Apr

17

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Vai a votare!!

Categories: Istruzione

Tags: , , ,

Vai a votare!!


Evitate il divano!!Se non l’avete ancora fatto, fate due passi a piedi e recatevi al seggio. Esercitare il voto e sintomo di maturitâ democratica e libertà di vita e di poter scegliere quale futuro per i tuoi figli. Il Si proposto al referendum tutela la vocazione ambientale degli Italiani. Andiamo a votare per il bene del Belpase!

Mag

4

By potatore

Commenti disabilitati su Sciopero, sciopero ed ancora sciopero….

Categories: Istruzione

Tags: , , , , ,

Sciopero, sciopero ed ancora sciopero….

Ci siamo già espressi sulla nostra posizione sulla scuola: è il momento di passare dalle parole allo sciopero! Non solo come docente ma in primis come genitore e profondo conoscitore della realtà scolastica mi preme domani partecipare alla giornata di protesta della scuola.

  • no ai super poteri del dirigente scolastico e a modelli di gestione autoritaria

  • subito un piano di assunzioni che assicuri la stabilità del lavoro per tutto il personale docente e ATA impiegato da anni precariamente;

  • organici adeguati al fabbisogno, per un’offerta formativa efficace e di qualità;

  • rinnovo del contratto scaduto da sette anni per una giusta valorizzazione del lavoro nella scuola;

  • no a incursioni per legge su materie soggette a disciplina contrattuale, come le retribuzioni e la mobilità del personale;

  • avvio di una politica di forte investimento su istruzione e formazione

La buona scuola esiste già e il governo non se n’è accorto mancano solo le aule, le palestre, le connessioni internet   e la carta igienica.  L e famiglie autotassandosi in stretto contatto con la classe docente continuano a sopperire a quanto di competenza statale mentre i vari governi ci mettono a disposizioni ministri che poco sanno della realtà scolastica….. Domani si sciopera con l’augurio che  da domani gli insegnanti abbiano una classe con un numero normale di alunni e che non cada niente in testa, una lavagna e un poco di carta … il resto spetterà al buon padre di famiglia e il docente è sempre stato …un buon padre di famiglia.

 

