Search Results for: un po di luce

Ott

14

By potatore

Commenti disabilitati su Un po' di …luce

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Un po' di …luce

Il processo mediante il quale le piante verdi fabbricano il materiale che adoperano per il loro accrescimento si chiama fotosintesi, ossia sintesi di sostanze nutritive per merito d’energia luminosa. La luce e` quindi l’elemento indispensabile di vita per le piante: entro certi limiti, maggiore è la quantità di luce che la pianta riceve e tanto più è il suo sviluppo. Le ore di luce   solare variano, durante la giornata, con le stagioni; in Italia si va da un minimo di 8 ore circa durante l’inverno ad un massimo di 16  ore  circa d’estate. Queste variazioni  stagionali sono  minime all’equatore, dove il giorno si aggira  quasi, costantemente  per  tutto l’anno  sulle  12 ore di   luce,   mentre  diventano massime ai Poli dove si arriva a 24 ore di luce  destate e altrettante d’inverno di buio.  L’intensità delle radiazioni luminosa è massima   all’equatore e minimo verso i poli; andando, quindi, verso il Nord diminuisce l’intensità luminosa che però viene compensata da una maggiore copia di radiazioni riflesse; ciò consente a molte   piante coltivate di portare a maturazione i loro   frutti anche nelle regioni prossimi ai circoli polari. Raramente le piante soffrono per eccesso di luce: tuttavia è  più adatta allo  sviluppo delle piante a luce diffusa anziché quella diretta, specialmente   quando questa è troppo intensa: alcune piante ortensi e molte altre ornamentali, esigono un ambiente ombreggiato, non solo, ma   per ottenere particolari prodotti orticoli si ricorre all’ombreggiamento, come per l’imbianchimento dei cardi (gobbi), del sedano, dell’asparago ecc. L’ombra, però, nuoce alla maggior parte delle piante coltivate in pieno campo: il grano che cresce   all’ombra degli   alberi e lungo i viali va più facilmente ad allettare. Quando ad un’intensità luminosa si unisce anche un’elevata temperatura, come   accade nel Mezzogiorno, noi possiamo osservare che le piante producono   frutti più saporiti e in maggior quantità semi pi grossi e numerosi, mentre le altre parti   della pianta tendono a ridurre il rigoglio vegetativo e a diventare meno longeve

Mar

8

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Composizioni

Categories: Potatore news

Composizioni

 

Piante d’interni con forme diverse.
Si tratta di scegliere fra la collocazione di un esemplare singolo o di un gruppo costituito da essenze diverse ma comuni esigenze idriche nutrizionali. In entrambi i casi si possono ottenere i risultati eccellenti. Una composizione di piante fatte con specie diverse può essere una soluzione per concentrare in un unico vaso piante di diversa bellezza ma con caratteristiche pedologiche, idriche e nutrizionali simili ma può anche essere una valida soluzione per una idea regalo, insolita e fatte in casa. Per la realizzazione bisogna inizialmente scegliere il vaso adatto che tenere conto della profondità dell’apparato radicale delle vari radici, del numero di piante da sistemare e dell’ambiente in cui andrà collocato. Ovviamente, rispetto al primo caso, se trattasi principalmente dei piante grasse e la profondità del vaso non deve essere eccessiva visto lo sviluppo contenuto che caratterizza questo tipo di piante e la capacità di vegetare anche in condizioni estreme o in spazi contenuti. Per questo caso sono da preferire le ciotole in terracotta optando eventualmente per quelle colorata o smaltate secondo i gusti, poco profonde e con diametro di 30-35 cm. Si utilizzeranno via via vasi sempre più profondi se le caratteristiche dell’apparato radicale o lo sviluppo finale delle varie piante lo richiedono. Una composizione di sicuro effetto può risultare dall’associazione di guzmania, croton, Spatifillo e Chamadorea al quale possano essere aggiunte piante e fioritura stagionale come calceolaria o narciso. Per procedere alla preparazione bisogna svasare tutte le piante occorrenti e sistemarle su un tavolo da lavoro dove viene sistemato a portata di mano del terriccio già inumidito e una paletta di  giardinaggio. Sul fondo del vaso va sempre sistemata una manciata di argilla espansa o altro che abbia la funzione di drenare l’acqua in eccesso, quindi uno strato di terriccio. Si passa poi alla collocazione delle piante partendo da quelle più grandi come nel caso della Chamadorea e dello Spatifillo per poi passare in successione alle altre bloccandole al fondo con una manciata di terriccio. Una svolta che sono state tutte sistemate si può passare a riempimento degli spazi tra piante di modo che il vaso sia riempito di terriccio 1-2 cm sotto il bordo, dopo una abbordante annaffiatura e infine si  rabboccano eventuali zone rimaste vuote o non compresse sufficientemente bene. Le piantine vanno sistemate in modo armonioso e la composizione nell’insieme deve risultare molto fitta di piante riempiendo dove si rende necessario i piccoli spazi rimasti come piante stagionali che una volta si fiorite e vanno eliminati sostituite con altre. È conveniente tenere al riparo della luce diretta del sole per i primi 4-5 giorni e somministrare concime dopo 15-20. Un foglio di cellophane trasparente, un fiocchetto colorato  accompagnato un biglietto trasforma il tutto in un regalo “verde” sempre gradito alla persona che riceve.

Ott

13

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Ad ognuno il suo posto

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Ad ognuno il suo posto

Per favorire una crescita rigogliosa sono necessari clima e ambiente giusti. Qualsiasi ambiente o angolo, sia della casa che dell’ufficio può essere valorizzato sistemando opportunamente delle piante le quali con i loro colori rendono gli ambienti più ospital e confortevoli generando un piacevole sensazione rilassante. Il più delle volte però, nella scelta delle stesse non si tiene conto delle particolari condizioni climatiche e ambientali che le varie specie richiedono ma la scelta cade come si ci si trovasse di fronte a un pezzo d’arredamento considerando la colorazione delle foglie, la voluminosità della piante o ancora la bellezza della ciotola e solo poche volte si tiene conto delle reali esigenze della piante e dell’ambiente doveva bisogna collocarla. Per l’esatta sistemazione della piante in casa, bisogna tener conto di due fattori importanti che sono la luce e la temperatura. In effetti tale collocazione non dovrebbe essere difficile in quanto nella costruzione delle case sì che con i soliti collocare la camera da letto e nord mentre soggiorno, salotto e studio sono in genere le camere con l’esposizione alla luce migliore e quindi tra le più calde. In vista di queste considerazioni in questi ultimi ambienti , durante i periodi estivo vanno preferibilmente collocate Impatiens, Sanseveria, Euphorbia e le piante grasse però, se al caldo viene associata poca luminosità, sono da preferire piante come Maranta, e la Calathea, alcune varietà di ficus. Richiedono decisamente locale ombreggiato ma caldo il filodendron, comunissimo nelle abitazioni per le buone caratteristiche di resistenza e per il suo portamento a liana, il cissus e l’Hasparagus i quali nelle sale spaziose possono esser utilizzati per fare da separè tra una zona e l’altra. Il filodendron per le caratteristiche già citate, si adatterà bene in un ambiente particolare come il bagno, soggetto a frequenti sbalzi di temperatura con umidità e calore a tratti molto elevati e la cucina la quale presenta condizioni analoghe a bagno a causa del calore intenso sprigionato dalla cottura delle pietanze e spesso si passa al freddo immediato quando si aprono le finestre per eliminare cattivi odori; in questo caso è possibile unire l’utile al dilettevole posizionando nei vari angoli varie piante aromatiche oppure, qualora il locale fosse colori locale fosse abbastanza numeroso, si è venderanno molto bene anche ficus ed euforbia. Infine per la camera da letto dove generalmente si hanno condizione di poca luminosità e quindi di freschezza sono da preferire le felci bisogna convivere con armonia e sfatare la regola per cui nelle negli ambienti dove si riposa vanno allontanate le piante,  fermo restando che non si tratta di una vera e propria foresta.

