Search Results for: rotazioni

Nov

23

By potatore

Commenti disabilitati su Rotazioni

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Rotazioni

I maggiori problemi inerenti alla coltivazione dell’orto sono collegati alle condizioni sanitarie del suolo. Qui vivono funghi, batteri, virus e nematodi che sono il più delle volte cause di gravi danni alle colture. Basti pensare al Fusarium o al Verticillium che colpiscono zucchine e pomodori a livello delle radici e del colletto provocandone la morte in poco tempo oppure i gravi danni causati da nematodi. Durante il periodo invernale le basse temperatura rendono inattivi tali forme ma con l’aumento delle temperature e dell’umidità del terreno questi parassiti si moltiplicano, specialmente quando trovano le piante in stato di stress causato o da piogge violente e prolungate o lacerazioni a carico dell’apparato radicale dovuto agli attrezzi di lavoro o ad altro. Gli interventi da effettuare sono principalmente a carattere preventivo specialmente quando si attuano colture continue ed alte densità di semina. Fondamentale risulta, in ogni caso, evitare di far succedere, per più anni di seguito, sullo stesso appezzamento la stessa coltura o di specie appartenenti alla stessa famiglia. Infatti in questo modo si avvantaggerebbero i parassiti che trovano sempre delle condizioni favorevoli al loro sviluppo visto che i più sono specifici e attaccano quindi la stessa specie. Altra tecnica , ugualmente efficace per conservare la sanità del suolo, è impiegare materiale di propagazione (semi, talee) sterili. In ogni caso quando è usato il seme risulta importante trattarlo con prodotti anticrittogamici a base di rame o di ditiocarbammati facilmente reperibili sul mercato. E’ sufficiente impolverare il seme e metterlo a dimora; tale trattamento lo garantirà da attacchi fungini, nei primi giorni della germinazione, che notoriamente sono i più vulnerabili. Se il seme invece va posto in semenzaio o in vasi occor­re  sterilizzare anche questi con acqua calda a 70 gradi o formalina al 5% .

Ott

17

By potatore

Commenti disabilitati su Orto: "rotazione delle colture"

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Orto: "rotazione delle colture"

Rotazione – Non si discute l’importanza delle rotazioni sulle colture sia erbacee che orticole e non è raro vedere aziende agricole che sullo stesso appezzamento coltivano non solo grano, mais o soia ma anche cavoli e ortaggi da foglia secondo un precisa successione. Un po’ più difficile è invece programmare una valida rotazione che sfrutti al meglio le potenzialità del terreno senza che lo stesso sia depauperato eccessivamente e tale da divenire alla fine più o improduttivo. In tale rotazione va tenuto presente, inoltre, che alcune colture prediligono ph basico e al contrario altre specie vegetano più facilmente in condizioni di acidità e che non tutte le specie utilizzano gli stessi elementi e quantomeno nelle stesse percentuali.

I° anno – Al fine di ottimizzare le coltivazioni di seguito  si riporta un esempio di rotazione triennale di un orto di circa 80 metri quadri. Al primo anno effettuare una profonda vangatura al primo appezzamento, incorporando letame ben maturo,  e  adibirlo alla coltivazione di leguminose (fagioli, piselli) e ortaggi da foglia. Nel secondo appezzamento va eseguita una concimazione con un fertilizzante chimico completo per poi  adibirlo alla coltivazione di ortaggi da radice (agli, cipolle) e patate. Il terzo appezzamento va invece ammendato con calce, concimato con fertilizzante chimico e utilizzato per la coltivazione di cavoli, ortaggi da frutto e tutte quelle specie molto esigenti.

II° anno – La vangatura profonda va effettuata al secondo appezzamento con relativa letamazione e successivamente coltivare sullo stesso leguminose e ortaggi da foglia  ma anche ortaggi da frutto (l’anno precedente era invece adibito alla coltivazione di agli, cipolle e carote). Dopo una concimazione completa il terzo appezzamento verrà utilizzato per la coltivazione di agli, cipolle, carote, ravanelli che non richiedono concimazioni letamiche in quanto queste favoriscono la biforcazione del fittone. Al primo appezzamento su cui verranno coltivati cavoli sarà conveniente oltre ad una concimazione di fondo con concime ternario distribuire calce in modo da renderlo leggermente alcalino, condizione preferita da tutte le brassicacee.

