Mar

8

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Composizioni

Categories: Potatore news

Composizioni

 

Piante d’interni con forme diverse.
Si tratta di scegliere fra la collocazione di un esemplare singolo o di un gruppo costituito da essenze diverse ma comuni esigenze idriche nutrizionali. In entrambi i casi si possono ottenere i risultati eccellenti. Una composizione di piante fatte con specie diverse può essere una soluzione per concentrare in un unico vaso piante di diversa bellezza ma con caratteristiche pedologiche, idriche e nutrizionali simili ma può anche essere una valida soluzione per una idea regalo, insolita e fatte in casa. Per la realizzazione bisogna inizialmente scegliere il vaso adatto che tenere conto della profondità dell’apparato radicale delle vari radici, del numero di piante da sistemare e dell’ambiente in cui andrà collocato. Ovviamente, rispetto al primo caso, se trattasi principalmente dei piante grasse e la profondità del vaso non deve essere eccessiva visto lo sviluppo contenuto che caratterizza questo tipo di piante e la capacità di vegetare anche in condizioni estreme o in spazi contenuti. Per questo caso sono da preferire le ciotole in terracotta optando eventualmente per quelle colorata o smaltate secondo i gusti, poco profonde e con diametro di 30-35 cm. Si utilizzeranno via via vasi sempre più profondi se le caratteristiche dell’apparato radicale o lo sviluppo finale delle varie piante lo richiedono. Una composizione di sicuro effetto può risultare dall’associazione di guzmania, croton, Spatifillo e Chamadorea al quale possano essere aggiunte piante e fioritura stagionale come calceolaria o narciso. Per procedere alla preparazione bisogna svasare tutte le piante occorrenti e sistemarle su un tavolo da lavoro dove viene sistemato a portata di mano del terriccio già inumidito e una paletta di  giardinaggio. Sul fondo del vaso va sempre sistemata una manciata di argilla espansa o altro che abbia la funzione di drenare l’acqua in eccesso, quindi uno strato di terriccio. Si passa poi alla collocazione delle piante partendo da quelle più grandi come nel caso della Chamadorea e dello Spatifillo per poi passare in successione alle altre bloccandole al fondo con una manciata di terriccio. Una svolta che sono state tutte sistemate si può passare a riempimento degli spazi tra piante di modo che il vaso sia riempito di terriccio 1-2 cm sotto il bordo, dopo una abbordante annaffiatura e infine si  rabboccano eventuali zone rimaste vuote o non compresse sufficientemente bene. Le piantine vanno sistemate in modo armonioso e la composizione nell’insieme deve risultare molto fitta di piante riempiendo dove si rende necessario i piccoli spazi rimasti come piante stagionali che una volta si fiorite e vanno eliminati sostituite con altre. È conveniente tenere al riparo della luce diretta del sole per i primi 4-5 giorni e somministrare concime dopo 15-20. Un foglio di cellophane trasparente, un fiocchetto colorato  accompagnato un biglietto trasforma il tutto in un regalo “verde” sempre gradito alla persona che riceve.