. Generalmente  i primi viburni rivestono il giardino e il terrazzo dei loro suggestivi colori nella stagione invernale, ma vi sono specie che entrano in fioritura soltanto nei mesi più caldi, in particolare in giugno-luglio. L’assortimento abbraccia piante di formato grandi e piccolo, a foglia caduca o persistente, con o senza bacche, adatte alla coltivazionein giardino, sul balcone o sul terrazzo. Quando sono in fiore, questi arbusti diffondonoprofumi più o meno intensi a seconda la specie. Il più diffuso tra le varie specie è sicuramente il Viburnum opulus chiamato anche palla di neve. Arriva a 3 metri circa d’altezza, per cui è particolarmente adatto in una posizione solitaria. Fiorisce in primavere, mentre in inverno sfoggia fitti grappoli di bacche tonde, dal colore rosso acceso, che rimangono a lungo sulla piante.

Il Viburnum bodnantense “Dawn”è tra le specie più usate in giardino raggiunge e non supera  i 2,5 metri  ed è a fioritura invernale e il primo a donare colore al giardino.Il fogliame di color bronzeo muta in verde cupo. Le foglie cadono in autunno e in ottobre-novembre, sui rami nudi, appaiono i fiori rosa pallido, raccolti in grappoli compatti, che fioriscono sino all’anno successivo. Le infiorescenze, oltre che per la loro bellezza, sono notevoli per il loro profumo. A seconda delle condizioni climatiche, la fioritura può durare per l’intero inverno, ma si interrompe all’arrivo delle prime gelate. Poiche ha il fusto slanciato e non supera i 2,5 metri di altezza  il Viburnum bodnantense risalta al massimo in una posizione isolata mentre in un giardino di grandi dimensioni può essere piantato a gruppi, di tre o cinque esemplari o abbinate ad  altri arbusti  in bordure dal grande effetto cromatico. Tra i viburni sempreverdi segnaliamo il Viburnum burkwoodii  dal fogliame verde che d’inverno si tinge di giallo e di rosso arancio.  Nei mesi di marzo e aprile produce fiori rosa che emanano una intensa profumazione, raccolti in infiorescenze ad ombrella e raggiunge poco più dei due metri d’altezza. Non supera il metro e mezzo d’altezza il Viburnum calesii, dal portamento largo e sferico, fiori ad ombrella e frutti neri e il viburnum caricelhalum. Quest’ultimo è un arbusto compatto con crescita lenta e infiorescenze sferiche in vari colori dal bianco al rosso viola. in autunno assume una suggestiva colorazione rossa.  Il Viburnum davidii invece raggiunge i 50 cm ed è una specie a foglia persistente. nei mesi di maggio e giugno porta fiori bianchi con sfumature rose, raccolti in infiorescenze ad ombrella. La particolarità del Viburnum finus è quella invece di avere boccioli che si schiudono molto lentamente e adatto alla vita in vaso o fioriera. Per l’arredo di piccoli giardini, balconi e terrazze vi è , quindi, una vasta scelta di questi  colorati e profumati arbusti: a voi la scelta. Per approfondire l’argomento con altre varietà segui il link Viburnum tinus

