Nov

17

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Diabrotica, che flagello

ambra
[email protected] | 93.68.224.18

Nelle campagne della Pianura Padana quest ‘anno il parassita ha colpito duramente e con lo studio dell’ Università di Milano quantifica il danno economico in 56 milioni di euro .
Le aree più colpite sono Brescia( 60% area colpita ), Cremona(54,3 % area colpita ) e Milano (50,0 % area colpita ) , questo perché si praticano le grandi produzioni estensive e le rese sono più elevate , mentre è minore l’ incidenza della Diabrotica nelle zone collinari e lontane dall’ asse di diffusione del parassita che si colloca sostanzialmente sulla verticale dell’ aeroporto di Malpensa , nel nord-ovest della Lombardia .

Tenendo conto delle velocità di diffusione dell’ insetto adulto e quindi del potenziale dilagare del fenomeno in condizioni analoghe a quelle attuali ,nel biennio 2010-2011 potrebbe verificarsi un’ ulteriore perdita di produzione del 6%, che salirebbe al 9% entro il 2014 , con un ulteriore incremento del 10% per l’ import .

Per tenere a bada questa pericolosa avanzata , la prima arma è il monitoraggio.  Conoscere il livello di popolazione, a livello territoriale che aziendale,  è indispensabile per prendere le decisioni più appropriate.
La rotazione si conferma la tecnica più efficace per il controllo delle larve che si nutrono esclusivamente di radici di mais , ma nelle aree più fortemente infestate si comincia a trovare adulti anche sulla medica .
L’ utilizzo di concianti ( attualmente proibiti ) e geodisinfestanti non è sufficiente a mantenere il danno sotto la soglia economica in caso di pressione larvale molto elevata o di eccesiva piovosità .
Sono in corso prove di applicazione dei geodisinfestanti alla rincalzatura , in tempi più vicini alla schiusa delle uova per ridurre il problema della persistenza dei prodotti.
I trattamenti adultici per il controllo delle femmine ovideponenti sono efficaci per contenere la popolazione l’ anno successivo se effettuati correttamente .
Nonostante la complessità e la variabilità delle situazioni la Diabrotica resta un’ avversità gestibile.

From Benvenuti, 14/11/2009 at 11:28:07