Apr

27

By potatore

Commenti disabilitati su Il rumore delle pentole

Categories: Istruzione

Tags: , , , ,

Il rumore delle pentole

Sono  docente ormai da diversi anni e a mie spese (e lo sottolineo) mi sono aggiornato sulla didattica, sul registro elettronico, sull’utilizzo del tablet (per un’ora e 15 minuti, poi ho desistito perchè ero più preparato del relatore), sui ragazzi con disturbi di apprendimento; e quando ancora niente si sapeva di BES e dislessia avevamo già messo in pratica sistemi per il recupero di questi ragazzi, non riuscendo a capire quale fosse la difficoltà ma ottenendo ottimi risultati con pragmatici sistemi, schemi, riassunti, interrogazioni più frequenti su contenuti limitati. Come Insegnante Tecnico Pratico ho poi insegnato laboratorio di chimica di scienze (7 programmazione diverse, un’ora per 18 classi diverse e relativi consigli), esercitazioni agrarie, esercitazioni di agronomia, di estimo, di meccanica ecc ecc.  Negli ultimi anni a completamento cattedra mi hanno dato una nuova classe di concorso: supplenza! “Per favore prof. vada in 1^c (“facciamo giardinaggio?”), poi in 2^(“ragazzi va bene agronomia?”), 4^c ( le razze caprine), 5^a (alimentazione dei ruminanti), 2^g (etologia animale), 1^h ( esercizi sulle potenze)”. “Prof per 15 giorni mi sostituisce il prof. Zorro (per la privacy) assente per malattia e tralascia il suo orario quando rientra?”,”ok ok ho capito, non ci sono problemi”. Mi sento un jukebox, metti il gettone e canta. In classe però di canto ce n’é poco: spieghi, senti, consigli, motivi, incoraggi, dài consigli sull’alimentazione, fai il buon padre di famiglia… Una parte dei  genitori a casa pensano di delegare alla scuola le incombenze da genitore: “a 13 anni è già grande e può fare da solo”, “mio figlio è un genio”, “mi avete chiamato a scuola per cosa? Uno scherzo innocente…. ha solo dato della troia su Facebook alla sua docente!! Che sarà mai … Sì, ha pure detto “la prof. puzza ma, scusate, chi da giovane non ha insultato i docenti?”.   E io da docente che faccio? consiglio straordinario, sto a sentire le ragioni del ragazzo, quelle del padre saccente e borioso e poi, con tatto e educazione, mi prendo il resto delle osservazioni del genitore, il quale individua nella mia frustrazione tutte le difficoltà del rapporto con il figlio “genio”; e figuriamoci se capirà la sacrosanta punizione che il docente (buon padre di famiglia) con il consiglio di classe somministrerà al buontempone probabilmente male educato. Mentre faccio il tutto con molta dignità e pochi soldi (e senza nessun aumento salariale ormai da quasi un decennio)…che succede? Cambio di ministro, poi un altro e un altro ancora, ma al peggio probabilmente non c’è fine. Il mio ruolo mi impone di ascoltare e io l’ho fatto: ho sentito per intero l’intervista del ministro, l’ho risentita, l’ho seguita alla radio, in tv, sui giornali. Mi sono arreso: io non ho capito nulla, se fosse stato un alunno gli avrei dato 4, spiegato il perchè e mandato al posto. Non ho visto in lui la minima consapevolezza del ruolo di “padre di famiglia” discusso prima, né tantomeno ci ho visto un ministro che avesse la vaga percezione dei problemi della scuola. Per anni ho ascoltato i vari ministri che, tunnel dopo tunnel (frecciatina), hanno divagato su come riformare la scuola: riforma dopo riforma ci troviamo,  non voglio essere assolutamente puritano, col culo di fuori. Basta ascoltare ministri alle prese con problemi di bilancio, si taglino il proprio stipendio, riformino il loro Ministero, ascoltino le problematiche dei docenti seri e che lavorano, e dopo saranno ascoltati. “Per intanto” cara la mia Ministra lei si merita solo … il rumore delle pentole.

Dic

6

By potatore

2 Comments

Categories: Istruzione

Zichichi va ad atomi….

e  Obama a pannelli solari!!!!!

Curiosa la posizione del prof. Zichichi a favore della costruzione di centrali nucleari in Sicilia.  Questo perchè fa ritornare la discussione sul tema del nucleare a cui gli italiani hanno detto no chiaramente e non solo per gli incidenti che si sono succeduti negli anni. Il fatto di essere un grande scienziato non gli da il diritto di  scegliere per gli altri e contro i pareri degli stessi suoi colleghi Rubbia in primis. Vuole per caso dare soldi alla mafia? Pensa, forse che se non si riesce a smaltire la spazzatura dalle città con le scorie nucleari sia più facile? Chi ha gestito le centrali  giapponesi e russe, di cui conosciamo la fine, erano meno capaci di altri? Faccia l’assessore che,  al pari dello scienziato, si occupi della volontà degli elettori, che difficilmente avrebbero votato chi esplicitamente si dichiara a favore del ritorno del nucleare. In America, con Obama,  ha già istallato pannelli solari per il riscaldamento della Casa Bianca ma principalmente per dare l’esempio sul loro utilizzo per questo ci chiediamo: Zichichi li ha istallati o pensa anche di istallarli?

