– Invasione aliena-

In Italia purtroppo molte specie autoctone vengono “battute” da altre esotiche, basti pensare ai siluri che si moltiplicano alla velocità della luce o alle acacie Africane che tolgono spazio a pioppi e salici!
Questo è l’allarme lanciato dal wwf, che dice che  la biodiversità è una grande ricchezza da salvaguardare.
Gli ambienti più colpiti sono i fiumi  basti pensare al luccio che non riesce a competere con il pesce siluro o al gambero di fiume Italiano  battuto dal gamberetto della Luisiana  fuggito da alcuni allevamenti !
Purtroppo sulla terra ferma non va meglio!
Il cinghiale italiano è stato sconfitto da un’altra specie proveniente dal nord europa, stessa sorte per la lepre italiana.
Nemmeno alle piante va meglio, salici e pioppi sulle sponde dei fiumi sono stati sostituiti dalle robinie
IL WWF  ha chiesto l’approvazione di una normativa Europea  per bloccare specie potenzialmente pericolose.
La cause principali di questi danni sono il turismo e l ‘aumento del  commercio .
Addirittura sta avvenendo un invasione di micro organismi dannosi.
Fermare questo fenomeno sta a noi che dovremmo cercare di dimostrarci più responsabili sulla tutela del nostro prezioso territorio.

Precedente Effetto serra da metano Successivo la crisi aiuta l'ambiente

5 commenti su “– Invasione aliena-

  1. ge.ni. 1f il said:

    bloccare le invasioni di animali e piante che vengono dall’estero è giustissimo….perchè poi queste spece si ambientano,facendo estinguere le nostre…ma la colpa è nostra..ed è inutile piangere sul latte versato…bisognerà darsi da fare per risolvere il problema…

  2. Margherita il said:

    In effetti è vero…tante piante e tanti animali stanno scomparendo e la colpa è solo nostra…
    Come detto nell’articolo l robinie hanno preso il posto dei salici e dei pioppi….
    Ma basta anke solo guardarsi intorno per capire che la gente si è completamente rincitrullita…Ci sono alcuni giardini , al mio paese ,che io chimo “giardini rebelòt”perchè ci molte piante in un buco di giardino(che non riesci neanche a girarti)e questo non basta ,
    ci sono un infinità di specie di piante esotiche e anche del posto!!!!
    Ma che senso ha!!??O metti piante del posto o piante esotiche(anke se è preferibile la prima opzione perkè oltre a rovinare il paesaggio tipico del luogo si spende anke una barca di soldi per curarle , con tutti i trattamenti vari, che dopo non molto tempo muiono perchè non possono vivere in questo clima..)

  3. vignoni pietro il said:

    Vignoni Pietro posted on 10 novembre 2009:

    Io sono assolutamente d’accordo.Quindi bisognerebbe darsi subito da fare.Queste invasioni di altri animali provenienti da un altro ambiente causano la morte di altri animali che sono da tempo in quell ambiente.Un altro esempio quello dello scoittolo rosso che sta scomparendo a causa dello scoiattolo grigio che è di più grosse dimensioni.

  4. fe.ra il said:

    fe ra posted on 10 novembre 2009:

    È proprio, che ormai la biodiversità sta scomparendo e la colpa è solo nostra. Oltre alle cause già dette nell’ articolo, si può aggiungere, che la biodiversità sta scomparendo non solo per colpa del globalismo o altre cause, la più importante è il commercio clandestino di animali esotici, dove molte persone preferiscono acquistare animali stranieri, piuttosto di quelli che troverebbe fuori casa e che gli farebbero meno male al portafoglio. La cosa più grave è che la maggior parte di queste persone, compra animali esotici e poi quando vedono che sono diventati troppo grandi o si sono stancati di loro, li abbandonano, senza pensare all’ ambiente e alla biodiversità. Le specie esotiche dei vegetali e anche di animali non bisogna però pensare che causino solo danno, perché basti pensare al pomodoro o al coffee che prima in Europa erano sconosciuti e adesso sono coltivati da per tutto, riducendo anche i costi di trasporto delle merci ad esempio dall’ America all’ Europa, riducendo anche l’ inquinamento. Ovviamente le importazioni di animali o vegetali, bisogna sempre tenerle sotto rigido controllo.

  5. marta il said:

    Secondo me il wwf ha ragione. bisognerebbe bloccare l’entrata eccessiva di piante e animali non originari di quel luogo. la biodiversità è importante, ma per esempio in italia l’avanzato ingresso di piante esotiche sta causando la scomparsa o la rarità di alcune nostre piante originarie.

I commenti sono chiusi.