Giu

29

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Nel pieno dei lavori orticoli: l’orto non va in vacanza

Categories: Potatore news

Nel pieno dei lavori orticoli: l’orto non va in vacanza

Con  l’arrivo di giugno le giornate raggiungono  la  loro massima  durata. Il giorno così lungo permette alla  vegetazione dell’orto di accrescersi con una velocità sorprendente richiedendo cure costanti e ravvicinate. Bisogna controllare la  colorazione  della vegetazione e nel  caso di tonalità troppo  chiare  intervenire con nitrato di sodio  o solfato ammonico  in dosi modeste distribuite su tutto il terreno  e senza  interessare le foglie  che  altrimenti  rimarrebbero scottate. Le piogge del mese scorso hanno sicuramente rinvigorito le erbe infestanti che andranno tolte e possibilmente interrate selezionando  quelle  di interesse terapeutico come malva, ortiche, le radici di bardana, camomilla ecc. che una  volta essiccate  all’ombra saranno preziose per infusi e  decotti. E’  possibile trapiantare all’aperto il sedano,  sicuramente una delle più esigenti piante dal punto di vista  termico. Il  terreno  utilizzato deve essere molto  soffice  affinchè possa essere rincalzato peer l’imbianchimento. Altre  semine possono  essere  effettuate  con  radicchio  estivo, cavolo invernale, rape, fagiolini e fagioli rampicanti. Per  quest’ultimi  può essere riservato  eventualmente  il terreno vicino alla recinzione in modo da far sviluppare  la pianta  sulla rete. La semina a dimora verrà fatta con  una quantità di seme leggermente superiore alle dosi consigliate per la coltivazione in modo di poter eventualmente  selezionare le plantule nate e tener conto dei semi non germinati. Se invece si intende trapiantare direttamente le pianti­ne  con 2-3 foglie è conveniente rimandare di una decina  di giorni. Le  piantine  di pomodoro, melanzana e cetrioli  ormai  in fase avanzata di crescita vanno continuamente  gradualmente scacchiate  sopprimendo  tutti  i germogli  ascellari  e  le foglie basali in modo che i frutti prodotti  successivamente siano completamente spogliati dalle foglie rendendo omogenea la maturazione.

Giu

20

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Stagione che vai….fiori che trovi

Categories: Potatore news

Stagione che vai….fiori che trovi

 

Ogni stagione e in particolare ogni mese si caratterizza per la fioritura di determinate specie di piante; basti pensare a Maggio indiscusso mese delle rose, Novembre il mese dei crisantemi o Dicembre che essendo il mese natalizio è noto per la fioritura delle Stelle di Natale. Sicuramente le mutate condizioni di vita hanno permesso di porre l’attenzione alla bellezza degli interni e pertanto hanno favorito la coltivazione in casa o nei luoghi di lavoro di varie specie atte proprio a rendere tali posti più piacevoli alla vista. Eccetto per i crisantemi che al contrario di altri paesi nei quali sono utilizzati anche per gli addobbi matrimoniali, in Italia vengono ritenuti come “fiori dei morti,” la maggioranza delle piante da fiore viene forzata per ottenere produzioni che soddisfino le sempre crescenti richieste di mercato e fioriture che si protraggono per l’intero anno come ad esempio per le rose. Novembre potrebbe sembrare un mese parco di fiori ma non sicuramente di colori, infatti basta guardare le immense tonalità che caratterizzano la caduta delle foglie che accompagna l’autunno nei giardini e nei parchi, e il ciclamino che da solo riesce a com-pensare la poca disponibilità altre specie. I suoi fiori bianchi, rossi e lilla solitari e con lunghi peduncoli, le foglie a cuore rossastre nella parte inferiore e chiazzate in quella superiore con lunghi piccioli li rendono particolarmente decorativi e adatti in ogni circostanza. I ciclamini, appartenenti alla famiglia delle Primulacee e originari del bacino del Mediterraneo e dell’Asia Minore, vivono nel sottobosco ad altitudine compresa tra i 400 e 800 metri sul livello del mare. Pertanto prediligono temperature comprese tra i 10-11 gradi notturni e i 14-16 massimi durante la giornata con bassa luminosità e umidità relativa molto alta. Diverse sono le varietà commerciali che si distinguono per la colorazione e l’abbondanza di fioritura e inoltre per lo sviluppo fogliare. In natura il ciclamino è una pianta perenne provvista di un grosso tubero globoso molto velenoso mentre per le coltivazioni si preferisce propagarlo per seme nel periodo Settembre-Ottobre per ottenere piante fiorite nell’inverno successivo nelle colture a ciclo lungo 12-14 mesi mentre si semina a Dicembre-Gennaio per le colture a ciclo breve. Se le piantine vengono tenute in appartamento durante la fioritura vanno tenute a temperature non troppo elevate e sistemate su uno strato di argilla espansa immerso nell’acqua in modo di mantenere elevata l’umidità dell’aria e per lo stesso motivo vanno bagnate leggermente e molto spesso. Con la primavera le piantine vanno rinvasate aumentando la dimensione del vaso e utilizzando un terriccio di foglie semidecomposte ricche di calcio.

