Ott

24

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Catturare la co2 si può

stefano falgari

Cattura e sequestro di CO2: prevista costruzione di impianti anche in Italia ed è una soluzione alla lotta ai cambiamenti climatici che, seppur fra mille polemiche e in modo abbastanza lento prendere sempre piu quota. A tal proposito è interessante sapere che anche da parte del governo italiano c’è l’intenzione di creare nel nostro territorio impianti di questo tipo. Il progetto italiano verrà portato avanti con la collaborazione di altri Stati che metteranno a disposizione tecnici esperti in materia.
Ad affermarlo è il Ministro per lo Sviluppo Economico, da Londra, d’ambiente mondiale per individuare venti progetti per la cattura e lo stoccaggio della CO2 entro il 2010. In Italia dovrebbero sorgere due impianti, il primo, dice il ministro, vorremmo che questo fosse in Sardegna, mentre l’altro, già finanziato dall’Europa, nascerà a Porte Tolle in Veneto. Quella della cattura e del sequestro di CO2 concluso Scajola in modo abbastanza deciso, è una tecnologia innovativa di importanza enorme perché nel mondo c’è molto carbone; di questo modo se anche col tempo useremo sempre meno questa risorsa fossile potremo però continuare ad utilizzarla nel futuro breve con meno preoccupazione per l’ambiente. Che dire di quest’iniziativa? Gli esperti in materia sono molto divisi e i pareri non sono unanimi sulla questione.

Ott

24

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Se la tua casa beve troppo

Ge.Ni.

Gli italiani in casa premono troppo sull’acceleratore. Per scaldare le proprie case devono smanettare le caldaie molto di più di quanto non si faccia nel Nord Europa. Le nostre abitazioni insomma sono letteralmente assetate di carburante e incidono sull’atmosfera molto di più delle nostre automobili.
Per soddisfare il Protocollo di Kyoto o contenere le emissioni di CO2 dovremmo anzitutto intervenire sugli edifici, che sono responsabili del 40% dei consumi energetici totali e delle conseguenti emissioni di gas serra. La casa a basso consumo è la nuova frontiera dell’ecologia che ridisegna la nostra impronta ecologica nelle giuste proporzioni.
Se la casa consuma meno dunque anche i costi diminuiranno, sia quelli economici sia quelli ambientali. Anche per la casa infatti vale lo stesso principio delle auto: meno consumi uguale meno costi e meno inquinamento.
Da tempo ormai si parla di risparmio energetico, una formula che ci richiama in mente subito le lavastoviglie. Ma mentre gli elettrodomestici incidono per circa un 8% sui consumi di energia, il riscaldamento degli edifici incide in maniera assai più rilevante con il 53% degli sprechi.
Tutto dipende principalmente dalle tipologie costruttive. In Germania non si danno concessioni edilizie per case che consumano più di 70 kw/h all’anno per metro quadrato, in Italia, a fronte di temperature decisamente più miti, ci attestiamo mediamente sui 150-200 kw/h. E’ come se le nostre case dovessero consumare di più perché sono più sportive o di alta cilindrata. Il nostro problema è quello del mancato contenimento degli sprechi e di una coibentazione degli edifici poco accorta, con ripercussioni anche sul comfort abitativo.
Le esperienze positive dei paesi del nord Europa dimostrano chiaramente che una coibentazione ben progettata e realizzata correttamente è la via più pratica e al tempo stesso più economica per la salvaguardia del nostro ambiente dai gas di scarico dei sistemi di riscaldamento a combustione.
Esistono ovviamente calcoli e considerazioni da farsi per ogni contesto specifico, ma gli interventi che si possono fare sono molti, alcuni dei quali davvero semplici da eseguire e a basso costo.