Mag

8

By potatore

Commenti disabilitati su Arbusti o frutici

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Arbusti o frutici

Gli arbusti hanno un ruolo determinate nei giardini sia che vengono utilizzati da soli che in gruppi, adatti a creare macchie di colore, mascherare da sguardi indiscreti delle zone particolari del giardino o creare zone di riposo.  La varietà di piante arbustive  utilizzate è molto ampia e non è possibile avere un sistema universale di potatura visto che le varie specie hanno caratteristiche tra di loro molto diverse. Innanzitutto occorre precisare che la differenza tra alberi e  arbusti non è data dall’altezza ma bensì dal fatto che questi ultimi, anche se raggiungono altezze ragguardevoli, si ramificano a livello del terreno al contrario dei primi che invece sviluppano un tronco legnoso singolo. Al contrario degli alberi da frutta non è sempre necessario potare gli arbusti visto che tra l’altro in questo modo  si aumenta lo stress della pianta, ma in alcuni casi la pratica diventa indispensabile. La sola rimozione di rami cresciuti disordinatamente o rovinati dalle gelate invernali è un tipo di potatura applicabile a  buona parte delle piante arbustive e richiede interventi mirati e  ridotti di numero allo stretto necessario. Camelia, Viburno, Azalee, Cistus e Potentilla sono solo alcuni esempi di specie arbustive con cui si può procedere nel modo precedentemente descritto. Questo tipo di potatura va effettuata tra l’altro in genere ogni due o tre anni, solo per eventi eccezionali legati a fattori ambientali particolari come abbondanti nevicate o eccesso di vento è possibile intervenire in modo più ravvicinato. Diffidare di improvvisati giardinieri che hanno la “facilità” al taglio allo scopo di rendere più visibile il loro operato. Diverso è il discorso per quegli arbusti che fioriscono sui gettiti dell’anno precedente per i quali occorre intervenire una volta ultimata la fioritura a prescindere  della stagione.In questo caso tutti i rami vanno accorciati a due tre gemme in modo da contenere lo sviluppo della parte aerea e favorire lo sviluppo di un numero contenuto di rami e quindi di fiori che saranno in numero ridotto con il vantaggio di essere  ben sviluppati. Kerria, Prunus glandulosa e Spirea si avvantaggiano molto da questo modo di operare e a questi  va aggiunta la Lagerstroemia che però va potata all’inizio della primavera in fase di riposo vegetativo. La Forstizia e l’Ortensia traggono notevole beneficio dal taglio delle vecchie branche vecchie di due-tre anni ormai eccessivamente lignificate e piene di vecchi tagli  a condizione che vengano recise a livello del terreno. Lo sfoltimento  può interessare rami anche più giovani quando si denota una scarsa vigoria ed un eccessivo numero di gettiti. Nel caso specifico dell’ortensia sarà opportuno raccorciare tutti i rami in modo da ridurre lo sviluppo e provvedere ad un discreto diradamento pari a circa il 60% della chioma mentre per quanto riguarda la  Forstizia, se non sussistono limitazioni di spazio per il suo sviluppo, occorre limitare gli interventi al solo sfoltimento.

Ott

25

By potatore

Commenti disabilitati su I lavori di Ottobre

Categories: Agricoltura, Giardino

Tags: , , , ,

I lavori di Ottobre

Alberi e arbusti – Il sottochioma delle piante può essere protetto prima dell’arrivo del freddo con materiale pacciamante. La scorza di pino con scaglie di buona pezzature migliora l’estetica del sottochioma.
Piante in vaso – Le piante in vaso per gran parte sfiorite vanno portate al coperto in luogo fresco e luminoso. In balcone possono essere tenute come ornamento: ericacee, alcune graminacee e conifere nane come la Picea albertiana conica.
Bulbose – Le bulbose a fioritura primaverile vanno impiantate entro ottobre o la prima decade di Novembre. Risulta importante tener presente la sanità e il calibro dei bulbi impiantati affinchè la futura piantina trovi idoneo sostentamento durante l’emergenza.
Dalie – Possono essere lasciate all’aperto fino a quando il freddo non abbia distrutto le foglie. Poi vanno prelevati i tuberi e dopo averli fatti asciugare vanno sistemati in cantina in cassette con torba umida o sabbia.
Aiuole – Le aiuole libere da fiori vanno lavorate inglobando compost o letame ben maturo. La protezione con uno strato pacciamante di foglie o meglio la coltivazione di piante da sovescio sarebbe l’ideale per le fioriture primaverili.
Piante rampicanti – Per ottenere una zona d’ombra davanti all’abitazione è il periodo adatto per la messa a dimora delle clematide. Il ricco fogliame e i fiori vistosi creeranno un ottimo pergolato durante il periodo estivo.alberi, arbusti
Compost – Togliere dal compost il terriccio maturo che può essere impiegato per pacciamare i rosai. Il terriccio maturo servirà a mantenere una buona umidità del substrato cedendo lentamente sostanze nutritive.