Mar

16

By potatore

Commenti disabilitati su Barriere vegetali!!

Categories: Giardino, Potatore news

Tags: , , , ,

Barriere vegetali!!

Efficaci ripari dei rumori, parasole ideali, purificatori dell’aria ed inoltre ottimi paravento contro occhi indiscreti. Quanto detto sono alcune delle caratteristiche e delle funzioni che svolgono gli alberi. Infatti niente e più efficace per attutire i rumori come una barriera fatta da alberi con fogliame fitto e lussureggiante che non solo protegge dai rumori cittadini ma funziona da vero e proprio polmone purificatore dell’aria riuscendo a produrre in un giorno di fotosintesi circa un chilogrammo di ossigeno. Se l’uomo in un giorno consuma tre chilogrammi di ossigeno e una macchina in 5 minuti ne consuma ben 12 kg se ne intuisce ecologica e il grande beneficio che gli alberi arrecano alla natura e all’uomo. La maestosità delle querce e dei faggi, il cambio continuo di colori con il ruotare delle stagione, l’immobilità apparente o l’indefinibile forma assunta quando si scatenano gli elementi climatici hanno da sempre suscitato da sempre l’interesse di pittori e fotografi. Molte volte, erroneamente, si pensa che un albero, una volta impiantato impiegherà molto tempo a crescere e forse a vederlo nella sua grandezza non basterà una vita intera ma non è così, infatti diverse sono le specie a rapido sviluppo e che in pochi anni si mostrano in tutta la propria bellezza. Basti pensare all’Aesculus hippocastanum o ippocastano comunissimo nei viali della Pianura Padana che nell’arco di un ventennio può facilmente raggiungere i 12-13 metri di altezza e in seguito festeggiare anche i 250 anni di vita con uno sviluppo di circa 30 metri. Molto simili come velocità di crescita sono l’Acer platanoides o acero riccio che raggiunge una altezza massima 25 metri però meno longevo del primo (150 anni) e l’Alnus cordata o ontano napoletano del genere betulacee, sicuramente tra quelli con sviluppo più limitato della specie degli ontani e di forma piramidale-allungata che raggiunge i 15 metri al massimo sviluppo e vive circa 100 anni. Tra i più maestosi e più alti è il Platanus orientalis comunissimo nei viali, alto fino a 50 metri e che raggiunge la veneranda età di 300 anni producendo un ottimo legno da l’intaglio e da ardere. Vivere 400 anni è la prerogativa del Populus nigra o pioppo cipressino ideale per creare con una parete verde che può raggiungere i 30 metri di altezza. Se invece si vuole utilizzare specie tipicamente Padane basta utilizzare la Quercus pedunculata o Farnia alta fino a 40 metri e il carpino. Prima di provvedere alla messa a dimora di qualsiasi albero è bene sempre conoscere le caratteristiche principali e lo sviluppo massimo raggiungibile dalla specie, valutarne le caratteristiche di adattamento se trattasi di varietà esotiche ed in ogni caso preferire le specie che è possibile vedere nei giardini e parchi circostanti in modo di essere certi dell’adattamento completo al microclima della zona.