Search Results for: Co2

Mag

25

By potatore

15 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Alberi e co2

Fonte: Il respiro.eu

In questi giorni si è molto parlato del progetto dell’Architetto Renzo Piano, nato da una “provocatoria” proposta del Maestro Claudio Abbado: tornare a dirigere alla Scala in cambio della piantagione di alberi a Milano. L’iniziativa ha avuto il merito di  bucare la coltre di indifferenza che spesso si riscontra nei confronti di questi esseri viventi dai quali, è bene ricordarlo, dipende la nostra stessa esistenza. Come amante degli alberi e loro primo difensore, in qualità di docente universitario e di Presidente della Società Italiana di Arboricoltura, non posso, perciò, che plaudire ad un’iniziativa che è riuscita, finalmente, a focalizzare l’attenzione sugli alberi in città e sulla loro importanza. Devo, però, anche manifestare la mia perplessità perché sul progetto sono state spese mille parole e tutti si sono sentiti in dovere di dire la propria senza che sia mai stato sentito il parere di un “tecnico” esperto del settore. Per questa ragione, mi permetto di scrivere queste poche righe, che ho in parte tratto da un articolo scritto per la rivista “Acer” per cercare di chiarire il mio punto di vista. Gli alberi e, più in generale, il sistema delle aree verdi si contrappongono in senso funzionale ed ecologico al groviglio d’infrastrutture ed elementi antropici che caratterizza il tessuto urbano; il verde, attraverso anche la formazione di corridoi, tenta di ristabilire equilibri e funzionalità ecologiche essenziali per la qualità della nostra vita.  A queste prerogative si sommano qualità inaspettate e poco conosciute del verde cittadino: nuove funzionalità legate al riutilizzo di sostanza organica derivante da rifiuti compostati, all’assorbimento di polveri e metalli pesanti prodotti dai mezzi di trasporto e dagli impianti di riscaldamento, al contenimento degli squilibri termici e delle perdite di acqua meteorica. L’analisi della sostenibilità legata al verde urbano presuppone, pertanto, una conoscenza approfondita della struttura e delle funzioni delle aree verdi, nonché un bilancio, non solo economico, ma anche tecnico ed ambientale della loro realizzazione. È, perciò, evidente l’importanza dell’operazione di messa a dimora nel caso in cui l’impianto sia effettuato in aree urbane dove sono presenti infrastrutture ed edifici, poiché è fondamentale avere a disposizione un volume di suolo esplorabile compatibile con una crescita sostenibile degli alberi. Per crescita sostenibile si intende che essi non solo sopravvivano, ma anche forniscano quei benefici, ormai noti a tutti, e svolgano il ruolo che, in tali situazioni, viene loro assegnato: cioè migliorare il clima e ridurre la presenza di sostanze inquinanti, ma anche che la crescita stessa sia tecnicamente ed economicamente sostenibile per la municipalità. Non è quindi sufficiente che gli alberi sopravvivano, ma che abbiano tassi di crescita e, conseguentemente, di sequestro di CO2 superiori alla CO2 da loro stessi prodotta per i normali processi vitali e da quella prodotta per la loro messa a dimora. A questo proposito è doveroso rilevare che è fondamentale il bilancio delle emissioni di CO2 dovute alle operazioni di scavo e di impianto in aree già pavimentate e alla quantità di alberi e, soprattutto, il tempo necessario per la compensazione di tali emissioni. È, inoltre, basilare, la scelta della/e specie da impiantare, poiché è ampiamente dimostrato in letteratura che errori in questa fase possono determinare un aumento delle emissioni di CO2 dovuto alle necessarie operazioni di mantenimento (irrigazione, potatura, ecc.). Ecco perché ho espresso pubblicamente le mie riserve sul progetto di Renzo Piano che, ripeto, è ammirevole nelle intenzioni, ma che non è economicamente e tecnicamente sostenibile. È mia opinione personale che, anche con l’intervento di sponsor, il progetto debba essere ripensato e gli eventuali investimenti destinati ad altre realizzazioni, magari meno evidenti, ma sicuramente più efficaci ed efficienti per la salute dei cittadini. A tale riguardo è opportuno evidenziare che gli alberi mostrano un tasso di sequestro e di stoccaggio del carbonio nei loro tessuti variabile in funzione di diversi fattori quali, ad esempio, la stato di salute, le dimensioni a maturità, la durata del ciclo vitale ed il tasso di crescita. Allo stesso tempo, le gestione degli alberi rilascia carbonio nell’atmosfera a causa dell’uso di combustibili fossili necessari per l’impiego di mezzi meccanici. L’impianto e la gestione di alberi in siti non adeguati e l’impiego di specie non adatte, può trasformare gli alberi stessi da “carbon sink” (stoccaggio di carbonio) a “carbon emitters” (produttori di carbonio), poiché la CO2 prodotta per il loro mantenimento è superiore a quella organicata. Non devono essere, infatti, assolutamente sottovalutate le emissioni di CO2 determinate dalle operazioni di scavo, messa dimora e per la successiva continua e puntuale manutenzione che eviti stress agli alberi (fino a determinarne la morte) e ne riduca fortemente le funzioni di carbon-sink e di miglioramento ambientale. Nelle situazioni, come quella discussa, sarebbe opportuno valutare scelte alternative che prevedano l’impianto di aree verdi (non solo di alberi) nelle zone limitrofe (es. aree commerciali dismesse, ex edifici industriali rimasti inglobati nel tessuto urbano e da tempo abbandonati, che anche se occupanti aree limitate, possono rappresentare, qualora sottoposti a riqualificazione, un’alternativa “ambientale” rispetto alla costruzione di nuovi edifici) con minimo impegno economico e con potenziali migliori risultati ambientali, grazie all’effetto “massa” ed alle maggiori aspettative di durata del ciclo vitale delle piante. Vorrei anche porre in evidenza che piantare alberi è uno dei presupposti di gran parte dei programmi di miglioramento ambientale delle principali istituzioni internazionali che si occupano di ambiente e, nel presente di scenario di cambiamenti globali (non solo climatici), la scelta delle piante da inserire nelle aree verdi delle nostre città non può e non deve avvenire solo su basi estetiche o limitando la scelta alle sole specie indigene, ma deve tener conto del potenziale “contributo” ambientale che le specie che saranno messe a dimora potranno apportare. Ecco perché, per questo tipo d’interventi, complessi dal punto di vista tecnico, devono essere consultati coloro che, in primis, si occupano di alberi e ne conoscono esigenze d’impianto, di gestione, peculiarità e potenzialità mentre, molto spesso, si leggono articoli sui giornali che definire inesatti è quanto meno eufemistico e ci si affida per un parere a persone che non hanno la minima idea di cosa vuol dire pianificare, progettare, realizzare e gestire il verde urbano e che discettano su argomenti non di loro competenza dicendo non solo inesattezze, ma creando disinformazione e disorientamento nell’opinione pubblica. Ciò rischia di creare nella comunità un’opinione errata e, spesso, fuorviante, col rischio di vanificare il lavoro che ricercatori di tutto il mondo stanno portando avanti con difficoltà a causa della cronica mancanza di finanziamenti su questo tema di fondamentale importanza per la qualità della nostra vita. Dovremmo essere, quindi, consapevoli che una reale sostenibilità nella progettazione, impianto e gestione del verde urbano sarà data da una moltitudine di soluzioni e sarebbe stupido escluderne qualcuna priori dalla ricerca e dalla sperimentazione. Qualcuna delle sperimentazioni andrà in porto, altre no, è il rischio d’impresa. In ultimo, nel mondo esistono programmi che prevedono l’impianto di alberi nelle aree urbane, basti pensare al programma One Million Tree di New York
. Tuttavia, lo voglio ripetere, è fondamentale che tali iniziative siano supportate tecnicamente e possiedano una coerenza interna con le altre politiche gestionali e con gli obiettivi e le strategie di pianificazione urbana nel suo complesso.
In questo senso, il Comune di Milano è forse quello che, a livello di grande città, ha più fatto negli ultimi anni per aumentare la dotazione di verde cittadino e, forse, per una mancanza di un’efficace comunicazione, ciò non è del tutto percepito dai cittadini. Non credo sia superfluo ricordare che la dotazione stessa è, adesso, fra le più elevate a livello italiano e la piantagione di 55.000 nuovi alberi negli ultimissimi anni ed il progetto per piantarne 500.000, contribuiranno sicuramente ad elevarla ancora. Purtroppo, appare come – a livello sia nazionale sia locale- si sia sottovalutata la dimensione comunicativa e sociale dell’approccio al verde urbano ed alla sua importanza, generando ‘roboanti’ reazioni da parte dei diversi soggetti e accrescendo il livello di incertezza del comune cittadino. Sfortunatamente le Amministrazioni locali e i soggetti pubblici più o meno direttamente legati alla voce “verde urbano”, anche a causa dei tagli ai finanziamenti, vedono, talvolta, le aree verdi come un costo, senza considerare, o considerando solo in parte, la loro funzione di fondamentale risorsa per la nostra vita grazie ai benefici, anche monetizzabili, da esse forniti. È chiaro che se tutti fossimo consci, organi di informazione, cittadini, politici e tecnici, dell’importanza di una gestione sostenibile del verde urbano potremmo assicurare una sua maggiore efficacia (riuscire a raggiungere gli obiettivi prestabiliti) ed un’efficienza (a parità di risultati, riuscire a raggiungerli con il minor dispendio di risorse possibile) nel miglioramento dell’ambiente.
In aggiunta, mi duole notare che, ancora una volta, si sta facendo una questione politica di un”iniziativa che doveva essere prima valutata per la sua reale fattibilità tecnica ed economica e poi proposta e valutata, dai vari portatori d’interesse, senza implicazioni di colore. Gli alberi sono verdi per tutti e non cambiano colore in funzione delle convenienze politiche. Dispiace vedere come, ancora una volta, vengano utilizzati, certamente non dai promotori dall’iniziativa, solo per scopi personali o di parte.

Ott

24

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Catturare la co2 si può

stefano falgari

Cattura e sequestro di CO2: prevista costruzione di impianti anche in Italia ed è una soluzione alla lotta ai cambiamenti climatici che, seppur fra mille polemiche e in modo abbastanza lento prendere sempre piu quota. A tal proposito è interessante sapere che anche da parte del governo italiano c’è l’intenzione di creare nel nostro territorio impianti di questo tipo. Il progetto italiano verrà portato avanti con la collaborazione di altri Stati che metteranno a disposizione tecnici esperti in materia.
Ad affermarlo è il Ministro per lo Sviluppo Economico, da Londra, d’ambiente mondiale per individuare venti progetti per la cattura e lo stoccaggio della CO2 entro il 2010. In Italia dovrebbero sorgere due impianti, il primo, dice il ministro, vorremmo che questo fosse in Sardegna, mentre l’altro, già finanziato dall’Europa, nascerà a Porte Tolle in Veneto. Quella della cattura e del sequestro di CO2 concluso Scajola in modo abbastanza deciso, è una tecnologia innovativa di importanza enorme perché nel mondo c’è molto carbone; di questo modo se anche col tempo useremo sempre meno questa risorsa fossile potremo però continuare ad utilizzarla nel futuro breve con meno preoccupazione per l’ambiente. Che dire di quest’iniziativa? Gli esperti in materia sono molto divisi e i pareri non sono unanimi sulla questione.

Lug

2

By potatore

Commenti disabilitati su Tassa sulla co2?

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Tassa sulla co2?

In Europa si pagherà una tassa sulla CO2? di le.lo

Purtroppo sono costretto a ripetermi per l’ennesima volta, ma bisogna sottolineare come il nostro Paese, per quel che riguarda i temi ambientali, sia distante anni luce rispetto ad altre realtà. Mentre infatti qui da noi si è lottato con il coltello fra i denti con l’UE pur di non accettare il pacchetto clima 20-20-20 per la riduzione delle emissioni, da tutt’altra parte c’è chi lancia proposte in netta controtendenza. Parliamo della proposta del Premier del governo svedese Fredrik Reinfeldt che a partire dal prossimo mese metterà sul tavolo dell’UE la questione di imporre una tassa sulla CO2 a tutti i cittadini europei. Il Presidente, che dal primo luglio prenderà le redini del Consiglio Europeo, intende proporre l’introduzione della tutti gli stati membri, sulla falsa riga del modello di tassazione sull’anidride carbonica attualmente applicato in Svezia. Non si tratta solamente, sottolinea Reinfeldt, di un sistema per far fronte ai cambiamenti climatici, ma anche di uno strumento che permetterà di aiutare l’Europa ad uscire dalla crisi economica e far fronte alle conseguenze sociali. Una tassa nazionale sulle emissioni di CO2, continua Reinfeldt, è il modo migliore per costringere gli Stati membri a rispettare gli obiettivi del Pacchetto Clima

Gen

4

By potatore

Commenti disabilitati su Metti uno spazzino in giardino

Categories: Potatore news

Metti uno spazzino in giardino

balcone

In testa alla classifica dei purificatori dell’aria si posizionano il ginkgo (Ginkgo biloba), il bagolaro (Celtis australis), il tiglio nostrano (Tilia plathyphyllos) e selvatico (Tilia cordata), e l’orniello (Fraxinus ornus). Il melo da fiore (Malus domestica ‘Evereste’) e il biancospino nostrano (Crataegus monogyna), invece sono ottimi,  per catturare le polveri ultrasottili, ma non sono tra i più efficienti nell’assorbimento della CO2.
Al contrario, il carpino bianco (Carpinus betulus) è una specie con elevata capacità di assorbire la CO2 atmosferica ma, avendo foglie lisce e senza peli, non è un campione nella pulizia dell’aria dalle polveri. Da evitare invece un massiccio impiego di liriodendro (Liriodendron tulipifera), robinia (Robinia pseudoacacia) e sofora (Sophora japonica), che, “pur avendo ottime caratteristiche dal punto di vista del sequestro della CO2 e dell’assorbimento di inquinanti, sono caratterizzate da una maggiore potenzialità di formare ozono”. Bene anche acero campestre e comune, ciliegiofrassino comune o maggiore, mirabolanoolmo comune, ontano nero e sambuco. A combattere l’inquinamento dell’aria tutti hanno il dover di partecipare. Basta poco: vasi sui balconi, sulle finestre e sui terrazzi rendono accogliente il paesaggio urbano e contribuiscono al filtraggio degli inquinanti. Valutare di aggiungere in giardino rampicanti sulle reti di recinzioni o siepi schermanti da rumore e dai scarichi delle auto, specialmente a ridosso delle vie più trafficate. Aggiungere alberi negli spazi adibiti a prato avendo cura di utilizzerà specie autoctone in modo da evitare contesti paesaggistici anomali e specie che tendono ad ammalarsi continuamente o che non si adattano alle nuove condizioni microclimatiche. Infine da non sottovalutare è  che la presenza di verde anche nel contesto condominiale, ove esistono molte aree comuni, aumenta il valore dei fabbricati oltre che alla vivibilità degli spazi e in queste ambiente le specie vegetali possono essere utili creare ambienti di ritrovo  per attività sociali basta approntare dei gazebo e Bersò. Il Pianeta ha bisogno di “verde”: aiutiamolo e aiutiamo noi stessi.

Giu

27

By Il Potatore

Commenti disabilitati su I lavori estivi? Ecco cosa fare..

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

I lavori estivi? Ecco cosa fare..

Con l’estate la varietà di specie, in produzione,  nell’orto è notevole e richiede costanza  ed  interventi  colturali ravvicinati.

Aglio e cipolla: dopo la metà del mese circa si può procedere alla raccolta. I bulbi di  aglio una volta estirpati vanno lasciati asciugare all’ombra prima di essere riposti in cantina,quelli di cipolla vanno  invece fatti asciugare nell’aiuola. Se si vogliono sistemare a treccia tale  operazione va effettuata entro i primi quattro-cinque giorni  dalla raccolta.

Patate: anche per questi tuberi è tempo di raccolta specialmente per le varietà precoci. La selezione dei tuberi va effettuata subito dopo la  raccolta  allontanando  quelli  guasti o  rovinati durante la raccolta.Risulta anche conveniente effettuare una selezione rispetto al calibro: le patate più piccole verranno utilizzate  intere per gli arrosti, quelle con  diametro  maggiore invece  bollite o fritte.

 Biete: procedere alla semina  di varietà precoci a raccolta autunno-vernino. Prepararee e il terreno finement, distribuire il seme a spaglio ed interralo leggermente: semi troppo profondi rischiano di non germinare.

 

Basilico:  va ripulito accuratamente delle erbe  infestanti che sottraggono  acqua   alla coltura. Le piantine  vanno cimate regolarmente in modo da evitare la formazione  delle infiorescenze. Se  la  produzione  risulta  superiore  alle necessità  domestiche il  basilico  può  essere  facilmente congelato o  trasformato in pesto tenuto sotto olio.

Cavoli: le piantine ottenute in semenzaio vanno trapiantate a dimora e irrigate  con bassi volumi di acqua ma  ravvicinati  nel tempo. Per i cavoli verza la messa a  dimora in  Pianura Padana  non deve essere protratta al mese di Luglio se si vuole ottenere un prodotto di buona qualità.

Cetrioli: gli steli secondari  vanno cimati regolarmente subito  dopo  la formazione del secondo frutto. Ciò permetterà l’ingrossamento dei frutti stessi migliorandone la qualità. Nessuna cimatura va effettuata sullo stelo principale.

Pomodoro: va continuamente sfemminellato procedendo allo stesso tempo alla soppressione delle foglie in prossimità dei frutti  più bassi in modo da migliorare le condizioni di luce.

Mar

15

By Il Potatore

Commenti disabilitati su I lavori di marzo

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

I lavori di marzo

Marzo – Il mese attuale non offre garanzie, per nomea, di condizioni meteorologiche favorevoli alle scampagnate ma di brutte sorprese per le coltivazioni non dovrebbero essercene poi tante. Il condizionale è d’obbligo perché qualche gelata è del tutto normale per questo periodo. Per tutto il mese sarà conveniente seminare biete, spinaci, lattuga e lattughino in modo da avere coltivazioni a raccolta scalare e procedere al diradamento di quelle impiantate in precedenza. Per ottenere cavoli cappuccio  o verza durante il periodo estivo  è necessario provvedere  alla semina in semenzaio anche se per lo spazio occupato e il notevole periodo  che richiedono  prima della raccolta è consigliabile  effettuare tale  coltura  solo se si ha a  disposizione  un  discreto appezzamento. Dopo la  metà del mese si può iniziare  la semina  di fagiolini, preferendo varietà nane  mangiatutto.
Fragola – Per coloro che intendono crearsi una piccola coltivazione di fragole al fine di soddisfare le esigenze domestiche ecco di seguito come fare. Inizialmente sarà opportuno vangare e lavorare profondamente il terreno incorporando una buona dose di letame ben maturo. Successivamente vanno formate delle aiuole pacciamate con film in plastica, preferibilmente nero, dalla larghezza di 70-80 cm e sopraelevate di 15-20 cm rispetto al vialetto di servizio che dovrà essere all’incirca di 30-40 cm. Sulle aiuole le piantine verranno sistemate in file binate alla distanza di 30-40 cm. La lunghezza delle bine sarà in funzione delle esigenze di ognuno e alle dimensioni dell’orto anche se va considerato che pochi metri quadrati adibiti alla coltura saranno sufficienti a soddisfare qualsiasi esigenza.
Cenere – La cenere di stufe a legna e caminetti è un valido e prezioso concime da utilizzare per le coltivazioni ortive e per le piante da frutto. Infatti, oltre al conte­nuto di carbonato di potassio (10% circa), la cenere contiene ossidi  di sodio, calcio, magnesio e ferro, elementi indispensabili per la crescita delle piante e che integrano le concimazioni fatte con  i fertilizzanti chimici. Da non sottovalutare l’azione migli­oratrice  per quanto riguarda la lavorabilità del terreno  e l’effetto benefico sulla aerazione dello stesso. Per le colture che richiedono concimazioni potassi­che  come  pomodoro e zucchine è sicuramente  un toccasana e pertanto se ne consiglia la distribuzione 20-30 giorni prima della messa a dimora delle giovani piantine. Il fosforo presente nelle ceneri serve alla pianta per la costituzione delle infiorescenze  mentre la potassa migliora le caratteristiche organolettiche.
Lattuga – Bionda degli Ortolani, Verde D’inverno, Regina di Maggio o dei Ghiacci o forse è meglio la Lollo o la Rossa di Trento ? Quale è la più “saporita” è un fattore di semplice gusto personale ma per quanto riguarda il periodo di coltivazione occorre attenersi alle precise indicazione che i produttori di semi riportano sulle confezioni. Resta indubbio che le specie coltivate sono tante e da Marzo a Novembre con un semplice calendario di semine è possibile avere fresca insalata di lattuga per quasi tutto l’anno. Già gli antichi Romani apprezzavano la freschezza delle foglie e probabilmente da loro discende una delle sottospecie più coltivate detta appunto Romana a cui appartengono la Bionda degli Ortolani e la Verde d’Inverno. La sottospecie Secalina si è diffusa in epoca relativamente recente con le varietà Lollo dalla tipica colorazione rossiccia e le foglie arricciate, molta apprezzata dai consumatori e la Rossa di Trento.

Gen

12

By potatore

Commenti disabilitati su Il primo post dell'anno!!

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Il primo post dell'anno!!

Dopo la pausa natalizia e di fine anno diventa difficile (almeno per me) decidere l’argomento del primo post e anche della data…..Ho deciso con molto ritardo e l’argomento scelto non è certamente simpatico nè leggero ma spero che faccia riflettere specialmente in questo periodo: il tema è “l’inquinamento”. Ogni anno in Italia si consumano 14 miliardi di metri cubi di gas, 4,2 miliardi di chilogrammi di gasolio, 2,4 miliardi di tonnellate di legna e carbone per  emissioni totali di anidride carbonica di  circa 40 miliardi di tonnellate. Cifre pazzesche che se non arrestate saranno la causa della fine  del pianeta. Piantare anche un solo albero significa togliere dall’aria 10 kg di anidride carbonica e siccome  sulla Terra vivono miliardi di uomini che potenzialmente possono piantare miliardi di piante ……. Il primo post dell’anno è un augurio che tutti piantiamo un albero.

 

Set

17

By potatore

Commenti disabilitati su Ecco una top 10 sulle tecnologie emergenti ..

Categories: Potatore news

Ecco una top 10 sulle tecnologie emergenti ..