Apr

24

By potatore

Commenti disabilitati su Composizioni…

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Composizioni…

Una composizione di piante fatta con specie diverse può essere una soluzione per concentrare in un unico vaso piante di diversa bellezza ma con caratteristiche pedologiche, idriche e nutrizionali simili, ma può anche essere una valida soluzione per una idea regalo insolita e fatta in casa. Per la realizzazione bisogna inizialmente scegliere il vaso adatto che deve tener conto della profondità dell’apparato  radicale delle varie specie, del numero di piante da sistemare e dell’ambiente in cui va collocato. Ovviamente, rispetto al primo caso, se trattasi principalmente di piante grasse la profondità del vaso non deve essere eccessiva visto lo sviluppo contenuto che caratterizza questo tipo di piante e la capacità di vegetare anche in condizioni estreme o in spazi contenuti. In questo caso sono da preferire le ciotole in terracotta optando eventualmente per ciotole colorate o smaltate, secondo i gusti, poco profonde e con diametro di 30-35 cm. Si utilizzeranno via via vasi o ciotole più profonde se le caratteristiche dell’apparato radicale e lo sviluppo finale delle varie piante lo richiedono. Una composizione di sicuro effetto può risultare dall’associazione di Guzmania, Croton, Spatifillo e Chamaedorea,  al quale possono essere aggiunte piante a fioritura stagionale come Calceolaria o Narciso. Per procedere alla preparazione bisogna svasare tutte le piante occorrenti e sistemale su un tavolo da lavoro dove viene sistemato a portata di mano del terriccio già inumidito e una paletta da giardinaggio. Sul fondo del vaso va sempre sistemata una manciata di argilla espansa o altro che abbia la funzione di drenare l’acqua in eccesso, quindi, uno strato di terriccio. Si passa, poi, alla collocazione delle piante partendo da quelle più grandi come nel caso della Chamadorea e dello Spatifillo per poi passare in successione alle altre, bloccandole al fondo con una manciata d terriccio. Una volta che sono state tutte sistemate si può passare al riempimento degli spazi tra piante in modo che il vaso sia riempito di terriccio 1-2 cm sotto il bordo, dopo una abbondante annaffiatura e infine si rabboccano eventuali zone rimaste vuote o non compresse sufficientemente bene. Le piantine vanno sistemate in modo armonioso e la composizione nell’insieme deve risultare molto folta e ricca di piante riempiendo ove si rende necessario i piccoli spazi rimasti con piante stagionali che una volta sfiorite vanno eliminate e sostituite con altre. E’ conveniente tenere al riparo della la la luce diretta del sole per i primi 4-5 giorni e la somministrazione di concime dopo 15-20. Un foglio di cellophane trasparente, un fiocchetto colorato accompagnato da un biglietto trasforma il tutto in un “verde” regalo

Ott

11

By potatore

Commenti disabilitati su Ottobre nell'orto

Categories: Agricoltura, Giardino

Tags: , , , , , ,

Ottobre nell'orto

I lavori dell’orto nel mese di ottobre tendono a diventare meno impegnativi. La temperatura tende progressivamente ad abbassarsi e si riducono notevolmente anche le ore di  luce che in questo periodo si attestano all’incirca sulle 12. Per prolungare la produzione di alcune colture diventa  necessa­rio predisporre  delle protezioni che riparino  le  colturenelle ore notturne e dal freddo imminente.  In  caso  di  nuovi acquisti di teli  per  approntare  la copertura di eventuali serre, sarà  bene orientarsi su  teli con spessore superiore ai 0,15-0,20 millimetri del tipo EVA oppure in polietilene termico antigoccia che offrono sicura­mente  all’interno, condizioni termiche migliori ed  evitano  effetti  indesiderati di condensa. Per ragioni  strettamentente economiche è consigliabile utilizzare i tunnel per colture a breve  ciclo,  in fase di produzione  oppure  per  semenzai. Resta beninteso che il periodo autunnale è anche il  periodo della pianificazione delle semine; solo una giusta rotazione tra le diverse specie può garantire produzioni abbondanti  e ridurre  notevolmente  lo sviluppo di parassiti.  Nel  caso specifico dell’aglio,  ad  esempio, di cui  è  prossima  la semina, occorre evitare la semina su terreno appena letamato facendolo  “succedere” nella coltivazione  a  colture  come pomodoro   e zucchine  abbondantemente  letamate   all’atto  dell’impianto; sempre in successione a pomodoro e  melanzane può  trovare posto anche un’altra bulbosa come  la  cipolla. Per  tutto  il  mese corrente èpossibile  provvedere  alla semina  di valerianella, lattuga da taglio e radicchio  che preferibilmente andranno a prendere posto negli  appezzamen­ti,  precedentemente adibiti a patate o leguminose;  radicchi e scarole in fase di raccolta vanno invece legate per  favo­rire l’imbianchimento. Solo i cavoli meritano una attenzione particolare  in questo ultimo periodo in quanto sono  ancora in piena vegetazione: verza, cappuccio, broccoli e cavoletti di Bruxelles sono solo alcune delle varietà in piena  produ­zione  e che necessitano ancora di irrigazioni  e  controlli.

Lug

7

By potatore

Commenti disabilitati su I colori dell'estate mediterranea!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

I colori dell'estate mediterranea!!

 

Il nostro paese è sicuramente tra i più belli al mondo e ogni anno le nostre città vengono invase da turisti che con occhio attendo rimangono affascinati dalla moltitudine di reperti archeologici presenti un po’ in tutte le regioni e dai colori del nostro paesaggio che nonostante la continua lotta con l’aggressione del “cemento” rimane ancora gradevole e molto variopinto. Dal Nord Italia fino alle regioni insulari alcune piante determinano e caratterizzano con le loro forme e colori scenari da immortalare per le fameliche macchine fotografiche sempre alla ricerca di “momenti da ricordare“. L’ormai popolarissimo oleandro fa da guida sulle calde autostrade a separare quanti ancora arrivano da coloro che ritornano. Trovarlo coloratissimo e molto rigoglioso sugli spartitraffico oppure nelle fiumare ormai arse dal sole estivo dà il senso della resistenza di questa pianta alle alte temperature estive. Molti allo stesso tempo lo possono ricordare durante i mesi invernali, sotto al brina, però al riparo di un muro di una villetta o di una capannina di plastica. Molto resistente, infatti, a valori termici opposti si è ormai naturalizzato in tutta la penisola e viene apprezzato per l’abbondante e prolungata fioritura. Gli esemplari allevati in vaso fioriscono durante il periodo luglio-agosto mentre nei climi caldi gli oleandri sono sempre in fiore. Il colore tipico dei fiori è rosa ma esistono varietà con fiori rossi, porpora, gialli, arancione e bianchi. Per avere una buona fioritura occorre posizionare il vaso in pieno sole, durante il periodo vegetativo innaffiare con parsimonia e lasciare sempre asciugare la parte alta del vaso prima di una nuova somministrazione di acqua e infine durante la fioritura non lasciare mai asciugare l’apparato radicale pena il mancato sviluppo dei boccioli. Decisamente più delicata rispetto all’oleandro è la buganvillea che forma macchie molto colorate nei parchi e giardini del Centrosud ma che necessita di riparo al Nord dove viene coltivata in vaso e al riparo durante la stagione fredda. Rimane un arbusto molto esigente in fatto di luce e per la fioritura richiede una esposizione al sole durante il periodo vegetativo non inferiore alle 4-5 ore giornaliere di pieno sole. Per quanto riguarda le irrigazioni valgono più o meno le stesse regole prima descritte per l’oleandro dal quale però la buganvillea si differenzia per la minore resistenza alle basse temperature che durante il periodo invernale non dovrebbero scendere al di sotto dei 10°C. Meno conosciuta, al Nord, ma molto apprezzata nelle altre regioni è la bignonia, pianta rampicante originaria delle regioni tropicali molto adatta a ricoprire muri e formare pergolati. La pianta ha foglie composte di 2-3 foglioline coriacee ed e riconoscibile per i fiori molto vistosi a campanula di colore rosso arancio. Buona la resistenza al freddo per cui anche al Nord è possibile allevarla in pien’aria a ridosso di un muro oppure a ravvivare le colonne di un porticato.

Mag

17

By potatore

Commenti disabilitati su Maggio..nell'orto

Categories: Agricoltura, Giardino

Tags: , , , ,

Maggio..nell'orto

Maggio è il mese in cui tutti vorrebbero abitare in campa­gna  o quantomeno possedere un pezzo di orto  o di  giardino in  cui assistere al rapido crescere delle piante che con  i loro   colori  e profumi danno un senso di  tranquillità  a coloro  che il tran tran cittadino costringe per  molte  ore alla scrivania oppure per le vie trafficate. Per coloro che invece l’orto lo possiedono è il momento  di una attività frenetica, intensa di lavori e di soddisfazioni visto che ormai la giornata  è molto lunga  (14-15 ore di luce)  e  le temperature ormai stabilizzate danno  rigoglio  e splendore  all’orto.  I fiori maschili delle  zucchine sono ormai  pronti  da raccogliere e sono  riconoscibili per  la presenza  del gambo mentre i fiori femminili  si si  presentano attaccati  alla base del frutto che si ingrossa via via  che il fiore appassisce.  I fiori maschili possono essere asportati  anche completamente e utilizzati in cucina tranne  nel caso in cui si vuole produrre frutti che diano semi da  utilizzare l’anno successivo. I pomodori sviluppati già al terzo-quarto palco presentano i fiori e in virtù dello sviluppo raggiunto necessitano dei tutori. Evitare di utilizzare come sostegno paletti in plastica o ferro che esposti al sole  si riscalderebbero  eccessivamente provocando scottature alle piantine. Se vi è la presenza della struttura di una piccola serra, le piantine di pomodoro possono essere  sorrette  da fili plastica o altro  con le due cime rispettivamente legate  alla base della pianta e alla struttura della serra;  il filo va attorcigliato per tutto lo stelo senza creare  danno alla pianta. A prescindere del sistema di sostegno le piante di pomodoro allevate in altezza vanno scacchiate cioè vanno eliminati tutti i rami ascellari e per motivi igienici anche le  foglie basali o immediatamente a contatto con  il  suolo fonte di sviluppo di malattie crittogamiche. Anche le melan­zane  vanno  private delle foglie basali  ingiallite  ma  in considerazione  della data di impianto e del loro  contenuto sviluppo  radicale, tale operazione va effettuata con  molto cautela.