III° anno – E’ il terzo appezzamento ad essere vangato in profondità e concimato con sostanza organica che non necessariamente deve essere letame ma che può essere tranquillamente sostituito con compost oppure con sottoprodotti della macellazione opportunamente trattati e facilmente reperibili in commercio.  Su questo appezzamento verranno coltivate quelle specie che richiedono ottima fertilità del terreno  e pertanto patate, pomodoro, zucchine. Il secondo appezzamento opportunamente concimato e trattato con calce  sarà coltivato a cavoli e infine il primo appezzamento accoglierà ortaggi da radice. Questo è da tener conto solo per le coltivazioni principali, visto che durante lo stesso anno sullo stresso appezzamento possono venir coltivate più specie.

Feb

12

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Sotto la pacciamatura c'è vita..

Il ricorso sistematico alla pacciamatura (cioè la copertura del terreno cono foglie , erba tagliata, strame) determina diversi vantaggi: miglioramento della struttura, risparmio idrico, controllo delle infestanti, precocità delle colture e non in ultimo miglioramento dell’attività microbica del terreno.  Per la pacciamatura di un orto di modeste dimensioni, non necessariamente si devono usare materiali dispendiosi ma al contrario materiali semplici com e paglia, aghi di pino, vinacce o foglie in genere. Altra regola da adottare in ambito di progettazione allo scopo di contenere lo sviluppo di parassiti e nello stesso tempo permettere il razionale sfruttamento del terreno è il ricorso alla rotazione e alla consociazione. Nel primo caso il sistema è stato ampliamento collaudato in passato e fino ad alcuni anni addietro, stranamente, veniva considerato superato. Basti pensare alle alberature fatte  per sostenere la vite diffuse in tutta Italia, ma in un orto famigliare basta semplicemente utilizzare delle piante di mais per sostenere piselli e fagioli o alternare nei filari piante leguminose con ortaggi da foglia. Con una corretta rotazione o avvicendamento tra specie sfruttatrici del terreno tipo le solanacee e le cucurbitacee e miglioratrici come leguminose si evita un eccessivo sfruttamento delle risorse nutritive del terreno e allo stesso tempo si evita il proliferare di malattie fungine e di parassiti animali che normalmente completano il ciclo su specie affini. Questi sistemi vanno visti nell’ottica di una loro interazione e non vanno presi singolarmente in quanto, da soli, non possono modificare radicalmente e subitaneamente il corso produttivo dell’orto.  Nel medio e lungo periodo, invece, i vantaggi sono visibili e la qualità del terreno e  di conseguenza quella delle produzioni aumenta notevolmente, l’ambiente riprende la forma naturale e si favorisce il proliferare di specie utili all’agricoltura come la famiglia delle Coccinellidae predatrici di afidi, autentici flagelli  degli orti e dei frutteti.

