Nov

6

By potatore

Commenti disabilitati su Un po' di… umidità

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Un po' di… umidità

Le piante come tutti gli esseri viventi, hanno  bisogno, per  svolgere le loro funzioni di un certo grado d’umidità. Alcune  piante n’abbisognano di più (ad es. le piante delle  zone paludose) altre ne necessitano  meno (piante delle zone  desertiche)  secondo le esigenze e le diverse capacità d’adattamento. Se l’umidità scende sotto i 35% la maggior parte delle piante  coltivate non può vivere a lungo. Parlando d’umidità atmosferica dobbiamo distinguere:
a)  l’umidità assoluta che e` la quantità di vapore contenuto  in un metro cubo d’aria; si aggira su valori molto piccoli.
b)  l’umidità  relativa  che è il rapporto fra  la  quantità  di vapore acqueo esistente in un metro cubo d’aria e la quantità` che questo  metro cubo dovrebbe contenere per essere saturo:
……………umidità assoluta
ur =—————————————-     .100
……………punto .di saturazione
Poiché il punto di saturazione dell’aria (relativo al vapore acqueo)  aumenta con l’aumentare della temperatura, ne consegue  che, a  parità d’umidità  assoluta (cioè a parità  di  vapore  d’acqua  effettivamente  esistente) l’umidità relativa diminuisce con  l’aumentare  della  temperatura.  In pratica e,  specialmente  ai  fini fisiologici,  assume maggiore importanza l’umidità relativa  perché  dice se siamo più o meno vicini a punto di saturazione. Durante il periodo incernale, ormai prossimo, è necessario verificare lo stato di umidità negli appartamenti eccessivamente secco per l’utilizzo dei riscaldamenti e il poco ricambio di aria. Prevedere manciate di argilla espansa nei sottovasi e sopra posizionarci le piante è un ottimo sistema per garantire attorno al fogliame la giusta umidità. Occorre, a tal proposito, ricordare che la pianta manifesta l’eccessiva secchezza dell’aria seccando le punte delle foglie e quindi occhio vigile in casa se ci tenete alla bellezza dei vostri “ospiti”. Un sistema molto pratico è quello di posizionare una manciata di argilla espansa nel sottovaso e tenerla immersa nell’acqua, e sopra posizionarci il vaso: la pianta sopra ne trarrà i benefici dell’evaporazione determinati dall’ambiente interno caldo.