Feb

2

By potatore

Commenti disabilitati su Potature come procedere!

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Potature come procedere!

 

Potatura parlarne non è mai abbastanza specialmente in questo periodo in cui sta per iniziare la potatura primaverile e che vede i giardinieri hobbistici alle prese con mille problemi e altrettante domande e che non sempre potranno trovare tutte risposte esauriente ma, di seguito si tenderà, quantomeno, a far luce su alcuni interventi di una certa importanza per la crescita e il mantenimento dello stato sanitario della pianta.
In particolare si vuole considerare lo sfoltimento di una piante di medio sviluppo come ad esempio meli, peschi e ciliegi da fiore che dopo alcuni anni tendono eccessivamente ad infittirsi e che pertanto vanno alleggerite. Prima intervento è quello di privarle di tutti i rami che si mostrano deboli, che si sono essiccati a causa di eventi meteorici o semplicemente da problemi relativi alla circolazione della linfa. Si passa quindi alla soppressione di rami paralleli al tronco principali o di tutti quelli che tendono a contrastare lo sviluppo del germoglio centrale della pianta avendo cura sempre di utilizzare forbici ben affilate e lame senza sbavature. L’attenzione va quindi posta a tutti quei rami che si sfregano l’un l’altro e di una certa consistenza. Vanno, inoltre, asportati tutti i ricacci lungo il tronco principale fino all’altezza in cui si dipartono le branche principali di solito quattro-cinque o leggermente sopra tenendo in ogni caso presente che i ricacci vanno sempre soppressi a meno che non si deve sostituire una branca mancante o danneggiata.
I ricacci sviluppati alla base del tronco vengono invece chiamati polloni ed alcuni di questi, in certe specie, vengono utilizzati come materiale di propagazione per la loro capacità di emettere facilmente radici. Meli da fiori, tigli, ulivi hanno la facile tendenza ad emettere una folto numero di polloni che tendono a togliere preziosa linfa al fusto principale e pertanto vanno prontamente eliminati. Quando si interviene tempestivamente questi possono facilmente essere eliminati per semplice strappo con le mani ma talvolta e necessario intervenire con forbici e talvolta occorre smuovere il terreno sottostante per arrivare alla base degli stessi. Se diventa necessario asportare una grossa branca occorre procedere con cautela e per gradi. Quando la ramificazione è lunga va inizialmente raccorciata con tagli successivi e fino quando non si lascia un moncone di 30-40 cm. Quest’ultimo va eliminato segandolo inizialmente dal basso verso l’alto per alcuni cm e successivamente al contrario fino al completo distacco e in modo da evitare pericolosi scortecciamenti. Il taglio deve risultare netto e liscio e se è il caso va ripassato con un coltello in modo di favorire l’azione cicatrizzante della stessa pianta. Infine ricordarsi di sterilizzare sempre gli attrezzi da taglio al fine di evitare la facile trasmissione di malattie tra cui quelle virali e la semplice immersione in alcol e il passaggio alla fiamma è più che sufficiente per non correre problemi trasmissione di batteri

Nov

25

By potatore

Commenti disabilitati su Bonsai..le cure d'inverno!!

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Bonsai..le cure d'inverno!!

di Matteo Caliendo

kimura-bonsai

…è arrivato il periodo invernale, le giornate si accorciano, il clima si fa più freddo, il cielo plumbeo e l’odore acre di legna dei caminetti accesi è nell’aria. Ma con i nostri amati bonsai come dobbiamo comportarci? Anzitutto è fondamentale capire con che specie abbiamo a che fare per poi sapere conseguentemente come agire. Spesso ci si imbatte in testi che trattano l’argomento ma per quanto ben fatti senza dubbio non potranno essere universali in quanto scritti in altre parti del mondo dove le stagioni sono diverse e quindi di conseguenza le relative temperature. Per quanto riguarda la specie sarà ben facile capirne la provenienza anche solo –se siete appassionati di natura- osservando le specie autoctone presenti nei nostri boschi e nelle nostre vallate e confrontandola nel nostro piccolo con quella da noi coltivata; se diversa ed abbiamo qualche scrupolo meglio portarla all’interno della nostra abitazione o malgrado ripararla al meglio. Ma vediamo alcune accortezze da seguire quando vi sono da fare queste pratiche tanto semplici quanto delicate. Il nostro bonsai come tutti i vegetali è un essere vivente e come tale và considerato, evitiamogli i famigerati quanto dannosi sbalzi di temperatura, qualora fosse necessario portare il bonsai all’interno facciamo si che il periodo in cui lo stesso viene portato all’interno non sia ne troppo freddo–rispetto alla temperatura della nostra abitazione- ne troppo caldo. Nel momento in cui lo portiamo all’interno garantiamogli almeno una nottata al fresco ponendolo magari in un sottoscala dove la temperatura sarà senz’altro maggiore di quella esterna e ciò garantirà uno sbalzo di temperatura minore possibile. La giornata successiva dopo almeno 24 ore possiamo procedere alla sistemazione definitiva della pianta all’interno dell’abitazione sempre però con alcune accortezze. Osserviamo che la pianta venga posta lontano da fonti dirette di calore (per esempio caminetti o termosifoni), che venga posta in prossimità di una zona dove vi sia garantita una buona luminosità pur non essendo alla luce diretta del sole. Un davanzale può essere senz’altro una valida risposta a queste esigenze ricordandoci però di girare il bonsai almeno una volta ogni quindici giorni cosìcchè i rami si sviluppino in modo omogeneo e la pianta riceva la luce “ a 360 gradi”. Riduciamo poi leggermente le frequenze con il quale bagneremo la pianta prestando la massima attenzione che non ristagni assolutamente acqua nel sottovaso. Ricordando come già detto peraltro in articoli precedenti che il bonsai va bagnato non appena il terriccio si presenta secco al tatto. Questo per quanto riguarda le specie più delicate e quindi alloctone (non della zona) tipicamente quindi quasi tutti i “bonsai” –le virgolette sono volontarie-acquistati in quanto provenienti da grandi catene di distribuzione situate oltre oceano.  Ma…per quanto riguarda le specie autoctone come dobbiamo agire e comportarci? Nel prossimo post la risposta..

Nov

18

By potatore

Commenti disabilitati su Se l'inverno segue il suo cammino…….

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Se l'inverno segue il suo cammino…….

estate-di-san-martino

“Se l’inverno segue il suo cammino voi l’avrete a San Martino”. I proverbi molto usati dai vecchi contadini cadenzavano l’arrivo dei vari mutamenti della natura e il succedersi delle stagioni e delle varie attività svolte nei campi. San Martino, sul datario l’11 Novembre, viene inoltre richiamato alla memoria per la sua “estate” e secondo la tradizione dà il via alla spillatura del vino nuovo. Nell’orto l’arrivo del mese di Novembre comporta indubbiamente l’inizio dei primi freddi e anche se le giornate risultano assolate, già al mattino è possibile vedere come le  nebbioline e le foschie cominciano a ripetersi con frequenza e durante la giornata, mai ridottasi a circa 9-10 ore di luce, le temperature si aggirano tra i 12-13 gradi. L’orto si prepara al riposo invernale gli  ultimi lavori vanno effettuati tenendo d’occhio il termometro. Per tutto il mese si può provvedere alla raccolta dei cavoli cappucci e delle verze mentre potranno rimanere sul campo le varietà tardive molto resistenti al freddo. Se ancora non si è provveduto alla  raccolta degli spinaci sarà conveniente predisporre delle protezioni con film in plastica  mentre per le carote sarà sufficiente spargere sopra fogliame o paglia che li proteggeranno da eventuali sbalzi di  temperatura  in  attesa di provvedere alla raccolta e successiva sistemazione in cantina. Evitare di vangare i terreni troppo pesanti e lasciare gli appezzamenti lasciati liberi dalle colture inerbiti. Le giornate piovose possono eventualmente essere impiegati per la pulizia degli attrezzi che una volta inutilizzati vanno accuratamente puliti pennellando possibilmente le parti ferrose con del gasolio che farà da protezione all’insorgere della ruggine. Sarà inoltre opportuno effettuare il controllo sullo stato dei manici di legno ed eventualmente provvedere alla loro sostituzione come a quella delle altre parti degli attrezzi.