Nov

16

By potatore

Commenti disabilitati su La consociazione

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

La consociazione


“Il futuro riscopre il passato” può essere l’espressione ideale per sottolineare come alcune pratiche agricole molto usate in passato, vengono riscoperte a fronte del notevole successo ottenuto nelle coltivazioni in campo. La consociazione ormai considerata da molti un tecnica agronomica superata dopo anni di monocoltura e rotazioni varie sembra riprendere vigore per talune colture orticole. Per i meno addentrati nella terminologia agraria, si ricorda che con “consociazione” si intende la coltivazione contemporanea di più specie sullo stesso terreno che in passato vantava successi notevoli e come nel caso della vite maritata all’olmo, all’acero o al gelso. Sicuramente per questo tipo di coltura è fuori discussione l’ormai superamento di tale abbinamento ma se trattasi di colture ortive, poco o molto specializzate, riproporre l’ argomento è di sicuro interesse Scarola, bietola e cipolla oppure finocchio e sedano sono due esempi molto semplici e facili da effettuare e trovano l’interesse anche di molte aziende ma per alcuni aspetti è possibile “esagerare” utilizzando in una consociazione oltre cinque specie come sedano, ravanello, lattuga, fagiolino e pomodoro. Il primo pensiero che correrà al l lettore sembrerà quello di un groviglio di piante dove andare a raccogliere fagiolini diventa molto difficile mentre i pomodori tutto sommato possono essere individuati ma, dopo una attenta riflessione sulla giusta epoca di semina, potrà risultare praticabile anche se in alcune regioni e in condizione di buona fertilità. In altre casi soluzioni più semplici possono essere quelle di seminare su lattuga in fase vegetativa molto  avanzata piselli invernali e dopo la raccolta della lattuga anche cipolle consociando sullo stesso appezzamento tre specie con maturazione diversa nei quali la competizione non risulterà eccessiva vista l’utilizzo anche di leguminose ed in considerazione del fatto che la cipolla può essere raccolta precocemente come cipollotto.

Rotazioni

Mar

24

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

L'orto biologico


L’orto ecologico, a fronte delle nuove conoscenze scientifiche e delle migliorate tecniche agronomiche, oggi è sicuramente una realtà attuabile e nello stesso tempo auspicabile. Mettere in pratica i principi di una buona coltivazione biologica richiede un minimo di conoscenze, molta buona volontà una discreta capacità di pianificare e razionalizzare gli spazi. Le regole generali da cui non si può prescindere per la realizzazione, tengono conto in particolare di alcuni aspetti come il riutilizzo dei rifiuti organici, la concimazione con prodotti naturali, l’utilizzo di pacciamatura, il ricorso sistematico alla consociazione di culture diverse e la rotazione degli stessi su i vari appezzamenti. Riguardo il primo aspetto è indubbio che da vari fronti si è detto parecchio che la parola d’ordine per ridurre i problemi ambientali del futuro è sicuramente “il riciclaggio”. Molto è stato fatto ma ancora molto c’è da fare e l’orto deve essere una occasione in più per riciclare anche i rifiuti di cucina che se compostati danno anche la possibilità di ottenere un prodotto organico di indiscusso pregio ai fini del mantenimento delle attività biologiche e della fertilità. Se il prodotto ottenuto risulta insufficiente alle necessità, si può ricorrere all’utilizzo di letame o di leguminose le quali una volta raggiunto il massimo sviluppo, che coincide con l’inizio della fioritura, saranno interrate e lasciate decomporre. Altro aspetto riguarda l’utilizzo di materiale pacciamante sia di natura organica che plastica. Molto semplice a tale scopo può risultare l’utilizzo di paglia che sistemata alla base di alcune colture come pomodoro, zucchine e melanzane apporta diversi vantaggi tra cui il controllo delle erbe infestanti e quindi il ricorso a diserbi, il mantenimento dell’umidità nel terreno e quindi un discreto risparmio idrico indispensabile dove le disponibilità sono limitate

Feb

4

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Gestione dell’uso del terreno

Attraverso la corretta gestione del terreno si possono ridurre le perdite di nitrati con pratiche antiliscivazione al fine di garantire le acque della falda e i corsi d’acqua superficiali a tal fine e necessario:
evitare avvicendamenti mais-soia in quanto entrambe colture  estive
evitare le monosuccessioni
interrare gli stock pagliosi ( di mais, paglia e residui colturali)
utilizzare le rotazioni colturali
mantenere la copertura vegetale nei periodi piovosi
utilizzare una buona calendarizzazione dei concime
corrette lavorazioni del terreno
mantenimento della copertura vegetale
corrette lavorazioni che evitano una eccessiva nineralizzazione della sostanza organica  e modificano la struttura del terreno