Ott

22

By potatore

4 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Spettegolare

Salvi Marta

Molto spesso capita che per conoscersi inizialmente si spettegola sugli altri.. si commentano i vestiti altrui… i comportamenti altrui… e in particolare si spettegola sulle persone che non si conoscono…il che è sbagliato dato che molto spesso l’apparenza inganna. Questo fenomeno avviene in particolare tra le ragazze che sono notoriamente pettegole di natura; ma oggi anche i maschi iniziano a imitarle.. magari facendo commenti su altri argomenti… come, per esempio, i motorini degli altri… . Nel mio gruppo di ragazze si commentano spesso gli altri… e la maggior parte delle volte a loro insaputa. Questo non si fa quasi mai esclusivamente per cattiveria…dicaimo che viene spontaneo (come è stato detto nell’articolo).
Questa cosa però in qualche modo lega le ragazze secondo me, non causa incomprensioni. Passo a spiegare: se A e B (conosciutesi da poco) commentano la felpa di una ragazza sconosciuta sul pullman, può succedere che un’opinione in comune riguardante quella felpa possa “solidificare” il rapporto tra A e B, grazie alla scoperta di gusti simili. Al contrario se l’opinione dovesse essere in contrasto non succederebbe nulla, non si perderebbe la nuova amicizia, dato che comunque delle opinioni diverse fanno capire meglio il carattere dell’altro. Quindi in entranbe le situazioni si avrebbe una sorta di “guadagno” nell’amicizia tra A e B. come detto nell’articolo inoltre, chi subisce commenti, non deve far altro che accettare il commento, che fa parte dell’opinione altrui. Certo, si può cercare di cambiare ( solo se in positivo ovviamente) per migliorare il commento altrui. Perché molto spesso spettegolare è utile: fa capire alle persone cosa pensano di lei/lui veramente le persone. Il commento che sta dietro un pettegolezzo non deve essere preso in cattivo modo, ma deve essere preso come un’opinione individuale o collettiva che possa aiutare l’interessato a migliorare alcuni aspetti di se stesso.
Questa è la mia opinione.

Ott

20

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

“ FORMAI DE MUT “ ovvero “IL FORMAGGIO DÌ MONTE “.

Ambra

 

 

La mia azienda di bovini è situata a Casnigo, è a conduzione familiare e va dai 50 ai 60 capi tra vacche, manze e vitelli .  Produciamo formaggi di varia stagionatura : fresco : ricotta, mozzarella, stracchino,yogurt, burro ; media stagionatura : formaggella, taleggio;  stagionato: formaggio stagionato ( circa 7-8 mesi) ;  alla fine lo scarto detto “siero “ viene dato ai maiali per una maggiore qualità dei prodotti . L’ azienda è suddivisa in varie parti : in centro si trova la mangiatoia , da un lato si trovano due stabulazioni libere, una per la mungitura e una per manze e manzette , invece dall’altra parte è stabulazione fissa ( manze e vitelli ). Infine per i vitelli più piccoli o quelli appena nati abbiamo dei box che ne possono contenere al massimo 2 . Ogni sera , all’ incirca alle 17,30 e alla mattina alle 6,30 , si inizia la mungitura, prima di questo però si dà alle vacche 2 abbondanti palette di mangime, ( contenente cereali : mais, soia , grano ), questo per una maggiore produzione di latte e come sostentamento per la vacca stessa. L ‘impianto di mungitura è a trasporto latte cioè il tubo del latte attraversa tutta a stalla e finisce direttamente in caldaia dove il latte verrà scaldato e trasformato successivamente in vari prodotti caseari. In inverno le vacche vengono tenute nella stalla perché, in pieno inverno, fuori fa molto freddo e c’è il rischio che le vacche si ammalino, come alimentazione viene somministrato fieno maggengo, erba medica, acqua.  In estate , invece , tutti i tre mesi le portiamo in alpeggio sul Monte Farno (Alpe Pergallo) , dove mattina e sera le mungiamo e con il latte che le vacche producono si produce il tipico “ FORMAI DE MUT “ cioè “IL FORMAGGIO DÌ MONTE “. Oltre ai bovini si possono vedere anche : polli “americanì” e di taglia grossa (da carne ) , conigli , 9 cani tra cui 3 da bovini e un cavallo !!