…che potrebbero risolvere la crisi ambientale:
 
3D piccole persone sdraiato su un pianeta verde. immagine 3D. Sfondo bianco isolato.  Archivio Fotografico - 8000482

10 – La carta elettronica.
9 – Il così detto sequestro della Co2.

8 – Usare le piante e i microrganismi per bonificare le zone inquinate (comprese le

biotecnologie applicate a questo settore).

7 – Sostituzione dei tetti con giardini .

6 – Produrre energia elettrica sfruttando le maree.

5 – Produrre l’energia termica dagli oceani.

4 – Un ulteriore sviluppo della tecnologia solare fotovoltaico e termico.

3 – La tecnologia delle celle a idrogeno.

2 – Desalinizzare l’acqua di mare,

1 – Riuscire a produrre petrolio da qualsiasi fonte organica.

Giu

22

By potatore

Commenti disabilitati su Il giardino Zen

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Il giardino Zen

Il giardino giapponese rappresenta la ricerca di un modello ideale di perfezione. Una ricerca che nasconde un sogno: di fermare il tempo, di raggiungere l’immortalità, tramite un’opera a sua volta mortale. Il sogno, purtroppo, è destinato a finire: da ciò la tristezza e l’angoscia che ogni giardino racchiude in sé. Pietra, piante, acqua sono i tre elementi che sono quasi sempre presenti nel giardino giapponese. L’equilibrio tra questi elementi è assai delicato e ha diversi scopi. Tra questi l’illusione, che ha l’osservatore, della sensazione che il giardino sia di grandi dimensioni, che generi un senso di pace e di armonia e che il tutto sia rigorosamente naturale. Le simmetrie e in generale i numeri pari sono da evitare in quanto ricordano gli elementi e i paesaggi artificiali. La sensazione di grandezza sarà invece determinata dalla presenza di piante piccole, sullo sfondo, e più grandi, al centro. Diversi sono i tentativi di spiegare il disegno caratterizzante de i giardini Zen ma a grandi linee possiamo dire che la ghiaia rappresenta l’oceano e le pietre rappresentano le isole del Giappone. La presenza di rocce rappresentano una mamma tigre con i cuccioli che nuotano verso un drago.  Alta simbologia viene dato al ruolo delle piante che hanno un alto valore estetico nella giusta separazione tra piante maschili e femminili. Le piante maschili devono essere con forme slanciate e spigolose e il loro numero deve essere esiguo all’interno del giardino, ma con esemplari di notevole dimensione. Le specie tipicamente femminili, per contro, tipicamente basse e dalle forme tondeggianti, sono invece più diffuse e presenti in tutte le zone “docili” e “tranquille” del giardino. Un’ulteriore distinguo va fatto tra piante sempreverdi, piante da fiore, e piante a foglia caduca(Acero,Gingko Biloba, Pino, Ginepro, Bamboo). La fioritura e la caduta delle foglie diventano caratterizzante a simboleggiare la gioventù e la vecchia della vita umana. In ultimo le rocce: TAIDO (abbinato al legno) pietre alte e verticali a simboleggiare grandi alberi e, per il loro aspetto fallico, la fertilità e disposte volutamente verso il fondo, dietro a tutte le altre. Il secondo tipo,REISHO, (abbinato al metallo) pietre verticali basse e simboleggiano le due delle qualità del metallo: stabilità e fermezza e raggruppate con le pietre verticali alte. Le SHIGYO (abbinato al fuoco) appartenenti alle pietre arcuate e ramificate a ricordare la forma della fiamma e posizionate di fronte e lateralmente rispetto alle pietre di altre forme. L’abbinamento all’acqua delle SHINTAI è caratterizzato da pietre piatte o orizzontali che vengono poste lateralmente agli altri gruppi per armonizzarli. Il quinto tipo detto KIKYAKU che simboleggiano la terra sono pietre prostrate o reclinate e vengono utilizzate per armonizzare gli altri raggruppamenti dove ve ne sia bisogno e utilizzato ai fini completativi. I tempi di realizzazione danno, infine, la proporzione del tempo: il maestro maestro Zen Muso Soseki impiegò dal 1275 al 1351 per la sua realizzazione del giardino Kyoto in puro stile karesansui. La disposizione delle otto pietre presenti, disposte prevalentemente su di una direttrice orizzontale, fanno pensare ad un design di recente realizzazione, ma sono in realtà state posate in momenti diversi dallo stesso autore del giardino, che ebbe a lungo dubbi sul loro posizionamento: in caso di dire “quando il dubbio non ha tempo”

Dic

12

By potatore

Commenti disabilitati su Addio paesaggio

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Addio paesaggio

Ogni giorno scompaiono 1000 ettari di terreni agricoli con gravi ripercussioni sulle produzioni agricole, enogastronomiche e paesaggistiche. Se a ciò si aggiunge il proliferare di specie esotiche si può immaginare quali effetti sul paesaggio. Un turista che viene in Italia a visitare le meraviglie paesaggiste della Pianura Padana sarà accolto da capannoni, industrie, villette a schiera ricche di auricarie, olivi secolari capitozzati, magnolie e ancora banani rinsecchiti dal gelo invernale. L’ultima moda e quella di collocare sughere sempreverdi che niente hanno a che vedere con la sihlouette delle specie caducifoglie autoctone. Addio paesaggio padano!!!  Le siepi sono da sempre l’elemento comune del paesaggio agrario della Pianura Padana. Esse svolgevano varie funzioni prima che venissero ridotte di numero a partire dal 1950 (tutt’ora ne restano circa il10/20%): produzione di legna da ardere, sostegno delle rive dei fossi, riduzione fenomeni erosivi, sostegno per le viti, produzione di foraggio (in bachicoltura specialmente). Negli anni avvenire alle funzioni tradizionali se ne aggiungono altre e il loro ripristino, fondamentale per l’ecosistema è incentivato dall’Unione Europea. Oggi alle tradizionali funzioni di produzione di legna da ardere sono le funzioni ecologiche a destare l’interesse della Comunità. Infatti le siepi sono capaci di mitigare il clima, ombreggiare i corsi d’acqua migliorare il bilancio co2, fitodepurazione delle acque, difesa dai rumori e dalle polveri sottile e infine paesaggistica. Si spera che tutto ciò riporti le siepi al loro antico splendore…

Nov

5

By potatore

Commenti disabilitati su La dieta mediterranea aiuta l'ambiente

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

La dieta mediterranea aiuta l'ambiente

Il dibattito sull’impatto ambientale che ha l‘uomo sul pianeta è quanto mai attuale. Diversi sono i parametri che lo calcolano e diversi sono gli scettici che teorizzano che i cambiamenti climatici attuali sono ciclici o determinati da cause diverse ma non dall’uomo. Noi siamo, invece,  tra quelli che imputano all’uomo i danni ambientali e gli sconvolgimenti climatici: effetto serra, alluvioni, desertificazione. Purtroppo occorre misurarsi con chi ha mezzi maggiori  per affermare false verità e stili di vita poco compatibili con l’ambiente. Il riferimento alla “dieta mediterranea” è palese e dopo anni di martellanti pubblicità sulla necessità di utilizzare olio di semi ketchup posto del più genuino olio di oliva, di mangiare hamburger americani pieni di maionese e checiap   piuttosto che pizza, pasta e fagioli e tanta frutta e verdura qualcosa comincia a cambiare. La salute per gli italiani è diventato un “bene primario” è l’alimentazione corretta diventa preoccupazione di tanti. Si scopre, poi,  che una corretta “dieta mediterranea aiuta anche l’ambiente  e i dati parlano chiaro: 12,3 metri quadri di impronta ecologica con una immissione di 2,2 Kg di co2 di una alimentazione equilibrata  contro i 26,8 metri quadri con emissione di 5,4 kg di co2 nelle diete ricche di carne, dolci, grassi e zuccheri come quelle del Nord America. Mangiare bene migliora la salute  e l’ambiente, consumare frutta  e verdura di stagione e a km 0, migliorare lo  stile di vita comincia dalla tavola e dall’ambiente.

Set

30

By potatore

Commenti disabilitati su Purificazione dell'aria

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Purificazione dell'aria

Le piante d’appartamento per quanto sensibili al sole e al freddo, sono utili perché resistono molto bene al fumo di sigaretta, ai gas delle auto, dei mobili e detersivi.  Si parla di sindrome dell’edificio malato: disturbi come bruciore agli occhi, cefalea, sinusite e sonnolenza, citandone solo alcuni, che colpiscono chi sta troppo chiuso in ambienti chiusi.  Lo scienziato Bill Wolverton ha dimostrato che le piante diminuiscono la concentrazione nociva. I veleni costituiti da molecole di idrogeno, carbonio e ossigeno penetrano nei vegetali dagli stomi e in parte formano zuccheri, lipidi e acidi organici, e in parte vanno nelle radici dove sono poi trasformati da batteri aerobici sempre in zuccheri, lipidi e acidi organici. I due rimedi contro la sindrome dell’edificio malato sono aprire le finestre e puntare sul verde.
E’ dimostrato che nei luoghi ventilati automaticamente l’aria è 100 volte più inquinata. Alcuni inquinanti sono: la formaldeide, proveniente da prodotti per l’incollaggio, spray, e vernici;
composti organici semivolatili  (Svoc) come CO2 , monossido di carbonio, biossido d’azoto e di zolfo provenienti da processi di combustione; e composti organici volatili (Voc) come cilene, toluene e benzene provenienti da solventi, vernici e  detersivi.
Lo scienziato Bill Wolverton ha individuato le 50 piante più adatte contro questo inquinamento.
Per esempio la Nephrolensis exaltata assorbe formaldeide, xilene e benzene; oppure le dracene divorano tutti i gas; l’aloe riduce la formaldeide e i Voc ridotti anche da banano nano e cactus colonnare; i Svoc sono ridotti dal ficus come pure dalla peperomia e dalla sansevieria.

Feb

4

By potatore

Commenti disabilitati su Ognuno al suo posto

Categories: Potatore news

Ognuno al suo posto

di E. Spo.


La vegetazione svolge un importante ruolo di controllo ambientale, perché mitiga i livelli di anidride carbonica atmosferica . Le piante infatti, durante la fotosintesi rimuovono la CO2 e liberano ossigeno; un altro punto a favore delle piante è che sono anche capaci di sintetizzare e rilasciare nell’aria i composti organici volatili (Voc), prodotti e contenuti negli organi vegetali. Questi Voc contribuiscono alla riduzione e formazione di azoto, infatti quando i livelli di azoto sono bassi, i Voc rimuovono l’ozono, ma quando però la concentrazione di azoto è alta come nelle aree industrializzate, l’ossidazione dei Voc non fa altro che peggiorare la situazione. Per questo è necessario individuare le specie più idonee per ogni tipo di ambiente; nel caso delle città come spiegato prima servono delle piante con un elevata capacità di assorbimento di CO2, ma con una bassa emissione di Voc. Alcune di queste piante sono il tiglio selvatico, biancospino e frassino. La situazione degli ambienti interni come uffici e appartamenti non è migliore. Tanti sono i composti che possono nuocerci come benzene o altri idrocarburi tossici, provenienti da adesivi, vestiti, vernici, detersivi…. delle ricerche nei paesi occidentali hanno addirittura attestato che l’inquinamento interno è peggiore di quello esterno e nel 2002 sono state 1,6 milioni le morti imputabili ad inquinamenti interni. Anche in questo caso alcune piante possono darci una mano e le specie considerate depurative per gli ambienti interni sono risultate: Ficus, Dracaena, Hedera helix (edera), Hoya carnosa (fiore di cera o di porcellana) e Asparagus densiflorus (asparagina).

Gen

29

By potatore

12 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Im…….brocchiamola

Imbrocchiamola è la nuova campagna fatta da Lega Ambiente per incentivare il consumo dell’acqua del rubinetto anche nei ristoranti. Già un una cinquantina i ristoranti che al posto di somministrare alla clientela acqua in bottiglia preferiscono mettere in brocca normalissima e  potabilissima acqua del rubinetto. Ciò si traduce in risparmio per la clientela e allo stesso modo un vantaggio economico come riferisce un gestore di ristorante ad una nota trasmissione radio. Il cliente ne guadagna, come detto,  un risparmio sul listino prezzi sulla costosa acqua in bottiglia contro la completamente gratuita “acqua del rubinetto” o del “sindaco” come scherzosamente la definiscono alcuni e il ristorante guadagna innanzitutto spazio visto che le confezioni di acqua in bottiglia ritagliano, già ridotti per motivazioni varie, nei depositi di bar e ristoranti. L’altro vantaggio, come sottolineato nell’intervista, è dato che quanto risparmiato dal cliente nel conto finale generalmente viene prontamente “recuperato” perchè si agginge la richiesta di un dolcino finale, un amaro o altro e il più delle volte il buon umore della novità si taduce con una maggiore disponibilità a spendere. Trovarsi, poi, a tavola, al posto della fredda bottiglia in plastica una brocca in vetro colma di acqua limpida, fresca e gratis da un aspetto più gradevole al pranzo  e l’ambiente ne guadagna tonnellate di co2, minori camion sulle strade e costi di smaltimento delle bottiglie. Lodevole iniziativa, forse tardiva, ma è già molto nel silenzio generale che vede le ditte commercializzatrici introitare cifre paurose dal commercio di acqua quanto inutile quanto dannoso. Sul nostro sito in numerosi articoli più volte si è trattato il tema dell’inutilità e della danno creato all’ambiente utilizzando acqua in bottiglia di plastica e per rispondere ad alcuni, finti tonti, anche dell’acqua commercializzata in bottiglie di vetro: il trasporto incide moltissimo in inquinamento e sulla viabilità. Il logo che è visibile nella home del sito, già da una decina di giorni, è frutto della iniziativa e dell’inventiva  dei ragazzi di  I f dell’ ITAS di Bergamo a cui vanno i miei personali apprezzamenti per la fattiva partecipazione ai probblemi ambientali.

Dic

23

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

La strada ecologica.

Davide Dipierro

Ho letto su un famoso giornale di automobili che dei progettisti hanno ideato un tipo di strada che sfrutta la scorrere delle machine per creare energia elettrica. L’ idea è nata da un gruppo di progettisti a Dubai, questo tipo di strade inizialmente progettate per coprire l’energia elettrica consumata dai lampioni vicino alle strade può portare con un miglioramento alla produzione ecologica di energia elettrica per le case vicine facendo così risparmiare molto sulla bolletta e sul’ elettricità. Secondo me e un ottima idea soprattutto se questo tipo di impianti si mettessero sulle strade dove presiede molto traffico.Si produrrebbe molta energia!

Dic

20

By potatore

Commenti disabilitati su Salviamo la terra

Categories: Potatore news

Salviamo la terra

  1. sara azzaro posted on 15 dicembre 2009:

    SALVIAMO LA TERRA :
    Secondo l’organizzazione metereologica mondiale, gli ultimi 10 anni sono stati i più caldi mai registrati dal 1850(anno in cui sono iniziate le rilevazioni); solo in Italia, riferisce il consiglio nazionale delle ricerche, dal 2000 la temperatura è cresciuta di 1.3 gradi ripsetto alla media delgi ultimi 2 secoli.
    Le Maldive, nell’oceano Indiano,Tuvalu,nell’oceano Pacifico finiranno sott’acqua, mentre metropoli come Londra,New York o Shangai dovranno investire miliardi di euro per difendersi dalle inondazioni.

    Isole maldive

    Isole maldive

    E la terza volta che si cerca un accordo per stabilizzare la concentrazione di gas serra nell’atmosfera a un livello capace di prevenire una pericolosa interferenza antropogenica nel sistema climatico.
    Bisognerebbe ridurre gli oltre 28 miliardi di tonnellate di co2 che ogni anno emettiamo nell’atmosfera.
    Perchè l’eccesso di co2 è il principale responsabile dell’innalzamento delle temperature.
    Secondo l’energia internazionele dell’enrgia un euro investito in apparecchiature elettriche, fa risparmiare due euro in consumi.
    Con l’alluminio sprecato dalgi americani in soli 10 anni, si potrebbe costruire l’intera flotta aerea mondiale,oltre 18 mila velivoli di linea le cui fusoliere sono realizzate per la maggior parte di alluminio.

    per ottenere mezzo chilo di carne si consumano 22 mila litri dacqua

    per ottenere mezzo chilo di carne si consumano 22 mila litri d'acqua

    Dall’altra parte, negli ultimi 50 anni il consumo di carne è salito del 50 per cento nei paesi industrializzati e del 200 per cento in quelli in via di sviluppo : per ottenere mezzo chilo di carne si consumano 22mila litri di acqua e gli allevamenti sono tra i maggiori produttori di metano, seconda causa dell’aumento delle temperature.

Nov

18

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

La Lombardia punta sul "tetto"

impianto fotovoltaico

impianto fotovoltaico

Proprio così: la Lombardia investe sul “tetto” fotovoltaico con circa 6.000 impianti di cui 112 nelle scuole. Nell’ultimo anno si è avuto un + 488% di nuovi impianti e il fatturato per le aziende interessato è stato veramente schiaccia crisi. La potenza stimata di tali impianti è equivalente a soddisfare gli usi domestici di circa 20.000 famiglie e se si considera che una famiglia produce in un anno mediamente 9,2 tonnellate di co2 togliendo i consumi di elettricità si ha un risparmio per l’ambiente di tutto rispetto. Tra le province più virtuose Brescia, Milano e quindi Bergamo con rispettivamente 25-20 e 15 % delle istallazioni. Molto c’è da fare ancora rispetto a paesi come Germania, Austria e la stessa Grecia che hanno istallazioni con superfici nettamente superiori a quella italiana e in particolari delle prime due che nonostate abbiano rendimenti dei pannelli inferiori ai nostri continuano a primeggiare. Ciò dipende senza dubbio dalla cattiva informazione come si evince dalle  domande più frequenti a cui i tecnici istallatori devono rispondere e per la confuzione che in alcuni casi si genera ancora tra fotovoltaico e termosolare o solare termico.

impianto termosolare

impianto termosolare

Ott

24

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Se la tua casa beve troppo

Ge.Ni.

Gli italiani in casa premono troppo sull’acceleratore. Per scaldare le proprie case devono smanettare le caldaie molto di più di quanto non si faccia nel Nord Europa. Le nostre abitazioni insomma sono letteralmente assetate di carburante e incidono sull’atmosfera molto di più delle nostre automobili.
Per soddisfare il Protocollo di Kyoto o contenere le emissioni di CO2 dovremmo anzitutto intervenire sugli edifici, che sono responsabili del 40% dei consumi energetici totali e delle conseguenti emissioni di gas serra. La casa a basso consumo è la nuova frontiera dell’ecologia che ridisegna la nostra impronta ecologica nelle giuste proporzioni.
Se la casa consuma meno dunque anche i costi diminuiranno, sia quelli economici sia quelli ambientali. Anche per la casa infatti vale lo stesso principio delle auto: meno consumi uguale meno costi e meno inquinamento.
Da tempo ormai si parla di risparmio energetico, una formula che ci richiama in mente subito le lavastoviglie. Ma mentre gli elettrodomestici incidono per circa un 8% sui consumi di energia, il riscaldamento degli edifici incide in maniera assai più rilevante con il 53% degli sprechi.
Tutto dipende principalmente dalle tipologie costruttive. In Germania non si danno concessioni edilizie per case che consumano più di 70 kw/h all’anno per metro quadrato, in Italia, a fronte di temperature decisamente più miti, ci attestiamo mediamente sui 150-200 kw/h. E’ come se le nostre case dovessero consumare di più perché sono più sportive o di alta cilindrata. Il nostro problema è quello del mancato contenimento degli sprechi e di una coibentazione degli edifici poco accorta, con ripercussioni anche sul comfort abitativo.
Le esperienze positive dei paesi del nord Europa dimostrano chiaramente che una coibentazione ben progettata e realizzata correttamente è la via più pratica e al tempo stesso più economica per la salvaguardia del nostro ambiente dai gas di scarico dei sistemi di riscaldamento a combustione.
Esistono ovviamente calcoli e considerazioni da farsi per ogni contesto specifico, ma gli interventi che si possono fare sono molti, alcuni dei quali davvero semplici da eseguire e a basso costo.

Ott

14

By potatore

3 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Inquinamento : tutti ne siamo responsabili!!!!!!

Inquinamento atmosferico è un termine che indica tutti gli agenti fisici, chimici e biologici che modificano le caratteristiche naturali dell’atmosfera. Questo è uno dei problemi maggiormente sentiti dalle popolazioni dei grandi agglomerati urbani, di cui ci si è iniziati a preoccupare solamente negli ultimi 30 anni. Dagli anni ‘70 infatti sono state adottate delle politiche per la riduzione degli agenti chimici e di numerose altre sostanze particolari presenti nell’aria. Queste politiche per una maggior salvaguardia dell’ambiente hanno dato dei risultati per alcuni inquinanti come ad esempio il biossido di zolfo, il piombo e il monossido di carbonio; per altri come ad esempio il biossido di azoto, l’ozono e le PM10 non hanno portato i risultati sperati, dei quali si è scoperto solo recentemente la loro criticità per quanto riguarda la salute.
Gli scarichi degli ormai numerosissimi aerei, un fattore inquinante che desta crescente preoccupazione
Definizione di inquinante atmosferico: fattore o sostanza che determina l’alterazione di una situazione stazionaria attraverso: modifica dei parametri fisici e/o chimici; variazione di rapporti quantitativi di sostanze già presenti; introduzione di composti estranei deleteri per la vita direttamente o indirettamente.
Distinzione tra primario e secondario
primario: la sua immissione nell’ambiente deriva da una sua emissione o produzione dal comparto; il monossido di carbonio è un esempio di inquinante primario, perché è un sottoprodotto della combustione
secondario: la produzione avviene nel comparto stesso ovvero nell’ambiente ricevente, in seguito a trasformazioni; la formazione di ozono nello smog è un esempio di inquinante secondario.
Principali inquinanti
Contaminanti gassosi
Contaminanti gassosi importanti sono:
• Monossido di carbonio, (CO): emesso principalmente dai processi di combustione, particolarmente dagli scarichi di veicoli con motori a idrocarburi, a causa di una combustione incompleta. Le concentrazioni maggiori si trovano generalmente nei pressi delle strade. L’inalazione in grandi quantità può causare mal di testa, fatica e problemi respiratori. Il limite massimo previsto per legge in Italia è di 10 mg/m³ in una media di 8 ore (D.M. 02-04-2002). Sopra i 500 mg/m³ può essere letale.
• Anidride carbonica, (CO2): anche questo gas è emesso principalmente dai processi di combustione, particolarmente dagli scarichi di veicoli con motori a idrocarburi, escluso il metano. La concentrazione dell’anidride carbonica al di la di lievi variazioni stagionali si valuta che abbia subito un aumento, dal 1750 del 31%. Nel 2004 la concentrazione nell’atmosfera era di 379 ppm nell’era preindustriale di 280 ppm. È il gas serra maggiormente responsabile del riscaldamento globale dovuto ad attività antropiche.
• Clorofluorocarburi, che distruggono lo strato di ozono della stratosfera.
• Piombo e altri metalli pesanti: tossici e spesso cancerogeni, mutageni e teratogeni.
• Ossidi di azoto (NOx): le emissioni sono principalmente nella forma di NO, che viene ossidato dall’ozono (O3) per formare il diossido d’azoto (NO2). L’ossido di azoto è irritante per gli occhi ed il tratto respiratorio. L’inalazione può causare edema polmonare, inoltre può avere effetti sul sangue, causando formazione di metaemoglobina. I vari ossidi di azoto reagiscono inoltre con gli idrocarburi nell’atmosfera per generare smog fotochimico. Può depositarsi in siti ecologicamente sensibili causando acidificazione ed eutrofizzazione.Gli ossidi di azoto, come d’altronde gli ossidi di zolfo sono anche precursori del particolato fine.
• Diossido di zolfo generato dalla combustione di carburanti contenenti zolfo, principalmente nelle centrali elettriche e durante la fusione di metalli ed in altri processi industriali. Il diossido di zolfo causa le piogge acide
• l’ozono presente negli strati inferiori dell’atmosfera è un inquinante secondario formato da reazioni fotochimiche che coinvolgono gli ossidi di azoto e i composti organici volatili. Sebbene l’ozono presente negli strati superiori dell’atmosfera (stratosfera) aiuti a ridurre l’ammontare di radiazioni ultraviolette che raggiungono la superficie terrestre quello presente nella bassa atmosfera è un gas irritante e può causare problemi alla respirazione.