AVVICENDAMENTI
Per utilizzare i cosiddetti avvicendamenti, serve un terreno che abbia un certo livello di sostanza organica , la quale può ridurre gli apporti azotati. Quando passa molto tempo tra l’ aratura e la semina (circa 2-3 mesi di distanza) l’ azoto si disperde nel terreno oppure viene dilavato dalle piogge. I periodi critici per la percolazione del terreno sono i mesi nei quali le piogge sono più frequenti (ottobre-novembre); quando nella rotazione sono presenti le leguminose ( fagioli-piselli), le falde acquifere non sono esenti dall’ inquinamento, L’ azoto penetrato nel terreno attraverso il sistema simbiotico leguminosa, bacillus – radicicola entra a far parte dello stock di azoto presente nel terreno

MANTENIMENTO DELLA COPERTURA VEGETALE
Una ricca copertura vegetale impedisce l’ accumulo di nitrati nel terreno che in seguito verranno assorbiti dalle piante. Conferisce una protezione della falda acquifera ,ostacolando il passaggio degli inquinanti mantenendola pulita. La vegetazione spontanea è l’ inerbimento naturale , il quale , impedisce la percolazione di nitrati ; deve svolgere questa azione il più lungo possibile (2-3 anni).
L’ inserimento di una coltura intercalare, ha una funzione di antidilavamento, possono essere le colture foraggere o apistiche ; quest’ ultime sono depauperanti per il terreno, cioè hanno la capacità di assorbirgli azoto.

LAVORAZIONI DEL TERRENO
Le lavorazioni profonde causano la distribuzione delle sostanza organiche in tutto lo spessore interessato. Nel complesso, se si evitano tali lavorazioni , si aumenta la velocità del processo di mineralizzazione del terreno ma anche le sistemazioni di quest’ ultimo possono ridurre il ruscellamento delle acque limitrofe ai terreni coltivati.
I terreni declivi apportano anche dei benefici ambientali;il rapido smaltimento idrico, conseguente alle sistemazioni e diminuisce il periodo in cui l’ acqua può percolare verso la falda , vie di più ripide evacuazioni nelle reti idriche maggiori o minori le quali la convogliano a reti idriche superficiali.

Gen

27

By potatore

Commenti disabilitati su L’agricoltura biologica

Categories: Potatore news

L’agricoltura biologica

L’agricoltura biologica è diventata uno dei settori agricoli più dinamici,soprattutto nell’Unione Europea, dove dal 1998 la sua crescita è stimata intorno al 30% all’anno, in risposta a una maggiore consapevolezza dei consumatoti.
L’agricoltura biologica va intesa come parte integrante di un sistema di agricoltura sostenibile e come una valida alternativa ai tipi di agricoltura più tradizionali: fa uso di concimi organici(letame), combatte le malattie delle colture con metodi naturali (per esempio usando insetti che si nutrono di quelli dannosi), non impiega diserbanti, anticrittogramici o pesticidi.
Un simile modo di coltivare non va però confuso con un ritorno al passato: l’agricoltura biologica adotta infatti soluzioni tecnologicamente avanzate per perfezionare i processi naturali. Essa torna alle rotazioni delle coltivazioni sui terreni, valorizza la biodiversità, si cura della fertilità dei suoli ed evita sprechi d’acqua.
L’agricoltura biologica, per ora, non è economicamente competitiva con quella che utilizza prodotti chimici, perchè le rese sono inferiori, anche se il divario va diminuendo.Tuttavia, il mercato dei prodotti agricoli biologici sta diventando sempre più importante: si tratta ormai di un mercato pari circa a un decimo del valore totale della produzione agricola.
Ne è la prova che sempre più spesso sugli scaffali dei supermercati compaiono prodotti di questo tipo. Oltre a garantire il benessere naturale della salute, questo modo di produrre agricoltura biologica costituisce un modo importante per limitare l’inquinamento dei suoli e delle acque provocato dall’utilizzo delle sostanze chimiche.

