Ott

22

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Olive schiacciate all’Etnea…..

…provenienza Grecia!!!!!

In una grossa catena di supermercati si trova con facilità, nel reparto con i prodotti regionali, oltre ai vari salumi e formaggi caratteristici della regione anche le olive ormai vanto di diverse regioni italiane. Mascherate da una prima visione dello stand Sicilia e poi dalla preparazione tipica della zona etnea che spicca a caratteri cubitali trova sorpresa, il consumatore attento, che in piccolo viene declarata “provenienza Grecia”.  Perchè metterle allora nelle ” specialità regionali”. Il solo modo  di preparazione certifica la specialità regionale? Con tale ragionamento si può fare il Brunello  in Sud Africa e  preparare con uve californiane vinificate con gli antichi sistemi in uso per la preparazione del Barolo… Il consumatore è avvisato se non legge la provenienza spesso scritta in piccolo sulla confezione si trova a consumare prodotti che niente hanno a che vedere con quanto scritto a caratteri cubitali. Arance dal Sud Africa, pere provenienza Argentina, legumi del Canada, noci californiane sono solo alcuni dei prodotti che si trovano con facilità nei supermercati e di cui solo una attenta lettura della confezione ci da l’idea di quanto “viaggio” hanno sostenuto quei prodotti prima di giungere alle nostre tavole e del relativo spreco di carburante e relativo inquinamento. Altro esempio della carne di Angus o di carne Argentina spacciata come  “prodotto di qualita tenera e saporita: si tratta ovviamente di carne probabilmente congelata visto che di allevamenti di Aberdeen Angus in Italia se esistono veramente pochi  ma che notoriamente per gli esperti in materia ne è riconosciuta l’ecessiva presenza di grasso di marezzatura e di conseguenza la tenerezza e la sapidità è data proprio dall’eccessiva infiltrazione di grasso che niente  a che vedere con buona qualità. Bovini italiani come la Razza Piemontese o la Chianina sono decisamente molto tenere e saporite anto che della prima si ottiene un eccellente “Carpaccio” e la presenza di grasso è decisamente minina; se aggiungiamo che sono prodotti di provenienza nazionale con alimentazione controllata e stato sanitario certificato oltre che ad aiutare l’ambiente aiutiamo i nostri allevatori. Diventa facile fare il ” nazionalista e il patriota” e poi comprare macchine estere ed andare a mangiare nelle catene  fast food americane. Affinché il messaggio di Greta Thunberg non sia lasciato al vento e nell’ottica di un alimentarsi correttamente leggere quanto riportato in eticheta fa bene all’ambiente e alla salute e il “prodotto in Italia” o “latte italiano” è sempre chiaramente impresso in etichetta.