Set

18

By potatore

Commenti disabilitati su Sarkozy e la rivoluzione carbon tax

Categories: Potatore news

Sarkozy e la rivoluzione carbon tax

di Daniel Bernini


I francesi, già angosciati dalla crisi economica, stanno facendo i conti su quanto costerà la “rivoluzione verde” di Nicolas Sarkozy, cioè la tassa sui consumi di carbone, gas, petrolio e derivati che il presidente ha loro annunciato. E’ una scelta coraggiosa e irreversibile per arrivare ad un modello di sviluppo sostenibile. Questa tassa verrà calcolata 17 euro per tonnellata di CO2 emessa; il pagamento sarà uguale per famiglie e imprese e si tradurrà in un aumento di 4.5 centesimi alla pompa per il gasolio, di 4 centesimi per la benzina e di 0.4 centesimi per Kwh per il gas. Resta esente dalla tassa l’elettricità perché la sua produzione arriva dal nucleare.  Secondo alcuni questo porterà ad una fuga di industrie in Paesi più tolleranti sotto il profilo ecologico, con pesanti conseguenze sull’economia.  E’ per questo che Sarkozy ha chiesto al resto d’Europa una coerenza ecologica……

Set

11

By potatore

Commenti disabilitati su “Our Climate, Your Decision”

Categories: Potatore news

“Our Climate, Your Decision”

  1. p.g Says:
    settembre 11th, 2009 at 18:18 eIn vista della conferenza sul clima di Copenaghen, aumentano le iniziative per stimolare l’opinione pubblica a far pressione sui grandi della Terra affinché le emissioni di anidride carbonica vengano ridotte del 12% entro il 2012, e del 50% entro il 2050. Ad avviare le iniziative di sensibilizzazione è stata principalmente Hopenaghen, però ora vi sono altre associazioni che stanno inventando nuovi stratagemmi più coinvolgenti per riuscire a sensibilizzare ancor di più le persone al problema ambientale.
    -In questo caso si tratta di un concorso di cortometraggi ecologici “one minute to save the word” , che con il supporto di partner importanti come Greenpeace, Unite for climate, World Development Movement e altri, permetterà al cortometraggio vincitore di essere il promotore di una campagna di sensibilizzazione sul web in vista della conferenza.
    -Altro esempio che dimostra come la sostenibilità, l’innovazione e il divertimento possano coincidere perfettamente, è il primo festival totalmente ecologico: CO2penaghen è infatti una kermesse artistica e musicale che non produce emissioni di anidride carbonica.
    -C’è infine un’ultima iniziativa, più irriverente e promossa da Greenpeace, che per sensibilizzare l’opinione pubblica ha esposto sul Monte Rosa (versante svizzero) un gigantesco banner di 5200 metri quadrati che recita “Our Climate, Your Decision”. L’obiettivo è far sottoscrivere la petizione che invita il nostro capo del governo a partecipare in prima persona alla conferenza di Copenaghen.

Ago

7

By potatore

No Comments

Categories:

Erbacee e da orto

Cetriolo
Lattuga
Pisello
Zucca e meloni
Coltivazione biologica del frumento
Trifoglio

I cetrioli (Cucumis sativus), appartenenti alla famiglia delle cucurbitacee, noti per le proprietà diuretiche, ottimi sia per le insalate estive sia per le conserve, hanno un aspetto singolare e talvolta raggiungono una mole notevole. Essi portano sulle tavole italiane insieme a zucche meloni e zucchine un tocco di esotismo. Se trapiantate nell’orto in aprile o maggio quando lepiantine hanno sviluppato la quarta-quinta foglia è possibile raccogliere i primi frutti dopo appena 50-60 giorni se trattasi di cultivars precoci. Il terreno adatto all’impian­to deve essere fertile ricco di letame (10-15 k per metro quadro) e irrigato con acque temperate ed interventi ravvi­cinati al fine di mantenere elevati e costanti livelli di umidità. Le distanze di impianto sono di 40-50 cm sulla fila e di 1-1,5 tra le file tenendo presente di non superare la densità di due piante per metro quadrato. L’allevamento delle piantine va fatto in verticale su reti di plastica alte 2 metri oppure su sostegni in legno. Ciò permette di ottenere un duplice vantaggio; dei frutti dritti e ben colorati e fa in modo le foglie e gli steli non vengono a contatto con il suolo che favorisce lo sviluppo di malattie crittogame quali l’oidio e la Botritys. In ogni caso possono essere utilizzati gli stessi sostegni eventualmente utilizzati per il pomodoro. Tra le cure da apportare durante la crescita delle piantine è la soppressione delle foglie presenti nei primi 40-50 cm dal terreno e dei germogli ascellari per favorire la cresci­ta della pianta. Successivamente i germogli ascellari do­vranno essere cimati due foglie dopo il frutticino al fine di favorirne l’ingrossamento. Se la coltivazione è tesa alla produzione di frutti piccoli da sottaceto è necessario utilizzare varietà adatte come ad esempio la Wiscons. Se è eseguito correttamente quando detto saranno sufficien­ti dieci piantine per ottenere una produzione di circa 100 kg durante tutto il periodo estivo.

———————————————————————————————————————————————–

 La lattuga, in quest’ultimo decennio, si è conquistata un posto di tutto rispetto nell’alimentazione degli Italiani Tra gli ortaggi da foglia, con i circa 4 milioni di quintali consumati all’anno, è al primo posto nei consumi superando le produzioni di cicorie, scarole e indivie. Il termine lattuga è molto restrittivo per una specie che consta di tre sottospecie con una miriade di varietà che differiscono tra loro per la colorazione, il portamento delle foglie e l’epoca di coltivazione. La Lactuca sativa deve il nome agli antichi Romani e al latice biancastro aspro e amarognolo, che fuoriesce dalle piante quando vengono raccolte in ritardo. Appartenente alla famiglia delle Composite, la lattuga, presenta un notevole adattamento al clima e ed ai vari tipi i terreno. La sotto­specie capitata e quella romana sono tra quelle più utiliz­zate nelle colture da serra grazie a una serie di varietà adattabili alle varie esigenze organolettiche e morfologiche richieste dai consumatori e alle forme di adattamento alla coltivazione in coltura anticipata o tardiva richiesta dalla coltivazione in serra. Infatti, della sottospecie capitata fanno parte le varietà Troncadero a cappuccio con foglie verdi o colorate di rosso che insieme alla Regina dei ghiacci sono indicate per le coltivazioni invernali mentre le varietà Regina di Maggio, Appia ed Aurelia sono per le coltivazioni primaverili ed autunnali e varietà come la Sant’Anna e il cavolo di Napoli sono consigliate per le coltivazioni estive. Per chi non preferisce la lattuga a cappuccio può utilizzare le varietà della sottospecie romana come la Bionda degli ortolani e la Verde d’inverno. Negli ultimi anni notevole interesse è stato riscontrato dai consumatori per la Lollo e la Rossa di Trento della sotto­specie secalina. In ogni caso sono ancora tante le soluzioni e pertanto chi si accinge alla coltivazione può trovare utile seguire le norme e i consigli che i produttori di semi riportano sulle confezioni.

———————————————————————————————————————————————–

Il pisello è un ortaggio che in virtù della grande adattabilità ai vari terreni e alle ottime caratteristiche organolettiche risulta tra gli ortaggi più coltivati al mondo. La semina può essere effettuata nel tardo autunno oppure con gli inizi della primavera a secondo della latitudine e va effettuata direttamente a dimora a file semplici o binate. Le distanze utilizzate per le file semplici vanno dai 40-60 cm tra le file mentre per le varietà nane fino agli 80-100 cm per le varietà rampicanti. In caso di utilizzo di file binate vanno utilizzate distanze di circa 30 cm tra le due file e 70 cm tra le coppie di file in caso di varietà nane aumentando tali distanze fino a 60-70 cm tra le file semplici e 110-120 cm tra le coppie di file o bine. Tra le file sia che si tratti di file semplici che binate la distanza consigliata è di circa 10 cm. Dopo la germinazione dei semi occorre effettuare diverse sarchiature in modo da contenere lo sviluppo di infestanti, la prima va in genere effettuata quando le piantine hanno raggiunto circa 10cm di altezza. Abbinata alla sarchiatura nel primo intervento è consigliabile anche una leggera rincalzatura. Sono pochi gli altri interventi da effettuare eccetto che per le varietà rampicanti l’utilizzo di tutori. La raccolta dei piselli è scalare e va effettuata circa ogni tre-quattro giorni, nelle ore fresche del mattino e man mano che i baccelli raggiungono i tre terzi del loro sviluppo e i semi al loro interno non risultano accostati gli uni agli altri. I baccelli una volta sgranati ( circa il 70% di scarto) possono essere interrati in trincee precedentemente scavati nell’orto visto il loro alto contenuto di azoto oppure sistemati nel compost.

———————————————————————————————————————————————–

Sono ideali per la produzione delle più svariate pietanze, dalle più sbrigative come melone e prosciutto alle più complicate come i tortelli di zucca. Entrambi appartenenti alla famiglia delle cucurbitacee, zucche e meloni possono essere coltivati a spalliera sui balconi o lungo le pareti della casa non solo per ottenere i frutti commestibili ma anche a scopo ornamentale e di abbellimento. Nel caso in cui nell’orto vengono coltivate queste specie, sarebbe opportuno riservare il posto ai piedi dello spazio adibito alla produzione di compost affinché‚ l’abbondanza d’elementi nutritivi soddisfi le notevoli esigenze di queste piante. Per quanto riguarda la zucca, diverse sono le varietà che si possono impiantare, alcune delle quali oltre a produrre frutti (peponidi) utilizzabili per il consumo fresco danno anche frutti belli e strani o addirittura utilizzabili per la conservazione del vino, una volta essiccate e svuotate come nel caso della Legenario o zucca da vino. Le zucche come i meloni esigono climi temperato-caldi e terreni fre­schi, fertili e acidi, annaffiature distanziate e con abbondanti volumi d’acqua. Una volta impiantati nell’orto molta cura va posta per la prevenzione dai parassiti animali come, le larve del maggiolino e il grillotalpa e di malattie fungine come, la tracheomicosi. Quest’ultimo è un fungo il cui micelio ottura i vasi adduttori di linfa e provoca la morte della pianta. L’utilizzo di prodotti antiparassitari come verde-rame e zolfo è da preferire a prodotti più tossi­ci. Altre cure da apportare consistono nella cimatura dello stelo primario dopo la quarta foglia in modo da favorire l’emissione di quelli laterali o ascellari. Questi saranno diradati in modo di favorire lo sviluppo dei frutti. la raccolta verrà effettuata dopo la maturazione dei frutti nel caso del melone e dopo la caduta delle foglie per la zucca. Ricordarsi, infine, di prelevare dai frutti migliori il seme per l’impianto della coltura successiva.

———————————————————————————————————————————————–

———————————————————————————————————————————————–


Scelta Varietale
La scelta della varietà va presa in base alla destinazione del prodotto e in relazione alla qualità della farina.
La scelta della varietà deve essere effettuata tenendo conto delle caratteristiche pedoclimatiche del territorio, in particolare della resistenza al freddo e della natura del terreno. Il frumento duro è più sensibile alle basse temperature, mentra si adatta meglio al clima più caldo e asciutto. Bisogna scegliere delle varieà resistenti alle malattie e prendere in considerazione anche il portamento della pianta. In agricoltura biologica si prendono in considerazione le seguenti varietà:
– frumento duro: simeto, adamello, appio
– frumento tenero: manital, pandas, brasilia, mec, centauro, serio, eureka.
Lavorazioni e concimazioni
Non devono essere fatte lavorazioni profonde, ma arature leggere (di una profondità massima di 30cm). L’aratura leggera crea una buona struttura del terreno, favorisce l’attività biologica degli organismi del suolo. Quando si fa la preparazione del terreno bisogna usare degli attrezzi che evitino la rottura delle radici delle infestanti perchè si potrebbe avere un loro aumento.
In certe stagioni precise è meglio fare la semina su sodo, per evitare di danneggiare la struttura del suolo. La concimazione del frumento deve essere fatta con letame compostato che deve essere incorporato al terreno in superficie nella preparazione del letto di semina. Si può utilizzare anche del letame maturo, mentre è da evitare il letame fresco perchè favorisce lo sviluppo di infezioni fungine a livello delle radici e del colletto delle piante.
Semina
La semina si fa con il sistema a file semplici (con una distanza tra le file di 15-20cm) o a file binate. La profondità deve essere di 3-5 cm. La quantità di seme che viene utillizzata nel biologico è superiore al 20% di quello che si utilizza nel metodo convezionale, si utilizzano oltre i 240 Kg/ha di semente.
Avvicendamenti e rotazioni
Gli avvicendamenti e le rotazioni soo molto importanti perchè aiutano a mantenere e incrementare la fertilità del suolo, ridurre la competizione con le infestanti e controllare i parassiti. Il frumento essendo una pianta depauperante la sua maggiore resa la da quando l’avvicendamento e nella rotazione sono inserite delle colture miglioratrici come la leguminosa da granella, colza, prati di leguminose e graminacee. Ma può essere anche inserito anche dopo una coltura da rinnovo come il mais, il pomodoro, la patata, il girasole. Sono delle colture che lasciano il terreno in buone condizioni e con una ridotta presenza di infestanti.
Controllo delle erbe spontanee
Il controllo viene fatto seguendo delle strategie come:
– rotazione colturale: facendo cura alle colture che ci sono state in precedenza si evita lo sviluppo delle infestanti
– consociazioni:
– lavorazioni del terreno e adozione della falsa semina: si basa sulla preparazione in anticipo del letto di semina per far germinare le infestanti, che poi andranno eliminate
– concimazione equilibrata: si fa per rendere la pianta più resistente agli attachi dei parassiti
– epoca di semina: se ci sono dei periodi troppo precoci facilitano l’emergenza della flora spontanea
– densità di semina: è meglio aumentare del 10% la densità normale di semina per ottenere una maggiore copertura del terreno, per non far venire fuori le infestanti
– scelta di varietà a portamento prostato: determina una maggiore copertura del terreno, riduce la presenza delle infestanti.
Controllo degli agenti patogeni e di danno
Il frumento è soggetto all’attacco di gravi malattie fungine come l’oidio, le ruggini, carie e carboni, mal del piede,…; ma può essere anche attaccato da insetti in particolare dagli afidi.
Per combatterli ci sono varie metodologie, che sono:
– scelta di varietà resistenti
– avvicendamenti e rotazioni
– concimazioni equilibrate: bisogna fare un giusto rapporto equilibrato di azoto e fosforo pre rederere la pianta più robusta;
Se c’è un eccesso di azoto ci possono assere degli attacchi da iodio e alcune infestazioni da parte dell’oidio
– densità di semina ottimale: serve per ridurre l’umidità, se si utilizzano semine troppo fitte, si può far favorire il diffondersi del mal del piede
– buon drenaggio del terreno: per evitare ristagni idrici che favoriscono le infezioni fungine
– impiego di seme sano e concia delle sementi: la concia viene fatta con dei prodotti a base di rame per combattere carie e carboni.

———————————————————————————————————————————————–

Il trifoglio bianco comprende due specie: Trifolium repens var hollandicum(t nano)di taglia ridotta utilizzato soprattutto come prato pascolo, e il Trifolium repens var gigante(t ladino), di tagli maggiore utilizzato per prati.
Il trifoglio bianco ha dapprima un apparato radicale fittonante che viene poi sostituito da un apparato avventizio fascicolato molto superficiale. Gli steli sono striscianti.Le fogli sono trifogliate e portate da un picciolo che nelle piante da pascolo è lungo 5-10 cm mentre nelle piante da sfalcio è lungo 40-60 cm. L’infiorescenza è a capolino e presenta fiori bianco-rosati. Il legume contiene 3-4 semi di forma cuoriforme e di colore giallo-rosso. È una pianta che predilige gli ambienti freschi e che non resiste alla siccità in quanto ha un apparato radicale molto superficiale. Sopporta le alte temperature solo se l’umidità dei primi strati di terreno è ottima. Richiede molta luce quindi la consociazione con graminacee può essere un fatto negativo in quanto queste la potrebbero privare di luce. La semina è eseguita entro marzo, ma se si esegue una consociazione con graminacee viene eseguita a settembre. Vengono seminati 7-8 kg/ha di semi, a file distanti 12-25 cm e alla profondità massima di 1 cm. È fondamentale l’irrigazione che spesso viene eseguita per scorrimento. La concimazione nell’anno d’impianto viene eseguito distribuendo 150-200 kg/ha di P2O5 e K2O se non si è eseguita letamazione. Se all’aratura di è eseguita letamazione invece, vengono distribuiti 80-100 kg/ha dei due concimi. Per quanto riguarda la concimazione negli anni successivi, a fine inverno vengono distribuiti 80-100 kg/ha dei due concimi e dopo il secondo taglio ne vengono distribuiti 40-50kg/ha.il foraggio prodotto è ottimo in quanto è composto solamente da fiori,foglie e piccioli. Gli steli vengono eliminati. La produzione di sostanza secca nel primo anno è pari a 5-6t/ha, nel secondo anno di 15-18t/ha e nel terzo anno di 10-12t/ha. Vengono eseguiti 4-6 sfalci all’anno.
Trifoglio pratense(Trifolium pratense)
Il trifoglio pratense ha un apparato radicale fittonante profondo, ma meno della medica. Le foglie sono trifogliate e sulla pagina superiore è presente un disegno a forma di V. Gli steli sono eretti e grossolani e la pianta in fioritura raggiunge un’altezza di 60-70cm. Le infiorescenze sono a capolino e sono costituite da più di 100 fiori di colore azzurro-violetto. Il frutto è un legume che contiene un seme giallo. Il trifoglio pratense predilige ambienti freschi, non sopporta la siccità e le temperature oltre 1 35°C. Si adatta a terreni con pH sino a 6. Viene coltivato in ambienti poco adatti alla Medica. La semina viene eseguita a marzo, mentre in collina ad aprile. Vengono seminati 20-24 kg/ha di semi, in file distanti 12-15 cm alla profondità massima di 1 cm. Il trifoglio violetto viene spesso coltivato in consociazione con graminacee, soprattutto Loiessa. Fattore molto pericoloso per il trifoglio violetto è l’umidità, perché favorisce il diffondersi del Mal de lo sclerozio, una malattia funginea che provoca marciume radicale e del colletto. Resiste ai ritorni di freddo più della Medica. Il foraggio prodotto è difficile da affienare in quanto gli steli sono grossi e ricchi d’acqua. È quindi consigliato l’uso della falcia condizionatrice a rulli. È molto adatto invece all’insilato in quanto è ricco di zuccheri solubili. Nel primo anno vengono prodotti 5-8 t/ha di sostanza secca, mentre nel secondo anno, ne vengono prodotte 12t/ha. Dopo di che è meglio interrompere il prato.

home page snorkeling nemo

Mag

8

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Il punto di non ritorno

Il punto di non ritorno del Pianeta sembra essersi accorciato. Secondo uno studio che tiene conto della concentrazione di anidride carbonica: in atmosfera,  280 parti per milione  all’alba della rivoluzione industriale, ma oggi intorno alle 385 p.p.m si evince che l’incremento è sempre più veloce: ormai  si sono superato le due parti per milione l’anno e si avvia verso le 3 parti per anno. A questa velocità il limite stimato invalicabile dagli scienziati di  450 parti sarebbe appunto  raggiunto in una ventina di anni. L’effetto serra conseguente determinerebbe danni ai quali l’uomo non potrebbe più porre rimedi e che ne pregiudica la stessa sua sopravvivenza. Ridurre le emissioni di Co2 è quindi imperativo e una rivisitazione dei programmi energetici diventa quando mai attuale. Da sottolineare la svolta del nuovo presidente americano Obama  a favore delle energie alternative e positivo è anche l’accordo Fiat-Chrysler per produzione di autoveicoli di piccola cilindrata e quindi più ecologiche: si è rottamato per così dire Bush e il suo programma petrolifero. Tutti però devono cooperare riciclando, effettuando acquisti con prodotti che hanno poco imballaggi, utilizzando i trasporti pubblici o riducendo l’utilizzo di macchine, piantando nuove piante  nel giardino di casa, nel balcone, proteggendo i boschi e intervenendo fattivamente con segnalazioni agli organi preposti quando si verificano reati ambientali.

Mar

17

By potatore

3 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Lo sapevate che i coralli ricrescono?

Pa. Do.