Ago

7

By potatore

No Comments

Categories:

Erbacee e da orto

Cetriolo
Lattuga
Pisello
Zucca e meloni
Coltivazione biologica del frumento
Trifoglio

I cetrioli (Cucumis sativus), appartenenti alla famiglia delle cucurbitacee, noti per le proprietà diuretiche, ottimi sia per le insalate estive sia per le conserve, hanno un aspetto singolare e talvolta raggiungono una mole notevole. Essi portano sulle tavole italiane insieme a zucche meloni e zucchine un tocco di esotismo. Se trapiantate nell’orto in aprile o maggio quando lepiantine hanno sviluppato la quarta-quinta foglia è possibile raccogliere i primi frutti dopo appena 50-60 giorni se trattasi di cultivars precoci. Il terreno adatto all’impian­to deve essere fertile ricco di letame (10-15 k per metro quadro) e irrigato con acque temperate ed interventi ravvi­cinati al fine di mantenere elevati e costanti livelli di umidità. Le distanze di impianto sono di 40-50 cm sulla fila e di 1-1,5 tra le file tenendo presente di non superare la densità di due piante per metro quadrato. L’allevamento delle piantine va fatto in verticale su reti di plastica alte 2 metri oppure su sostegni in legno. Ciò permette di ottenere un duplice vantaggio; dei frutti dritti e ben colorati e fa in modo le foglie e gli steli non vengono a contatto con il suolo che favorisce lo sviluppo di malattie crittogame quali l’oidio e la Botritys. In ogni caso possono essere utilizzati gli stessi sostegni eventualmente utilizzati per il pomodoro. Tra le cure da apportare durante la crescita delle piantine è la soppressione delle foglie presenti nei primi 40-50 cm dal terreno e dei germogli ascellari per favorire la cresci­ta della pianta. Successivamente i germogli ascellari do­vranno essere cimati due foglie dopo il frutticino al fine di favorirne l’ingrossamento. Se la coltivazione è tesa alla produzione di frutti piccoli da sottaceto è necessario utilizzare varietà adatte come ad esempio la Wiscons. Se è eseguito correttamente quando detto saranno sufficien­ti dieci piantine per ottenere una produzione di circa 100 kg durante tutto il periodo estivo.

———————————————————————————————————————————————–

 La lattuga, in quest’ultimo decennio, si è conquistata un posto di tutto rispetto nell’alimentazione degli Italiani Tra gli ortaggi da foglia, con i circa 4 milioni di quintali consumati all’anno, è al primo posto nei consumi superando le produzioni di cicorie, scarole e indivie. Il termine lattuga è molto restrittivo per una specie che consta di tre sottospecie con una miriade di varietà che differiscono tra loro per la colorazione, il portamento delle foglie e l’epoca di coltivazione. La Lactuca sativa deve il nome agli antichi Romani e al latice biancastro aspro e amarognolo, che fuoriesce dalle piante quando vengono raccolte in ritardo. Appartenente alla famiglia delle Composite, la lattuga, presenta un notevole adattamento al clima e ed ai vari tipi i terreno. La sotto­specie capitata e quella romana sono tra quelle più utiliz­zate nelle colture da serra grazie a una serie di varietà adattabili alle varie esigenze organolettiche e morfologiche richieste dai consumatori e alle forme di adattamento alla coltivazione in coltura anticipata o tardiva richiesta dalla coltivazione in serra. Infatti, della sottospecie capitata fanno parte le varietà Troncadero a cappuccio con foglie verdi o colorate di rosso che insieme alla Regina dei ghiacci sono indicate per le coltivazioni invernali mentre le varietà Regina di Maggio, Appia ed Aurelia sono per le coltivazioni primaverili ed autunnali e varietà come la Sant’Anna e il cavolo di Napoli sono consigliate per le coltivazioni estive. Per chi non preferisce la lattuga a cappuccio può utilizzare le varietà della sottospecie romana come la Bionda degli ortolani e la Verde d’inverno. Negli ultimi anni notevole interesse è stato riscontrato dai consumatori per la Lollo e la Rossa di Trento della sotto­specie secalina. In ogni caso sono ancora tante le soluzioni e pertanto chi si accinge alla coltivazione può trovare utile seguire le norme e i consigli che i produttori di semi riportano sulle confezioni.