Ott

7

By potatore

Commenti disabilitati su L'orto…di ottobre

Categories: Agricoltura, Giardino

Tags: , , , , ,

L'orto…di ottobre

Pulire le aiuole zappettando leggermente in superficie dopo aver effettuato una leggera concimazione ma solo per le varietà tardive. Procedere alla raccolta delle varietà precoci ed estivo autunnali via via che l’infiorescenza (cavolfiore o broccolo) o la palla (cavoli cappuccio e verza) raggiungono la consistenza desiderata e le dimensioni caratteristiche delle varietà di appartenenza. Da ottobre iniziare la messa a dimora dei piccoli bulbi di aglio, di cipolla bianca e colorata, cipolline e porro. Evitare di somministrare letame negli appezzamenti interessati e preferire la coltivazione in quelli rimasti liberi dalle precedenti colture come pomodoro, zucchine e melanzane che invece erano state letamate abbondantemente all’atto della messa a dimora. Le aiuole di indivia riccia e scarola vanno ripulite dalle erbe infestanti e i cespi già sviluppati prima della raccolta possono essere legati con un elastico per favorire l’imbianchimento. La raccolta di queste specie va effettuata ripulendo la parte esterna formata da foglie rovinate ed eccessivamente imbrattate di terra e utilizzando la parte più interna che per effetto della mancanza di luce diventerà bianca. Le patate raccolte in precedenza e sistemate in cantina vanno controllate per tutto il primo mese di conservazione al fine di evitare che, la presenza di qualche patata marcia, provochi ulteriori perdite di prodotto. Selezionare in base al calibro e in moda da suddividere il prodotto in base agli usi propri.

Apr

11

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Nell'acqua…..sguazzano i caimani

La privatizzazione dell’acqua ha portato, in quest’ultimo periodo, molte lamentele che avranno seguito nel prossimo referendum quando i cittadini avranno la possibilità di decidere: gestione in mano ai privati oppure  gestione pubblica?  Certo è che la gestione in mano ai privati ha fatto nascere parecchi malumori innanzitutto per l’aumento delle tariffe poi per il ricevimento di cartelle poco trasparenti per consumi e prezzi praticati, e poi per la mancanza un garante per l’acqua potabile.  Al contrario di luce e gas, inoltre, il cittadino non può scegliere tra diversi operatori e quindi le nuove società che sono state create hanno dato vita ad una variabilità di prezzi praticati e norme  più o meno arbitrarie sulle condizioni di nuovo allacciamento, subentro o cessazione  dell’utenza e trovano il consumatore senza nè garanzie nè una valida alternativa di gestore: vige il più iniquo monopolio. Cosa curiosa, anche per esperienza personale, sono i casi di subentro, in tali casi la società erogante pretende dal subentrante il pagamento delle bollette insolute dal precedente intestatario senza aver  nessun titolo legale per tale richiesta. In pratica un proprietario di immobile che ha affittato l’appartamento ad un inquilino che dopo un breve periodo di permanenza risulta moroso e per tale motivo sfrattato si trova a dover anche far fronte, a detta delle società erogante, al pagamento degli insoluti nonostante non abbia mai firmato alcun contratto e che sia l’inquilino l’ intestatario dell’utenza. E’ come se l’inquilino sottoscrivesse un abbonamento ad una pay-tv e il locatore in caso di sfratto dovesse sobbarcarsi anche le quote di tale abbonamento non pagate. Furbata: “noo” rispondono i nuovi gestori acque ma se ne vuoi il subentro ti devi far carico dell’insoluto altrimenti paghi un nuovo allaccio a prezzi tali da scoraggiare qualsiasi padre di famiglia. Un ricatto in grande stile  viste le  leggi attuali e i tempi della giustizia ordinaria. Adire alle via legali significherebbe di fatto farsi patrocinare da un legale per far valere dei diritti che inevitabilmente troverebbero  molti motivi di cavillo legale e nel frattempo ? non ti lavi, non cucini, eviti di lavare i pavimenti  o usi l’acqua in bottiglia? Se lo scopo della privatizzazione dell’acqua fosse quello di evitare che sul mercato agissero un numero elevato di operatori con servizi diversi e tariffe poco omogenee chiunque, di buon senso, avrebbe dato parere favorevole, ma passare da una eccessiva frammentazione ad un unico e monopolista gestione significa far ricadere come al solito sull’utenza i costi e i disservizi di tali accorpamenti. In attesa dei referendum per il cittadino è necessario stringere i denti, e sopportare le angherie di call center dalla risposta pronta e poco inclini ai rapporti personali.   Il risultato è prevedibile: se non stai attento all’acqua rischi di essere azzazzato dai …..caimani.

 

Mar

9

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , , ,

La potatura degli alberi da frutta

 

Potare  correttamente  gli alberi da frutta  che  trovano posto nel giardino di casa è stato da sempre l’aspirazione di tutti a prescindere da eventuali insuccessi che si possono ottenere. Contrariamente a  quanto,  in  generale qualcuno può ritenere, le piante non potate,  inizialmente, producono  più di quelle potate, anche se i frutti prodotti sono   piccoli  e di qualità inferiore  ma successivamente tenderanno  a  formare  una eccessiva quantità  di  rami  e foglie  che il più delle volte pregiudicano gravemente  lo stato  sanitario della pianta. Pertanto, i vantaggi della potatura, si possono sintetizzare in tre punti: la possibilità di dare una forma, il mantenimento di  una equilibrata distanza   e armonia fra i rami e stimolare  le  formazioni vegetali in cui sono presenti le gemme portatrici di fiori.  Il  primo punto è sicuramente importante quando le  piante da  frutto  sono localizzate in giardino e alla  pianta  non viene  richiesta  solo la produzione di frutta ma  anche  la capacità di rimanere in armonia con arbusti e alberi ornamentali che normalmente  caratterizzano il  giardino.  In questo caso sono da scartare  a priori le forme obbligate  e orientare la potatura in modo che la pianta assuma una forma a  globo,  vaso  o fusetto a seconda   della  specie.  Oltre all’aspetto decorativo va in ogni caso ridimensionata,  alle proporzioni  del  giardino, la chioma che deve  rimanere  di dimensioni ragionevoli. Il secondo punto sull’esatto diradamento dei rami, è determinante in quanto influenza  notevolmente  lo stato sanitario della pianta: a tal  scopo   vanno inizialmente rimossi i rami che presentano anomalie causate da  cancri e gommosi, quelli danneggiati dalle gelate  o  da grandinate.  Cosi  facendo si eliminano eventuali focolai  di malattie e successivamente, una volta evidenziati i rami che caratterizzano l’impalcatura della pianta (quattro cinque al massimo) vanno effettuati pochi tagli che creino molta  luce e  passaggio  di aria all’interno della pianta. Il  terzo  e ultimo punto  è invece quello in cui viene richiesta una  più specifica conoscenza tecnica sui rami che sono portatori  di gemme a fiore o di gemme a frutto. Infatti le specie frutti­ficano  in  modo  diverso  e le  differenze tra  alberi  di  pesche  e di  mele, ad esempio, dopo una potatura  risultano notevoli. Il pesco, fruttifica principalmente  su rami misti lunghi 40-70 cm inseriti su branche principali o secondarie e  quindi  la vegetazione ogni anno va rinnovata  e  ridotta fino al 70%  mentre per ottenere un rinnovo  costante capace di  fornire produzioni ottimali su meli  occorre  asportare intorno al 20% dei rami presenti lasciando un giusto  numero di lamburde formazioni vegetali  in cui meli e peri frutti­ficano maggiormente. Prima  di effettuare qualsiasi intervento cesorio va  sempre valutata la vigoria della pianta e i tagli saranno abbondanti se questa risulterà debole mentre se la pianta è vigorosa vanno effettuati pochi tagli di sfoltimento.