Ott

27

By potatore

Commenti disabilitati su L'Istituto Agrario di Bergamo a Cremona

Categories: Istruzione

L'Istituto Agrario di Bergamo a Cremona

frisona

limousine

Frisone

vitella 10 mesi frisona

Aberdeen Angus

Feb

27

By potatore

Commenti disabilitati su Terminologia agraria

Categories: Istruzione

Tags: , , , , , ,

Terminologia agraria

Quando si hanno delle difficoltà sul significato di  alcuni termini  si ricorre al dizionario o alla enciclopedia e  non sempre  si riesce nello scopo specialmente se si  tratta  di termini  tecnici o parole composte. Per venire  incontro  ai lettori di questa rubrica si darà  di seguito il significato dei termini tecnici più utilizzati. Relativamente  al ciclo compiuto dalla pianta con “germina­toio” si intende il luogo ove i semi vengono fatti germinare e dove la piantina rimane per due-quattro giorni. In  vivaio  le piantine da orto rimangono dalle quattro alle sei setti­mane ben distanziate tra loro in modo di evitare la filatu­ra degli internodi cioè l’eccessivo sviluppo in lunghezza  a scapito dell’ingrossamento. Con  “messa  a  dimora”  viene inteso  il luogo dove la pianta compie la maggior parte  del  proprio  ciclo e dove produce i suoi frutti. Ciò non  toglie che  i semi di alcune   piante come ad es.  le  cucurbitacee vengono  direttamente seminati senza subire i vari  passaggi che pregiudicano lo sviluppo dell’apparato radicale.  Per quanto riguarda invece le operazioni colturali, queste si  dividono “operazioni molto profonde” che vengono  effet­tuate una due volte l’anno come ad esempio la vangatura  con la  quale  si  può anche incorporare il  letame,  da  altre “superficiali”  come la sarchiatura o la  rincalzatura.  La prima  serve  al contenimento delle erbe infestanti e alla rottura  delle croste superficiali per  evitare  l’eccessiva evaporazione; la seconda pratica, invece, consiste nell’ac­cumulare  alla  base del fusto delle piante del  terreno al fine di stimolare la formazione delle radici, proteggere la pianta dal gelo, per favorire l’imbianchimento ecc..  Con “scacchiatura e sbottonatura” si intende  rispettiva­mente  la soppressione dei germogli ascellari pratica  molto diffusa  nel pomodoro, e dei bottoni fiorali ascellari  come nel caso tipico del garofano. Infine con “sostanza organica” si  indica tutto ciò che brucia come letame, torba,  foglie, residui di cucina ecc.

Ott

5

By potatore

Commenti disabilitati su Wikipedia protesta e si imbavaglia!!

Categories: Istruzione, Potatore news

Tags: , , , ,

Wikipedia protesta e si imbavaglia!!

Solidarietà alla protesta di uno dei siti “Patrimonio dell’Umanità”
riportiamo integralmente il suo comunicato

Cara lettrice, caro lettore,

in queste ore Wikipedia in lingua italiana rischia di non poter più continuare a fornire quel servizio che nel corso degli anni ti è stato utile e che adesso, come al solito, stavi cercando. La pagina che volevi leggere esiste ed è solo nascosta, ma c’è il rischio che fra poco si sia costretti a cancellarla davvero.

Il Disegno di legge – Norme in materia di intercettazioni telefoniche etc., p. 24, alla lettera a) del comma 29 recita:

«Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono.»

Negli ultimi 10 anni, Wikipedia è entrata a far parte delle abitudini di milioni di utenti della Rete in cerca di un sapere neutrale, gratuito e soprattutto libero. Una nuova e immensa enciclopedia multilingue e gratuita.

Oggi, purtroppo, i pilastri di questo progetto — neutralità, libertà e verificabilità dei suoi contenuti — rischiano di essere fortemente compromessi dal comma 29 del cosiddetto DDL intercettazioni.

Tale proposta di riforma legislativa, che il Parlamento italiano sta discutendo in questi giorni, prevede, tra le altre cose, anche l’obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.

Purtroppo, la valutazione della “lesività” di detti contenuti non viene rimessa a un Giudice terzo e imparziale, ma unicamente all’opinione del soggetto che si presume danneggiato.

Quindi, in base al comma 29, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog, su una testata giornalistica on-line e, molto probabilmente, anche qui su Wikipedia, potrà arrogarsi il diritto — indipendentemente dalla veridicità delle informazioni ritenute offensive — di chiedere l’introduzione di una “rettifica”, volta a contraddire e smentire detti contenuti, anche a dispetto delle fonti presenti.

In questi anni, gli utenti di Wikipedia (ricordiamo ancora una volta che Wikipedia non ha una redazione) sono sempre stati disponibili a discutere e nel caso a correggere, ove verificato in base a fonti terze, ogni contenuto ritenuto lesivo del buon nome di chicchessia; tutto ciò senza che venissero mai meno le prerogative di neutralità e indipendenza del Progetto. Nei rarissimi casi in cui non è stato possibile trovare una soluzione, l’intera pagina è stata rimossa.

