Ott

20

By potatore

Commenti disabilitati su L'ulivo!

Categories: Agricoltura, Giardino

L'ulivo!

La colomba liberata da Noè  portò  all’arca un ramoscello di olivo  e questi comprese che il diluvio fosse finito e da allora cristiani, ebrei ed musulmani identificarono nella pianta il simbolo  della rinascita, della pace e della prosperità. Questo non è sicuramente l’unico motivo per cui la coltivazione dell’olivo sia gradualmente risalita nella penisola tanto che nella provincia di Bergamo viene vista ormai come una pianta perfettamente adattata e nelle colline limitrofe viene ormai  coltivato con buoni risultati per la produzione di olio. Ma  l’emigrazione di questa pianta non  è rimasta ristretta alla coltivazione per i soli fini alimentari ma è  riuscita a colonizzare i giardini dei più esigenti creando un fiorente mercato come ben noto ai vivaisti. Coloro che hanno potuto ammirare queste piante nel loro habitat naturale hanno potuto apprezzare la  maestosità degli alberi che nonostante i loro tronchi cavi,  l’aspetto contorto infondono con le loro fronde mai troppo fitte un senso di pace e di tranquillità e lasciano sempre filtrare un tenue sole. Il riferimento cui sopra è caratteristico delle piante  coltivate,  (olea europea sativa) mentre se lasciate a se stesse tendono ad assumere una forma conica determinata dal comportamento basitono della vegetazione. Inoltre alla base del tronco tendono a cacciare numerosi polloni, nella zona del colletto e dalle grosse radici i quali, se staccati, possono essere utilizzati per la riproduzione. Grande fascino assumono le coltivazioni presenti nelle tortuose zone costiere del Cilento dove nelle scoscese scarpate l’uomo con molta fatica è riuscito a ritagliare spiazzi di terreno ove imponenti ulivi si affacciano nell’acqua di uno dei tratti di mare più  belli d‘Italia che finisce con Capo Palinuro. Nei giardini è possibile avere piante con un discreto sviluppo, visto la buona adattabilità della pianta ai vari tipi di terreno, se non per quelli fortemente sabbiosi o argillosi con notevole ristagno di acqua. Molta attenzione va invece posta nelle operazioni di potatura e nella difesa fitosanitaria. Chiome troppo fitte provocano facilmente lo sviluppo di cocciniglie tra cui il mezzo grano di pepe e sulla melata prodotta da questi si instaurano facilmente ammassi di funghi neri epifiti, che danno vita alla fumaggine. Una buona impalcatura della pianta che preveda come nel caso della forma a vaso policonico la presenza di 3-4  branche principali può risultare molto adatta alle zone del Nord con estati in cui l’umidità relativa, molto elevata, favorisce lo sviluppo di crittogame. Pertanto alle cure di rito, concimazioni, irrigazioni che accompagnano un pò tutte le piante, all’ulivo va aggiunta una potatura di sfoltimento annuale, anche allo scopo di mitigare l’alternanza di produzione a cui certe varietà sono facilmente portate, e un trattamento preventivo autunnale con poltiglia bordolese all’1-1,5%. Tale trattamento disinfetta le parti verdi e il tronco da muschi e parassiti vari che tendono a svernare sotto la corteccia e inoltre  è stato riscontrato  che da un positivo effetto al rigoglio vegetativo.