L’effetto serra è il fenomeno climatico che porta al riscaldamento degli strati inferiori dell’atmosfera terrestre, questa causa è stata portata dall’assorbimento da parte d’alcuni gas della radiazione infrarossa emessa dalla Terra. L’effetto serra riveste un’importanza fondamentale per gli organismi viventi, perché limita la dispersione del calore e determina il mantenimento di una temperatura costante del pianeta. Tuttavia, l’immissione in atmosfera dell’elevata quantità di CO2 (anidride carbonica) e altri gas, dovuta alle attività industriali, quindi ha potenziato l’effetto serra naturale e sta determinando un anomalo aumento della temperatura, fenomeno noto come “riscaldamento terrestre”. Portando a diverse conseguenze all’ecosistema totale, per esempio l’aumento della temperatura delle acque marine specialmente vicino alla superficie, modificando le correnti oceaniche, il moto ondoso e la salinità; la geografia degli ecosistemi marini subirebbe profondi cambiamenti, scioglimenti dei ghiacciai e la distruzione delle barriere coralline.
Un architetto e un ecologo hanno progettato un metodo che serve a farle ricrescere rapidamente. Il progetto consiste nel creare delle griglie metalliche subaquee e posizionarle sul fondale marino, da dove passa la corrente elettrica( ricavata dai pannelli solari) a basso voltaggio crea delle scosse che fa precipitare i minerali disciolti sulle griglie. Questi formano un substrato calcare ottimo nutrimento per le creature marine della barriera. Nel test che è stato eseguito di recente alle isole Turks and Caicosn, ai Caraibi, afferma che i coralli cresciuti sulle griglie crescono molto più velocemente e sopravvivono meglio al riscaldamento dovuto all’effetto serra.

Gen

27

By potatore

4 Comments

Categories:

Fauna

Aquila reale
Anaconda
Balena
Boa
Cavallo Frisone
Capra
Carpa
Cavaliere d’Italia
Cobra
Coyote
Crotalidi
Falco pellegrino
Fenicottero rosa
Ferro di Lancia
Geco
Giaguaro
Leopardo
Lepre
Lontra
Lupo
Marmotta
Muflone
Narvalo
Natrice dal collare
Orso bruno
Orso polare
Pastore bergamasco
Pecora brogna
Piccione
Pinguino
Pipistrello
Puma
Riccio
Rinoceronte di Giava
Salamandra pezzata
Squalo
Stambecco
Tigre
Trote
Volpe

———————————————————————————————————————————————-


L’aquila reale vive nelle regioni montagnose ed impervie, ben lontano dall’uomo, ma sempre sotto il livello delle nevi perenni, ed è completamente assente dalle pianure. In Italia la sua presenza è stimata in circa 500 coppie delle quali circa 300 si trovano sulle Alpi, 100 sugli Appennini, ed il resto tra Sicilia e Sardegna.
L’aquila reale raggiunge una lunghezza che può variare tra i 75 e gli 88 cm, mentre la sua apertura alare può raggiungere i 2,30m, e il suo peso arriva fino a 6,7kg. Gli esemplari più grossi sono le femmine. Il becco è robusto e ricurvo, è dotata di una vista straordinaria, sei volte più acuta dell’uomo, e di un campo visivo di 300 gradi (uomo 180 gradi).
Fedeli per la vita il maschio e la femmina di aquila reale, una volta formata la coppia e scelto il territorio rimangono stanziali per molti anni. L’accoppiamento avviene a terra, e ne segue la deposizione delle uova (tra gennaio e maggio)che generalmente sono due. In questo periodo il maschio è spesso assente per ricomparire alla schiusa delle uova per portare cibo alla madre e ai piccoli, dei quali solitamente solo uno sopravvive. Dopo circa due mesi i piccoli imparano a volare, e dopo sei mesi lasciano i genitori per poi formare un nuovo nucleo familiare ad un’età compresa tra i 3 e i 6 anni quando raggiungono la maturità sessuale.
L’aquila si nutre principalmente di mammiferi piccola e media taglia (conigli, piccoli daini, marmotte, scoiattoli) oppure di uccelli o rettili. Nel caso che la preda sia un mammifero la coppia si divide i compiti, cioè uno plana radente al suolo per impaurire la preda, mentre l’altro si lancia in picchiata dall’alto. Gli uccelli invece, vengono spesso cacciati in volo. L’aquila reale è un uccello molto attaccato al suo territorio, che può andare dai 50 ai 500 km quadrati a seconda della disponibilità di cibo. Predilige in genere gli spazi aperti con grandi pareti rocciose, sulle quali costruisce i suoi nidi. Si tiene lontana dalle zone troppo boscose o frequentate dall’uomo, ed è in generale assente nelle pianure. L’aquila è protetta su tutto il territorio nazionale e la sua popolazione sembra mantenersi stabile.
———————————————————————————————————————————————-


anaconda“anaconda” è usato per indicare quattro specie di grandi serpenti sudamericani, appartenenti tutti al genere Eunectes, della stessa famiglia del boa. Si tratta di specie vivipare di grandissime dimensioni, tra le più lunghe e pesanti del mondo. L’anaconda comune (Eunectes murinus) è il serpente più lungo dell’emisfero occidentale e il più pesante in assoluto: un individuo adulto di grossa taglia può misurare 6 m di lunghezza e pesare 107 kg. L’anaconda comune vive nei sistemi fluviali del Sud America amazzonico, a est delle Ande, e uccide le prede stringendole fra le sue spire. L’anaconda giallo (Eunectes notaeus) è molto più piccolo, di solito non supera i 3-4 m, e vive più a sud.
Classificazione scientifica: Le varie specie di anaconda appartengono alla famiglia dei boidi, dell’ordine degli squamati, classe rettili, subphylum vertebrati, phylum cordati.
———————————————————————————————————————————————-

Con “Balena” si intende qualsiasi cetaceo di grandi dimensioni. Le balene sono mammiferi di grandi dimensioni, nonostante il loro aspetto di pesci, che conducono una vita molto movimentata migrando continuamente. Le femmine di balena normalmente concepiscono e partoriscono a grandi profondità, dando vita solitamente a un solo piccolo. La loro maturità riproduttiva arriva tardi, di solito intorno ai 7-10 anni. Questa strategia fornisce al piccolo un’alta percentuale di sopravvivenza.Poiché vivono nel mare, le balene sono “respiratici coscienti” ovvero decidono quando respirare. Per questo motivo non devono cadere in uno stato di incoscienza troppo a lungo, ma allora come dormono? Come ogni altro mammifero anche loro dormono, ma in modo differente: per riposare fanno si che sia un solo emisfero per volta del loro cervello a dormire, in modo da non essere mai completamente addormentate.Il loro aspetto è magnifico: sono tra i più grandi mammiferi conosciuti, la Balena azzurra è il più grande tra i cetacei viventi, le sue dimensioni arrivano a 32 metri di lunghezza per 170 tonnellate di peso, l’equivalente di 28-30 elefanti africani adulti, hanno grandi occhi e immense fauci che hanno permesso il proliferare di numerose leggende, come quella di pinocchio, Moby Dick o il gigantesco “mostro marino” avvistato dai prmi marinai che attraversarono gli oceani. Le balene sono discendenti di mammiferi che vivevano sulla terraferma. I loro antenati hanno iniziato ad adattarsi alla vita acquatica approssimativamente 50 milioni di anni fa. Una recente scoperta conferma l’ipotesi che i più antichi antenati dei cetacei attuali avevano origini terrestri: le balene venivano a terra per partorire. Purtroppo la maggior parte delle specie di balena sono in via di estinzione a causa della loro caccia. Infatti per secoli sono state cacciate per ricavare olio, grasso, carne, ambra e i fanoni; La commissione internazionale di caccia alla balena ha introdotto una moratoria sulla caccia alla balena nel 1986. Per vari motivi alcune eccezioni a questa moratoria esistono; le nazioni che correntemente praticano la caccia alla balena sono:la Norvegia, l’Islanda e il Giappone. Oltre a queste ci sono anche le comunità aborigene della Siberia, dell’Alaska e del Canada del Nord, perché la caccia alla balena fa parte della loro tradizione culturale ed un mezzo di sostentamento primario della popolazione. La causa della loro estinzione però non è solo la caccia: infatti ogni anno muoiono migliaia di cuccioli di balena soffocati dalle reti da pesca, soprattutto durante la pesca del tonno nel pacifico.Oltre alla caccia e alle reti da pesca si aggiungono anche i sonar delle navi moderne e i test sismici che ne rovinano l’udito e ne provocano gli spiaggiamenti perchè modificano i campi elettromagnetici naturali con i quali loro si orientano per ecolocazione. L’ordinamento giudiziario degli Stati Uniti ha ordinato al reparto della difesa degli Stati Uniti di limitare rigorosamente l’uso del sonar a bassa frequenza durante il periodi di pace. Tentativi per ottenere simili risultati sulle navi inglesi, effettuati in Gran Bretagna dalle società per la conservazione delle balene e dei delfini, non hanno per ora ottenuto esiti positivi. Il Parlamento Europeo d’altra parte ha chiesto ai membri dell’UE di limitare l’uso di sistemi sonar di una certa potenza.

———————————————————————————————————————————————-

 boaBoa: nome comune di alcune specie di serpenti non velenosi appartenenti alla famiglia dei boidi, di cui fanno parte anche il pitone e l’anaconda. Come tutti i membri della famiglia, i boa uccidono la preda stritolandola fra le spire potenti e poi la ingoiano intera, avvalendosi della caratteristica di poter disarticolare le mandibole. In questo modo possono inghiottire animali più grandi della propria testa; a seconda delle dimensioni della preda, possono impiegare giorni o settimane a digerirla. Sebbene gli esemplari più grossi possano facilmente uccidere un essere umano di media corporatura, avrebbero delle difficoltà a ingoiarne il corpo, perciò, in genere, i boa non vengono considerati una minaccia per l’uomo.
Molti dei serpenti più lunghi del mondo appartengono a questa famiglia, ma non tutti i boa sono straordinariamente grandi: alcuni, da adulti, non superano i 50 cm. La colorazione e il disegno del tegumento, costituito da squame o da placche, varia notevolmente da specie a specie. Gli occhi hanno pupille verticali. Come pure gli altri membri della famiglia, i boidi conservano un cinto pelvico ben sviluppato e arti posteriori vestigiali, visibili esternamente sul corpo come un paio di speroni. Questo testimonia che i serpenti, di cui i boidi sono i rappresentanti più primitivi, si sono evoluti a partire da antenati dotati di arti.
Tra le caratteristiche che distinguono i boa dai pitoni va ricordato il fatto che i primi sono vivipari e diffusi in tutto il mondo, mentre i secondi depongono le uova (sono ovovivipari) e sono limitati prevalentemente al continente eurasiatico.
Esistono 8 generi e circa 39 specie di boa. Probabilmente il più conosciuto è il boa costrittore (Boa constrictor), diffuso nelle foreste pluviali dell’America centromeridionale. La sua colorazione è grigia o giallastra, con un caratteristico disegno marrone scuro sul dorso e la coda rosso-arancione. Ha abitudini notturne e terricole. La sua particolare colorazione gli permette di nascondersi tra la vegetazione della foresta, nonostante sia uno tra i più grandi rettili della Terra. Il boa costrittore ha una lunghezza media di 2-3 metri; alcuni esemplari raggiungono i 4 metri. Le prede comprendono lucertole, uccelli e piccoli mammiferi, tra cui roditori e pipistrelli. Poiché non possiedono veleno, i boa soffocano l’animale catturato avvolgendolo tra le spire fino a quando non smette di respirare, e infine lo ingoiano intero, a partire dalla testa. In base alle dimensioni della vittima, la digestione può durare anche parecchie settimane.
Inoltre esistino i boa arboricoli, come il boa smeraldino (Corallus caninus), vivono sugli alberi avvalendosi della robusta coda prensile per arrampicarsi sui rami. Con la loro testa triangolare, le pupille ellittiche e i lunghi denti ricurvi, somigliano ai viperidi velenosi. Alcuni boa più piccoli, come il boa di gomma o serpente di gomma (Charina bottae), si trovano nelle regioni occidentali degli Stati Uniti. Il boa di gomma, così denominato per l’aspetto lucente della sua pelle marrone, vive sottoterra; poiché ha la punta della coda arrotondata, viene chiamato talvolta anche serpente a due teste.
———————————————————————————————————————————————-

  frisone Il cavallo di razza Frisone, originario dell’Olanda, fa parte di una delle razze più antiche, risalente addirittura al 300 a.C. La sua caratteristica principale è quella di avere un mantello nerissimo, la criniera, i garretti e la coda estremamente folti ed un temperamento gradevole e affettuoso, essendo al tempo stesso un animale da lavoro molto versatile. morfologia del frisone:
Razza: Frisone Occidentale
Origine: Olanda (Frisia)
Altezza al garrese: 1,60 m circa
Struttura: meso-brachimorfo
Mantelli: morello (molto rare marcature bianche e limitate alla testa)
Temperamento: docile e sensibile
Attitudine: tiro pesante, tiro leggero, lavori agricoli, sella
Doti: ottimo trottatore
Testa: allungata e stretta, a profilo rettilineo. Orecchie corte e appuntite, occhi dolci ma vivaci, ciuffo abbondante.
Collo: piuttosto corto, arcuato, muscoloso, ben attaccato. Ornato da criniera fluente.
Tronco: garrese largo e poco prominente che si confonde con la linea del collo. Linea dorso lombare dritta, dorso breve e reni larghe, fianchi arrotondati, groppa muscolosa e obliqua, coda folta e fluente, ben attaccata. Petto largo e muscoloso, torace ampio e profondo.
Arti: ben muscolosi, ricoperti da peli lunghi nella parte posteriore dagli stinchi in giù. Spalla muscolosa, lunga e inclinata, articolazioni e piedi larghi.

Provenienza : La Frisia è una zona dei Paesi Bassi, molto fiorente nell’agricoltura. In queste zone i cavalli vengono lasciati liberi tutto l’anno assieme al resto del bestiame ( pecore e mucche ) anche durante i rigidi inverni, ed un clima così rigido ha forgiato soggetti robusti, capaci di sopportare la fatica anche nelle peggiori condizioni atmosferiche. Temperamento : Il Frisone è un cavallo robusto dall’andatura brillante e dal trotto rilevato, è un ottimo cavallo da carrozza docile, generoso facile da trattare e da addestrare, anche da chi non ha molta dimestichezza con i cavalli. E’ un animale ”  allegro e leale ” molto volenteroso ed instancabile, sempre al fianco dell’uomo nelle sue imprese, siano esse di lavoro, di guerra o semplicemente di svago.

———————————————————————————————————————————————-

capreGià naturalisti e scrittori antichi ebbero un’attenzione particolare per la capra e di essi sicuramente il più esperto di “cose agricole” della latinità fu Columella. Lucio Giunio Moderato Columella fu agronomo ante litteram e appassionato studioso della natura. Spagnolo di nascita, fu contemporaneo di Seneca (4-65 d.C.) ed ebbe certamente modo di viaggiare in diversi Paesi del bacino del Mediterraneo, perfe­zionando forse le sue conoscenze agro-zootecniche in questo modo. Dopo una permanenza in Siria come soldato, divenne tribuno militare, un incarico che non lo distolse certo dai suoi studi. L’opera per la quale è celebre è un corposo trattato intitolato “l’arte del­l’agricoltura”, assimilabile ad un vero e proprio manuale dell’agrono­mo, in cui l’autore affronta con meticolosità e competenza una materia ampia e per molti aspetti non ancora esplorata. La nostra attenzione va al libro settimo, in cui Columella affronta le questioni inerenti il “bestiame minuto”, asini, suini, cani, pecore e ovviamente le capre, una specie che Columella mostra di conoscere per esperienza diretta e della quale parla in un modo che risulta ancora oggi attuale, nonostante siano passati quasi duemila anni. “Un animale che preferisce agli erbai la macchia e i rovi, in grado di essere alle­vato anche in montagna e in luoghi silvestri, incurante com’è delle spine. Fra gli arbusti ama particolarmente il corbezzolo, l’alaterno, il citiso selvatico, non­ché i giovani fusticelli di elee o di quercia.” Ritratto preciso, non c’è che dire. Ma come deve essere la capra ideale? Columella è telegrafico nelle indi­cazioni relative al maschio da acquistare: corpo grande, zampe carnose, orecchie cadenti, testa piccola, pelo nero, lucido e fitto. Parlando delle femmi­ne suggerisce di sceglierle simili ai maschi, purché abbiano mammelle grandissime e producano molto latte. Sull’accoppiamento la precisione è assoluta, invitando i lettori a privile­giare soggetti giovani, visto che a sette mesi (il capro) è già piuttosto adatto alla riproduzione. Columella è preciso anche nel suggerire il momento più adatto per fa accoppiare le capre, preferendo l’autunno e sempre prima di dicembre affinchè i capretti nascano in prossimità della primavera, quando su tutte le macchie sbocciano le gemme e le selve germogliano di fronde fresche.

———————————————————————————————————————————————-

imagesCyprinus carpio,conosciuto comunemente come carpa comune è un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia dei ciprindi.La forma selvatica della carpa comune si ritiene originaria della Persia,dell’Asia Minore e della Cina.
In Europa la specie é stata introdotta molti secoli fa per l’alimentazione e per la sua straordinaria capacità d’adattamento.Oggi,anche a seguito di ripopolamenti é possibile trovarla nella quasi totalità delle acque temperate. Di solito vive nei fiumi a corso lento e nei laghi,ma si adatta molto bene in qualsiasi habitat anche in quelli soggetti ad inquinamento organico.
Si riproduce in primavera e in estate deponendo circa 2-300 000 uova,che fissa alla vegetazione galleggiante.La carpa è uno dei pesci d’acqua dolce più insidiati dai pescatori sportivi a causa delle grandi dimensioni che può raggiungere e della stenua resistenza che oppone alla cattura.
Data la non eccelsa qualità delle carni,gli esemplari catturati vengono in genere liberati con ogni cura.La carpa è onnivera ,si ciba sia di organismi animali come insetti o lombrichi che di sostanze vegetali. E’ un animale pacifico,vive in gruppi che possono arrivare anche alla decina di esemplari.
Si distinguono tre varietà di carpa comune più altri due tipi di carpa assai rare:
-comune o regina:con corpo completamente ricoperto di scaglie(raggiunge anche i 30kg ed oltre);
-specchio:con presenza di rade e grosse scaglie (di rado supera i 38kg);
-cuoio:completamente priva di scaglie(non supera i 20kg);
-carpa koi:carpa colorata utilizzata a scopo ornamentale in laghetti e giardini,molto popolare in Giappone;
-fully scaled mirror:varietà molto rara(non supera i 20kg);
-linear carp:varietà rara della carpa a specchio(non supera i 20kg);
La carpa erbivora o Amur da molti ritenuta una varietà di carpa è in realtà una specie a se stante.

———————————————————————————————————————————————-

cavaliereIl cavaliere d’Italia : la tassonomia di quest’uccello è ancora oggetto di discussione: alcune fonti ritengono che ci siano circa 5 specie distinte, altre raggruppano alcune di queste specie, se non tutte, in cinque specie distinte, altre le considerano tutte sottospecie. La varietà americana, per esempio, ha una testa nera e una macchia bianca sugli occhi. Viene registrata come Himantopus mexicanus. Vengono attualmente considerate sottospecie:
H. h. himantopus
H. h. meridionalis
Gli adulti sono lunghi 33 – 36 cm. Hanno lunghe gambe rosa, un lungo becco nero e sottile e sono essenzialmente bianchi con ciuffo e schiena scuri.
L‘habitat di crescita sono le paludi, i laghi a fondale basso e gli acquitrini. I cavalieri d’Italia si possono trovare in Europa occidentale, meridionale e sudorientale, Asia centrale e coste settentionali, occidentali e meridionali dell’Africa. Possono espandersi anche oltre questi confini. La sottospecie H. h. meridionalis vive unicamente in Sud Africa.
Questi uccelli raccolgono il loro cibo dalla sabbia e dall’acqua. Mangiano principalmente insetti e crostacei
Il luogo di nidificazione è solitamente un luogo spoglio sul terreno vicino le acque. Questi uccelli nidificano spesso in piccoli gruppi, a volte insieme alle avocette.
Sono UCCELLI MIGRATORI e si spostano verso le coste oceaniche durante l’inverno.

———————————————————————————————————————————————-

cobraPochi lo sanno ma ”cobra” è il nome volgare attribuito a serpenti velenosi della famiglia degli elapidi, in particolare al cobra comune Naja haje, che vive in Africa, in Medio Oriente e nella penisola arabica, dove si adatta a zone pianeggianti o montane, ricche di acqua o molto asciutte, con abbondante vegetazione o quasi desertiche. Generalmenteè lungo da 2 a 2,4 m, ha testa massiccia e allungata, occhi ben sviluppati con pupilla tonda, tronco e coda ricoperti di squame lisce e cute di colore bruno giallastro, quasi nera sul dorso e più chiara sul ventre. Si nutre di piccoli animali (rettili, roditori, uccelli, insetti) e può resistere a lunghi periodi di digiuno. Possiede ghiandole del veleno ben sviluppate che producono una sostanza molto attiva, ad azione neurotossica e dall’effetto rapidamente mortale; nonostante la sua fama di animale molto aggressivo, attacca solo se si sente minacciato. Sacro nell’antico Egitto, il cobra comune è chiamato anche ‘aspide di Cleopatra’ poiché la leggenda vuole che la celebre regina abbia usato questo rettile per uccidersi. Ancora oggi è utilizzato dagli incantatori di serpenti, che tuttavia effettuano i numeri più pericolosi servendosi di serpenti non velenosi molto simili al cobra. Alla stessa specie del cobra comune appartiene il cobra dagli occhiali (Naja naja), il cobra dal collo nero (Naja nigricollis) e il cobra bianco e nero (Naja melanoleuca), mentre il cobra reale viene classificato come Ophiophagus hannah, tutti dell’ordine degli squamati.

