Nov

23

By potatore

Commenti disabilitati su Rotazioni

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Rotazioni

I maggiori problemi inerenti alla coltivazione dell’orto sono collegati alle condizioni sanitarie del suolo. Qui vivono funghi, batteri, virus e nematodi che sono il più delle volte cause di gravi danni alle colture. Basti pensare al Fusarium o al Verticillium che colpiscono zucchine e pomodori a livello delle radici e del colletto provocandone la morte in poco tempo oppure i gravi danni causati da nematodi. Durante il periodo invernale le basse temperatura rendono inattivi tali forme ma con l’aumento delle temperature e dell’umidità del terreno questi parassiti si moltiplicano, specialmente quando trovano le piante in stato di stress causato o da piogge violente e prolungate o lacerazioni a carico dell’apparato radicale dovuto agli attrezzi di lavoro o ad altro. Gli interventi da effettuare sono principalmente a carattere preventivo specialmente quando si attuano colture continue ed alte densità di semina. Fondamentale risulta, in ogni caso, evitare di far succedere, per più anni di seguito, sullo stesso appezzamento la stessa coltura o di specie appartenenti alla stessa famiglia. Infatti in questo modo si avvantaggerebbero i parassiti che trovano sempre delle condizioni favorevoli al loro sviluppo visto che i più sono specifici e attaccano quindi la stessa specie. Altra tecnica , ugualmente efficace per conservare la sanità del suolo, è impiegare materiale di propagazione (semi, talee) sterili. In ogni caso quando è usato il seme risulta importante trattarlo con prodotti anticrittogamici a base di rame o di ditiocarbammati facilmente reperibili sul mercato. E’ sufficiente impolverare il seme e metterlo a dimora; tale trattamento lo garantirà da attacchi fungini, nei primi giorni della germinazione, che notoriamente sono i più vulnerabili. Se il seme invece va posto in semenzaio o in vasi occor­re  sterilizzare anche questi con acqua calda a 70 gradi o formalina al 5% .