Giu

4

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Fertilizzanti per l’orto/giardino? Cominciamo a conoscerli

Categories: Potatore news

Fertilizzanti per l’orto/giardino? Cominciamo a conoscerli

 

 

I fertilizzanti si suddividono in : • concimi : si intende qualsiasi sostanza, naturale o sintetica, minerale od organica, idonea a fornire alle colture l’elemento o gli elementi nutritivi queste necessarie per lo svolgimento del loro ciclo vegetativo e produttivo, secondo le norme e le soluzioni prescritte per legge. • Ammendante migliora le proprietà e le caratteristiche fisiche, biologiche e meccaniche di un terreno • Correttivo : migliora le proprietà e le caratteristiche chimiche di un terreno.


Il letame è il più completo dei concimi organici misti. Il suo uso va ben oltre il solo apporto di elementi nutritivi ,ma contribuisce alla formazione della sostanza organica del terreno con tutti i relativi benefici. Risulta dalla mescolanza delle deiezioni solide e liquide degli animali domestici con la lettiera e non ha naturalmente composizione fissa, ma variabile a seconda della specie di animale domestico da cui si ottiene, dall’alimentazione e destinazione degli animali stessi ( latte, carne ) e della composizione della lettiera. Per esempio le deiezioni dei cavalli sono più concentrate, meno acquose di quelle dei bovini, che invece forniscono un letame lento di azione . Anche la composizione della lettiera, che può contenere paglia, foglie, torba, segatura influisce notevolmente sull’efficacia finale del letame; talvolta la lettiera, oltre a favorire l’assorbimento delle feci liquide , aumenta il valore fertilizzante per il suo alto contenuto in azoto. Il letame per essere utilizzato deve essere maturo cioè devono trascorrere alcuni mesi in modo che la decomposizione avvenga in concimaia dando modo poi ai microorganismi del terreno di accelerare la loro azione di trasformazione. E’ impiegato, inoltre, nella preparazione di letti caldi e terricciati. Tra altri concimi organici possiamo annoverare anche il  guano 3% di azoto, la pollina, letame di cavallo, di pecora, di suino. La differenza tra questi sta sul contenuto di acqua e con il crescere di questa nella composizione diminuisce il contenuto di elementi al suo interno. Il letame animale non contiene mai elevati quantità di elementi nutritivi e per intenderci la quantità di azoto non è mai superiore al 4-5% ma ha il vantaggio di avere presenti la totalità di elementi nutritivi  necessari alla pianta e sono capaci di migliorare tutte  le proprietà fisiche e chimiche.

Allo stesso modo anche il compost prodotto  negli orti  e nei giardini ottiene lo stesso effetto migliorativo del letame visto che a tutti gli effetti un composto organico