Ott

31

By potatore

Commenti disabilitati su Ogni pianta al suo posto

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Ogni pianta al suo posto

Qualsiasi ambiente o angolo, sia della casa che dello ufficio può essere valorizzato con l’utilizzo di piante  le quali rendono  gli ambienti sicuramente  più  ospitali  e confortevoli. Il più delle volte però, nella scelta delle stesse non si tiene  conto delle particolari condizioni climatiche e ambientali che le varie specie richiedono ma la scelta cade come se ci si trovasse di fronte ad un pezzo d’arredamento considerando  la colorazione delle foglie, la  voluminosità della  pianta  o ancora la bellezza della ciotola e  solo poche volte si  tiene conto delle reali esigenze  della pianta e dell’ambiente dove bisogna collocarla. Per  l’esatta sistemazione delle piante in casa,  due fattori importanti  sono la luce e la temperatura delle camere. In effetti tale collocazione  non dovrebbe essere difficile in quanto nella costruzione delle case si è soliti collocare la camera da letto a nord mentre soggiorno,  salotto e studio sono in genere le camere  con  migliore esposizione alla luce e anche più calde. In vista di queste considerazioni in  quest’ultime, durante il  periodo estivo vanno preferibilmente collocate  l’Impa­tiens, la Sanseveria, l’Euphorbia, l’Hibiscus  e le  piante grasse però, se al caldo viene associata  poca  luminosità, sono da  preferire specie come la Maranta, la Calathea e alcune varietà di Ficus. Richiedono decisamente un locale ombreggiato ma caldo  il Philodendron,  comunissimo nelle abitazioni per  le buone caratteristiche  di resistenza e per il suo  portamento  a liana,   il Cissus e l’Asparagus  i quali nelle sale   spa­ziose possono essere utilizzati per fare da separè tra una zona  e l’altra. Sempre il Philodendron, per le caratteristiche già  cita­te,  si  adatterà bene in un ambiente particolare come  il bagno,  soggetto  a  frequenti sbalzi  di  temperatura  con umidità e  calore a tratti elevati e la  cucina  la  quale presenta condizioni analoghe al bagno in quanto il calore intenso dei fornelli si associa all’umidità determinata dalla cottura delle pietanze e spesso si passa  al  freddo immediato quando si  aprono  le  finestre  per  eliminare  cattivi odori; in questo caso è possibile unire  l’utile al dilettevole posizionando nei vari angoli piante  aromatiche  oppure, qualora  il locale fosse abbastanza  luminoso,  si ambienteranno molto bene anche Ficus, Euphorbia, Zebrina.  Infine  per la camera da letto ove generalmente si  hanno condizioni di poca luminosità e freschezza sono da preferi­re  le Felci e le bulbose in genere, i pothos  e  la  Saxi­fraga con le quali bisogna convivere con armonia e  sfatare la regola per  cui negli ambienti dove si riposa vanno allontanate  le piante fermo restando che non si tratti  di una vera e propria foresta.

Ott

11

By potatore

Commenti disabilitati su I pesticidi sono l'ultimo dei mali

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

I pesticidi sono l'ultimo dei mali

Nella ricerca che i consumatori fanno tutti i giorni per trovare i prodotti più sani chimica­mente, molto volte porta­no  a casa frutta e verdura con una carica  di  microtossine ben più dannose di quelle di eventuali residui di  fitofar­maci. Come dimostrano studi recenti non sempre non sempre il prodotto naturale è sinonimo di salute; infatti, in  natura la pianta per difendersi da funghi, batteri ed altri  paras­siti sia vegetali che animali produce una sorta di anticorpi che risultano molto più cancerogeni dei pochi milligrammi di residui  che si pos­sono trovare nei prodotti  ortofrutticoli come  residui  dei vari trattamenti  effettuati dal­l’uomo. Ormai  in campo alimentare la normativa è molto severa ed  i prodotti ortofrutticoli con resi­dui tossici superiori  alla legge sono solo una modesta ed irrilevante quantità. Da  non trala­sciare una fonte autorevole, la quale asserisce che il nostro organismo reagisce bene ad eventuali piccole dosi di sostanze  tossiche  o  velenose in quanto  anche  il  nostro organi­smo si difende con anticorpi. In ogni caso evitiamo di generalizzare poiché il prodotto eco­logico  purché  provenga da ditte serie  e  da  personale specializzato  è ed rimane un prodot­to di prima qualità,  ma bisogna  d’altro  canto evitare di pensare che alla  frutta bella,  liscia e lucente ci sia dietro chissà quale abbon­danza  di pesticidi ed altre diavolerie chimiche che  i  vari luoghi comuni rendono responsabili gli agricoltori. Non  serve, tra l’altro, ostinarsi a sbucciare a  tutti  i costi  le mele o le pere giustificando che le parti  esterne sono  le più ca­riche di sostanze tossiche; semmai  le  parti vicine  all’endocarpo o comunemente torsolo potranno essere le  più  ricche di sostanze nocive e  una  energica  lavata toglie sicuramen­te le sostanze nocive presenti sulla buccia. Lasciamo quindi che i bimbi ritornino a mangiare a morsi  le mele  che oltre alla componente vitaminica hanno una  azione balsamica per i nostri denti

Mar

22

By potatore

5 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Gli insetti sono un campanello d'allarme


Gli insetti sono un campanello d’allarme per il nostro ambiente, infatti la diminuzione della presenza di una specie di insetto va di “pari passo” con il diminuire della qualità dell’ambiente. Le farfalle sono fra i primi organismi a risentirne.  Molte specie di farfalle, un tempo numerose, ora sono divenute quasi introvabili, vedi ad esempio la Lycaena dispar (alcuni esemplari sono presenti in Oasi a Salzano).  La presenza di insetti è rilevante anche per gli altri animali, essi sono il cibo primario per tutti gli uccelli insettivori;  anche molti mammiferi si nutrono esclusivamente di insetti come pure per i rettili, per esempio lucertole o rane. Per l’uomo sono un fastidio ma vanno fatti i conti con la catena alimentare  e con il loro ruolo importantissimo per l’impollinazione. Sono loro che svolazzando di fiore in fiore impollinano la maggior parte dei vegetali, le farfalle ad esempio con la loro spiritromba arrivano ad impollinare fiori che altri insetti meno specializzati non vi riuscirebbero  come quei fiori a forma di calice. Va inoltre sottolineato la bellezza del loro svolazzare di fiore in fiore  con i loro colori sgargianti e forme affascinati:senza farfalle la” Vispa Teresa” probabilmente non sarebbe esistita. Molti insetti sono, poi, predatori di  specie vegetali dannose,  in genere gli insetti aggrediscono piante già ammalate, altri si nutrono di animali morti contribuendo alla pulizia dell’ambiente. La vita delle farfalle è molto breve e varia da una due settimane a qualche mese e se a questo aggiungiamo gli ambienti di vita di questo insetto le probabilità di vita si riducono. Aumento rapido della popolazione e la conseguente riduzione di centinaia ettari di habitat, agricoltura intensiva e uso eccessivo di pesticidi, rimboschimenti con conifere  poco luminosi al posto dei boschi decidui decisamente più adatti al proliferare delle farfalle e in ogni caso l’utilizzo di specie esotiche in sostituzione di quelle autoctone. Altre cause, come nel caso della Pianura Padana la scomparsa di siepi e bordure incolte ormai ridotte del 70-80% rispetto agli anni passati che determina l’ambiente ideale allo sviluppo dei bruchi e l’eccessivo inquinamento dell’aria.

Mag

28

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Prepararsi ai lavori di giugno

Categories: Potatore news

Prepararsi ai lavori di giugno

Siepi – Con l’arrivo di Giugno bisogna procedere al primo  taglio delle siepi. Il taglio deve accorciare di un terzo i nuovi germo­gli se trattasi di piante in accrescimento e molto energico  per le siepi dallo sviluppo poco rigoglioso.

Fiori e fronde secchi – Da giugno ad Agosto possibile provvedere  alla  semina della lunaria o “monete del papa”.  Le  piantine così  ottenute saranno pronte per l’anno successivo e  una  volta seccate sono l’ideale per composizioni di fiori secchi.

Piante in vaso – I vasi in plastica, con l’arrivo di  temperatura elevate, tendono facilmente a riscaldarsi eccessivamente  creando un ambiente poco ideale alle piante ivi contenute. L’utilizzo  di portavasi in vimini può risultare una valida soluzione.

Prato – I temporali estivi e le zone troppo umide e poco areate sono la causa della comparsa di zone di muschio sul prato. Sempre valido l’utilizzo di un anti-muschio ma il problema va risolto, preventivamente, con lavori di areazione del prato.

Piante da frutta – Le piante di pesco che hanno già prodotto, possono essere prepotate. Si tratta in pratica di effettuare degli interventi di diradamento che favoriranno la lignificazione e l’irrobustimento dei rami che produrranno l’anno successivo.