———————————————————————————————————————————————-

Il coyote è un mammifero carnivoro che appartiene alla famiglia dei Canidae diffuso in America settentrionale e centrale simile al lupo, ma di dimensioni più ridotte. Raggiunge, infatti,  la lunghezza di 1m e pesa dai 12 kg ai 18 kg in confronto al lupo che può pesare da 35 a 80kg.
La pelliccia degli individui che vivono nelle zone fredde è molto folta e di colore grigio o marrone, mentre quelli che vivono a sud hanno un pelo più chiaro. Il pelo della coda è in entrambe folto e presentano delle frange nere sul dorso e sulla coda.Le orecchie sono lunghe e a punta.Le capacità sensoriali del coyote sono molto sviluppate ed è il canide più atletico, infatti, raggiunge la velocità di 65km/h, si sposta su grandi distanze ed è un ottimo nuotatore.
La preda tipica è la lepre (soprattutto nelle grandi praterie del Nord America) ma si ciba anche di uccelli, insetti, topi, marmotte, castori, serpenti e frutti cadutia terra. Il coyote che vive in Alaska e in Canada, durante il gelido inverno mangia anche carcasse di animali, per non morire di fame.
Solitamente caccia in branco o in coppia per catturare prede di dimensioni maggiori.

È un animale molto fedele, infatti la coppia si forma a metà inverno, quando la femmina entra in calore e si mantiene per anni. Mentre nei branchi, il potere è degli individui più vecchi. Per marcare il loro territorio usano le urine e per comunicare emettono degli ululati, simili a quelli del lupo, ma sono anche in grado di abbaiare.Nel periodo in cui la femmina è in calore, il maschio la corteggia per molte settimane, ma è sempre la femmina che lo sceglie, dandogli dei colpetti col muso. Poi delimitano un nuovo territorio, caccia e dorme assieme in una tana che spesso viene usurpata ad una marmotta, un tasso o una volpe, e vi cresce i cuccioli, di solito 3-4. A solo due settimane dalla nascita i piccoli mangiano carne divorata dai genitori, ma vengono comunque allattati fino al quarto mese di vita. Attorno all’ottavo o nono mese, alcuni dei giovani cuccioli già lasciano i genitori. La sua fama si è accresciuta con il famoso cartone legato ad uno sfortunato quanto  intraprendente Wily coyote

———————————————————————————————————————————————-

crotaloCrotalidi : famiglia di serpenti velenosi costituita da più di 140 specie, caratterizzati dalla presenza di profonde fossette su ciascun lato del capo, fra l’occhio e la narice. I crotalidi vivono perlopiù nel continente americano; soltanto alcuni sono originari dell’Asia. Si nutrono di animali a sangue caldo, quali piccoli mammiferi e uccelli, ma anche di rettili, anfibi e invertebrati. La maggior parte delle specie è vivipara; il crotalo muto è uno dei rari crotalidi ovipari.
Le dimensioni dei crotalidi variano dai 40 cm del crotalo terragnolo (Sistrurus milarius) agli oltre 3,5 m del crotalo muto. Come i viperidi, hanno un paio di denti del veleno allungati e ripiegati all’indietro contro il palato, del tipo solenoglifo (cavi, percorsi in tutta la lunghezza dal canale del veleno). Le fossette sono recettori molto sensibili del calore radiante, che permettono al serpente di individuare le prede a sangue caldo anche al buio. Ogni fossetta è suddivisa in due camere distinte, di cui una più esterna e l’altra più interna, separate da una membrana ricca di terminazioni nervose e capace di percepire variazioni di temperatura dell’ordine di pochi millesimi di grado centigrado.
Alcune specie sono note per il sonaglio che recano all’estremità della coda, una struttura cornea costituita da squame modificate, che si allunga di anno in anno. Facendo vibrare il sonaglio con una frequenza di quasi 100 vibrazioni al secondo, i serpenti che ne sono dotati emettono il caratteristico suono a scopo intimidatorio.
Il genere più rappresentativo della famiglia dei crotalidi è Crotalus, che comprende tutti i serpenti a sonagli; i suoi membri sono diffusi nelle regioni aride dell’America centrosettentrionale, dove si nutrono prevalentemente di piccoli mammiferi e trascorrono l’inverno all’interno di tane, in gruppi di alcune centinaia di individui. Tra le specie più comuni del genere Crotalus vi sono: Crotalus horridus, che ha un veleno particolarmente tossico; Crotalus viridis, che si nutre prevalentemente di topi e Crotalus cerastes che ha uno strano sistema per muoversi: per procedere sulla sabbia questo crotalo (detto anche vipera del deserto) adotta un sistema che consiste nel buttare avanti il corpo in direzione laterale, con una torsione a “S” che garantisce il minimo contatto con il terreno troppo caldo.
Inoltre fanno parte della famiglia dei crotalidi anche i mocassini acquatici (Ancistrodon), il testa di rame (Ancistrodon contortrix), il ferro di lancia (Bothrops atrox) e il crotalo muto o terrore dei boschi (Lachesis mutus).

———————————————————————————————————————————————-

Il falco pellegrino è un genere di Falconidi diffuso quasi in tutto il mondo (Europa, Asia, Africa, Nordamerica e Sudamerica, Australia, Tasmania e Oceania. Nell’Europa centrale attorno al 1950 nidificano ancora circa 430 coppie, negli anni ’50 e ’60 ad un crollo della popolazione. In seguito ad un notevole maltrattempo dovuto a pesticidi, ma anche al furto di uova il falco pellegrino era minacciato dal periodo di estinzione. Solo tramite il divieto di pesticidi come il DDT e un programma di protezione e di salvaguardia il numero di falchi pellegrini. Nel 1989 la presenza di covate venne stimata a 430 coppie nell’Europa centrale – all’inizio del millennio si potevano già calcolare 700 coppie. La femmina misura 46 cm, è considerevolmente più grande e più scura. I giovani sono bruno scuro superiormente con parti inferiore fulvicce striate.Il maschio misura 38 cm. Ha il capo nerastro, la parte superiore grigia, in contrasto con la parte inferiore bianco fulvoccio.Il falco pellegrino può contare 21 sottospecie che popolano l’intero globo con l’esclusione dei poli, dalla tundra artica ai deserti australiani. In Italia caccia prevalentemente in spazi aperti ed perciò osservabile in quasi tutti i biotopi – tuttavia prevalentemente negli spazi aperti e sui bacini lacustri con abbondanza di uccelli. Si possono trovare in alti palazzi, campanili delle chiese, vecchie fabbriche dove caccia prevalentemente i piccioni. Il falco pellegrino vola agilmente alternando tratti di volo sostenuto a volteggi e picchiate. Caccia gettandosi sulle prede ad altissima velocità uccidendole con un colpo delle zampe. Fin dall’antichità viene addestrato come uccello da caccia in falconeria e caccia quasi esclusivamente uccelli in volo su uno spazio aereo libero.Può scendere in picchiata a una velocità di 290 km orari. Si nutre di Colombaccio, Gabbianello, ma la sua preda preferita è il piccione comune. Coppia di falchi pellegrini rimangono insieme perlopiù per tutta la vita e si riaccoppiano in caso di morte di uno dei partner. La durata della cova dura 32 ai 37 giorni dipendentemente della latitudine e dalla percentuale di umidità della zona prescelta per la cova. La covata può prevedere da 2 a 6 uova con solitamente ¾ uova come standard usuale. Il falco pellegrino raggiunge un’età mediante massima di 17 anni allo stato libero e sono stati osservati casi in cui dei soggetti superavano l’età di 20 anni in cattività. Il falco pellegrino è stato uccello dell’anno nel 1971.

———————————————————————————————————————————————-


I fenicotteri rosa fanno parte della famiglia dei grandi uccelli acquatici; sono vivacemente colorati ed abitano in preferenza in regioni calde o secche. Il Fenicottero appartiene ad una delle più antiche famiglie di uccelli del mondo, risalenti ad oltre 50 milioni di anni fa. I fenicotteri sono stati considerati parenti con aironi, cicogne ed anatre.
Etim:Il termine fenicottero, dal greco “ala di porpora”, sta appunto ad indicare la caratteristica colorazione di questi uccelli (che varia tra il rosa, il rosso acceso ed il nero), che assumono in età adulta.
Aspetto fisico:Alti (quasi tutte le specie possono raggiungere i 2 metri d’altezza!), con lunghi colli sinuosi e piedi palmati,sono forti volatori emigratori, e si spostano da una fonte di cibo ad un’altra.
Dove vivono: In tutti i paesi del mondo con clima temperato. I fenicotteri rosa sono presenti in Italia in gran parte in Sardegna,Sicilia,Friuli,Lazio,Toscana;dove giungono per svernare, attirati dal mite inverno che caratterizza la nostra regione.
Crescita:Il nido viene costruito dalla coppia in acque basse con il fango, che viene modellato con il becco fino a raggiungere la forma di un cono tronco. Le femmine vi depongono solitamente un uovo, in casi eccezionali due. I piccoli fenicotteri, circa quattro mesi dopo la nascita, sono già in grado di volare e di migrare insieme ai genitori, al termine dell’estate. I fenicotteri nidificano esclusivamente in colonie piuttosto numerose: è stato scoperto infatti che gli individui iniziano le parate nuziali solo se in presenza di numerosi esemplari della stessa specie.
La scelta di nidificare o meno in una data area non è sempre facile da capire, ma spesso dipende da fattori climatici e ambientali (livello dell’acqua, disturbo, presenza di isole adatte, ecc.).
Durante il volo tengono tesi i lunghi colli in avanti e le zampe all’indietro assomigliando a delle lance volanti, formando delle caratteristiche “V” nel cielo. II fenicottero riscattano però con il bellissimo volo: il decollo avviene dopo una breve corsa sul pelo dell’acqua.
Si nutrono filtrando con il lungo becco piccoli animali o vegetali che trovano nel fango e nell’acqua; la morfologia del becco è dunque fondamentale per il loro tipo di nutrizione: infatti mentre aspirano l’acqua ed il fango, dragando il terreno, particolari filtri al suo interno trattengono i piccoli organismi di cui si nutrono, permettendo contemporaneamente l’espulsione dei liquidi. La dieta è a base di invertebrati acquatici: crostacei come l’Artemia salina, molluschi, anellidi, larve e crisalidi di insetti. Semi e foglie di piante acquatiche (Ruppia , Scirpus, Juncus, ecc.) vengono a volte ingeriti insieme a alghe, diatomee e perfino batteri. Occasionalmente si ciba di insetti adulti, granchi e di piccoli pesci.
I fenicotteri ricercano il cibo in gruppi anche numerosi, nelle prime e ultime ore del giorno e talvolta anche di notte, camminando nell’acqua poco profonda. Gran parte del cibo viene ottenuto filtrando l’acqua col becco, dalla forma molto specializzata. La lingua, grossa e carnosa, funziona come un pistone per aspirare l’acqua, che viene poi espulsa e filtrata da piccole lamelle poste lungo i margini del becco.
si nutrono in prevalenza di un piccolo crostaceo che contiene un forte pigmento porpora che essi assimilano con la nutrizione. Il colore delle penne dei fenicotteri è dovuto alla presenza di particolari sostanze organiche: i carotenoidi. Queste sostanze non vengono prodotte dai fenicotteri, ma sono presenti nelle alghe e nei piccoli crostacei (Artemia salina ed altri) di cui si cibano.
In cattività, se l’alimentazione non comprende alghe e crostacei, i fenicotteri perdono gradualmente il colore e diventano bianchi. I pigmenti inoltre non sono stabili nel tempo e le penne cadute durante la muta perdono rapidamente il loro tipico colore roseo.
I fenicotteri sono certo più famosi per il bellissimo piumaggio che per la loro voce. In volo gli uccelli emettono spesso un verso che ricorda quello delle oche, basso e nasale. Altre vocalizzazioni sono un sommesso borbottio emesso durante l’alimentazione o una sorta di grugnito con funzione di minaccia . La loro voce non è bellissima.

———————————————————————————————————————————————-

266346460-ferro-di-lancia-rigido-parco-nazionale-komodo-indonesiaNome volgare di un serpente velenoso della famiglia dei crotalidi, chiamato così per la testa triangolare e il disegno cutaneo con motivi a punta di freccia. Il ferro di lancia colpisce senza avvertimento e il suo morso è spesso fatale per l’uomo. Questo serpente vive nell’America centromeridionale e in diverse isole delle Indie Occidentali, spesso vicino alle piantagioni di canna da zucchero.Durante il giorno il ferro di lancia se ne sta attorcigliato, mimetizzato con l’ambiente, e diventa particolarmente pericoloso dopo il tramonto, quando vaga in cerca di prede. Questo crotalide ha un corpo marrone rossiccio, con bande trasversali scure e irregolari e una coda che finisce con una punta dura. Una striscia nera parte dagli occhi e va verso il collo; i fianchi possono essere di un rosso brillante. Di solito il ferro di lancia è lungo circa 1,5 m, ma può anche superare i 2 m. Altri serpenti, appartenenti allo stesso genere, sono chiamati anch’essi ferro di lancia.Classificazione scientifica: Il ferro di lancia viene classificato come Bothrops atrox nella famiglia dei crotalidi, dell’ordine degli squamati.

———————————————————————————————————————————————-

I gechi appartengono alla famiglia Gekkonidae e sono di piccoli rettili. Vivono negli ambienti caldi di tutto il mondo, sono imparentati con le lucertole. Numerosi scienziati hanno studiato l’incredibile capacità dei gechi di aderire ad ogni tipo di superficie (a seconda della specie).
Caratteristiche somatiche
La maggior parte dei gechi sono di colore grigio scuro o maculati. Alcune specie possono cambiare colore per mimetizzarsi, adattandolo all’ambiente circostante oppure alle differenze termiche. Altre possono avere colori brillanti.
ZAMPE
Le zampe del geco hanno la capacità di aderire a una varietà di superfici, senza la necessità di usare liquidi superficiali. Un geco solitamente pesa 50g,grazie appunto alla capacità che hanno le sue zampe di aderire a molte superfici gli permettono di aggrapparsi ad una foglia dopo una caduta di 10cm toccandola con una sola zampa. Sulle zampe del geco, vi sono circa 14.100 setole per millimetro quadrato, e se fossero sfruttate tutte in modo coordinato, la forza di trazione a cui potrebbe resistere l’intero animale sarebbe di 1300 newton. In pratica potremmo appendere ad un geco due persone di corporatura media. Per staccare la zampa il geco non deve fare fatica: basta cambiare l’inclinazione delle setole e la forza di adesione viene a mancare. Grazie a queste strutture straordinarie i gechi possono aderire al vetro, su sostanze lisce, su sostanze idrofile e idrofobe, oltre che nel vuoto o sott’acqua. Se le zampe si sporcano bastano pochi passi sul vetro pulito affinchè si puliscano. Sono in corso studi per produrre artificialmente un adesivo programmabile come quello dei gechi, che avrebbe ovvie applicazioni, ma finora nulla ha avuto le stesse prestazioni.
ABITUDINI
Si nutrono di insetti e a volte anche di frutta. Si aggirano intorno alle luci artificiali, sempre circondate da insetti. Per cacciare, rimangono completamente fermi fissando la preda e scattano rapidissimi all’attacco dopo alcuni secondi o addirittura minuti di attesa. Quando interagiscono con altri gechi emettono sibili. La maggior parte dei gechi è dotata di speciali cuscinetti sulle zampe che consentono loro di arrampicarsi su superfici verticali lisce e anche introdursi sul soffitto delle case con facilità. Il geco comune delle case,si trova nelle abitazioni situate in ambienti caldi e umidi e, sebbene sia un rettile innocuo, difficilmente può esservi allontanato perché si nutre di insetti fastidiosi come moscerini e zanzare.
RIPRODUZIONE
Alcune specie si generano per partenogenesi, con le femmine che sono capaci di riprodurre senza accoppiarsi con il maschio. Questa particolarità è la causa della grande abilità di diffusione dei gechi su nuove isole.
Diffusione
Abitano in tutte le regioni calde del mondo. Comunemente vivono nelle abitazioni umane, specialmente nelle regioni con climi caldi. Sono molto comuni nell’Italia meridionale.
CURIOSITA’
Il geco è anche usato come animale domestico in terrari. Il simbolo del geco è comunemente raffigurato in collane, ciondoli o gioielli. La loro raffigurazione è anche usata come modello di tatuaggi. Si dice che portino fortuna. Il nome deriva probabilmente del suono che emettono che fa, appunto “geco”.

———————————————————————————————————————————————-

giaguaroIl giaguaro è un mammifero classificato Panthera onca nella famiglia dei felidi, il più grande e potente dei felidi americani. Il territorio dove si può incontrare questo felino si estende dagli Stati Uniti meridionali all’Argentina settentrionale; in particolare, le popolazioni con un maggior numero di esemplari si trovano nelle fitte foreste della America centrale e del Brasile.  Un giaguaro adulto, alto 60 cm, raggiunge una lunghezza fra i 110 e i 185 cm esclusa la coda, che misura 45-75 cm circa. Il colore del mantello varia dal giallo intenso al rosso ruggine, in entrambi i casi sormontato da un tipico disegno a rosette: ogni rosetta è costituita da una macchia nera centrale contornata da altre piccole macchie, anch’esse nere. Testa e corpo sono massicci e le zampe sono relativamente corte e robuste.
Questa struttura gli consente di essere un ottimo arrampicatore ed un eccellente nuotatore. Il giaguaro si nutre di una vasta gamma di animali arboricoli, terrestri ed acquatici. Anche quando viene spaventato, raramente attacca l’uomo, che invece lo caccia per difendere il proprio bestiame da questo forte predatore. La femmina dà alla luce da 1 a 4 piccoli alla volta, che restano con la madre fino all’età di due anni, e la loro età massima va dai 20 ai 22 anni massimo.

———————————————————————————————————————————————-

Il leopardo è un carnivoro appartenente alla famiglia dei Felidi. Nelle zone in cui vive viene chiamato pantera o pardo. È diffuso in tutta l’Africa, in Asia e nelle Isole della Sonda. Arriva all’altezza di 75-90 cm e può pesare tra 80-100 kg, anche se nell’Isola di Giava è presente una specie con dimensioni minori. Ha un udito eccezionale, una vista ottima e un olfatto molto sviluppato. E’ anche un agile e veloce arrampicatore, ha l’abitudine di portare le sue prede sugli alberi, in questo modo non può essere raggiunto da altri predatori. Passa la maggior parte del suo tempo a riposarsi sui rami, dove può anche controllare e pianificare gli agguati alle prede, che vengono uccise con morso sul collo. E’ anche un buon nuotatore. Marca di continuo il suo territorio, urinando sugli alberi e graffiando i tronchi. Può occupare da 1 a 10 km² di territorio.
Il mantello è di colore giallo o beige, più scuro sull’addome,sotto la coda e all’interno delle zampe ed è cosparso di macchie nere. La colorazione e lo spessore della pelliccia variano a seconda dell’habitat in cui vivono.proprio per la sua pelliccia è stato cacciato per molto tempo,sino a condurlo, in alcune regioni, a rischio di estinzione. Le orecchie sono piccole con una macchia bianca al centro e posteriormente nere. La comune pantera nera non è altro che un leopardo con la pelliccia nera , infatti se si guarda con attenzione si possono notare delle macchie più scure: si tratta di un eccesso di pigmentazione, cioè melanismo(è un fenomeno a cui potrebbe andare incontro anche il giaguaro).
Solitamente caccia antilopi, gnu, babbuini, zebre e a volte scimmie e scoiattoli. Però nella stagione secca attacca(in rarissimi casi) anche bufali, elefanti, rinoceronti, gorilla e ippopotami. Prova un odio profondo per i canidi, come sciacalli e licaoni.I suoi nemici sono: leoni, coccodrilli e tigri.
È un animale solitario, ma nel periodo degli amori, in primavera, i maschi si contendono la femmina con violenti scontri. Il periodo di gestazione dura 3 mesi e possono nascere 2-3 cuccioli. Essi vengono alla luce in grotte, fitti boschi…per la prima settimana sono completamente cechi e vengono allattati per 3 mesi. Lasciano la madre a 13-18 mesi.

———————————————————————————————————————————————-

Le lepri appartengono al genere Lepus della famiglia dei leporidi, ordine lagomorfi, classe mammiferi, phylum cordati,sono mammiferi di media taglia caratterizzati da lunghe orecchie, zampe posteriori adatte al salto e coda corta a ciuffo, strettamente imparentato con il coniglio. Ne esistono circa 25 specie, sono presenti in tutti i continenti, nelle praterie aperte ricche di erbe e di piante arbustive, di cui si nutre. Ha spiccate attitudini territoriali, che manifesta marcando la propria area con le secrezioni delle numerose ghiandole odorifere che ha disseminate per il corpo. Alcune specie, adattate ad ambienti a clima rigido, cambiano il colore del mantello da una stagione all’altra a scopo mimetico. Le orecchie sono più grandi nelle specie che abitano le regioni calde, più piccole in quelle delle regioni fredde per ridurre al minimo le superfici corporee esposte alla dispersione termica. Non costruiscono tane, si accontentano di qualche depressione del terreno, in cui si riposano e curano i piccoli. La specie più nota è la lepre comune (Lepus europaeus), vive in collina, in pianura, in habitat boschivi o su terreni coltivati; conduce vita solitaria, è attiva di notte e si riproduce da 2 a 4 volte all’anno, con 2-4 piccoli per nidiata. In Italia è presente su tutto il territorio. Oltre a questa ci sono altre specie fra cui la lepre bianca o lepre alpina (Lepus timidus) vive sulle Alpi a quote superiori ai 1200, lepre mediterranea (Lepus capensis) diffusa in Europa, in Italia è presente con la varietà sarda.La lepre americana (Lepus americanus), diffusa in Nord America è caratterizzata da lunghi ciuffi di pelo che ricoprono l’estremità delle zampe, i piccoli si sviluppano rapidamente, a due giorni di vita camminano e saltano a tre. I maschi adulti combattono l’uno con l’altro per il possesso della femmina, usando i denti come arma. Sono soprattutto erbivore, queste lepri possono nutrirsi talvolta di topi e carogne. La lepre californiana (Lepus californicus) vive nelle zone occidentali degli Stati Uniti e del Canada, è detentore del primato di velocità, in corsa raggiunge i 70 km/h e compie salti fra i 4,5 e i 6 m.

———————————————————————————————————————————————-

I lutrini sono una sottofamiglia di carnivori della famiglia dei mustelidi, noti con il nome di lontre.
Esistono 13 specie di lontre suddivise in 7 generi.
Hanno una densa pelliccia che le protegge dall’acqua ed intrappola delle bolle d’aria che le isola dal freddo.
Tutte le lontre hanno un corpo sottile e flessibile, con zampe corte.
La maggior parte ha artigli affilati per catturare le prede.
Il pesce è l’alimento principale nella dieta delle lontre, insieme a rane,astici e granchi.
Le lontre euroasiatiche, per esempio, devono mangiare il 15% del loro peso corporeo al giorno : le lontre marine anche il 20-25% a seconda della temperatura.
Di conseguenza, le lontre sono molto vulnerabili alla scarsità di prede disponibili. La maggior parte delle specie caccia per 3-5 ore al giorno.In italia la lontra è estremamente rara e sopravvive solo in alcune zone del sud Italia,del centro e del nord(ticino e alto adige). A seguito della legge quadro ministeriale al seguito del reinserimento della lontra sono state realizzate aree faunistiche nei comuni di Penne e Caramaico terme e il reinserimento di una coppia di esemplari lungo il fiume Orta.