Ott

18

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

tempesta solare del 2012: la paura fa novanta

una normale giornata africana

Sull’arrivo della tempesta solare del 2012 si sente un gran parlare e anche noi non vorremmo essere da meno.  Non tanto per spiegare come avviene il fenomeno che ribadiamo e del tutto normale nella sua ciclicità ma notare come alcuni programmi in tv lucrano sulla paura della gente. Il fenomeno ( la paura) è subito rilevabile in quanto dopo una trasmissione tv che parla di magnetismo, profezie, maya e corbellerie varie, un numero rilevanti di persone si collega subito dopo a siti internet che contengono ali argomenti. Questo , a mio avviso,  non  perchè vogliono approfondire l’argomento ai fini della conoscenza, ma più frequentemente perchè sono spaventati dal tipo di narrazione: si proprio narrazione.  Nella narrazione, infatti, i fatti, pochi per la verità, vengono sapientemente ingigantiti, mentre un crescente musicale di sottofondo alimente oscuri arcani e misteriose apparizioni. Gli stessi documentari sulle savane africane descrivono il  normalissimo agguato di un comunissimo  leone ad una delle migliaia di  gazzella  presenti come un film di Dario Argento. Il leone additato come il cattivo di turno, famelico si avventa sulla povera e indifesa gazzella mentre la mamma chiama il redo con bramiti insistenti, ma la bestia feroce si slancia sulla vittima troncando la povera e breve vita e bla bla bla ec… Povero leone era una settimana che non mangiava e ha dovuto aspettare anche che il narratore finisse lo sproloquio per poter riempire la sua pancia in una normale giornata africana dove la paura degli attori è genuina.

Ott

18

By potatore

Commenti disabilitati su La cultura della sconfitta

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

La cultura della sconfitta

Partita molto combattuta con la gli ospiti che si sono visti rimontare dal 3-1 al 3-3  nel finale. Come spesso, purtroppo capita, la rimonta non è stata gradita, anche perchè in Italia, probabilmente manca la cultura della sconfitta o del valore degli avversari. Negli spogliatoi gli ospiti pertanto hanno sfogato la rabbia con la porta dell’arbitro e gli arredi degli spogliatoi. Questo perchè l’arbitro ha lasciato giocare ad una ipotetica uscita di campo segnalata, goffamente dal guardialinee di parte, fuori. I chiari gesti dell’arbitro ( a pochi metri dall’azione) a continuare non è bastato ai difensori che si sono disinteressati dell’azione poi conclusasi a rete. Sembra che delle volte i giocatori in campo hanno più interesse a infierire contro l’arbitro piuttosto che a giocare e una volta acquisito il risultato  pretentono che lo stesso non cambi fino al termine e che la squadra avversaria non abbia il diritto di giocare per rimontare. Con piacere lo scrivente ha notato che dello stesso parere era una nutrita fetta del pubblico che ha invitato i giocatori, durante l’uscita dal campo alla calma e alla sportività mentre giustamente qualcuno ammoniva che eventuali danni agli arredi sarebbero stati  addebbitati. Tutto questo al campo parrochiale di Fontanella tra i locali e i giovani allievi del Cologno al Serio che inspiegabilmente hanno perso la testa negli ultimi minuti e che li ha portati alla sconfitta e chissà se porterà anche sanzioni dal giudice sportivo.

Ott

15

By potatore

4 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

Il fiume Po

Il fiume Po nasce da Pian del Re ai piedi del Monviso a 2000 mt di altezza, ha una lunghezza di 650 km e possiede 141 affluenti. Il Po e anche soprannominato “Il Grande Fiume” per la lunghezza e portata d’acqua e proprio per questi due fattori può essere paragonato ai grandi fiumi d’Europa come il Danubio e il Reno. Questo fiume ha da sempre dovuto sopportare problemi di inquinamento dovuti agli scarichi eccessivi immessi nel fiume, dovuti soprattutto agli scarichi di pesticidi agricoli e agli scarichi delle grandi città come Milano che fino a due anni fa non possedevano un depuratore.Il Po inoltre possiede numerose specie ittiche come l’Anguilla, la Carpa, la Scardola, il Barbo Comune e il Persico Reale. I grandi predatori sono il Luccio e il Pesce Siluro, ma ci sono anche specie come il Carassio resistente agli sbalzi di temperatura o il Pesce Gatto, predatore notturno che vegeta sui fondali.  Nel fiume vivono anche specie marine e  che nel Po vengono a riprodursi: la Cheppia e lo Storione Cobice.Queste due specie  sono a rischio di estinzione sia per il degrado ambientale sia per le barriere costruite lungo il corso del fiume, che di conseguenza ne impediscono la risalita.Dunque per l’inquinamento di questo fiume ci sono specie che muoiono e diminuiscono e per questo pescatori sportivi e professionali preferiscono altre mete come gli affluenti del Po. Questo splendido fiume riserva all’uomo un inestimabile valore naturalistico da proteggere.

