Lug

7

By potatore

Commenti disabilitati su Il cavaliere d'Italia

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

Il cavaliere d'Italia

Il Cavaliere d’Italia appartiene alla famiglia dei Recurvirostridi, uccelli grandi circa come tortore, con il becco e le zampe lunghissime (rosate). E’ noto per la vivacità e l’eleganza del suo aspetto, che è caratterizzato dalla sua livrea che lo rende inconfondibile. Il Cavaliere d’Italia ha un corpo esile e un lungo e dritto becco nero ; mentre il collo e il capo sono bianchi . Il piumaggio del petto e della coda sono bianchi.  Difficile da ricordare il suo  nome scientifico, Himanto pushimantopus,   ma è noto  per la vivacità e l’eleganza del suo aspetto, che è caratterizzato dalla sua livrea che lo rende inconfondibile. Il Cavaliere d’Italia ha un corpo esile e un lungo e dritto becco nero ; mentre il collo e il capo sono bianchi . Il piumaggio del petto e della coda sono bianchi.  L‘habitat di crescita sono le paludi, i laghi a fondale basso e gli acquitrini. I cavalieri d’Italia si possono trovare in Europa occidentale, meridionale e sudorientale, Asia centrale e coste settentrionali, occidentali e meridionali dell’Africa. Possono espandersi anche oltre questi confini. La sottospecie H. h. meridionalis vive unicamente in Sud Africa. Particolarmente presente nelle zone umide dei laghi di Lesina, Varano e Margherita di Savoia in Puglia. Migratore di lungo corso, abbandona l’Europa tra luglio e settembre per raggiungere i tropici. Fanno ritorno in marzo-aprile. L‘habitat di crescita sono le paludi, i laghi a fondale basso e gli acquitrini. I cavalieri d’Italia si possono trovare in Europa occidentale, meridionale e sudorientale, Asia centrale e coste settentrionali, occidentali e meridionali dell’Africa. E’ un uccello di ripa, nidifica in colonie molto numerose e rumorose riconoscibili dagli incessanti stridi che risuonano nel silenzio della campagna, che le animano durante il periodo degli accoppiamenti. Il nido viene collocato tra la vegetazione nell’acqua o sui depositi fangosi lungo la riva. Una caratteristica della specie è la collaborazione tra gli individui che si uniscono contro un predatore (il falco, il gabbiano o anche l’uomo) e lo attaccano sino al suo allontanamento. La femmina depone solitamente 4 uova che vengono covate per circa 25 giorni da entrambi i genitori, una sola volta all’anno, I pulcini nascono coperti di piumino mimetico che si confonde con l’ambiente circostante e abbandonano subito il nido. Il luogo di nidificazione è solitamente un luogo spoglio sul terreno vicino le acque. Questi uccelli nidificano spesso in piccoli gruppi, a volte insieme alle avocette. Si alza in volo battendo le ali, ma quando ha raggiunto una certa altezza vola lentamente tenendo le lunghe zampe distese all’indietro.