———————————————————————————————————————————————-

Il lupo appartiene alla famiglia dei Canidi , cioè i carnivori da cui discendono i nostri cari e fedeli amici cani. Esso è il più grande esemplare  tra questa famiglia,infatti arriva alla lunghezza di 120-140cm e 60—80cm di altezza. Il suo peso varia a seconda della zona in cui si trova:il lupo eurasiatico arriva a 38kg;lupo nord americano 36kg;lupo indiano e quello arabo 25kg.
Nel 1939 è stato abbattuto un esemplare selvatico di 80kg,rimasto fin ora il peso record,solo in Alaska e Canada, raramente si sono visti esemplari di 77kg.
Ha una fronte ampia e le mandibole sono molto robuste e ha una dentatura formata da canini affilati,lunghi e leggermente ricurvi,in questo modo può  afferrare con maggior facilità le sue prede.
Le orecchie sono più lunghe e più larghe,rispetto a quelle dei cani,presentano un attaccatura  laterale e solitamente le tiene alzate e diritte.
Il pelo è molto folto e il suo colore varia a secondo delle stagioni e dell’età;il più diffuso è il lupo grigio,ma può essere anche marroncino,beige,nero e bianco,il più raro e il mio preferito.
Il suo habitat preferito è caratterizzato da foreste di pianura,montagna o anche radure.
Alcuni anni  fa,era diffuso in tutto l’emisfero boreale(intorno al15°parallelo. A causa della caccia spietata dell’uomo,ora il numero di esemplari è molto ridotto in Europa e negli Stati Uniti,dove è sopravvissuto solo in Minnesota e Alaska. Però,con l’aiuto della forestale e delle associazioni animaliste,il lupo sta gradualmente ripopolando le nostre foreste. I lupi sono organizzati in “branchi”,cioè strutture sociali gerarchiche, la cui grandezza varia a seconda dell’habitat,del cibo disponibile e della personalità del lupo stesso. Possono essere formati da 2 a 20 lupi. A volte capita che un lupo si stacchi dal branco di nascita e rivendichi il suo territorio,per poi cercare altri individui cercando di evitare territori di altri lupi,perché altrimenti  verrebbero cacciati o uccisi.Guidati da una coppia di esemplari,che vengono chiamati:maschio e femmina alfa, ma solamente uno dei due può essere il capobranco. Questa coppia è libera di fare ciò che vuole,infatti decide dove e quando andare, cosa fare…tutti gli altri esemplari,che sono uniti da un forte senso di collettività,li seguono.
Di solito il lupo è un animale fedele, infatti,se per esempio muore il maschio alfa,la femmina raramente cerca un nuovo compagno e resta da sola alla guida del branco e viceversa. È sempre questa coppia che è in grado di portare alla maturità una cucciolata anche con l’aiuto degli altri esemplari.I cuccioli,quando saranno adulti ,potranno scegliere di restare ad allevare i nuovi nati oppure allontanarsi. Una seconda coppia,chiamata “beta”,può sostituire la coppia alfa,ad esempio per allevare i cuccioli.
Naturalmente il lupo che sta a capo del branco,quando è vecchio, può decidere di lasciare il posto ad un giovane motivato,senza spargimenti di sangue,oppure può scegliere la lotta, ma viene usata da pochi.
I lupi cacciano sempre in gruppo in modo cooperativo;a seconda della preda che devono catturare utilizzano tecniche diverse,come l’attacco a sorpresa o cacce a lungo termine o quando le prede sono molto grandi,attaccano da tutte le direzioni,puntando al collo e alle parti laterali dell’animale. Mentre i lupi solitari si lanciano addosso alle loro prede,le bloccano a terra con le zampe anteriori . Le loro prede di solito sono: alci, caribù, cervi, roditori e anche piccoli animali.

———————————————————————————————————————————————-

marmottaGruppo: mammiferi
Ordine: roditori
Famiglia: sciuridi
Genere: marmota marmota
Peso: 5-7,5 Kg
Lunghezza(testa e corpo): 50-60 cm
Lunghezza coda:13-19cm Maturità sessuale: 2-3 anni
Riproduzione: aprile-maggio
Periodo di gravidanza: 30-32 giorni
Numero di piccoli nati: 2-6
Intervallo fra le nascite Dieta tipica: erbe, carici e a volte invertebrati
Vita media: fino a 20 anni in cattività

Curiosità

•Vive in colonie formate da molti individui pascolando su praterie alpine.
•È un abile scavatore di gallerie di cui si serve per proteggersi nel
periodo di ibernazione invernale e per nascondersi dai predatori.
•In caso di pericolo emette un inconfondibile fischio ben noto agli
abitanti delle zone in cui vive e che persino i camosci intendono.
•Tra gli sciuridi è l’animale di stazza maggiore.
•Gli impianti sciistici compromettono sempre più l’habitat della marmotta alpina.

L’habitat favorito della marmotta sono le zone alpine dei monti
europei ricche di pastura e comprese tra un’altitudine di 1000 e 3000
metri. Per la marmotta è anche molto importante la disponibilità di uno
strato di suolo sufficiente per poter scavare tane in cui rifugiarsi
durante i rigidi inverni in stato di ibernazione fino all’arrivo della
primavera. Tuttavia la marmotta alpina si può anche facilmente trovare
sui versanti ripidi con vegetazione sparsa dove riesce a costruire tane sotto massi sporgenti. A volte, nonostante la sua diffidenza nei confronti degli esseri umani, è possibile trovarlo a frugare tra gli
avanzi lasciati dai turisti.

Comportamento

La marmotta alpina vive in ampie colonie dominate da un grosso maschio: la vita comunitaria è molto utile per la tempestivaindividuazione dei predatori. Queste colonie, inoltre, marcano ilterritorio grazie a secrezioni di ghiandole sulle guance creandoconfini che difendo strenuamente. Nell’inverno le marmotte alpine si riuniscono in profonde tane sotterranee, entrando in stato di ibernazione. Per sopravvivere in queste condizioni utilizzano il grasso accumulato nella stagione precedente e abbassano il loro consumoenergetico e la temperatura corporea fino a 5 °C.

Nutrimento

La sua nutrizione è prevalentemente vegetariana e si basa su foglie, steli e frutti di molte piante. In caso di necessità, però, può anche arrivare a scavare nel terreno alla ricerca di tuberi, bulbi e pilucca
lombrichi, coleotteri e chioccioline. Gli ampi prati la espongono fortemente la rischio di attacco da parte di predatori, per questo non si allontana mai eccessivamente dalla tana, la cui tana mantiene
sgombra e ben rasata. Per non essere individuata pascola acquattata masticando con i molari e servendosi degli incisivi per sezionare la vegetazione coriacea.

Ancora prima di uscire dallo stato di ibernazione la marmotta si prepara alla riproduzione rilasciando degli aromi nella tana che spesso coincide con il luogo in cui avverrà l’atto riproduttivo. Dopo un mese dal concepimento la femmina in gravidanza si ritira in un tana la cui entrata viene ricoperta di erba cosicché il parto possa avvenire indisturbato. I piccoli sono ciechi, glabri (privi di peluria) e del tutto dipendenti dalla madre. Dopo sei settimane le “marmottine” aprono gli occhi e iniziano ad avere pelo, nel giro di altre due settimane divengono autosufficienti trascorrendo le giornate tra giochi con i coetanei e ricerca di cibo. Da questo stadio lo sviluppo continua lentamente fino all’età di tre anni in cui viene raggiunta la piena maturità sessuale. I giovani maschi prima ancora di abbandonare il gruppo subiscono le aggressività del maschio dominante, per questo a due anni di età alcune femmine e tutti i piccoli maschi si allontanano dalla colonia natale per crearne di nuove.

———————————————————————————————————————————————-

download-1Il muflone è un agile scalatore che vive in branchi, anche piuttosto numerosi, sia di soli maschi sia di sole femmine, ma anche misti. I branchi maschili si formano in primavera e sono costituiti da giovani e adulti, visto che i maschi maturi oppure anziani vivono isolati. Il branco femminile è più numeroso e accoglie anche giovani maschi di un anno compiuto.
Il peso medio di un muflone adulto va dai 35 kg delle femmine, ad un massimo di 50kg dei maschi, con un’altezza di 75 cm al garrese, la loro vita media va dai 14-15 anni. Il muflone è lungo da 90cm a 130cm.
Il mantello con il pelo ruvido è di colore bruno rossastro scuro.
Nei maschi sono presenti delle corna perenni a forma di spirale che possono misurare fino a 75cm.
I mufloni vecchi vengono allontanati da quelli giovani quando è finita la loro carriera riproduttiva.
Il muflone è un animale diurno, che preferisce muoversi all’ alba e all’ imbrunire.
Il muflone vive nell’ orizzonte alpino su rocce sopra i 2000 mslm in primavera e in estate, mentre in inverno si abbassa fino a 900-1000 mslm.Il muflone è un erbivoro, è assai adattabile, bruca fogliame, ghiande, prodotti del sottobosco, in caso di necessità si nutre anche di sola erba, ma in inverno in mancanza di erba rosicchia la corteccia delle piante.
L’accoppiamento avviene fra settembre e dicembre, i maschi, spesso si scontrano per imporsi nel proprio territorio, e conquistare il diritto di accoppiarsi.
La gravidanza dura 22 settimane e al termine viene partorito un solo piccolo che, a 6 mesi circa viene svezzato.
Il muflone raggiunge la maturità fisiologica in circa 12 mesi.
I piccoli sono predati dalle aquile.
CLASSE: MAMMIFERO
ORDINE: ARTIODATTILI
FAMIGLIA: BOVIDI
NOME COMUNE: MUFLONE
NOME SCIENTIFICO: OVIS MUSIMON

———————————————————————————————————————————————-


Il Narvalo,un pesce classificato Monodon monoceros nella famiglia dei monodontidi, a cui appartene anche il beluga, vive nel Mar Glaciale Artico.
Il narvalo presenta una colorazione biancastra costellata di macchie più scure sul dorso e più chiare sul ventre. I piccoli nascono più scuri e si schiariscono con l’età. La femmina arriva a misurare 4,2 m di lunghezza, il maschio circa 4,7. La dentatura comprende due soli denti sulla mascella, di cui quello dell’arcata sinistra nel maschio è a crescita continua: orientato in avanti, si sviluppa con un andamento a spirale sinistrorsa, assumendo a poco a poco la forma di un unicorno, e raggiungendo la lunghezza straordinaria di circa 3 m. Il simmetrico dell’arcata destra, come pure i due denti della femmina, crescono soltanto per pochi centimetri nello spessore della mascella, senza emergere dalla gengiva. Il narvalo è privo di pinna dorsale e non presenta il caratteristico muso a becco comune a molti altri odontoceti. E’ un animale gregario, che vive in piccoli gruppi di 2-12 individui ma che, durante le migrazioni stagionali, forma branchi più popolosi. Da alcune osservazioni è emersa una tendenza di questo animale a formare gruppi uniformi per sesso e fascia d’età, che risulta più netta durante le migrazioni. Il narvalo si nutre di pesci, crostacei e, in particolare, di molluschi cefalopodi, che pesca anche in acque profonde.
Il sistema sociale e il comportamento riproduttivo del narvalo non sono conosciuti, sebbene il dimorfismo sessuale (la presenza dell’unicorno nel maschio e non nella femmina) suggerisca che i maschi si esibiscano e combattano per il diritto all’accoppiamento. In effetti sono stati osservati alcuni maschi duellare servendosi delle zanne e ne sono stati avvistati alcuni con i denti parzialmente rotti o con frammenti di zanne conficcati nelle carni.
Il narvalo veniva tradizionalmente cacciato dagli inuit e da alcune popolazioni nordeuropee per la pelle, per la carne, per il grasso e, soprattutto, per la lunga zanna; quest’ultima veniva utilizzata come ornamento, per farne lavori d’intaglio in avorio e, più raramente, come ingrediente di medicamenti tradizionali. Sebbene oggi il narvalo non risulti in pericolo di estinzione, potrebbe essere danneggiato da un’eccessiva pressione venatoria esercitata direttamente sulle sue popolazioni o sulle sue prede abituali.

———————————————————————————————————————————————-

download-2La natrice dal collare è la biscia d’acqua più diffusa in Italia, appartiene all’ordine degli Ofidi (famiglia Colubri).
È un serpente inoffensivo, in quanto è sprovvisto di zanne e non è velenoso, però produce un liquido dall’odore aspro dalle ghiandole anali oppure finge di essere morto, le sue uniche difese. I mashi adulti arrivano a 1m di lunghezza, mentre le femmine fino a 1.50m.
Il muso è corto e abbastanza grosso, l’occhio è rotondo. Il dorso è verde oliva scuro e il ventre è giallino chiaro; il corpo è completamente disseminato di macchie nere. La particolarità della natrice è il collare posto alla fine della testa di colore giallo o arancione, seguito da due grosse macchie nere.
Questo serpente va in letargo in inverno e si accoppia subito dopo il risveglio, tra Aprile e Maggio; le uova vengono deposte tra Giugno e Luglio in gruppi di 8-40 per poi schiudersi dopo 10 settimane. I piccoli alla nascita sono lunghi 18cm e sono subito indipendenti. Le uova hanno bisogno di almeno 21 gradi per schiudersi quindi i posti più consoni sono la vegetazione in putrefazione e i compost (che si possono creare anche nel giardino di casa) nei mucchi del letame e nei covoni di fieno.
Si nutre di pesci e anfibi, come piccole rane (anche se mangiando due rane è sazia per alcuni giorni, in un solo pasto può ingerire fino a venti piccole rane). I suoi nemici sono i ricci, i rapaci e alcuni carnivori.
Si trova nei bassipiani dell’Inghilterra, del Galles, è quasi assente in Scozia e lo è del tutto in Irlanda. Però è molto diffuso in Europa dalla Scandinavia settentrionale all’Italia meridionale, è presente anche in Africa o in Asia Minore.

———————————————————————————————————————————————-

L’orso bruno è un mammifero carnivoro della famiglia degli Ursidi, diffuso in gran parte dell’Eurasia settentrionale e del Nordamerica. Pesa tra i 130 ed i 700 kg ed i suoi membri più grossi contendono all’orso polare il titolo di carnivoro terrestre più grande del mondo. Nonostante l’areale dell’orso bruno si sia ristretto ed in alcuni luoghi si sia addirittura estinto, con una popolazione totale di circa 200.000 esemplari continua ad essere valutato come una specie a basso rischio. I Paesi che comprendono la maggior parte del suo areale sono la Russia, gli Stati Uniti (specialmente l’Alaska) ed il Canada. Questa specie si nutre principalmente di materiale vegetale, tra cui radici e funghi. I pesci costituiscono la loro fonte primaria di carne, anche se sulla terraferma possono uccidere piccoli mammiferi. Catturano occasionalmente anche mammiferi più grandi, come i cervi. Gli orsi bruni adulti non hanno timore di scontrarsi con altri predatori, dal momento che possono competere da soli con branchi di lupi e grandi felini, scacciandoli spesso dalle prede che questi ultimi hanno ucciso.
Gli orsi bruni hanno folti mantelli di colore biondo, bruno, nero, o formati da un misto di questi colori. I peli di guardia esterni dell’orso bruno hanno spesso la punta bianca o argentata, dando a questi animali un aspetto «brizzolato» (in inglese grizzled, da cui deriva grizzly). Come tutti gli orsi, gli orsi bruni sono plantigradi e possono stare ritti sulle zampe posteriori per periodi di tempo abbastanza lunghi. Gli orsi bruni hanno una grossa gobba di muscolo sulle spalle che li distingue dalle altre specie. Gli arti anteriori terminano con zampe munite di artigli lunghi fino a 15 cm che vengono utilizzati soprattutto per scavare. Gli artigli dell’orso bruno non sono retrattili ed hanno punte relativamente smussate. La testa è larga ed arrotondata con un profilo facciale concavo, caratteristica che viene usata per distinguerlo da altri orsi. Gli orsi che vivono negli zoo sono spesso più pesanti di quelli selvatici, dal momento che ricevono un’alimentazione regolare e compiono movimenti limitati.

———————————————————————————————————————————————-

download-3Orso polare. Grande urside bianco del mar Glaciale Artico, presente in tutto il bacino polare; in particolare, lungo le coste del Nord America (a sud fino alle baie di Hudson e di James) della Groenlandia e della Russia. L’orso polare, classificato Ursus maritimus, è strettamente imparentato con l’orso bruno, Ursus arctos.
Se paragonato con le specie di orsi che vivono sulla terraferma, l’orso polare ha una forma più allungata e idrodinamica, adatta alla vita acquatica; le orecchie sono piccole e il muso è affusolato per favorire l’avanzamento in acqua, che può raggiungere i 10 km/h di velocità. Il piede è plantigrado come quello di tutti gli ursidi (cioè cammina poggiando a terra tutta la pianta del piede) e dotato di artigli affilati e ricurvi utilizzati per far presa sul ghiaccio e afferrare le prede. Lunghi peli fra i cuscinetti plantari proteggono le estremità dal freddo, e uno spesso strato di grasso sottocutaneo fornisce un ulteriore isolamento su tutto il corpo. Le zampe anteriori, molto larghe, fungono da remi quando l’animale nuota. Il mantello bianco, rinnovato annualmente nella stagione estiva, mimetizza l’orso polare tra i ghiacci del suo habitat, avvantaggiandolo nella caccia. Alla fine della primavera, al termine di un anno di esposizione al sole, il mantello appare generalmente un po’ ingiallito. I più grossi orsi selvatici mai pesati sono orsi polari di oltre 800 kg; il peso medio si aggira comunque intorno ai 250 kg per le femmine e ai 350 per i maschi. Quando nascono, i cuccioli sono molto piccoli e pesano circa 1 kg.
L’orso polare si nutre principalmente di foche degli anelli e occasionalmente di altri focidi, trichechi e beluga, ma non disdegna mitili e qualche vegetale. Per catturare le sue prede preferite aspetta che esse salgano in superficie per respirare e le afferra non appena emergono dall’acqua. L’orso mangia soltanto la pelle e il grasso delle foche che caccia; il resto rimane a disposizione di altri animali, prima fra tutti la volpe artica.
Durante la stagione riproduttiva (dalla fine di marzo fino a giugno) i maschi combattono furiosamente per la femmina. Dopo l’accoppiamento, quest’ultima scava una tana nella neve e passa in letargo i mesi più freddi. All’interno della tana la temperatura può superare di una quarantina di gradi quella esterna. In gennaio, nove mesi circa dopo l’accoppiamento, nascono generalmente due cuccioli inermi, che richiedono molte cure parentali. Durante i primi 40 giorni i piccoli hanno gli occhi chiusi e sono privi di pelo; vengono quindi tenuti al caldo vicino al petto della madre, da cui succhiano il latte ogni poche ore. Trascorso questo periodo, rimangono al seguito della madre per circa due anni e mezzo.
Con l’eccezione della stagione riproduttiva, i maschi sono solitari. Per cacciare e per trovare una femmina con cui accoppiarsi si spostano su interminabili distese di ghiaccio, percorrendo in un giorno anche parecchie decine di chilometri. L’orso polare ha un forte senso dell’orientamento, un ottimo olfatto ed è insolitamente intelligente nel risolvere i problemi relativi alla conquista del cibo.