Ott

14

By potatore

3 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Una bella storia di amicizia

postato da Melaine

IL LEONE CHRISTIAN (una storia vera)
Conoscete la storia di Christian il leone??? beh se non la conoscete ve la racconto io, perché è una storia molto bella e vera.
Nel 1969 a Londra, John Rendall § Ace Bourke due ragazzi australiani, videro un cucciolo di leone in vendita da Harrods. Vedendolo piccolo, solo e chiuso in una gabbia. decisero di prenderlo e di dargli una casa. Un vicario del posto permise loro di allevare il cucciolo, che chiamarono Christian, nel prato della Chiesa dove giocavano, si divertivano che col tempo diventarono grandi amici. In poco tempo però Christian divenne troppo grande per quel piccolo spazio e dicevano che poteva essere pericoloso. Cosi l’unica soluzione possibile fu quella del reintegro in Africa, che inizio nel 1979 e durò ben tre anni loro non volevano ma furano obbligati. I due ragazzi parteciparono attivamente a questa difficile prova. Dopo questa lunga attesa furono chiamati da un naturalista che si era occupato del reintegro, e li disse che finalmente il progetto aveva avuto esito positivo.
Christian fu portato in Africa dove i suoi salutarono l’indimenticabile leone. Christian si abituo subito alla vita selvatica; Christian si era integrato in un branco e ne era già diventato il leader. Aveva avuto dei cuccioli con due femmine e si avvicinava raramente al campo e agli uomini. Passati alcuni anni decisero di andare a visitare i loro grande amico, ma erano stati avvisati da alcuni naturalistici che il leone fosse diventato completamente selvaggio e avesse dimenticato i rapporti con gli uomini; dopo questa notizia ai due giovani rimane soltanto il bellissimo ricordo dei giochi, delle corse e di tutte le avventure trascorse insieme a Christian. Questo ricordo però era troppo triste.. non riuscivano a dimenticare i giorni del distacco dal cucciolo. Cosi decisero di tornare in Kenya per rivederlo. Dopo alcune ore di osservare i leoni in libertà, arrivò il momento dell’incontro con il leone…anche se voi non ci credete il leone riconosce i suoi vecchi amici e corse ad abbracciarli, questo vuol dire che dopo tanti anni di amicizia non li ha mai dimenticati.
Gli amici del leone videro la sua nuova famiglia adesso loro erano sicuri che Christian era molto felice.
L’amore non conosce limiti e la vera amicizia dura tutta la vita!

Ott

14

By potatore

3 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Inquinamento : tutti ne siamo responsabili!!!!!!

