Ott

14

By potatore

Commenti disabilitati su Un po' di …luce

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Un po' di …luce

Il processo mediante il quale le piante verdi fabbricano il materiale che adoperano per il loro accrescimento si chiama fotosintesi, ossia sintesi di sostanze nutritive per merito d’energia luminosa. La luce e` quindi l’elemento indispensabile di vita per le piante: entro certi limiti, maggiore è la quantità di luce che la pianta riceve e tanto più è il suo sviluppo. Le ore di luce   solare variano, durante la giornata, con le stagioni; in Italia si va da un minimo di 8 ore circa durante l’inverno ad un massimo di 16  ore  circa d’estate. Queste variazioni  stagionali sono  minime all’equatore, dove il giorno si aggira  quasi, costantemente  per  tutto l’anno  sulle  12 ore di   luce,   mentre  diventano massime ai Poli dove si arriva a 24 ore di luce  destate e altrettante d’inverno di buio.  L’intensità delle radiazioni luminosa è massima   all’equatore e minimo verso i poli; andando, quindi, verso il Nord diminuisce l’intensità luminosa che però viene compensata da una maggiore copia di radiazioni riflesse; ciò consente a molte   piante coltivate di portare a maturazione i loro   frutti anche nelle regioni prossimi ai circoli polari. Raramente le piante soffrono per eccesso di luce: tuttavia è  più adatta allo  sviluppo delle piante a luce diffusa anziché quella diretta, specialmente   quando questa è troppo intensa: alcune piante ortensi e molte altre ornamentali, esigono un ambiente ombreggiato, non solo, ma   per ottenere particolari prodotti orticoli si ricorre all’ombreggiamento, come per l’imbianchimento dei cardi (gobbi), del sedano, dell’asparago ecc. L’ombra, però, nuoce alla maggior parte delle piante coltivate in pieno campo: il grano che cresce   all’ombra degli   alberi e lungo i viali va più facilmente ad allettare. Quando ad un’intensità luminosa si unisce anche un’elevata temperatura, come   accade nel Mezzogiorno, noi possiamo osservare che le piante producono   frutti più saporiti e in maggior quantità semi pi grossi e numerosi, mentre le altre parti   della pianta tendono a ridurre il rigoglio vegetativo e a diventare meno longeve