———————————————————————————————————————————————-

Il Pastore Bergamasco è un’antica razza italiana da pastore, la cui area di diffusione comprendeva l’arco alpino e prealpino, con una particolare concentrazione nelle zone di maggiore pastorizia, come le valli del bergamasco, dove un tempo fioriva l’industria della lavorazione della lana che richiedeva numerosi greggi. Le pecore sono tra i primi animali ad essere addomesticati ed i pastori nei tempi antichi avevano bisogno di cani che difendessero le pecore dai predatori, quali il Maremmano-Abruzzese, ma successivamente quando la pastorizia, in particolare nella Pianura Padana, ha dovuto convivere con l’agricoltura, si resero necessari dei cani completamente differenti, capaci di condurre le greggi al limite dei campi coltivati, attraverso sentieri stretti, passaggi obbligati, greti di fiumi, ed in montagna durante l’estate capaci di attraversare strette gole, con pericoli naturali quali dirupi e precipizi.   Il Pastore Bergamasco è un cane conduttore del bestiame, capace di guidare anche greggi numerosi, spingere i capi ritardatari, recuperare quelli remenghi, tenere raggruppato il gregge facendolo pascolare secondo gli ordini impartiti dal pastore, il suo lavoro è  diventato poi ancor più difficile quando le greggi hanno dovuto convivere con il traffico degli automezzi ed al Bergamasco è stato richiesto un lavoro ancor più responsabile. Da dove vengano questi cani è difficile dirlo, probabilmente le migrazioni umane da Est verso ovest, hanno portato in Italia da terre lontane insieme al bestiame, anche i cani. La pastorizia del Nord Italia è una pastorizia nomade, in montagna nelle zone prealpine ed Alpine, durante l’estate, alla ricerca di pascoli verdi e freschi, in pianura, durante l’inverno, recuperando quella poca erba rimasta e ripulendo i terreni incolti. Un buon cane Bergamasco era indispensabile ai pastori nel loro peregrinare tra monti e pianura padana al variare delle stagioni, in cerca di pascoli nuovi. Ancora oggi è possibile vederli al lavoro ed apprezzarne le attitudini naturali come conduttori di ovini e di bovini, e ottimi custodi degli animali, delle baite e delle masserizie. E’ così che gli agricoltori della bassa, hanno potuto vederli ed apprezzarli per le loro eccelse caratteristiche naturali. Cani sani, robusti e rustici dal carattere  docile e di facile apprendimento, ottimi compagni dell’uomo, ma anche buoni guardiani della proprietà senza essere pericolosi. E’ una razza selezionata dai pastori in un ambiente difficile che concedeva poco all’uomo pastore ed ancor meno al cane e così come è stata selezionata dai pastori, è stata mantenuta dagli allevatori. Per quanto riguarda i capostipiti della razza, possiamo affermare che il primo intervento selettivo sulla razza fu quello iniziato dal marchese Paolo Cornaggia verso il 1890, (al quale si deve anche un primo abbozzo di standard nel 1950) il quale chiamava il nostro “bergamasco” con il nome di “cane da montagna” che, probabilmente gli derivava dall’uso generico di tale definizione per i cani da pastore che in montagna avevano la loro vita ed il loro lavoro. La ripresa dell’attività’ cinofila che segui la fine della seconda guerra mondiale vide la razza oggetto di cure, ricerche e selezione da parte di un piccolo ma tenace gruppo di cinofili che riprese pazientemente il lavoro a suo tempo iniziato da Cornaggia, ricercando nel contempo, di operare su base più tecniche  La razza comincia dunque ad imporsi all’attenzione dei cinofili dopo anni di misconosciuta presenza, approfittando anche dell’accresciuto interesse per il cane non da caccia che si va sviluppando in Italia.

downloadIl Pastore Bergamasco è un’antica razza italiana da pastore impiegata per la conduzione del bestiame.
Ha un aspetto rustico con mantello abbondante e caratteristico che lo
rende del tutto particolare . Sono cani di mole media, molto ben
costruiti e proporzionati, con un fisico particolarmente agile ed
attivo. E’ una razza sana, forte, e resistente. E’ di carattere buono, ma se occorre sa agire con decisione e coraggio,
senza essere temerario. Instaura con l’uomo un rapporto molto stretto e si inserisce nella famiglia come membro che sa farsi amare e
rispettare. Le sue doti di intelligenza, di moderazione e di pazienza,
ne fanno un perfetto cane da guardia e da compagnia, idoneo agli  impieghi più svariati, che impara con facilità.
Altezza: maschi  60 cm ± 02 cm
Altezza: femmine 56 cm ± 02 cm
Peso   : maschi  32 – 38 Kg
Peso   : femmine 26 – 32 Kg

Il Carattere
E’ un simpatico cane dall’ intelligenza viva, sempre vigile, ma nello stesso tempo tranquillo, quando non c’è bisogno del suo intervento, all’ occorrenza sa anche essere di carattere deciso e coraggioso e un ottimo guardiano. Instaura con il padrone e la sua famiglia uno stretto rapporto di amicizia e non ama essere lasciato solo. Il suo sguardo dolce sembra che voglia dire qualcosa penetrando oltre la visiera pelosa, con un’ espressione quasi languida. Impara facilmente ciò che gli si insegna, ma non ama fare cose inutili. Sa dosare la sua forza e il suo intervento a seconda delle necessità. Per il suo notevole equilibrio e doti naturali di intelligenza , è un ottimo guardiano della casa e della proprietà, ma sopratutto è un compagno ideale per la vita dell’ uomo. Può essere addestrato per gli impieghi più vari: protezione civile, utilità, agilità, obbedienza e naturalmente come cane da pastore. E’ un cane rustico, forte e resistente alle intemperie, particolarmente indicato per vivere all’ aria aperta, ma si adatta a vivere anche in appartamento.

———————————————————————————————————————————————-

Pecora brogna

Essendo molto rustica questa razza si adatta alle condizioni ambientali del pascolo montano con un’alimentazione basata quasi esclusivamente sulle risorse naturali .La produzione tipica di questa razza è la carne, ma anche il latte di buona qualità. La brogna è un’antichissima pecora che ha oltre 4.000 anni. In particolare la troviamo sui monti Lessini zone limitrofe.
Un ‘indagine del consiglio nazionale delle ricerche nel 1983 ne descrive una cinquantina di capi .
Oggi grazie all’impegno di allevatori e associazioni locali,se ne contano circa 1.500 capi
La razza presenta taglia media. Nelle femmine l’altezza al garrese è di circa 60 cm con un peso di circa 50 kg i maschi raggiungono una altezza al garrese di 65/70 cm con un peso di circa 60 kg .
La razza è priva di corna. Su testa e orecchie possono essere presenti macchie rossastre, brune o nere.
Oggi la produzione tipica di questa razza è la carne che si ottiene dagli agnelli di 20/25 kg. Il latte viene generalmente utilizzato per lo svezzamento dell’ agnello ma dopo l’allattamento la pecora può produrre 0,5-0,6 litri di latte al giorno . La produzione media si aggira intorno ai 70 litri di latte all’anno con un tenore di grasso che supera l’8% ( il latte può essere utilizzato per la produzione di caciotte). Inoltre è di buona qualità anche la lana .
Essendo molto rustica, la pecora Brogna viene allevata generalmente in ambienti montani. L’alimentazione è basata quasi elusivamente sul pascolo.
Il primo passo per salvaguardarla sta nella costituzione di un’ associazione locale di razza che ne valorizzi e tuteli le qualità favorendo anche la formazione di personale esperto in grado di guidare la selezione degli animali.

———————————————————————————————————————————————-

(columba livia)
Specie molto comune, rischio d’estinzione pari a zero
Ordine: Columbiformes
Famiglia: Columbidae
Sottofamiglia: Columbinae
Genere: Columba
Specie: C. livia Sottospecie

• C.L. atlantic C. l. gaddi C. l. gymnocycla
• C. l. butleri C. l. intermedia C. l. livia
• C. l. canariensis C. l. lividior C. l. nigricans C. l. schimperi
• C. l. dakhlae C. l. neglecta C. l. palaestinae C. l. targia
Il piccione, colombo viaggiatore o piccione viaggiatore (Columba livia, Gmelin 1789) è una delle specie di columbidi più diffusa in Italia soprattutto nelle grandi città.
Sistematica
Specie politipica, ha 15 sottospecie riconosciute.
Aspetti morfologici
Di aspetto simile al colombaccio (Columba palumbus), si distingue da esso per:
1. la mancanza delle macchie bianche attorno al collo;
2. il becco bruno anziché rosso e giallo;
3. la mancanza di una linea bianca che attraversa superiormente l’ala del colombaccio;
4. il groppone bianco;
5. le dimensioni leggermente inferiori.
Il piccione è lungo 30-35 cm con apertura alare di 62-68 cm La parte posteriore sotto le ali bianca è la migliore caratteristica identificativa del piccione, ma anche le due linee nere che corrono sulle ali grigie. La coda è bordata di bianco. La testa e il collo sono grigio blu scuro nell’adulto con riflessi smeraldini. Gli occhi sono arancioni e possono essere circondati da anelli grigio-bianco. Le zampe sono rossastre. È resistente e veloce nel volo. La vita di un piccione comune varia dai 3 ai 5 anni allo stato selvatico, ma può raggiungere anche 15 anni per le razze addomesticate.
Non è facile distinguere i due sessi, solo quando stanno insieme si può osservare il comportamento del maschio che corteggia la femmina gonfiando il collo, roteando più volte su se stesso in una bizzarra danza ed emettendo un suono rugoloso; è inoltre possibile distinguere la femmina dalla statura, spesso leggermente più piccola, e dal fatto che a volte si lascia rincorrere dal pretendente.
Durante l’accoppiamento, il maschio e la femmina si prendono per il becco e piegano il collo a vicenda molte volte, fino a quando la femmina non si accovaccia sulle gambe ed il maschio le salta sulla schiena per fecondarla.
La coppia cova due uova di colore bianco deposte dalla femmina, per 21 giorni si alternano di giorno la femmina e di notte il maschio. I nascituri saranno alimentati dalla coppia per i primi 5 giorni con una specie di latte proveniente dal gozzo dei genitori e per i giorni successivi l’alimentazione sarà un mix tra latte, semi di grano, semi di granturco e altro che i genitori possono facilmente trovare. In un mese i piccoli sono pronti per volare ed abbandonare il nido e solo dopo sei mesi sono in grado di riprodursi.
Habitat
Il piccione è tipico dell’Europa meridionale, del nord Africa, e del Medio Oriente. Nelle città italiane come in molte altre europee è altamente presente, soprattutto nelle piazze e nei parchi. Spesso ciò costringe ad aumentare la frequenza degli interventi di manutenzione in esterno.
Allevamento
È una razza di una specie non migratrice, capace di orientarsi egregiamente per ritrovare la sua colombaia: ciò le ha permesso di essere addomesticata (questa qualità è stata migliorata da una forte selezione ad opera degli allevatori).
Nell’antichità i piccioni viaggiatori venivano costantemente utilizzati per trasportare messaggi in assenza di tecnologie alternative. L’importanza di questi animali è diminuita con l’utilizzo del telegrafo e delle moderne tecniche di comunicazione, tuttavia l’uomo non ha mai smesso di allevarli sia per passione (in Italia esistono validi centri colombofili) sia per lo studio delle loro capacità di orientamento ad opera dei ricercatori universitari. Vengono anche usati dall’uomo nella caccia al colombaccio come richiamo. Le capacità di volo di un piccione sono impressionanti: in condizioni di tempo ottimale può percorrere anche 800 km ad una media di 70 km/h per ritornare alla colombaia di origine a cui rimane legato per tutta la vita.
Il problema di malattie e pidocchi è facilmente risolvibile seguendo le normali norme igieniche, usate per qualsiasi animale domestico; cioè pulizia periodica degli ambienti e ciotole d’acqua per permettere agli animali di lavarsi.
Ricordo inoltre che questi animali hanno bisogno di almeno tre ore al giorno di luce, il così detto bagno di sole, e della possibilità di fare regolari sabbiature; inoltre la possibilità di comunicare con l’esterno tramite una voliera aumenta le sue difese immunitarie.
Una coppia ha bisogno di almeno un metro quadrato di superficie, cinquanta centimetri di trespolo, nonché di due nidi, perché una volta schiuse le uova della prima covata, ne intraprendono subito un’altra per aumentare le probabilità di sopravvivenza della specie.
Razze
Esistono tantissime razze, con diversi colori e conformazioni di varie parti del corpo.
• Colombo Triganino Modenese
Considerazioni finali oggettive
A mio avviso questo splendido animale non è considerato come dovrebbe, e nel tempo si è perso il suo uso come animale da carne, perché negli anni è stato sempre più considerato come un animale sporco, inutile e nocivo; dimenticando la morbidezza e il valore altamente nutritivo e a bassissimo contenuto di grasso delle sue carni, migliori di quelle d’anatra; solo però, se l’animale viene cucinato una volta raggiunte le quattro settimane di vita, prolungando tale periodo le carni diventano dure e molto amare.

———————————————————————————————————————————————-

pinguini-imperatore1Pinguino: nome comune con cui vengono indicati gli uccelli facenti parte della famiglia degli Sfeniscidi (Spheniscidae), ordine Sfenisciformi (Sphenisciformes).Esistono 17 specie di pinguini, che differiscono tra loro per dimensioni, anatomia e comportamento. Il pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri) può raggiungere un’altezza di circa 120 cm ed è il più grande fra tutti i pinguini. Frequenta le coste del continente antartico, durante l’inverno la femmina depone il suo unico uovo, che viene covato dal maschio. Forma colonie molto numerose e per cacciare può spingersi oltre i 350 metri di profondità e rimanere immerso sott’acqua, senza respirare, anche per 20 minuti.Il pinguino reale (Aptenodytes patagonicus), alto 90 cm, si spinge fino alla Terra del Fuoco e sulle isole sub antartiche. É ampiamente diffuso nelle regioni antartiche e subantartiche. La femmina depone un solo uovo, di cui si prendono cura entrambi i genitori. Il pinguino di Adelia(Pygoscelis adeliae), alto circa 76 cm, è diffuso lungo le coste del continente antartico e delle isole australi. Trascorre in mare buona parte dell’anno, nutrendosi soprattutto di calamari e crostacei. Ed ha anche più di 3 uova ogni 3 mesi. Il pinguino somaro vive sulle coste dell’Africa del sud. Si chiama “somaro” per il verso che fa, che ricorda quello dell’asino. Quando fa troppo caldo, si tuffa in acqua per rinfrescarsi. Il pinguino Papua il più veloce di tutti: sott’acqua, quando caccia pesci e calamari, sembra davvero che voli!I pinguini crestati sono quelli che vivono più a nord: nelle isole intorno all’Antartide, sulle coste dell’Australia, in Tasmania e Nuova Zelanda. Il pinguino artico. E’ molto piccolo. Nella cultura il pinguino è utilizzato come mascotte o simbolo non ufficiale di attività sportive, politiche e industriali

———————————————————————————————————————————————-

maxresdefaultI pipistrelli vengono anche chiamati Chirotteri, sono un ordine di mammiferi placentati: sono mammiferi antichissimi, allattano i piccoli anche se hanno il corpo ricoperto di pelo, sono in grado di volare grazie ad una speciale modificazione di mano e braccio trasformati in ala. Essa è costituita da una membrana sottile, simile alla pelle, mentre il “patagio”, cioè le ossa della mano e del braccio, sono formate da uno strato sottile di vasi sanguigni e filamenti elastici e per questo sembrano dei topi con le ali.
I loro occhi sono piccoli e la vista è molto limitata, in compenso l’udito è estremamente sviluppato.
Mentre volano emettono degli ultrasuoni che rimbalzano contro gli oggetti presenti sul percorso, provocano un eco che permette ai pipistrelli di capire dove andare e quindi evitare gli ostacoli.
Durante il giorno si rifugiano nelle fessure dei muri, nelle cavità degli alberi e nelle grotte, mentre la notte vanno in cerca di cibo. Solitamente cacciano insetti, ad esempio un pipistrello può mangiare 500 zanzare in una sola notte quindi sono animali utili all’uomo perché eliminano molti insetti nocivi e fastidiosi. Però si nutrono anche di polline, frutta, roditori, pesci e rane. Esistono anche tre specie di pipistrelli, diffusi solo in centro e sud America, che succhino il sangue degli animali domestici, però non ne provocano la morte.
In inverno vanno in letargo in gruppo, rallentano tutte le attività corporee, incluso la frequenza respiratoria e il battito cardiaco, consumano pochissima energia e utilizzano le riserve di grasso corporeo accumulate nella bella stagione. Poi con l’arrivo della primavera, termina la fase di letargo e le femmine si radunano in rifugi, dove tra giugno e luglio danno alla luce i piccoli (di solito solo uno per femmina). Dopo 2-3 settimane i piccoli sono già in grado di volare e cacciare insetti. I nemici dei pipistrelli sono per lo più gufi, donnole, martore e topi.
Purtroppo questi animali rischiano l’estinzione e per questo è stato creato un programma europeo, BAT, per la loro salvaguardia. Il Museo Il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze promuove la diffusione di rifugi artificiali, casette di legno simili a quelle utilizzate per gli uccellini, per aumentare il numero dei pipistrelli e ridurre le zanzare in città riducendo in questo modo l’utilizzo di insetticidi. Allo stesso modo chiunque può contribuire alla loro diffusione utilizzando gli stessi accorgimenti.

———————————————————————————————————————————————-

download-4 Il puma è un mammifero predatore classificato Felis concolor nella famiglia dei felidi. È noto anche come coguaro o leone di montagna ed è diffuso unicamente in America, nelle regioni comprese tra la Columbia Britannica e la Patagonia. È adatto a una notevole varietà di ambienti: vive dal livello del mare fino a quote di circa 5800 m, e in ambienti desertici, tropicali e temperati. è un felide dalle abitudini solitarie ed il suo bisogno di stare appartato lo induce a separare il proprio territorio di caccia da quello degli altri adulti della stessa specie, che non muta neanche d’inverno, quando la disponibilità di cibo diminuisce a causa delle migrazioni stagionali dei cervidi.
Il colore della pelliccia è uniforme, che varia dal marrone-rossiccio delle varietà tropicali al grigio di quelle delle latitudini maggiori. Ha zone più chiare su fianchi, muso, mento, gola, petto e sull’interno delle zampe.
Il puma può essere lungo fino a 1,95 m, esclusa la lunga coda; una femmina pesa tra i 35 e i 50 kg, un maschio tra i 50 e i 70, ed in genere gli esemplari della fascia equatoriale sono di taglia più piccola rispetto a quelli delle regioni temperate. Questo animale ha arti posteriori proporzionalmente più lunghi. Hanno un muso relativamente piccolo e una macchia nera sopra gli occhi.
A differenza di altri grandi felidi predatori, i puma non sono in grado di emettere ruggiti, ma diversi tipi di vocalizzi e richiami. Hanno abitudini crepuscolari e notturne, e cacciano principalmente ungulati di grossa taglia fra cui principalmente il cervo. La femmina partorisce da due a quattro cuccioli, caratterizzati da macchie scure sul dorso, una coda ad anelli e occhi azzurri.

———————————————————————————————————————————————-


download-5Il riccio appartiene alla classe dei Mammiferi, all’ ordine degli Insettivori, alla famiglia degli Erinaceidi , ed infine alla specie del Riccio occidentale (Erinaceus europaeus ). E lungo dai 28 ai 35 cm circa, con un peso medio che varia dai 450 ai1.200g. Si trova per lo più in Europa settentrionale, centro meridionale e parti di quella meridionale.
Vive prevalentemente nei boschi di latifoglie e misti con sottobosco ,siepi,campagne alberate,parchi,giardini eccetera. E un animale onnivoro (quindi si ciba di tutto ciò che trova in natura esempio: funghi, bacche, radici e lombrichi…). L’ accoppiamento avviene in primavera-estate e, dopo una gestazione di circa 35 giorni, la femmina partorisce 3-10 piccoli. Normalmente si ha un solo parto annuo. Raggiunge l’età dei 15 anni. Il suo corpo è ricoperto da pungenti aculei(circa 7-8.000). I suoi movimenti non sono veloci anche se trotterellando, può nascondersi in breve tempo. Conduce vita crepuscolare e notturna.
Di giorno dorme, nascosto nella penombra di una siepe o sotto una catasta di legna, in una depressione del terreno foderata di foglie secche. Occupa volentieri i nidi artificiali, collocati su terreno tra le siepi dei parchi e dei giardini. Quando viene molestato si appallottola, protetto dalla sua fitta corazza di aculei, che riapre solo quando il pericolo cessa. Per scoraggiare ulteriormente un nemico (Gufo reale, volpe, cane), che tenta di sopraffarlo, emette anche brontolii e soffi. La sua vista non è acuta, ma il suo olfatto è molto fine. Nessun ostacolo lo spaventa: supera con disinvoltura barriere apparentemente insormontabili e, sa anche nuotare. Le vie di comunicazione stradale costituiscono la più grave minaccia e il suo corpo sfracellato si rinviene frequentemente sull’ asfalto stradale. Trascorre la stagione fredda in letargo, appallottolato nel suo rifugio imbottito di fieno e foglie secche. Dorme ininterrottamente da novembre a marzo e in primavera, al suo risveglio, cerca subito qualcosa da mettere sotto i denti. Il riccio è molto importante per l’agricoltura, perché uccide molti insetti che potrebbero essere un problema per le colture.
In alcuni territori di pianura e di collina del Trentino-Alto Adige, del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia, il riccio occidentale convive con il riccio orientale (Erinaceus concolor ), che sostituisce la specie precedente nell’Europa orientale.

———————————————————————————————————————————————-

download-6Il rinoceronte di Giava è un animale rarissimo, probabilmente uno dei più rari fra i grossi mammiferi. Assomiglia molto al rinoceronte indiano ma la misura del corno è inferiore: solo 25 cm nel maschio, mentre nella femmina è quasi assente. La lunghezza del corpo è di circa 300 cm, compresa la coda, e l’ altezza varia tra i 140 e i 170 cm La pelle grigio brunastra, ha l’ aspetto di una corazza formata da grandi placche. Il pelo è presente solo attorno alle orecchie e sulla punta della coda. Il labbro superiore è allungato, formando l’ appendice digiti forme. Il rinoceronte di Giava frequenta gli ambienti a vegetazione molto fitta, le zone paludose e le foreste umide tropicali. Esso è presente solo nel Parco nazionale di Udjung Kulon. La popolazione del rinoceronte è stata stimata a soli 54 esemplari nel 1986. vent’ anni fa erano rimasti una ventina di rinoceronti di Giava, a causa della distruzione dell’ loro ambiente e dalla caccia feroce. Il rinoceronte di Giava figura tra le specie elencate nella Convenzione di Washington. Se non si fa crescere la popolazione alla svelta ci sarà un’altra specie estinta!

———————————————————————————————————————————————-


download-7Chi non conosce la salamandra? Eppure si tratta di un animaletto dalle abitudini notturne,non facile da osservare. Ma la salamandra è ben nota a tutti per altre ragioni,in particolare per via di leggende e credenze popolari,tra le quali una delle più comuni dice che è in grado di sopravvivere nel fuoco o di essere velenosa per l’uomo.
In realtà la salamandra ha solo la capacità di secernere delle sostanze che sono leggermente irritanti e che servono all’animale per non essere mangiato dai suoi predatori. Una delle salamandre più conosciute è sicuramente la salamandra pezzata che si può trovare nei nostri boschi ed è riconoscibile per i magnifici colori,cioè nera con le macchie gialle. Questi colori vistosi servono alla salamandra per far capire ai predatori che non conviene mangiarla.
La salamandra pezzata misura tra i 12 e i 20 cm compresa la coda,ma in alcuni casi può raggiungere anche i 28 cm. La salamandra pezzata vive in ambienti terricoli come lettiere,tane di piccoli mammiferi,sottobosco di faggete o di abeti ma anche di castagneti. Questo animale è attivo soprattutto al crepuscolo e di notte,in particolare quando il clima è umido e piovoso,si sposta lentamente e non si allontana troppo dal suo rifugio. Durante il periodo riproduttivo,in primavera, questi anfibi si spostano verso le pozze dei torrenti e dei ruscelli. Le uova si sviluppano all’interno della femmina e,quando hanno raggiunto un buon grado di sviluppo,essa si dirige in pozze d’acqua dove deposita da 10 a 70 uova. Talvolta nascono individui già metamorfosati.
La salamandra pezzata è in grado di riprodursi dal 4^ anno di vita e mangia gli animaletti nella lettiera del sottobosco ad esempio millepiedi,lombrichi ecc…
Può raggiungere età elevate:in libertà è stato trovato un individuo di 20 anni,mentre in cattività ci sono esemplari che hanno superato i 50 anni. È diffusa nell’Europa centrale,occidentale e meridionale, nell’Africa nord-occidentale e in alcune zone dell’Africa sud-occidentale.