———————————————————————————————————————————————–

Il pisello è un ortaggio che in virtù della grande adattabilità ai vari terreni e alle ottime caratteristiche organolettiche risulta tra gli ortaggi più coltivati al mondo. La semina può essere effettuata nel tardo autunno oppure con gli inizi della primavera a secondo della latitudine e va effettuata direttamente a dimora a file semplici o binate. Le distanze utilizzate per le file semplici vanno dai 40-60 cm tra le file mentre per le varietà nane fino agli 80-100 cm per le varietà rampicanti. In caso di utilizzo di file binate vanno utilizzate distanze di circa 30 cm tra le due file e 70 cm tra le coppie di file in caso di varietà nane aumentando tali distanze fino a 60-70 cm tra le file semplici e 110-120 cm tra le coppie di file o bine. Tra le file sia che si tratti di file semplici che binate la distanza consigliata è di circa 10 cm. Dopo la germinazione dei semi occorre effettuare diverse sarchiature in modo da contenere lo sviluppo di infestanti, la prima va in genere effettuata quando le piantine hanno raggiunto circa 10cm di altezza. Abbinata alla sarchiatura nel primo intervento è consigliabile anche una leggera rincalzatura. Sono pochi gli altri interventi da effettuare eccetto che per le varietà rampicanti l’utilizzo di tutori. La raccolta dei piselli è scalare e va effettuata circa ogni tre-quattro giorni, nelle ore fresche del mattino e man mano che i baccelli raggiungono i tre terzi del loro sviluppo e i semi al loro interno non risultano accostati gli uni agli altri. I baccelli una volta sgranati ( circa il 70% di scarto) possono essere interrati in trincee precedentemente scavati nell’orto visto il loro alto contenuto di azoto oppure sistemati nel compost.

———————————————————————————————————————————————–

Sono ideali per la produzione delle più svariate pietanze, dalle più sbrigative come melone e prosciutto alle più complicate come i tortelli di zucca. Entrambi appartenenti alla famiglia delle cucurbitacee, zucche e meloni possono essere coltivati a spalliera sui balconi o lungo le pareti della casa non solo per ottenere i frutti commestibili ma anche a scopo ornamentale e di abbellimento. Nel caso in cui nell’orto vengono coltivate queste specie, sarebbe opportuno riservare il posto ai piedi dello spazio adibito alla produzione di compost affinché‚ l’abbondanza d’elementi nutritivi soddisfi le notevoli esigenze di queste piante. Per quanto riguarda la zucca, diverse sono le varietà che si possono impiantare, alcune delle quali oltre a produrre frutti (peponidi) utilizzabili per il consumo fresco danno anche frutti belli e strani o addirittura utilizzabili per la conservazione del vino, una volta essiccate e svuotate come nel caso della Legenario o zucca da vino. Le zucche come i meloni esigono climi temperato-caldi e terreni fre­schi, fertili e acidi, annaffiature distanziate e con abbondanti volumi d’acqua. Una volta impiantati nell’orto molta cura va posta per la prevenzione dai parassiti animali come, le larve del maggiolino e il grillotalpa e di malattie fungine come, la tracheomicosi. Quest’ultimo è un fungo il cui micelio ottura i vasi adduttori di linfa e provoca la morte della pianta. L’utilizzo di prodotti antiparassitari come verde-rame e zolfo è da preferire a prodotti più tossi­ci. Altre cure da apportare consistono nella cimatura dello stelo primario dopo la quarta foglia in modo da favorire l’emissione di quelli laterali o ascellari. Questi saranno diradati in modo di favorire lo sviluppo dei frutti. la raccolta verrà effettuata dopo la maturazione dei frutti nel caso del melone e dopo la caduta delle foglie per la zucca. Ricordarsi, infine, di prelevare dai frutti migliori il seme per l’impianto della coltura successiva.

