Mar

31

By potatore

Commenti disabilitati su I buoni propositi..

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

I buoni propositi..

..si scontrano con le piogge abbondanti di questi giorni.  La sistemazione dell’orto a banquettes regge e permette facilmente lo sgrondo dell’acqua piovana rendendo il terreno più drenato e leggermente più caldo. Per la semina o il trapianto di ortaggi, in questo caso,  la rimandiamo a dopo Pasqua, sperando in condizioni meteo migliori che permettano di affinare ulteriormente le aiole. Per intanto Buona Pasqua a tutti i nostri affezionati lettori che, negli anni,  ci hanno permesso di continuare a scrivere post con soddisfazione vista la vostra partecipazione.

sistemazione a banquettes

Mar

30

By potatore

Commenti disabilitati su Uffa l'orto!!

Categories: Giardino, Potatore news

Tags: ,

Uffa l'orto!!

Come si vede l’orto mal curato a fine inverno si presenta in condizioni “impresentabili”. Se i nostri lettori hanno la pazienza di seguire i nostri post speriamo di dare qualche dritta per renderlo produttivo e piacevole alla vista.

orto a fine inverno..

Mar

22

By potatore

Commenti disabilitati su Secondo giorno di primavera..

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Secondo giorno di primavera..

“Marzo pazzerello guarda il sole e prendi l’ombrello”. Il proverbio popolare non si smentisce e come da copione si è passati dalla neve ad una giornata primaverile con temperature passate repentinamente da 0° a più 15°C. Un vecchio mandorlo, di uno dei giardini storici di Bergamo “decide” che a prescindere dalle temperature,  è il momento di fiorire e dare inizio alla primavera in grande stile.

Mar

18

By potatore

Commenti disabilitati su Primavera a -3 giorni

Categories: Potatore news

Primavera a -3 giorni

quasi ...primavera!!!

Mar

16

By potatore

Commenti disabilitati su Barriere vegetali!!

Categories: Giardino, Potatore news

Tags: , , , ,

Barriere vegetali!!

Efficaci ripari dei rumori, parasole ideali, purificatori dell’aria ed inoltre ottimi paravento contro occhi indiscreti. Quanto detto sono alcune delle caratteristiche e delle funzioni che svolgono gli alberi. Infatti niente e più efficace per attutire i rumori come una barriera fatta da alberi con fogliame fitto e lussureggiante che non solo protegge dai rumori cittadini ma funziona da vero e proprio polmone purificatore dell’aria riuscendo a produrre in un giorno di fotosintesi circa un chilogrammo di ossigeno. Se l’uomo in un giorno consuma tre chilogrammi di ossigeno e una macchina in 5 minuti ne consuma ben 12 kg se ne intuisce ecologica e il grande beneficio che gli alberi arrecano alla natura e all’uomo. La maestosità delle querce e dei faggi, il cambio continuo di colori con il ruotare delle stagione, l’immobilità apparente o l’indefinibile forma assunta quando si scatenano gli elementi climatici hanno da sempre suscitato da sempre l’interesse di pittori e fotografi. Molte volte, erroneamente, si pensa che un albero, una volta impiantato impiegherà molto tempo a crescere e forse a vederlo nella sua grandezza non basterà una vita intera ma non è così, infatti diverse sono le specie a rapido sviluppo e che in pochi anni si mostrano in tutta la propria bellezza. Basti pensare all’Aesculus hippocastanum o ippocastano comunissimo nei viali della Pianura Padana che nell’arco di un ventennio può facilmente raggiungere i 12-13 metri di altezza e in seguito festeggiare anche i 250 anni di vita con uno sviluppo di circa 30 metri. Molto simili come velocità di crescita sono l’Acer platanoides o acero riccio che raggiunge una altezza massima 25 metri però meno longevo del primo (150 anni) e l’Alnus cordata o ontano napoletano del genere betulacee, sicuramente tra quelli con sviluppo più limitato della specie degli ontani e di forma piramidale-allungata che raggiunge i 15 metri al massimo sviluppo e vive circa 100 anni. Tra i più maestosi e più alti è il Platanus orientalis comunissimo nei viali, alto fino a 50 metri e che raggiunge la veneranda età di 300 anni producendo un ottimo legno da l’intaglio e da ardere. Vivere 400 anni è la prerogativa del Populus nigra o pioppo cipressino ideale per creare con una parete verde che può raggiungere i 30 metri di altezza. Se invece si vuole utilizzare specie tipicamente Padane basta utilizzare la Quercus pedunculata o Farnia alta fino a 40 metri e il carpino. Prima di provvedere alla messa a dimora di qualsiasi albero è bene sempre conoscere le caratteristiche principali e lo sviluppo massimo raggiungibile dalla specie, valutarne le caratteristiche di adattamento se trattasi di varietà esotiche ed in ogni caso preferire le specie che è possibile vedere nei giardini e parchi circostanti in modo di essere certi dell’adattamento completo al microclima della zona.

Mar

8

By potatore

Commenti disabilitati su Aria di primavera..

Categories: Giardino

Tags: , , , , ,

Aria di primavera..

La  primavera è ormai alle porte e  l’inizio  di  questa stagione,  si sa, coincide con la riapertura dei lavori  nel proprio  orto;  bisogna cominciare a pensare quali  colture impiantare  per  avere  un orto rigoglioso  durante  i mesi successivi. Per ottenere buoni risultati non c’è bisogno di grandi  fatiche,  è necessario solo  effettuare,  fin dalle prime  fasi  della coltivazione, le giuste operazioni.  Non appena  il terreno sarà asciutto e ben riscaldato  si  potrà cominciare  a  preparare le aiuole;  innanzi  tutto  bisogna togliere la pacciamatura invernale e  qualora  il  terreno fosse  già stato lavorato in autunno basterà solo  smuoverlo superficialmente  e poi spianarlo. Una volta  rimosso  il terreno,  è  preferibile incorporare un pò  di concime, ad esempio  nei primi 5-6 cm di terreno è consigliabile  intro­durre concimi naturali organici e minerali.  Una coltura che si può già impiantare nell’orto è la fragola la quale  oltre a dare  dei  frutti buonissimi,  non  richiede particolari accorgimenti ed è abbastanza resistente al freddo in quanto essa appartiene alla famiglia delle erbacee  perenni. Per tale  pianta questo è il periodo di liberarla dalle foglie vecchie e infestanti e rimuovere la pacciamatura. Non  biso­gna  però pensare che piantare fragole vuol  dire  togliere spazio ad altre colture dell’orto perché tra le fila  delle fragole è possibile seminare rucola, valerianella,  porri, ecc.. Queste ultime oltre ad essere utili per il consumo  quoti­diano lo sono anche perché‚ prevengono alcune malattie  delle piante  come  ad  esempio la muffa grigia. In  ultimo,  si ricorda  che,  per  chi  avesse   intenzione  di   seminare all’aperto  cetrioli, zucchine, peperoni e melanzane bisogna tener  conto che le  temperature minime del periodo che  non devono essere inferiori ai 15-16 gradi mentre per il pomodo­ro diventano sopportabili temperature vicine ai  10 gradi.