Gen

12

By potatore

Commenti disabilitati su Il primo post dell'anno!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Il primo post dell'anno!!

Dopo la pausa natalizia e di fine anno diventa difficile (almeno per me) decidere l’argomento del primo post e anche della data…..Ho deciso con molto ritardo e l’argomento scelto non è certamente simpatico nè leggero ma spero che faccia riflettere specialmente in questo periodo: il tema è “l’inquinamento”. Ogni anno in Italia si consumano 14 miliardi di metri cubi di gas, 4,2 miliardi di chilogrammi di gasolio, 2,4 miliardi di tonnellate di legna e carbone per  emissioni totali di anidride carbonica di  circa 40 miliardi di tonnellate. Cifre pazzesche che se non arrestate saranno la causa della fine  del pianeta. Piantare anche un solo albero significa togliere dall’aria 10 kg di anidride carbonica e siccome  sulla Terra vivono miliardi di uomini che potenzialmente possono piantare miliardi di piante ……. Il primo post dell’anno è un augurio che tutti piantiamo un albero.

 

Mag

8

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Il punto di non ritorno

Il punto di non ritorno del Pianeta sembra essersi accorciato. Secondo uno studio che tiene conto della concentrazione di anidride carbonica: in atmosfera,  280 parti per milione  all’alba della rivoluzione industriale, ma oggi intorno alle 385 p.p.m si evince che l’incremento è sempre più veloce: ormai  si sono superato le due parti per milione l’anno e si avvia verso le 3 parti per anno. A questa velocità il limite stimato invalicabile dagli scienziati di  450 parti sarebbe appunto  raggiunto in una ventina di anni. L’effetto serra conseguente determinerebbe danni ai quali l’uomo non potrebbe più porre rimedi e che ne pregiudica la stessa sua sopravvivenza. Ridurre le emissioni di Co2 è quindi imperativo e una rivisitazione dei programmi energetici diventa quando mai attuale. Da sottolineare la svolta del nuovo presidente americano Obama  a favore delle energie alternative e positivo è anche l’accordo Fiat-Chrysler per produzione di autoveicoli di piccola cilindrata e quindi più ecologiche: si è rottamato per così dire Bush e il suo programma petrolifero. Tutti però devono cooperare riciclando, effettuando acquisti con prodotti che hanno poco imballaggi, utilizzando i trasporti pubblici o riducendo l’utilizzo di macchine, piantando nuove piante  nel giardino di casa, nel balcone, proteggendo i boschi e intervenendo fattivamente con segnalazioni agli organi preposti quando si verificano reati ambientali.