———————————————————————————————————————————————-

download-8Lo squalo bianco o Carcharodon carcharias raggiunge senza dubbio i 6 metri di lunghezza e molto probabilmente arriva a dimensioni anche maggiori.
La maturità sessuale è raggiunta a 3,8 metri di lunghezza nei maschi e tra 4,5 e 5 metri nelle femmine. La specie è vivipara aplacentale, con presenza di oofagia (gli embrioni si nutrono di uova non fecondate nell’utero materno), e il parto avviene tra primavera ed estate, la gestazione durando probabilmente all’incirca un anno. Nel Mare Mediterraneo vi è una zona di riproduzione nell’area che comprende Sicilia, Malta e Tunisia. Il parto avviene tra primavera ed estate. I piccoli alla nascita hanno taglia compresa tra 1,2 e 1,5 metri e hanno i denti dotati di minute cuspidi laterali, gli inferiori talora coi bordi lisci anziché seghettati. Il numero massimo di piccoli per figliata non è noto con certezza, ma potrebbe essere di 14.
La dieta dello squalo bianco è estremamente varia. Nel Mediterraneo questi animali si nutrono principalmente di delfini, tonni, tartarughe marine, altre specie di squali, pesci spada, e talora delle carcasse di grandi cetacei. In altre parti del mondo una parte importante della loro dieta è rappresentata dai pinnipedi (otarie, foche, elefanti marini). Possono occasionalmente ingerire oggetti non commestibili, ma ciò si deve con ogni probabilità imputare alla natura curiosa di questo animale, che è solito “esplorare” con la bocca la sorgente dei differenti stimoli nei quali di volta in volta si imbatte.
Lo squalo bianco è specie di acque continentali e insulari, praticamente cosmopolita, ma più propria delle acque comprese tra le fasce fredda e caldo-temperata. Sebbene non si avvicini usualmente alla riva, occasionalmente può capitare che lo si possa incontrare in acque molto basse se queste sono poste nelle immediate vicinanze di uno strapiombo che dia su acque più profonde. Le zone in cui è più abbondante sono Sud Africa, Australia, California. Nel Mare Mediterraneo la maggior parte di segnalazioni proviene dalla regione includente Sicilia, Malta e Tunisia, seguono quindi Mare Adriatico, Mare Tirreno, Mar Ligure e Mare Balearico.
Sebbene abbia carni di buona qualità, la sua importanza per la pesca è inevitabilmente minima, trattandosi di specie ovunque poco comune. Lungo le nostre coste capita di tanto in tanto che un esemplare rimanga impigliato nelle reti di qualche tonnara o nei palangari. Così come accade per molte altre specie di squali nel nostro Paese, solitamente è messo in commercio sotto l’improprio nome di palombo (che spetterebbe in realtà agli squali del genere Mustelus).

———————————————————————————————————————————————-

La scomparsa dello stambecco dalla regione alpina avviene fra il sedicesimo e il diciottesimo secolo a causa di un eccessivo prelievo dovuto in particolare a tre fattori:
– il fatto che vive su terreni aperti ed è quindi facilmente individuabile; – l`uso che si faceva delle sue parti come rimedio a certi mali; – il fatto che spesso le popolazioni rimangono isolate dalla presenza di valli.
L`unica popolazione che riuscì a sopravvivere si trovava allora nella regione del Gran Paradiso, riserva di caccia dei regnanti italiani che hanno imposto una drastica protezione della specie a partire dal 1821.
La reintroduzione dello stambecco in Svizzera inizia nel 1906, quando individui puri, contrabbandati dal Parco del Gran Paradiso, sono portati nel parco naturale Pietro e Paolo di San Gallo.
La distribuzione dello Stambecco nel nostro Cantone è limitata e il gruppo più numeroso è sicuramente quello della Greina che si estende fino alla Val Malvaglia e Val Pontirone. Durante il censimento primaverile del 1994 sono stati avvistati oltre 496 capi nella sola parte ticinese mentre tutta la colonia conta più di 1600 esemplari. Nelle altre località del Cantone le colonie sono più piccole e composte da alcune decine di unità frutto dei ripopolamenti.
Lo stambecco vive prevalentemente nella zona alpina e nivale fra i 1600 e i 3200 m di altitudine, dove predilige i versanti ripidi, rocciosi e ben articolati dal punto di vista topografico. I pendii erbosi rivolti a sud sono pure luoghi prediletti dallo stambecco, in particolare durante il periodo invernale. In generale egli vive nelle fasce altitudinali più alte per la maggior parte dell`anno e solo in primavera si abbassa a quote meno elevate alla ricerca di spazi erbosi.
Lo stambecco, in modo particolare il maschio, è caratterizzato da un corpo massiccio e pesante appoggiato su arti relativamente corti. Il dimorfismo sessuale fra i due sessi è evidente nella taglia nelle dimensioni e nella forma delle corna. I maschi possono pesare anche fino a 100 Kg, mentre il peso della femmina varia generalmente da 40 a 50 kg. L`altezza al garrese non supera rispettivamente il metro e gli 80 cm. Il pelo è fitto e atto a sopportare le basse temperature invernali. Muta due volte all`anno, in luglio e in ottobre. Il colore chiaro rende particolarmente difficile distinguere l`animale nelle rocce. Le corna dei maschi hanno degli anelli annuali molto visibili che permettono la determinazione dell`età. Nella parte frontale del corno troviamo anche dei nodi, 1 o 2 ogni anno, molto visibili. I nodi annuali si consumano durante la crescita e sono meno vistosi a partire dagli 8 anni. La crescita annua delle corna è di circa 10 cm nei primi 8 – 10 anni; la loro lunghezza massima raggiunge in media i 90 cm e possono pesare fino a 5 kg. Le corna delle femmine sono invece molto più piccole, i nodi annuali sono poco visibili e la loro lunghezza raggiunge solo i 30 cm. Il meccanismo di crescita è simile a quello del camoscio.
Nello stambecco gli zoccoli sono larghi, elastici e articolati in maniera indipendente, ciò che rende questi animali molto adatti agli spostamenti su pareti e in zone difficili. Particolarmente sviluppati sono la vista e l`odorato. La specie può essere facilmente osservata anche a brevissima distanza, in particolare i maschi adulti. Tuttavia nelle regioni dove sono sottoposti all`attività venatoria sono più difficili da avvicinare. Il loro nutrimento è generalmente povero e lo stambecco è in grado di accumulare uno spesso strato di grasso durante la bella stagione in modo da non patire troppo durante il periodo invernale. Dai mesi invernali esce tuttavia smagrito e in primavera si abbassa sovente alla ricerca della nuova vegetazione.
Lo stambecco utilizza durante tutto l`anno le zone ben al di sopra del limite del bosco. Dei movimenti verticali si possono osservare in particolare in primavera quando gli animali si abbassano per approfittare della nuova erba o le femmine per mettere al mondo i piccoli in luoghi riparati e con vegetazione più avanzata. Dei movimenti di dispersione possono coprire diversi chilometri, ciò che ha facilitato la sua colonizzazione nell`arco alpino.
Durante l`estate sono attivi in particolare la mattina presto fino verso le 9.00 ed in seguito alla sera dopo le 16.00. In inverno la loro attività comincia invece più tardi e con alcune pause si protrae fino nel tardo pomeriggio. Durante le fasi di riposo, in particolare durante l`inverno, si rifugiano al riparo nelle rocce e sono molto difficili da trovare.
La vita sociale vede le femmine e i giovani separati dai maschi durante il periodo primaverile, estivo e autunnale e solo in inverno, in concomitanza con il periodo degli amori, si osservano ruppi misti. Le femmine che devono partorire si isolano di solito dal loro gruppo e cercano luoghi riparati e difficilmente accessibili. I giovani maschi si staccano dal gruppo di femmine per unirsi ai branchi di maschi normalmente all`età di 3 anni.
Il periodo degli amori si situa in inverno, nei mesi di dicembre – gennaio. La gestazione dura da 170 a 196 giorni e i piccoli nascono verso fine maggio-inizio giugno. Generalmente ogni femmina partorisce un solo piccolo ma i parti gemellari non sono rari. I piccoli vengono allattati per diversi mesi. Le femmine si riproducono all`età di 3 – 4 anni.
Nell`ambiente alpino lo stambecco non ha praticamente nemici naturali se si trascura l`aquila reale che può talvolta attaccare i piccoli. La morte di alcuni individui può essere causata da cadute, da valanghe o da frane. Lo stambecco si incrocia facilmente con la capra domestica, fenomeno che è stato osservato anche in Ticino.

———————————————————————————————————————————————-;

La tigre è un grande mammifero predatore appartenente alla famiglia dei felidi, classificato nel genere Panthera insieme al leone, al leopardo e al giaguaro.
Le sottospecie viventi sono confinate principalmente nelle riserve del Sud-Est asiatico e dell’India, e corrono il rischio dell’estinzione. Il loro numero è fortemente diminuito negli ultimi tempi a causa della distruzione dei loro habitat e a causa dell’uomo, di fatti vengono cacciate per la loro pelle e le loro ossa, alle quali i cinesi attribuiscono poteri terapeutici.
Per questo si stima che la popolazione di tigri allo stato selvatico comprenda oggi soltanto dai 4000 ai 5000 esemplari, e ognuna di esse può vivere dai 10 ai 15 anni d’età.
Le tigri si nutrono di mammiferi di grossa taglia, in particolare cervidi e bovidi, e inoltre rane, pesci che riescono comodamente a procurarsi essendo ottime nuotatrici. Le tigri cacciano di notte, avvantaggiate da una vista acutissima: nell’oscurità riescono a vedere sei volte di più dell’uomo. Per cacciare si servono degli artigli retrattili per afferrare la preda e di lunghi canini per addentarle letalmente il collo.
Vivono nelle foreste, nelle praterie o in zone paludose: tutti habitat dove la loro colorazione gli consente di mimetizzarsi. Le tigri sono animali territoriali ed il territorio del maschio, che varia dai 30 agli 80 km, spesso comprende i territori di due o più femmine.
Ogni cucciolata è composta dal solo cucciolo fino ai 6 individui. Quando nascono questi pesano circa 1 kg e sono ciechi e inermi. Nelle prime 6-8 settimane si nutrono di latte mentre in seguito delle prede cacciate dalla madre. I piccoli iniziano a cacciare dopo 18 mesi di età e in genere di tutta la cucciolata sopravvivono due piccoli al massimo.
Esistono 5 specie di tigri oltre a quella che tutti conosciamo: le rare tigri siberiane, la tigre indiana (detta tigre del Bengala), le tigri dell’isola di Sumatra, la tigre indocinese e la sottospecie Panthera tigris amoyensis, diffusa nelle regioni della Cina centrale e orientale. éssa è quella che corre il più alto rischio di estinzione: attualmente ne esistono soltanto una trentina allo stato selvatico e una cinquantina nei giardini zoologici della Cina.
Inoltre negli ultimi settant’anni le sottospecie estinte sono state almeno tre: quella di Bali, di Giava e del Caspio.

———————————————————————————————————————————————-

images-1L’allevamento dei salmonidi e’ praticato nelle acque fredde di tutti i continenti e riguarda principalmente le specie Iridea e Fario e il Salmerino di fontana. Il grande sviluppo della troticoltura e’ dovuto allo svolgimento in condizioni artificiali e senza particolari ostacoli dell’intero ciclo biologico.
L’allevamento delle trote richiede una grande quantità di acqua corrente fresca, pura e in quantità costante.
La temperatura dell’allevamento ideale si aggira intorno ai 12-14°C e l’acqua deve essere priva di corpuscolato solido in sospensione, senza colori,odori o sapori particolari,con pH compreso tra 6,5 e 8,5. L’origine dell’acqua dovrebbe essere di risorgiva, priva di sostanze inquinanti e con temperatura costante: questi sono fattori fondamentali per un allevamento.
SPECIE ALLEVABILI
La trota di corrente o fario vive nei laghi, nei fiumi e nei torrenti in acque limpide, fredde e ben ossigenate. Vorace predatore carnivoro, si nutre di pesci, piccoli crostacei ed insetti. Si riproduce da ottobre a gennaio con temperature tra i 5° e i 10°C. Si può trovare in tutta Europa.
La trota iridea e’ originaria del Nord America ed e’ stata introdotta in Europa nel 1880. Vive in acque fredde ed ossigenate di fiumi e laghi. E’ un predatore vorace. Si riproduce da fine inverno ad inizio primavera attorno ai 10°C.
ALLEVAMENTO IN VASCA
Generalmente gli allevamenti sorgono vicinissimi ai corsi d’acqua dei quali si sfrutta la portata, la pendenza, la temperatura bassa e l’elevato grado di ossigenazione. Dove necessario si provvede a filtrare l’acqua in entrata per trattenere foglie, rametti ed altre impurita’. L’acqua viene convogliata in grandi vasche che possono essere di terra o di cemento; in entrambi i casi il fondo viene ricoperto di terra o di ghiaia ove si depositano i materiali organici mantenendo limpida l’acqua sovrastante e vi crescono microrganismi che costituiscono un cibo naturale per le trote.
La troticoltura si basa essenzialmente sull’alimentazione artificiale, in grado di coprire l’intero ciclo di allevamento, vale a dire dai riproduttori, avannotti, trotelline, trotelle e trote da consumo.
La troticoltura si suddivide in due aree ben distinte:
1)Troticoltura di montagna, dove vengono allevati i riproduttori e dove vengono prodotte, fecondate ed incubate le uova.
2)Troticoltura di pianura, dove gli avannotti sono svezzati e quindi ingrassati fino alla taglia da porzione.
SCELTA DEI RIPRODUTTORI
Si esegue separando quelle trote che raggiungono le maggiori dimensioni e tra queste si scelgono quelle con caratteri morfologici perfetti (pigmentazione cutanea,presenza di caratteri sessuali secondari ecc..).
Ai futuri riproduttori dovrà essere riservato un ambiente ed una alimentazione particolare.
FECONDAZIONE ARTIFICIALE
La maturità sessuale dei maschi si ha verso i 2 anni, mentre le femmine a 3 anni. Con l’avvicinarsi del periodo riproduttivo, i riproduttori mostrano i caratteri sessuali secondari più accentuati: i maschi assumono una colorazione più scura ed un profilo del capo più appuntito, le femmine presentano l’addome rigonfio e duro al tatto, con la papilla genitale arrossata e sporgente.
Si esegue quindi la “spremitura” delle femmine che consiste nella fuoriuscita delle uova in un catino, dove successivamente si fa ricadere il liquido di spremitura dei maschi. Subito si mescola, si lascia riposare per qualche minuto, si sommerge il tutto con acqua fresca e limpida e lo si ripone negli apparecchi di incubazione.
AVANNOTTERIA
La durata dell’incubazione e’ tanto minore quanto più alta è la temperatura dell’acqua. Tanto più lungo è il periodo di incubazione tanto meglio riescono l’uovo e l’avannotto. Quando l’embrionamento ha raggiunto la fase finale , e nell’uovo compaiono due macchie nere che corrispondono agli occhi del futuro avannotto, le uova vengono commercializzate e spedite negli allevamenti per la schiusa. La schiusa delle uova avviene su telai di rete a fori longitudinali e con cornice di legno la cui acqua è tenuta bassa (circa 20cm) in modo che scorra attraverso le uova. Dopo la schiusa, l’avannotto giace sul fondo per circa 15 giorni per riassorbire il sacco vitellino, dopodichè comincia a nuotare, sale in superficie ed inizia ad alimentarsi. Con questo sistema le uova morte sono facilmente eliminabili. Le vasche per trotelline a forma rettangolare non hanno requisiti particolari, salvo quello di avere dimensioni più ridotte rispetto a quelle destinate all’allevamento delle trote da consumo. Le avvannotterie funzionano solo per ottenere trotelle di 12-15cm che sono poi trasferite nelle vasche di crescita poste altrove.
SELEZIONE DELLE TROTE
Viene detta comunemente selezione o calibratura quell’operazione che permette di separare i pesci a seconda del loro peso e misura. Questa operazione serve ad evitare il cannibalismo che i pesci più grossi mettono in atto verso quelli più piccoli, e serve inoltre a far sì che ogni pesce abbia le stesse possibilita’ di nutrirsi (cosa improbabile quando sono presenti elementi di taglia superiore che si appropriano della quasi totalita’ del cibo).
ALIMENTAZIONE
Le trote sono animali carnivori che catturano la loro preda a vista, da qui la necessita’ di acque limpide.
La dieta e’ composta da due parti: dieta fresca (composta da prodotti di scarto di pesci di mare o di acqua dolce o prodotti della macellazione), e dieta mista (prodotti freschi integrati con farine secche di origine animale o vegetale come farina di pesce,farina di carne, farina di sangue,farina di frumento).
La somministrazione dei mangimi deve essere uniforme su tutta la vasca.
FORME PATOLOGICHE ED INFETTIVE
Come per altre tipologie di allevamento, anche la troticoltura e’ soggetta a molti agenti infettivi come virus, batteri, miceti e parassiti. La malattia che più di altre incide sotto il profilo economico e’ la SEV ( setticemia emorragica virale), causata da un virus che colpisce soprattutto gli avannotti così come la NPI (necrosi pancreatica infettiva).
Le malattie batteriche incidono con maggior frequenza nei mesi estivi quando la temperatura dell’acqua supera i 15°C. Tra le più frequenti vi sono quelle da vibrioni e quelle da streptococco portate dagli aironi che scendono sugli allevamenti per cibarsi dei pesci. Per contrastare questo fenomeno, le vasche vengono coperte da reti, e ai pesci vengono somministrati antibiotici (purtroppo però la morìa dei pesci resta comunque vicina al 40%).
INQUINAMENTO DELL’ACQUA
La trota, più di altri pesci, e’ estremamente sensibile ad alcune sostanze inquinanti, soprattutto quelle che abbassano il contenuto di ossigeno dell’acqua o che la intorpidiscono: tracce di zinco, rame, piombo, ferro, manganese, possono portare a morte un intero allevamento.
Anche alcuni gas come l’anidride carbonica, l’azoto e l’idrogeno solforato, possono avvelenare anche in minima quantità. Fortunatamente a volte si possono evitare, facendo percorrere all’acqua percorsi accidentati con cascate che permettono ai gas di evaporare.

———————————————————————————————————————————————-

La vedova nera è considerato uno dei ragni più velenosi al mondo: il suo veleno è 15 volte superiore a quello di un serpente a sonali. Se viene disturbata attacca mordendo e iniettando un po’ di veleno che provoca la rigidità musolare, sudorazione, nausea, difficoltà respiratorie e vertigini; in alcuni casi porta anche alla morte. Appartiene alla famiglia delle Theridiidae, di cui una sottospecie, la Latrodectus molto meno velenosa, è presente anche in Italia.

Si trova negli Stati Uniti,in Canada e in Messico.Preferisce i climi caldi e secchi.
La femmina è di colore nero con una macchia rosso smagliante,che ricorda la forma di una clessidra,sul ventre.Questa macchia serve ad un possibile predatore per metterlo in guardia del pericolo che correrebbe attaccandolo.Le sue dimensioni variano da 8 a 40mm è leggerissimo,il peso medio è di 1 grammo.
È un animale prettamente notturno e di giorno rimane nella sua tana o nascosta sotto un sasso Pratica una vita sedentaria,infatti una volta cerata la sua tana non la lascia più.
Si nutre di insetti o anche di altri ragni che vengono catturati con una ragnatela tessuta all’ingresso della tana: essa ha la funzione di catturare la preda che viene poi immobilizzata e le viene iniettato il veleno allo scopo di scioglierla all’esterno per poi essere aspirata.
Il maschio invece è di colore arancione, non è per niente velenoso ed è 20 volte più piccolo della femmina.Il suo unico scopo è la riproduzione.
Solitamente il maschio dopo la riproduzione viene ucciso e divorato dalla femmina,per questo viene chiamata “vedova nera”.
Nel periodo di gestazione, che dura un mese, la femmina mangia più del solito,poi depone le uova(circa un centinaio)e le racchiude in un contenitore a forma di goccia,fatto con la sua tela, chiamato “cocoon”lo appende e lo protegge fino alla schiusa delle uova che avviane dopo 20 giorni.I ragnetti resteranno legati alla madre fino alla prima muta.

———————————————————————————————————————————————-

La volpe è un canide di medie dimensioni, raggiunge la lunghezza di 65-75 cm esclusa la coda che può misurare 35-45 cm, è foltissima e di solito con la punta bianca; il muso è lungo e affusolato,le orecchie sempre dritte, appuntite e nere sulla parte posteriore, le zampe corte.
Il colore del manto solitamente è rosso scuro,ma può variare da individuo e da zona di provenienza. Per esempio la volpe artica è completamente bianca. Il dorso può essere bruno rossiccio o grigio mentre la zona del ventre è bianco-grigio,ma in inverno più scuro.
È presente in tutto l’emisfero settentrionale e in tutta l’Italia,anche se è poco comune in pianura padana ma è assente nelle zone aride e desertiche degli stati uniti,del Messico e del Sahara.
È il carnivoro selvatico più diffuso e con una vasta zona di distribuzione, è un animale notturno,ma si muove anche di giorno nascondendosi sotto i cespugli, nei fossi oppure nella sua tana e in città invece nei giardini o nei materiali di scarto.
Le sue prede preferite sono lepri e conigli,ma si nutre anche di roditori,ricci(tende ad escludere toporagni e talpe)uccelli,uova,lombrichi,frutta e bacche.Deve ingerire almeno 500gr di cibo al giorno.
Il suo habitat ideale è il bosco,ma s può trovare anche in brughiere aperte,in montagna o nelle campagne coltivate.
Di solito vive in gruppi familiari composti da un solo maschio e fino a 6 femmine con i loro piccoli, ma si possono trovare anche esemplari solitari. Tra le femmine esiste un sistema gerarchico che limita la capacità riproduttiva a quelle più potenti nella scala gerarchica. Quando in un gruppo partorisce più di una femmina l’allattamento avviene in forma comunitaria.
I cuccioli nascono nella tarda primavera e dopo circa sei settimane vengono svezzati,ma rimangono con la madre fino all’autunno.
Il principale nemico della volpe (come al solito) è l’uomo che sin dall’antichità pratica la caccia alla volpe,molto diffusa in Gran Bretagna,perché è considerato un animale dannoso per l’economia,per il suo vizietto di intrufolarsi ei pollai e fare razzia,anche se non lo ritengo un buon motivo per darle la caccia.
È molto scaltra ed è da sempre considerata l’incarnazione della furbizia.Essa ha colorato fin dai tempi antichi molte favole e ha sempre dato un tocco di mistero nelle tradizioni popolari.

home page snorkeling nemo