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
Articolo 27

«Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico e ai suoi benefici.

Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria e artistica di cui egli sia autore.»

L’obbligo di pubblicare fra i nostri contenuti le smentite previste dal comma 29, senza poter addirittura entrare nel merito delle stesse e a prescindere da qualsiasi verifica, costituisce per Wikipedia una inaccettabile limitazione della propria libertà e indipendenza: tale limitazione snatura i principi alla base dell’Enciclopedia libera e ne paralizza la modalità orizzontale di accesso e contributo, ponendo di fatto fine alla sua esistenza come l’abbiamo conosciuta fino a oggi.

Sia ben chiaro: nessuno di noi vuole mettere in discussione le tutele poste a salvaguardia della reputazione, dell’onore e dell’immagine di ognuno. Si ricorda, tuttavia, che ogni cittadino italiano è già tutelato in tal senso dall’articolo 595 del codice penale, che punisce il reato di diffamazione.

Con questo comunicato, vogliamo mettere in guardia i lettori dai rischi che discendono dal lasciare all’arbitrio dei singoli la tutela della propria immagine e del proprio decoro invadendo la sfera di legittimi interessi altrui. In tali condizioni, gli utenti della Rete sarebbero indotti a smettere di occuparsi di determinati argomenti o personaggi, anche solo per “non avere problemi”.

Vogliamo poter continuare a mantenere un’enciclopedia libera e aperta a tutti. La nostra voce è anche la tua voce: Wikipedia è già neutrale, perché neutralizzarla?

Gli utenti di Wikipedia

Giu

20

By potatore

6 Comments

Categories: Istruzione

Tags: , , ,

Cara professoressa …

Questa lettera è realmente stata scritta da alunni di terza media alla propria prof di matematica e noi ve la proponiamo così come autenticamente pervenuta con tutti i i lei e i perchè e senza nessun commento con la speranza che i lettori ne assaporino la genuinità degli scriventi alunni.

Cara professoressa,con questa lettera la volevamo ringraziare per tutte quelle volte che ci ha saputo ascoltare.

Esatto. Ascoltare. Un verbo semplice da dire ma difficile da applicare. Lei lo ha saputo fare. Lei ci ha saputo comprendere quando avevamo subito un torto da altre persone. La volevamo ringraziare perché, anche se arrivata quest’anno, ha saputo farsi volere bene nonostante tutto. Forse all’inizio non eravamo molo contenti. Questo perché eravamo legati al precedente insegnante, che essendo stato il nostro professore per due anni, era il preferito. Ma le giuriamo che Lei in neanche un anno è riuscita a prendere il primo posto. Lei non è come tutte le altre professoresse. Lei è molto, molto di più. Forse un po’ severa dal punto di vista professionale ma umile e comprensiva caratterialmente. Perché anche se è da poco che la conosciamo, abbiamo capito che ci tiene molto ai suoi alunni. E questo lo abbiamo potuto capire dalle cose che ha fatto per noi! Portarci al planetario in un orario extrascolastico nel quale sarebbe potuta stare con la propria famiglia. Aiutarci tantissimo per gli esami in quanto eravamo praticamente terrorizzati andando talvolta contro i suoi colleghi e possiamo continuare questo elenco per ore. Ma ci fermiamo qui, perché lo sa anche Lei che brava professoressa e persona è. Non diciamo questo perché è finito l’anno scolastico e dobbiamo fare il solito regalo ai professori, ma perché ciò che le abbiamo detto lo pensiamo veramente. E’ stata molto, molto, molto di più di una professoressa. Ora ci mancano gli esami, forse la parte più brutta di quest’anno scolastico. Sinceramente siamo ancora un po’ spaventati da ciò, ma sappiamo che lei c’è per noi. Noi non ci dimentichiamo MAI ciò che ci ha detto: ”Ci siamo tutti agli esami, non preoccupatevi ragazzi che se qualche collega fa cose strane ci siamo noi. E questo ci ha fatto immenso piacere perché possiamo fidarci di lei. Ma non si scordi che anche lei si può fidare di noi. Per ultimo la vogliamo ringraziare per il fatto di non averci fatto usare quella maledetta calcolatrice e per non averci “suggerito”durante le verifiche! Perché avremo preso tanti tre e quattro (sopratutto qualcuno) ma ciò che ci portiamo dentro equivale a molto di più di un dieci. Grazie. Grazie infinite. Le vogliamo davvero bene profe.

