Nov

16

By potatore

Commenti disabilitati su Le mie allergie: chissà se possono essere d'aiuto

Categories: Potatore news

Le mie allergie: chissà se possono essere d'aiuto

Matteo
[email protected] | 151.47.244.129

Le mie allergie, la mia storia

Quando sono nato sembrava non ci fossero problemi,ma al quarantesimo giorno (la data del mio battesimo) ho iniziato ad avere problemi alla pelle.
Secondo il mio pediatra era dermatite seborroica (pelle grassa), ma a tre mesi e mezzo ho messo i primi denti ho fatto la prima vaccinazione, il mio sistema immunitario si è alterato ed è stato un disastro:dermatite atopica estesa su tutto il corpo, a causa di una allergia, L’Allergia è una malattia del sistema immunitario caratterizzata da reazioni eccessive portate da particolari anticorpi (reagine o IgE) nei confronti di sostanze abitualmente innocue come ad esempio pollini.

Facciamo le analisi del sangue e risulto allergico a:
• latte e latticini
• uova
• crostacei
• grano
• avena
• acari
• polvere da casa
• graminacee
• betulla
• nocciolo
• ontano
• salice
• moderatamente muffe lieviti.
A mia mamma che mi allattava, avevano consigliato di nutrirsi con agnello e pera, ma la dieta era troppo povera per potermi allattare e quindi cercò di evitare cibi che mi irritavano la pelle ma mantenne una dieta varia.
Le mie I.G.E , Le immunoglobuline E (IgE) sono un tipo di anticorpi, cioè molecole coinvolte nella risposta immunitaria dell’organismo umano. Sono sintetizzate dai linfociti B, e più precisamente dalle plasmacellule. Le IgE hanno fondamentalmente la funzione di proteggere l’organismo dalle infezioni da parte di parassiti e soprattutto elminti. Esse sono anche le principali responsabili delle più diffuse malattie da ipersensibilità che colpiscono la popolazione dei Paesi industrializzati, ossia le allergie;se nella norma, dovevano essere sotto le 10 u/ml e invece il mio valore era superiore a 2000 u/ml.
Ho iniziato la terapia a base di antistaminici,cortisone e creme per ridurre il prurito, che ho proseguito fino a circa sei anni quando ho incominciato a dormire.
Ripetevo spesso gli esami ma non sempre erano attendibili.
Infatti a circa due anni gli esami dicevano che avrei potuto iniziare a mangiare il merluzzo,ma dopo i primi cucchiai di pesce mi sono gonfiato tanto da non vedermi gli occhi (ero allergico ad una proteina secondaria del merluzzo, che non era stata testata nei precedenti esami del sangue). Dopo questo episodio mia mamma ha iniziato ad introdurre piano piano e a bassissima quantità cibi ai quali ero allergico ma che sembrava non avessero effetti gravi sulla mia salute.
Per quanto riguarda le allergie agli acari e polvere da casa è bastato eliminare i tappeti,le coperte di lana e rivestire il mio materasso e il mio cuscino con una fodera speciale.
Per l’abbigliamento rigorosamente solo cotone. Per le allergie ai vari pollini bastava stare lontani dagli alberi a cui ero allergico per evitare che si gonfiassero gli occhi.
Le cose via via sono migliorate perché la dermatite è passata ma le allergie no anche se non sono più così sensibile.
Dalla mia dieta resta escluso:
• latte
• pesce
• uova
• formaggio stagionato
• frutta esotica
• frutta secca
Tuttora sto lontano da:
• betulla
• nocciolo
• ontano
• salice
in fiore.