Inquinamento atmosferico è un termine che indica tutti gli agenti fisici, chimici e biologici che modificano le caratteristiche naturali dell’atmosfera. Questo è uno dei problemi maggiormente sentiti dalle popolazioni dei grandi agglomerati urbani, di cui ci si è iniziati a preoccupare solamente negli ultimi 30 anni. Dagli anni ‘70 infatti sono state adottate delle politiche per la riduzione degli agenti chimici e di numerose altre sostanze particolari presenti nell’aria. Queste politiche per una maggior salvaguardia dell’ambiente hanno dato dei risultati per alcuni inquinanti come ad esempio il biossido di zolfo, il piombo e il monossido di carbonio; per altri come ad esempio il biossido di azoto, l’ozono e le PM10 non hanno portato i risultati sperati, dei quali si è scoperto solo recentemente la loro criticità per quanto riguarda la salute.
Gli scarichi degli ormai numerosissimi aerei, un fattore inquinante che desta crescente preoccupazione
Definizione di inquinante atmosferico: fattore o sostanza che determina l’alterazione di una situazione stazionaria attraverso: modifica dei parametri fisici e/o chimici; variazione di rapporti quantitativi di sostanze già presenti; introduzione di composti estranei deleteri per la vita direttamente o indirettamente.
Distinzione tra primario e secondario
primario: la sua immissione nell’ambiente deriva da una sua emissione o produzione dal comparto; il monossido di carbonio è un esempio di inquinante primario, perché è un sottoprodotto della combustione
secondario: la produzione avviene nel comparto stesso ovvero nell’ambiente ricevente, in seguito a trasformazioni; la formazione di ozono nello smog è un esempio di inquinante secondario.
Principali inquinanti
Contaminanti gassosi
Contaminanti gassosi importanti sono:
• Monossido di carbonio, (CO): emesso principalmente dai processi di combustione, particolarmente dagli scarichi di veicoli con motori a idrocarburi, a causa di una combustione incompleta. Le concentrazioni maggiori si trovano generalmente nei pressi delle strade. L’inalazione in grandi quantità può causare mal di testa, fatica e problemi respiratori. Il limite massimo previsto per legge in Italia è di 10 mg/m³ in una media di 8 ore (D.M. 02-04-2002). Sopra i 500 mg/m³ può essere letale.
• Anidride carbonica, (CO2): anche questo gas è emesso principalmente dai processi di combustione, particolarmente dagli scarichi di veicoli con motori a idrocarburi, escluso il metano. La concentrazione dell’anidride carbonica al di la di lievi variazioni stagionali si valuta che abbia subito un aumento, dal 1750 del 31%. Nel 2004 la concentrazione nell’atmosfera era di 379 ppm nell’era preindustriale di 280 ppm. È il gas serra maggiormente responsabile del riscaldamento globale dovuto ad attività antropiche.
• Clorofluorocarburi, che distruggono lo strato di ozono della stratosfera.
• Piombo e altri metalli pesanti: tossici e spesso cancerogeni, mutageni e teratogeni.
• Ossidi di azoto (NOx): le emissioni sono principalmente nella forma di NO, che viene ossidato dall’ozono (O3) per formare il diossido d’azoto (NO2). L’ossido di azoto è irritante per gli occhi ed il tratto respiratorio. L’inalazione può causare edema polmonare, inoltre può avere effetti sul sangue, causando formazione di metaemoglobina. I vari ossidi di azoto reagiscono inoltre con gli idrocarburi nell’atmosfera per generare smog fotochimico. Può depositarsi in siti ecologicamente sensibili causando acidificazione ed eutrofizzazione.Gli ossidi di azoto, come d’altronde gli ossidi di zolfo sono anche precursori del particolato fine.
• Diossido di zolfo generato dalla combustione di carburanti contenenti zolfo, principalmente nelle centrali elettriche e durante la fusione di metalli ed in altri processi industriali. Il diossido di zolfo causa le piogge acide
• l’ozono presente negli strati inferiori dell’atmosfera è un inquinante secondario formato da reazioni fotochimiche che coinvolgono gli ossidi di azoto e i composti organici volatili. Sebbene l’ozono presente negli strati superiori dell’atmosfera (stratosfera) aiuti a ridurre l’ammontare di radiazioni ultraviolette che raggiungono la superficie terrestre quello presente nella bassa atmosfera è un gas irritante e può causare problemi alla respirazione.

Ott

14

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

LA SCIMMIA TASCABILE

Melaine

LA SCIMMIA TASCABILE ( la scimmia piu piccola al mondo)Si tratta di un cucciolo, ma non crescerà molto più di così.  Questo è un piccolo esemplare di Callithrix pygmaea,  la specie di scimmia più piccola al mondo:  la sua lunghezza infatti è compresa tra i 13 e i 37 c m, e il peso non supera solitamente la misura di un etto. Questi buffi animali vivono solitamente nelle foreste tropicali o pluviali del Sud America e dell’Amazzonia.  Vivono in gruppi che sono organizzati come e vere e proprie famiglie, tanto che alcuni etologi sostengono che i maschi di questa specie siano monogami;  generalmente per la riproduzione viene scelta una sola femmina per stagione. Le scimmie nane vivono sugli alberi e hanno imparato
a spostarsi molto velocemente saltando da un ramo all’altro;  sono erbivore, infatti si nutrono prevalentemente di resine e lattice vegetale,  che ricavano scavando dei veri e propri buchi nei tronchi.

Ott

12

By potatore

3 Comments

Categories: Potatore news

Riclicare a scuola

  1. gigi gurio posted on 5 ottobre 2009:

    Riciclare carta plastica lattine e quant’altro è giusto e utile all’umanità infatti riciclare permette il riutilizzo di materiali in modo da poter creare con questi nuovi oggetti di ogni tipo e per i più svariati utilizzi.è giusto e altrettanto utile fare operazioni di riciclo anche nelle scuole,come già in alcune scuole è praticato.Però,come ci si può aspettare,molto spesso l’ordine della raccolta dei vari oggetti nn è rispettato dagli alunni e questo porta molto spesso problemi legati alla divisione dei materiale.Oltre al fatto che è un bene per noi e per tutti effettuare il riciclaggio in maniera adeguata è anche giusto dire che dividere correttamente i vari materiali è segno di rispetto ed è un utile motivo per tenere puloito l’ambiente.Per questo credo che tutte le scuole debbano intraprendere questo tipo di “lavoro” per la pulizia della scuola e per il riciclaggio di materiale.