Piante d’appartamento – Le piante in casa devono essere poste in luogo molto luminoso e lontano dalla luce diretta del sole. Per le piante di origine tropicale la nebulizzazione delle foglie con acqua non calcarea sarà necessaria nelle giornate troppo secche

 

Gen

22

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Coltivare in balcone

Categories: Potatore news

Coltivare in balcone

orto-parete-2-amstudio-1067x400

Se le condizioni climatiche sono proibitive per le coltivazioni dell’orto, niente di più semplice può risultare dello spostamento della sede di coltivazione all’interno delle mura domestiche ove è possibile con l’ausilio di semplici accorgimenti effettuare la coltivazione di alcune essenze senza rinunciare così ai piaceri dell’orto. Per eseguire con un discreto successo la coltivazione occorre, innanzitutto, possedere un balcone o un davanzale esposto a Sud e ben luminoso necessario affinché‚ le future piantine godano del più possibile della luce solare necessaria  allo svolgimento della fotosintesi. Per il resto alcuni vasi in plastica o in cotto, un terriccio universale e una manciata di semi. Ovviamente la coltivazione in casa deve per motivi diversi orientarsi verso la produzione di piante aromatiche o la produzione di germogli di specie tipo crescione o germi di grano che possono essere consumati in aggiunta all’insalata. Particolarmente soddisfacente può risultare la preparazione di alcuni vasetti di basilico che per le proprie caratteristiche intrinseche può dare alle pietanze tutto l’odore della bella stagione. Infatti poche foglioline di basilico possono avere azione benefica sulla stimolazio­ne della saliva ed incrementare la produzione dei succhi gastrici nel nostro organismo migliorando così la digestio­ne. Anche il prezzemolo si adatta bene alla “vita casalinga” e per ottenere degli ottimi risultati basterà estrarre alcune piantine dall’orto e una volta sistemate in vaso, dopo un breve periodo di adattamento, non sarà più necessa­rio ricorrere a quello posto in precedenza nel congelatore. Merita una particolare attenzione la produzione di semi germinati o giovani germogli che in pochi giorni sono pronti per il consumo in variopinte insalate oppure per insaporire salse da accomunare con formaggi freschi. Tra le specie più utilizzate per la germinazione in casa crescione e soia, specie con una ottima capacità germinativa. Unica precauzione è quella di utilizzare semi non trattati possibilmente proveniente da coltivazioni biologiche.

Dic

4

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Conosciamo il favino…

Categories: Allevamento, Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Conosciamo il favino…


Il favino è una leguminose appartenente alla tribù delle Vicieae. Appartiene alla varietà minor, si distingue dalle altre varietà in base alla dimensione dei semi; quelli del favino sono rotondeggianti e relativamente piccoli (1.000 semi pesano meno di 700g) e si impiegano per seminare erbai e sovesci e anche come concentrati nell’alimentazione del bestiame.Il favino è una pianta annuale, a rapido sviluppo, a portamento eretto, glabra, di colore grigio-verde, a sviluppo indeterminato. La radice è fittonante, ricca di tubercoli voluminosi. Gli steli eretti, fistolosi, quadrangolari, alti fino a 1,50 m (media 0,80-1,00) non sono ramificati, ma talora si può avere un limitatissimo accestimento con steli secondari sorgenti alla base di quello principale.Le foglie sono alterne, paripennate, composte da due o tre paia di foglioline sessili ellittiche intere, con la fogliolina terminale trasformata in un’appendice poco appariscente ma riconducibile al cirro che caratterizza le foglie delle Vicieae. I fiori si formano in numero da 1 a 6 su un breve racemo che nasce all’ascella delle foglie mediane e superiori dello stelo. I fiori sono quasi sessili, piuttosto appariscenti (lunghezza 25 mm), la corolla ha petali bianchi e talora violacei e, quasi sempre, con caratteristica macchia scura sulle ali. L’ovario è pubescente, allungato e termina con uno stigma a capocchia, esso contiene da 2 a 10 ovuli.Nel favino la fecondazione può essere allogama, con impollinazione incrociata operata da imenotteri (api e bombi), o autogama. L’ovario fecondato si sviluppa in un baccello allungato, verde allo stato immaturo, bruno quando maturo e secco, esso contiene da 2 a 10 semi.Uno degli usi più frequenti del favino è quello come coltura da sovescio, in questo caso il favino va seminato a inizio autunno, così che abbia raggiunto un buono sviluppo prima dei freddi invernali, e poi in primavera quando si trova in fioritura la coltura viene arata in modo che tutta la parte verde sia interrata. Così facendo  si arricchisce il terreno di sostanza organica che sarà facilmente degradata in quanto il terreno dove si trovava il favino è ricco in azoto grazie all’azoto fissazione dei batteri simbionti delle radici e quindi i microrganismi troveranno un substrato ideale sul quale moltiplicarsi e in seguito degradare la sostanza organica. Inoltre, con questa tecnica, si arricchisce di molto il contenuto in acqua del terreno che sarà ceduta lentamente e quindi si eviteranno stress idrici alle colture che seguiranno. Nonostante una parte di azoto venga usato dai microrganismi nel terreno ne rimane una buona quantità, per questo si deve evitare di fare il sovescio di leguminose per vari anni sullo stesso appezzamento soprattutto se ci sono colture arboree perché la forte presenza di azoto promuove un’anticipata ripresa vegetativa correndo quindi maggiori rischi di gelate tardive.Altro uso che negli ultimi anni sta prendendo campo è quello di usare il favino come coltura rinettante, questo tipo di coltivazione ha due scopi principali, uno è quello di evitare l’erosione del terreno durante le piogge autunnali e invernali, soprattutto in terreni collinari che altrimenti rimarrebbero scoperti per tutto il periodo invernale, e altra importante funzione è quella di evitare lo sviluppo di infestanti così quando si arriva a coltivare la coltura principale abbiamo un terreno completamente sgombro da infestanti. Questo perché questo tipo di colture sono seminate in maniera molto fitta e hanno un rapido sviluppo e soffocano tutte le altre essenze, poi, quando sono sviluppate, non fanno passare la luce e quindi le infestanti non possono germogliare.Quella che doveva essere la vocazione principale della coltivazione del favino e cioè la produzione di granella per alimentazione del bestiame negli ultimi decenni era andata scomparendo, soppiantata dalla soia,  preferita in quanto ha un altissimo contenuto in proteina.Per l’alimentazione del bestiame si usano le farine d’estrazione o i panelli, cioè soia a cui è stato estratto l’olio e nella quale la percentuale proteica è concentrata raggiungendo valori del 46%, il favino invece ha un titolo in proteine del 20-21% e quindi il confronto non era proponibile, basta meno della metà di soia rispetto al favino per coprire i fabbisogni di un animale. Ma negli ultimi anni si è riscoperto perché la soia è in gran parte OGM e quindi tutti gli allevamenti biologici non la possono utilizzare per alimentare il proprio bestiame e quindi sono ritornati ad usare o il pisello proteico o il favino che non hanno subito nessun tipo di modificazione genetica.Una delle varietà che è più usata in tutto il centro Italia è la “Vesuvio” che si adatta molto bene anche a terreni pesanti, e non richiede irrigazione. Le aziende biologiche sono le più interessate all’utilizzo del favino per i vari motivi visti primi, anche l’uso come coltura rinettante e da sovescio è molto importante in quanto nelle aziende biologiche non si possono usare diserbanti e quindi arrivare alla semina avendo un terreno sgombro da infestanti non è cosa da poco conto, come pure il controllo dell’erosione che dovrebbe interessare tutte le aziende ma maggiormente quelle che non possono fare un largo uso di concimi chimici e quindi perdere la parte superficiale del terreno che è quella più fertile diventa una grave perdita

Ott

20

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Arriva l’autunno!!

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Arriva l’autunno!!

Tra  il  22  e il 23 del corrente mese  ha   inizio nell’emisfero boreale l’autunno che coincide con la primave­ra dell’emisfero australe. La natura incomincia ad  assumere i colori tipici della stagione e lo stesso orto ridimensiona quelli  sgargianti della bella stagione, determinati  dalle coltivazioni  estive, e solo gli ultimi  pomodori  offrono qualche  sprazzo di rosso mentre per il resto  predomina  il verde delle coltivazione tipiche autunnali: lattughe, cavoli e spinaci in testa. Ciò non significa che i lavori nell’orto siano finiti, tutt’altro invece, nè sopraggiungono dei nuovi e tra questi l’imbianchimento di alcuni ortaggi.