———————————————————————————————————————————————–

———————————————————————————————————————————————–


Scelta Varietale
La scelta della varietà va presa in base alla destinazione del prodotto e in relazione alla qualità della farina.
La scelta della varietà deve essere effettuata tenendo conto delle caratteristiche pedoclimatiche del territorio, in particolare della resistenza al freddo e della natura del terreno. Il frumento duro è più sensibile alle basse temperature, mentra si adatta meglio al clima più caldo e asciutto. Bisogna scegliere delle varieà resistenti alle malattie e prendere in considerazione anche il portamento della pianta. In agricoltura biologica si prendono in considerazione le seguenti varietà:
– frumento duro: simeto, adamello, appio
– frumento tenero: manital, pandas, brasilia, mec, centauro, serio, eureka.
Lavorazioni e concimazioni
Non devono essere fatte lavorazioni profonde, ma arature leggere (di una profondità massima di 30cm). L’aratura leggera crea una buona struttura del terreno, favorisce l’attività biologica degli organismi del suolo. Quando si fa la preparazione del terreno bisogna usare degli attrezzi che evitino la rottura delle radici delle infestanti perchè si potrebbe avere un loro aumento.
In certe stagioni precise è meglio fare la semina su sodo, per evitare di danneggiare la struttura del suolo. La concimazione del frumento deve essere fatta con letame compostato che deve essere incorporato al terreno in superficie nella preparazione del letto di semina. Si può utilizzare anche del letame maturo, mentre è da evitare il letame fresco perchè favorisce lo sviluppo di infezioni fungine a livello delle radici e del colletto delle piante.
Semina
La semina si fa con il sistema a file semplici (con una distanza tra le file di 15-20cm) o a file binate. La profondità deve essere di 3-5 cm. La quantità di seme che viene utillizzata nel biologico è superiore al 20% di quello che si utilizza nel metodo convezionale, si utilizzano oltre i 240 Kg/ha di semente.
Avvicendamenti e rotazioni
Gli avvicendamenti e le rotazioni soo molto importanti perchè aiutano a mantenere e incrementare la fertilità del suolo, ridurre la competizione con le infestanti e controllare i parassiti. Il frumento essendo una pianta depauperante la sua maggiore resa la da quando l’avvicendamento e nella rotazione sono inserite delle colture miglioratrici come la leguminosa da granella, colza, prati di leguminose e graminacee. Ma può essere anche inserito anche dopo una coltura da rinnovo come il mais, il pomodoro, la patata, il girasole. Sono delle colture che lasciano il terreno in buone condizioni e con una ridotta presenza di infestanti.
Controllo delle erbe spontanee
Il controllo viene fatto seguendo delle strategie come:
– rotazione colturale: facendo cura alle colture che ci sono state in precedenza si evita lo sviluppo delle infestanti
– consociazioni:
– lavorazioni del terreno e adozione della falsa semina: si basa sulla preparazione in anticipo del letto di semina per far germinare le infestanti, che poi andranno eliminate
– concimazione equilibrata: si fa per rendere la pianta più resistente agli attachi dei parassiti
– epoca di semina: se ci sono dei periodi troppo precoci facilitano l’emergenza della flora spontanea
– densità di semina: è meglio aumentare del 10% la densità normale di semina per ottenere una maggiore copertura del terreno, per non far venire fuori le infestanti
– scelta di varietà a portamento prostato: determina una maggiore copertura del terreno, riduce la presenza delle infestanti.
Controllo degli agenti patogeni e di danno
Il frumento è soggetto all’attacco di gravi malattie fungine come l’oidio, le ruggini, carie e carboni, mal del piede,…; ma può essere anche attaccato da insetti in particolare dagli afidi.
Per combatterli ci sono varie metodologie, che sono:
– scelta di varietà resistenti
– avvicendamenti e rotazioni
– concimazioni equilibrate: bisogna fare un giusto rapporto equilibrato di azoto e fosforo pre rederere la pianta più robusta;
Se c’è un eccesso di azoto ci possono assere degli attacchi da iodio e alcune infestazioni da parte dell’oidio
– densità di semina ottimale: serve per ridurre l’umidità, se si utilizzano semine troppo fitte, si può far favorire il diffondersi del mal del piede
– buon drenaggio del terreno: per evitare ristagni idrici che favoriscono le infezioni fungine
– impiego di seme sano e concia delle sementi: la concia viene fatta con dei prodotti a base di rame per combattere carie e carboni.