Ott

11

By potatore

3 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

I fontanili lombardi

stefano

I fontanili sono una caratteristica particolare della pianura lombarda, che proprio per l’abbondanza di acqua è sempre stata fertilissima e particolarmente adatta all’agricoltura. Dal punto di vista geologico, viene suddivisa in “alta pianura” e “bassa pianura”. Il sottosuolo dell’alta pianura è costituito da ghiaie grossolane deposte nel periodo quaternario ai piedi delle Alpi, ma queste ghiaie diminuiscono di volume verso sud. Il sottosuolo della bassa pianura è invece composto da sedimenti prevalentemente fini. Nella fascia di transizione tra le due pianure, dove le frazioni più fini cominciano ad essere presenti in proporzioni rilevanti, le acque delle falde s’innalzano per effetto del rigurgito provocato dalla diminuzione di permeabilità. Le acque che sgorgano in superficie sono dette “risorgenti” e i pozzi dove sboccano prendono il nome di “fontanili”. Si tratta di acque che, provenendo dalla falda sotterranea, mantengono una temperatura costante tutto il corso dell’anno (attorno ai 10/14 °C) e di conseguenza non ghiacciano nei mesi invernali. Questa continua fonte di acqua relativamente calda è stata una delle ragioni prioritarie dello sviluppo di un’agricoltura molto redditizia nella Pianura Padana; le “marcite”, tipiche coltivazioni di foraggio ad elevata produttività, erano principalmente alimentate con acque di risorgiva.
La temperatura costante, la limpidezza e la portata sempre regolare delle acque risorgive permettono tra l’altro lo sviluppo di una vegetazione acquatica del tutto particolare e di una fauna estremamente ricca e variata. Nella sola provincia di Milano sono presenti circa 600 fontanili, dai quali prende origine un sistema di rogge che consente l’irrigazione di vaste aree agricole. La stessa città di Milano è sorta in corrispondenza della fascia a più alta densità di risorgenti.
Eppure anche i fontanili hanno subito le conseguenze di un uso irrazionale dell’acqua da parte dell’uomo. L’abbassamento della falda, verificatosi intorno agli anni sessanta, ha, infatti, prosciugato un’alta percentuale dei fontanili milanesi e lombardi.

Ott

9

By potatore

Commenti disabilitati su IL lago di Endine: un lago da salvaguardare

Categories: Potatore news

Tags: , , , , ,

IL lago di Endine: un lago da salvaguardare

[email protected] | 87.15.85.225

Il lago di Endine in Val Cavallina, costituisce un “piccolo affresco”. Il suo perimetro è di circa 14 km e sulle sue sponde si affacciano quattro comuni: Spinone al Lago, Monasterolo del Castello,  Ranzanico e Endine Gaiano il paese più grande tra i quattro. Il lago è di origine glaciale,vive grazie alle risorgive e a piccoli ruscelli che grazie al disgelo e a piogge a carattere temporalesco molto frequenti trasportano grandi masse d’acqua nel lago, purtroppo anche detriti che negli anni pian piano lo colmeranno. Difatti la profondità massima è di circa 11 m, mentre 50 anni fa era di circa 25 m. Sono tantissime le specie di uccelli lacustri che vivono lungo le sue sponde bellissimi cigni bianchi, gallinelle d’acqua, folaghe e raro da vedersi ma presente il Martin Pescatore.Tutti gli anni in primavera vi è la migrazione dei rospi Bufo bufo dai colli di S.Fermo verso il lago per la riproduzione. Nel lago vivono varie specie di pesci tra cui la carpa, l’anguilla, il pesce siluro, tinche; purtroppo sono sparite le trote marmorate e fario dovuto all’inquinamento e all’acqua poco ossigenata.Il lago è molto caratteristico per i suoi colori stagionali: il bianco del gelo in inverno e lo sbocciare dei colori primaverili degli alberi. In estate il turismo arriva ad alte percentuali.I paesi sono molto piccoli ma caratteristici per le antichità: a Spinone si può trovare la chiesetta duecentesca di S.Pietro in Vincoli, Monasterolo sembra stringersi intorno alle piccola chiesa dedicata al SS.Salvatore ed eretta nel diciassettesimo sec. probabilmente dai ruderi di un antico monastero(da cui forse il nome del paese), la Piazzetta del Castello di Endine Gaiano rileva sufficientemente l’antica struttura medioevale dell’abitato anche se il resto del paese ha subito pesanti ristrutturazioni e per finire Ranzanico conserva evidenti traccie dell’antica struttura fortificata e stretti vicoli dai sapori medioevali. Questo ambiente va tutelato, salvaguardato in modo che rimanga sempre un”piccolo mondo antico”.
a cura di Lorenzo Zaccarini.