Sedani, radicchi, scarole, porri e cicorie insieme ai meno noti  cardi, prima di essere consumati vanno sottoposti  per un  certo  periodo ad imbianchimento al fine  di  migliorare alcune caratteristiche organolettiche. Si tratta in  pratica di ombreggiare,  con tecniche più meno  simili,  questi ortaggi  in modo da evitare l’esposizione alla luce per un certo lasso di tempo in modo che i tessuti, nell’impossibilità  di  effettuare  fotosintesi, diventino  più teneri  e saporiti. Per il sedano, la legatura a 15-20 cm dal  terreno e  la successiva rincalzatura possono essere valide solo  in casi di terreno leggero e privo di ristagni d’acqua;  mentre risultati molto buoni possono essere raggiunti avvolgendo le parti interessate con paglia o cartoni.  Nel  caso  di radicchi e scarole, per la  diversa altezza  raggiunta  dalla pianta, possono invece,  essere  utilizzati due sistemi diversi anche se i risultati non discostano  tra di  loro  più  tanto. Nel primo caso può risultare  molto semplice  anellare la  parte media delle  piantine  con  un elastico in modo che le parti più interne vengono coperte da quelle più esterne che impediranno la esposizione alla luce. Un  secondo espediente può essere attuato con  o  senza  la precedente legatura ma coprendo le singole piantine con  dei vasi in plastica  capovolti dai quali buchi di scolo entrerà solo un tenue filo di luce.

Giu

27

By Il Potatore

Commenti disabilitati su I lavori estivi? Ecco cosa fare..

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

I lavori estivi? Ecco cosa fare..

Con l’estate la varietà di specie, in produzione,  nell’orto è notevole e richiede costanza  ed  interventi  colturali ravvicinati.

Aglio e cipolla: dopo la metà del mese circa si può procedere alla raccolta. I bulbi di  aglio una volta estirpati vanno lasciati asciugare all’ombra prima di essere riposti in cantina,quelli di cipolla vanno  invece fatti asciugare nell’aiuola. Se si vogliono sistemare a treccia tale  operazione va effettuata entro i primi quattro-cinque giorni  dalla raccolta.

Patate: anche per questi tuberi è tempo di raccolta specialmente per le varietà precoci. La selezione dei tuberi va effettuata subito dopo la  raccolta  allontanando  quelli  guasti o  rovinati durante la raccolta.Risulta anche conveniente effettuare una selezione rispetto al calibro: le patate più piccole verranno utilizzate  intere per gli arrosti, quelle con  diametro  maggiore invece  bollite o fritte.

 Biete: procedere alla semina  di varietà precoci a raccolta autunno-vernino. Prepararee e il terreno finement, distribuire il seme a spaglio ed interralo leggermente: semi troppo profondi rischiano di non germinare.

 

Basilico:  va ripulito accuratamente delle erbe  infestanti che sottraggono  acqua   alla coltura. Le piantine  vanno cimate regolarmente in modo da evitare la formazione  delle infiorescenze. Se  la  produzione  risulta  superiore  alle necessità  domestiche il  basilico  può  essere  facilmente congelato o  trasformato in pesto tenuto sotto olio.

Cavoli: le piantine ottenute in semenzaio vanno trapiantate a dimora e irrigate  con bassi volumi di acqua ma  ravvicinati  nel tempo. Per i cavoli verza la messa a  dimora in  Pianura Padana  non deve essere protratta al mese di Luglio se si vuole ottenere un prodotto di buona qualità.

Cetrioli: gli steli secondari  vanno cimati regolarmente subito  dopo  la formazione del secondo frutto. Ciò permetterà l’ingrossamento dei frutti stessi migliorandone la qualità. Nessuna cimatura va effettuata sullo stelo principale.

Pomodoro: va continuamente sfemminellato procedendo allo stesso tempo alla soppressione delle foglie in prossimità dei frutti  più bassi in modo da migliorare le condizioni di luce.

Feb

11

By potatore

Commenti disabilitati su La stagione dei massacri!!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

La stagione dei massacri!!!

Spesso nei viali cittadini nei giardini privati si nota uno dei mezzi propri scempi di alberi e arbusti quotati con tecniche che niente hanno a che vedere con le nozioni generali di al lavori cultura e che fanno impallidire chiunque si occupata sembra di piante. I risultati di tali interventi sono un precoce invecchiamento delle piante che mostrano estese zone di carie tali da interessare completamente la parte interna della pianta fino al midollo centrali che più delle volte si risolve dopo nevicate abbondanti o forti venti nel crollo a terra della pianta stessa. La capitozzatura degli alberi erano una tecnica di potatura in voga negli anni passati e che affatto non poche vittime vegetale sia tale pianta dei viali cittadini e tra i più celebri, per esperti nel settore e, ulivi del Gargano. Gli studi successivi alle nuove concezioni materia hanno dimostrato l’inutilità di tale tecnica un miglio i gravi danni arrecati alla pianta da tagli troppo grossi, di difficile rimarginazione. Facile insediamento di parassiti vegetali e animali che in poco tempo creano danni irreparabili. Purtroppo per motivi diversi quale un mal celato senso estetico che poi non è altro che transitati sveltire le pratiche e di potatura per diminuire i costi oppure le scarse conoscenze sulla sviluppo finale della pianta fanno sì che tale tecnica sia ancora largamente usata. Basta pensare a tal proposito alle betulle che sovente sono presenti nei parchi e i giardini, indubbiamente pianta da superbo sviluppo ed all’impareggiabile bellezza non solo per fusto bianco, diritto ma anche per la rigogliosa vegetazione. Una volta che sia accorge che lo sviluppo della pianta di anno in anno supera i piani delle nostre case o pur avendo una propria bellezza la visuale la luce solo è poco che si interviene con mutilazione e capitozzature terminali che sfasciano completamente la naturale crescita in altezza della pianta. Forse se in partenza si fossero ricercate le caratteristiche della pianta una normale enciclopedia ove si evinceva con estrema facilità che l’altezza media di tali piante è di circa 25 metri e sede dimensione del giardino erano capaci di contenere tale sviluppo sarebbe stato il caso di optare per un atto nocciolo che pur appartenendo alla stessa famiglia botanica della betulla, ha uno sviluppo più contenuto. È certo, poi, che per piccoli interventi all’atto dell’impianto e per eventuali leggeri interventi alla base la betulla non va apportata mai. Identico trattamento per tutte le conifere ad alto fusto agli interventi di potatura devono è esclusivamente interessare la parte bassa della pianta è mai la parte apicale o quella laterale.

Dic

17

By potatore

Commenti disabilitati su I lavori di Dicembre

Categories: Agricoltura, Giardino

Tags: , , , , , , ,

I lavori di Dicembre

Condensa– Nel Nord Italia sono pochi i lavori da effettuare nell’orto perché il ridotto numero di ore di luce e le condizioni  climatiche decisamente avverse riducono lo sviluppo delle piante alle semplici funzioni di sopravvivenza. Solo per chi opera sotto tunnel  di una certa dimensione è da ipotizzare qualche intervento che per lo più si risolve con il controllo delle condizioni di umidità all’interno del tunnel stesso. Tenori alti di umidità e in particolare l’acqua di condensa che ricade al suolo, infatti,  provocano facilmente fenomeni di marcescenza.

Serre calde – Sono pochi gli orticoltori che possiedono un serra riscaldata anche se molti altri si stanno attrezzando. In questo caso con l’inizio di Dicembre occorre iniziare le semine in cassetta di pomodori e melanzane da trapiantare prima dell’inizio della primavera in piena terra. Produrre piantine provviste del pane di terra è sicuramente la strada migliore percorribile se non altro perché gli stress da trapianto sono ridotti al minimo  o del tutto evitati. Prima di qualunque semina in ogni caso vanno sterilizzati con bagno in soda caustica tutti i contenitori  e gli attrezzi utilizzati.

Attrezzi – pale, zappe, vanghe, forconi e altri attrezzi utilizzati durante la stagione passata  per i vari lavori vanno ripuliti da tutte le incrostazioni utilizzando un spatola finché tutto il materiale ossidante è stato rimosso. Al fine di ottenere la rimozione della ruggine si possono ottenere buoni risultati affondando gli attrezzi per varie volte in un mucchio di sabbia. Dopo aver rifatto il taglio o le punte e rimosso eventuali sbavature con un piccolo flessibile e una morsa  potrebbe risultare utile pennellare con del gasolio le parti ferrose.

Cantina – Gli ortaggi immagazzinati in cantina sono soggetti a trasformazioni che se non opportunamente controllate danno vita a processi degenerativi. Le patate ad esempio, vanno conservate in luogo fresco e ben aerato ricoperte di paglia  e al buio. La luce infatti fa germogliare gli occhi e stimola la formazione di solanina che dà alla patata la caratteristica colorazione verdognola della polpa e allo stesso tempo la rende velenosa e amara. Kiwi e kaki invece per renderli pronti al consumo vanno “ammezziti” e quindi tenuti al caldo accanto alle mele.

Dic

10

By potatore

Commenti disabilitati su Dicembre: i simboli di fine anno!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Dicembre: i simboli di fine anno!!

