Le coccinelle nell'agricoltura biologica

di st. fa

I disciplinari di agricoltura biologica impongono l’utilizzo di mezzi di lotta naturali e quindi chi sente il bisogno di adeguarsi può dar vita ad un piccolo allevamento di insetti utili. Il classico esempio è la coccinella che, oltre a portare fortuna, è un ottimo aiutante e tiene a bada gli In commercio esistono delle scatole al cui interno sono contenute le larve o le uova di svariate specie, ma qualcosa possiamo farlo pure noi coltivando le piante che attirano gli insetti utili. Prendiamo la classica coccinella: possiamo utilizzare le carote, il finocchio, l’achillea, l’aneto, la potentilla, il tagete, il tarassaco, la veronica o la veccia; tutte specie facilmente reperibili.
Un’altra specie utile è la crisopide, un insetto che certamente avrete visto e che dovrebbe aver attirato la vostra attenzione grazie ad un colore verde intenso, “grandi” ali e lunghe antenne. Anche in questo caso la lista di piante è lunga e, oltre a quelle sopra citate compaiono anche il coriandolo ed il girasole.

Precedente Sito ecologico Successivo Il compostaggio dei liquami

Un commento su “Le coccinelle nell'agricoltura biologica

  1. maga il said:

    Sono sempre favorevole ai metodi di lotta naturali, sono i più efficaci, non inquinano e non compromettono gli equilibri ecologici.
    L’equilibrio del pianeta è sempre stato perfetto prima che si intromettesse l’uomo, inventiamo sempre nuovi e sofisticati insetticidi quando le soluzioni ci sono già nell’ambiente

I commenti sono chiusi.