Ott

9

By potatore

6 Comments

Categories: Potatore news

Io ce la faro

Jolly : x 0 y 94
[email protected] | 151.47.244.120

 

bocciatura1

Ora sono in prima superiore perché sono stato bocciato.
Non so cosa voglio fare da grande, ma per adesso devo seguire una strada, la scuola, che però mi presenta un bivio:
– essere promosso e continuare le superiori e fare l’università, prendere la laurea, dopo lavorare e avere una famiglia
– essere bocciato e andare subito al lavoro.
Questa volta sono proprio nei guai !
Alcune volte penso a quello che succederebbe se fossi bocciato……trattengo il respiro e vengo bocciato.
Non sono stato promosso e i miei genitori sono arrabbiati e non mi lasciano più uscire. Gli zii e i nonni sono delusi e amareggiati.
Ormai ho sedici anni e i miei mi mandano a fare qualche lavoro che neanche mi piace, ma devo farlo, ormai non posso rimediare.
Perchè? Perchè devo sempre pensare al peggio?
Io posso essere promosso!
Io voglio essere promosso e ci riuscirò!
Ci riesco … e sono promosso con tutte le materie sufficienti. Sono bassi i voti rispetto ai miei fratelli ma non importa.
Anno dopo anno con doppia fatica e molte sgridate riesco a finire le superiori. Alloro mi iscrivo all’università di veterinaria e la finisco e prendo la laurea. Comincio finalmente a fare un lavoro che mi piace e mi faccio anche una famiglia e sono felice…..
Devo smetterla …. devo smetterla di pensare a come andranno le cose, così mi preoccupo solo e non mi concentro sul presente.
E’ inutile continuare a preoccuparsi, la scuola è bellissima perchè impari tante nozioni e così non ti puoi far imbrogliare quando sarai nel mondo degli adulti; anche se moltissime volte la scuola ti rompe a me piace…..
E’ questo l’importante: che la scuola che frequenti ti piaccia e ti interessi.
Io ce la metterò tutta anche se non sembra e….vada come deve andare.

Ott

6

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Suina o bufala?

L’influenza suina ha una mortalità  nettamente inferiore alla normale influenza stagionale. Questo è quanto affermano i più autorevoli luminari; allora viene da chiedersi: perchè tanto clamore? Gli esperti tengono a puntualizzare che l’unico problema è solamente organizzativo e cioè che essendo un virus sconosciuto all’uomo e quindi a livello globale nessuno è immune può  probabilmente costringere a letto o quantomeno a riposo un numero elevato di persone per cui, i servizi essenziali,  essere colpiti  pesantemente. Per fare un esempio: se si ammalano contemporaneamente 10 autisti di bus di una piccola cittadina probabilmente ci saranno ripercussioni sulla mobilità tranviaria e viaggerà qualche bus in meno; se invece si ammaleranno dieci docenti di un corso di studi gli alunni probabilmente festeggeranno perchè non ci saranno lezioni e quindi potranno dormire in tutta tranquillità.  Domanda: dottore lei vaccinerà i suoi figli? Certo che no visto che sono sani e non hanno patologie particolari. E lei? probabilmente no. Più chiaro di così……..

Ott

6

By potatore

10 Comments

Categories: Potatore news

Extracomunitari grazie!

di Simone Lubrano

La mia azienda agricola copre 60 ettari di terreno in 2 zone diverse, Arcene in provincia di Bergamo ed ad Asola in provincia di Mantova. Questa strategia di utilizzare due ambienti diversi, è utilizzata per il semplice fatto che se succede una tempesta in una zona l’altra soccorre nella produzione per rientrare nei programmi dei clienti.  La nostra azienda produce per tutte le aziende di 4° gamma che  si intende aziende con prodotti lavati e imbustati pronti al consumo. Nella mia azienda vi sono 2 tipi diversi di coltivazione:a campo aperto che copre 60 ettari di terreno e 3 ettari di terreno sono occupati dalle serre. Nel campo aperto la raccolta è fatta a mano, e questo compito è assegnato agli extracomunitari, che sono gli unici che sono disposti a fare questo tipo di lavoro, invece nelle serre la raccolta è fatta da macchinari guidati da operai specializzati.