Dicembre è indubbiamente il mese in cui si concentrano molte emozioni: l’anno vecchio ormai al termine con il suo lascito di gioie e dolori e quello nuovo in arrivo ricco di aspettative e speranze. Un mese fra l’altro ricco di feste quasi una sorte di dispetto alla natura che dopo i fasti estivi e i colori di inizio autunno adesso riposa anch’essa in attesa della propria festa che coincide con l’arrivo della primavera. Ciò non toglie che anche in questo mese si fa ricorso alla natura per ravvivare le case con i simboli che caratterizzano questo periodo: l’albero, la stella di Natale, il muschio, il vischio e l’agrifoglio. L’albero di Natale è sinonimo di abete rosso (Picea excelsa o Picea abies) detto anche peccio e da qui il nome di peccete ad indicare le foreste di questa pianta che caratterizzano il paesaggio alpino rendendolo tra i più suggestivi in Europa e forse nel Mondo. L’abete rosso è una pianta molto longeva (vive circa 400 anni) e raggiunge dimensioni ragguardevoli circa i 50 metri con un fusto eretto e slanciato, una chioma verde scura, la corteccia sottile e rossastra. Oltre sulle Alpi e sulll’Appennino è presente, con immense foreste, in tutta l’Europa dalla Scandinavia ai Carpazi e dà vita alla Foresta Nera in Germania. L’utilizzo dell’abete è stato ereditato dalle antiche tradizioni pagane che consacravano l’abete più alto del bosco al Dio della Luce bruciandolo pubblicamente. La tradizione dell’abete è stata successivamente imposta da Margherita di Savoia e da allora ha trovato un posto definitivo dopo un certo periodo di dimenticanze e riscoperte nella tradizione popolare. Per essere sicuri di possedere a Natale un rigoglioso abete diventa importante acquistarlo uno due mesi prima delle festività da un vivaista serio con pianta preferibilmente certificata. Una volta rinvasato e innaffiato può essere lasciato all’esterno per poi essere gradualmente portato all’interno dell’abitazione possibilmente in un locale non riscaldato. Una volta finito l’utilizzo sempre gradualmente può essere riportato all’esterno o nel caso che non si abbiano a disposizione balconi o un giardino dove sistemarlo in attesa di un riutilizzo è possibile donarlo ai Comuni attrezzati al recupero degli alberi natalizi utilizzati per il rimboschimento di aree dismesse. Per chi volesse, infine, utilizzare lo stesso abete senza doversi trovare poi una pianta dallo sviluppo eccessivo è possibile utilizzare abeti nani (Picea albertiana conica) che al massimo raggiunge i due metri di altezza. Per quanto riguarda la Poinsettia o Stella di Natale (Euphorbia pulcherrima) c’è da dire che essa ha trovato posto nella tradizione natalizia in epoca più recente ma sicuramente ha recuperato in questi ultimi anni un interesse crescente anche per il fatto che il Natale è la festa in cui prevale il colore rosso e le brattee della Poinsettia il più delle volte confuse con il fiore rispondono a questa richiesta di mercato. La pianta in natura in effetti ha un portamento arbustivo e raggiunge anche i due metri di altezza. In Sicilia è facile trovarla in giardino in virtù del clima temperato e viene sovente utilizzata come pianta da fiore reciso anche per 10-15 anni. Nel resto d’Italia è prevalentemente una coltura da vaso fiorito e la particolare bellezza della pianta è data dalle brattee colorate rosse, rosa, arancio e bianco a seconda delle varietà che sono da richiamo anche per gli insetti impollinatori visto che i fiori gialli sono numerosi ma poco vistosi. Per chi si appresta ad acquistare una Stella di Natale va ricordato che la qualità della pianta è da individuare dalla vivacità dei colori, dal rigoglio vegetativo e dal numero di steli. Vanno scartate le piante che si presentano con fogliame ingiallito e non uniforme. Verificare che l’attaccatura degli steli sia ben salda e le infiorescenze ancora non completamente aperte. Le piante vanno tenute lontane da fonti di calore ed all’immediato contatto con termosifoni e camini accesi mentre va verificata l’umidità dell’ambiente in quanto l’aria eccessivamente secca provoca la perdita delle foglie delle piantine. Poche sono le esigenze colturali della pianta tenuta in ambiente chiuso: irrigazioni regolari una volta verificata che il substrato contenuto nel vaso sia asciutto e una concimazione con concime completo disciolto in acqua all’1% con cadenza quindicinale. Una volta completata la fioritura la pianta incomincerà a perdere le foglie (fine gennaio circa) e quindi successivamente va potata e sistemata in luogo freddo e poco illuminato mentre le irrigazioni vanno diradate. Si effettuerà così lo svernamento della pianta che successivamente in piena primavera verrà portata gradualmente in piena luce ed all’aperto per iniziare un nuovo ciclo. Sembra che sia buon augurio per gli innamorati baciarsi sotto il vischio in quanto questo è simbolo di tenacità in virtù della sua collocazione tra i rami saldi delle Querce di cui è parassita mentre fecondità e immortalità sia trasmessa dalla luna che la notte luccica fra il suo fogliame. Il vischio (Viscum album) è una pianta parassita resa celebre dalla serie di cartoni animati di Asterix appartenenti ai Druidi e magistrale oppositore delle milizie Romane invasori della Gallia. Secondo l’antica etimologia il nome dei Druidi deriverebbe drys-quercia albero sacro nella loro tradizione e il vischio parassita naturale di questa pianta ne ha assorbito gli influssi benefici e propiziatori. Propiziatore o meno in ogni caso conviene tenerla lontano dal giardino  di casa,  i caratteristici austori si attaccano ai suoi ospiti succhiandone la linfa.

Set

25

By potatore

Commenti disabilitati su Giardini in miniatura!

Categories: Giardino

Tags: , , , , ,

Giardini in miniatura!

Se il fine settimana è caratterizzato dal cattivo tempo e la passeggiata in campagna deve essere rimandata può presentarsi il problema di cosa fare a casa ; ma non necessariamente deve esserci brutto tempo per copiare delle idee che possano arricchire alcuni spazi della casa con delle soluzioni curiose e perché no originali. Una prima idea è quella di un giardino miniaturizzato in bottiglia, a tale scopo basta prelevare dalla cantina una bottiglia che soddisfi le esigenze del caso; piccola o grande a secondo lo spazio in cui va sistemata e per i più esigenti anche una capiente damigiana. Il tappo è la chiave per far si che l’acqua dell’interno non evapori facilmente e si conservi a lungo. Infatti, non appena l’acqua evapora tende a depositarsi sulle pareti e da qui ridiscendere nel substrato del fondo, così da essere riutilizzata. Che il tappo sia anche bello, di sughero e sormontato da uno stampo di colorati frutti di pasta di sale è scelta e gusto di ognuno. Se nella scelta della forma della bottiglia prevale la larghezza rispetto all’altezza risulta più agevole la costituzione e la sistemazione delle varie parti altrimenti occorre attrezzarsi di utensili molto lunghi. Una volta sistemato il tutto su di un tavolo si può procedere alla sistemazione dei vari elementi che inizialmente consiste nell’inserire sul fondo una manciata di carbonella per evitare che il ph diventi acido. Successivamente con l’ausilio di un imbuto di carta si “versa” all’interno il terriccio che farà da supporto e nutrimento alle piante ; questo dovrà essere costituito da una miscela di torba nera e terra di bosco oppure di un terriccio adatto per semenzai e quindi povero di elementi fertilizzanti. Con un cucchiaino da caffè o con una piccola palettina da gelato legata con del nastro adesivo ad un bastoncino di legno si appiana il substrato sul fondo e si effettuano dei piccoli alloggiamenti in cui verranno inserite le radici o i semi delle piantine. Per la scelta delle piantine occorre orientarsi su specie che richiedono tenore di umidità elevati e che abbiano una crescita lenta come la peperomia, fittonia e varietà piccole di bromeliacee. Nella sistemazione, per agevolare la collocazione delle piantine sul fondo, sarà meglio collocare quelle più esterne e infine quelle centrali. Una volta costipato leggermente il terriccio per una migliore adesione dell’apparato radicale col terreno occorre innaffiare. Bisogna tener presente che l’acqua in eccesso non può essere smaltita e pertanto le irrigazioni devono essere effettuate “col contagocce”. Sempre con il sistema di fissare con nastro adesivo i mini attrezzi si può preparare un piccolo taglierino per eliminare foglie secche o rovinate e con l’ausilio di un ferro da lana si possono asportare dal fondo. La bottiglia non va mai collocata in pieno sole per ovvi motivi di condensa, va benissimo un luogo anche esterno molto illuminato durante la bella stagione durante la stagione fredda un luogo interno riparato è d’obbligo.