Ago

8

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Specie esotiche.. malattie in arrivo

Categories: Potatore news

Specie esotiche.. malattie in arrivo


L’epoca in cui viviamo è caratterizzata da una certa facilità negli spostamenti. Treni, navi e principalmente aerei danno la possibilità in poco tempo di trasferire nei vari continenti non solo le persone ma anche cose, animali e specie vegetali. Inizialmente il trasporto merci interessava mercanzie come le spezie e altri prodotti di natura alimentare ma successivamente con il migliorare del tenore di vita si è assistito ad un trasferimento sempre più massiccio di specie vegetali esotiche che le nuove conoscenze agronomiche hanno permesso di coltivare anche a latitudini molto diverse da quelle d’origine. Forse tra le specie da frutta quello che ha la maggiore diffusione è il Kiwi e l’Italia è diventato in breve tempo tra i principali produttori al mondo mentre per alti generi la diffusione è stata meno accentuata ma sicuramente molto varia. Le specie floricole tropicali, in virtù delle pregevoli caratteristiche trovano sempre più spazio tra le piante coltivate sia all’aperto che in luoghi chiusi e, ogni giorno, le vetrine dei fioristi si arricchiscono di nuove specie che riescono facilmente ad attrarre l’attenzione del “consumatore” sempre più esigente. Dal Brasile, già da molti anni, è arrivata anche la gloxinia, pianta molto interessante per la produzione di vasi fioriti primaverili-estivi con grande effetto decorativo e appartenente alla famiglia delle Gesneriacee. Tale famiglia comprende piante erbacee, arbustive e arboree (circa 100 generi) tra i quali molto conosciuta è anche la violetta africana o Saintpaulia dalle foglie pelose, carnose e fiori con varia gamma di colori. Alcune caratteristiche accomunano le due piante come la forma della foglia ovato-oblunga anche se il lembo è molto più grande nella gloxinia ma i fiori di quest’ultima fanno la differenza in quanto sono sicuramente molto appariscenti, lunghi 5-10 cm, campanulati e con colori molto accesi viola o porpora, ricchi di screziature e nei quali all’interno anche le parti riproduttive come stami e pistilli di colore bianco concorrono alla maestosa bellezza. Ridotta a sei-sette giorni la durata del fiore, ha la particolarità di lasciare cadere la parte a campanula che si stacca di netto dal ricettacolo mentre alla base è già pronta una nuova infiorescenza.
Oltre alla durata del fiore ridotta, risulta anche abbastanza breve l’intero ciclo della pianta stessa (5-6 mesi) e per favorire la continua emissione di fiore conviene sempre asportare i piccoli peduncoli dei fiori rimasti ormai spogli. Il substrato adatto alla coltivazione deve essere leggermente acido (Ph 6-6,5) e ricco di sostanza organica ben decomposta; torba e terriccio di foglie in parti uguali con l’integrazione di un concime completo in misura di 2 gr/l risultano ottimale. Tale miscuglio poroso e permeabile favorisce anche un buon drenaggio che evita indesiderati ristagni. Molto importante risulta l’irrigazione che deve essere effettuata con acqua temperata per evitare sbalzi termici a cui risulta molto sensibile la pianta. In ultimo, da non sottovalutare, è il fatto che le specie importate spesso sono foriere di guai in quanto portatrici di malattie;  il nostro habitat non sempre riesce a far fronte a queste forme patogene e il punteruolo rosso delle palme,  la Xella degli ulivi o la Tristeza degli agrumi ne sono purtroppo esempio attuale