Nel campo aperto si coltivano  indivia Riccia, Scarola, pan di zucchero, quindi tutte insalate a cespo, e queste vengono coltivate solo durante la primavera e l’autunno. Nelle serre si coltiva tutto l’anno, insalatina (verde,rossa), valeriana, rucola. I dipendenti sono 19 e la maggior parte è costituita da extracomunitari tutti in regola con contratti fissi. Secondo me agli extracomunitari dovremmo dire grazie perché sono gli unici che si offrono a fare lavori pesanti e stressanti, e quindi molti settori sono ancora presenti grazie alla loro presenza, perché gli italiani si rifiutano di fare questi lavori.

Ott

4

By potatore

7 Comments

Categories: Potatore news

Fotovoltaico

Gila
[email protected] | 87.9.158.127

L’energia del futuro?
Da qualche mese grazie agli incentivi statali c’è stato un boom nella costruzione di impianti fotovoltaici privati.
Infatti grazie ai vantaggi economici come, incentivi per la quantità di energia prodotta, il risparmio sulla bolletta elettrica e il fatto che l’energia prodotta dal sole è un energia infinità e non inquinante;
stanno aumentando i privati che investono del capitale per far costruire gli impianti sapendo che il capitale nel corso degli anni ritornerà anche superiore all’investimento iniziale.
Esistono delle banche specializzate nei finanziamenti per la realizzazione di impianti fotovoltaici che danno dei buoni incentivi.
Esistono due categorie di impianti quelli inferiori o uguali a 200 kWp e quelli che li superano.
I primi sono adatti per impianti costruiti su immobili di privati, attività commerciali e piccole aziende; mentre i secondi sono adatti a aziende di medie grandi dimensioni, condomini e grossi appezzamenti di terra.
Le offerte di Enel.si variano da 1,5 kWp (producono 2000 kWh equivalenti ad una spesa annua di circa 350 €)di potenza a 10 kWp (producono13.000 kWh equivalenti ad una spesa annua di circa 2.300 €).
Altri vantaggi sono: il risparmio sui combustibili fossili, manutenzione ridotta al minimo, affidabilità superiore ai 25 anni, modularità cioè per aumentare la taglia basta aumentare i moduli.
Guelfo Gilardoni

Ott

4

By potatore

Commenti disabilitati su notizie dalla tribuna

Categories: Potatore news

notizie dalla tribuna

Ciserano batte Vidalengo 2 a 1. Gare molto bella, giocata correttamente da entrambe le squadre, in un campo in erba stupendo e molto curato. Eppure gli ospiti hanno avuto varie opportunità di pareggiare la gare e in particolare su rigore a pochi minuti dalla fine:  il portiere di riserva para con molta bravura il tiro potente e laterale.  Nei due minuti di recupero ancora occasioni da entambi le parti in una partita che nell’insieme ha visto diversi tiri a rete con un ritmo di gioco  sostenuto ma non eccessivamente agonistico – Complimenti ad entrambi le squadre e alla direzione arbitrale impeccabile della sezione di Treviglio. Il pubblico? Esempio notevole di sportività.

Ott

3

By potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Più si taglia a scuola più si raglia

E’ uno dei tanti sglogan che  hanno accompagnato la manifestazione di protesta dei precari della scuola. Prosegue a mio avviso e non solo lo smantellamento della scuola pubblica a favore di quella privata meno costosa per  lo stato ma non altrettanto per le famiglie. I tagli hanno interessato pesantemente il personale in particolare alle elementari con il ritorno al maestro prevalente . Ci si aspettava una riforma della scuola del bienno superiore ed invece la riforma inspiegabilmente ha interessata le elementari. In effetti la spiegazione è evidente in quanto non si è trattato di riforma ma di mero bilancio dello Stato; nonostante l’indiscussa eccellenza raggiunta nelle scuole elementari  riconosciuta persino all’estero si è ridotto il personale risparmiando sul bilancio e facendo precipitare la qualità di un trentennio : nessuna motivazione didattica ma contenimento della spesa pubblica.  In Italia ci saranno sempre meno diplomati e laureati e chissà cosa si inventeranno i politici per giustificare le bacchettate della Commissione Europea alle nostre inadempienze in tema di istruzione. La scuola delle tre I inglese, informatica e impresa sono solo un ricordo: scuola privata, sanità privata, ricerca privata ( dei soldi)= ragliare in privato