———————————————————————————————————————————————–

Il trifoglio bianco comprende due specie: Trifolium repens var hollandicum(t nano)di taglia ridotta utilizzato soprattutto come prato pascolo, e il Trifolium repens var gigante(t ladino), di tagli maggiore utilizzato per prati.
Il trifoglio bianco ha dapprima un apparato radicale fittonante che viene poi sostituito da un apparato avventizio fascicolato molto superficiale. Gli steli sono striscianti.Le fogli sono trifogliate e portate da un picciolo che nelle piante da pascolo è lungo 5-10 cm mentre nelle piante da sfalcio è lungo 40-60 cm. L’infiorescenza è a capolino e presenta fiori bianco-rosati. Il legume contiene 3-4 semi di forma cuoriforme e di colore giallo-rosso. È una pianta che predilige gli ambienti freschi e che non resiste alla siccità in quanto ha un apparato radicale molto superficiale. Sopporta le alte temperature solo se l’umidità dei primi strati di terreno è ottima. Richiede molta luce quindi la consociazione con graminacee può essere un fatto negativo in quanto queste la potrebbero privare di luce. La semina è eseguita entro marzo, ma se si esegue una consociazione con graminacee viene eseguita a settembre. Vengono seminati 7-8 kg/ha di semi, a file distanti 12-25 cm e alla profondità massima di 1 cm. È fondamentale l’irrigazione che spesso viene eseguita per scorrimento. La concimazione nell’anno d’impianto viene eseguito distribuendo 150-200 kg/ha di P2O5 e K2O se non si è eseguita letamazione. Se all’aratura di è eseguita letamazione invece, vengono distribuiti 80-100 kg/ha dei due concimi. Per quanto riguarda la concimazione negli anni successivi, a fine inverno vengono distribuiti 80-100 kg/ha dei due concimi e dopo il secondo taglio ne vengono distribuiti 40-50kg/ha.il foraggio prodotto è ottimo in quanto è composto solamente da fiori,foglie e piccioli. Gli steli vengono eliminati. La produzione di sostanza secca nel primo anno è pari a 5-6t/ha, nel secondo anno di 15-18t/ha e nel terzo anno di 10-12t/ha. Vengono eseguiti 4-6 sfalci all’anno.
Trifoglio pratense(Trifolium pratense)
Il trifoglio pratense ha un apparato radicale fittonante profondo, ma meno della medica. Le foglie sono trifogliate e sulla pagina superiore è presente un disegno a forma di V. Gli steli sono eretti e grossolani e la pianta in fioritura raggiunge un’altezza di 60-70cm. Le infiorescenze sono a capolino e sono costituite da più di 100 fiori di colore azzurro-violetto. Il frutto è un legume che contiene un seme giallo. Il trifoglio pratense predilige ambienti freschi, non sopporta la siccità e le temperature oltre 1 35°C. Si adatta a terreni con pH sino a 6. Viene coltivato in ambienti poco adatti alla Medica. La semina viene eseguita a marzo, mentre in collina ad aprile. Vengono seminati 20-24 kg/ha di semi, in file distanti 12-15 cm alla profondità massima di 1 cm. Il trifoglio violetto viene spesso coltivato in consociazione con graminacee, soprattutto Loiessa. Fattore molto pericoloso per il trifoglio violetto è l’umidità, perché favorisce il diffondersi del Mal de lo sclerozio, una malattia funginea che provoca marciume radicale e del colletto. Resiste ai ritorni di freddo più della Medica. Il foraggio prodotto è difficile da affienare in quanto gli steli sono grossi e ricchi d’acqua. È quindi consigliato l’uso della falcia condizionatrice a rulli. È molto adatto invece all’insilato in quanto è ricco di zuccheri solubili. Nel primo anno vengono prodotti 5-8 t/ha di sostanza secca, mentre nel secondo anno, ne vengono prodotte 12t/ha. Dopo di che è meglio interrompere il prato.

home page snorkeling nemo