La classe terza.

Feb

4

By potatore

2 Comments

Categories: Istruzione

Tags: , ,

Gli scienziati falsificano ?

Leggendo qua e là non è raro trovare spiegazioni scientifiche che lasciano perplessi anche i meno informati.  Da qualche parte, ad esempio, ho letto che piantare alberi può avere effetti  deleteri anche sul clima e le motivazioni che ne seguivano avrebbero fatto ridere persino un alunno appena iscrittosi alla classe prima elementare. Il problema è che esperti a vario titolo assoldati dall’avidità del “Dio Denaro” accampano spiegazioni che poco hanno di scientifico, visto il padrone a cui compiacere. Così dopo un inverno nella norma, con freddo nella norma,  nevicate nella norma e via così all’infinito i sopracitati personaggi resuscitano con nuove “bufale“: “Avete visto che gli sconvolgimenti climatici sono solo invenzione dei catastrofisti e che non è vero che l’inquinamento destabilizza il clima?” Lasciamo perdere: rispondere a cotanta ignoranza è tempo perso anche perchè devo partire per esplorare un nuovo passaggio a nord-est: infatti grazie allo scioglimento della calotta polare riesco a   raggiungere prima l’America!!!!!!!

saluti

cavallo pazzo

Feb

1

By potatore

1 Comment

Categories: Istruzione

Tags: , , , , ,

Professione Insegnante

Con grande divertimento seguo spesso l’interesse che i media, i ministri, i politici pongono nei confronti del corpo docente e faccio finta di meravigliarmi della fantasia di questi. Tralascio il continuo rimbalzo di notizie a proposito degli stipendi: poco, troppo, non fanno niente, solo diciotto ore; e ancora su esami di stato , trasferta, retribuzione media oraria e via dicendo… Tralascio perché è più interessante sapere delle qualità del corpo docenti e quindi anche mie: la fantasia qui si libera e a seconda del commentatore di turno: Fumati uno su due, su tre ecc. e se qualcuno nega: dicono tutti così. Prof. confessi qualche canna se le pur fatta. Frustrati e sovversivi: prof. non sia reticente quando arriva la busta paga si sente in colpa perché sa che non se la merita e poi dica la verità qualche molotov la lanciata sulle auto in soste. Non venga a dire che non ha istigato alla eversione e quei poveri ragazzi ancora tredicenni subito sulle barricata a fargli compagnia nelle “fumate” a lanciare sassi contro la polizia a richiedere il sei politico: maestrina torni al suo paese d’origine e non si faccia toccare il sedere dai nostri figli. Ecco che poi al momento delle elezioni probabilmente il nostro caro insegnante è anche un coglione tengo a sottolineare il probabilmente ma sicuramente se siculo o pachistano è anche manesco qualità che lo rende interessante dal punto di vista psicologico. Alle notevoli qualità prima esposte è da aggiungere per sottointeso alla abilità nel viaggiare da una sede di montagna all’altra, da una cattedra di Matematica e Fisica a una di informatica, da entomologia a agronomia, da topografia a laboratorio di chimica: che persone incostanti, non riescono a mantenere continuità nel lavoro per più di un anno. Lo scrivente si diverte a far notare come i suoi figli alle scuole medie non hanno avuto per due anni di fila, a scuola, lo stesso insegnate, a casa sì per fortuna perché quell’acida, occhialuta e vecchia signora, frustrata, sovversiva sicuramente c… ( al femminile) che si è fatta toccare il sedere dalle medie al superiore e la mia moglie ( cosa poteva essere se non insegnante di matematica) e io da buon siculo-pachistano stasera dopo la seduta dallo psichiatra la picchierò come in passato hanno fatto i miei avi.

P.S.:Ogni riferimento a politici di destra e di sinistra è puramente voluto.