Set

26

By potatore

7 Comments

Categories: Potatore news

Quest’anno ce la faro?

[email protected] | 87.9.84.117

So che buona parte dei ragazzi non riescano ad arrivare al diploma,non vorrei far parte di quella schiera.Questa riflessione mi ha accompagnato per tutta l’estate dopo quel fatidico giorno in cui ho visto il mio risultato di fine anno scolastico(BOCCIATO)!!.
Ci sono rimasto male?…Molto! Ben mi sta.
Purtroppo non avevo mai pensato che un giorno potesse capitare a me.L’anno scolastico trascorso non è stato dei migliori,l’ho affrontato con poco impegno con la speranza di risolvere tutto negli ultimi mesi,invece mi sono trovato a non riuscire più a seguire il passo di molti miei compagni e quindi di non potercela fare.
Di questo,posso dare solo la colpa a me stesso perchè ho visto che nonostante le mie incertezze e le mie lacune in matematica e fisica potevo benissimo farcela,bastava iniziare a studiare fin dal primo giorno.I professori da quello che potuto vedere mi incoraggiavano a mettercela tutta,facevo bene ad ascoltarli!!!.
Cosa dire ai nuovi arrivati?Solo di mettercela tutta,non arrendersi e appasionatevi a quello che state facendo

Buon lavoro a tutti!!! a cura di
Lorenzo Zaccarini

Set

26

By potatore

6 Comments

Categories: Potatore news

Un mare di spazzatura

Michele Ciarlo
Un enorme accumulo di rifiuti galleggia nel cuore dell’oceano pacifico.

Da decenni i sacchetti di plastica ci accompagnano nella spesa quotidiana. Sappiamo che inquinano parecchio, che ognuno di essi richiede 200 anni per distruggersi, ma che fine fanno ?
Gran parte degli shopper, assieme ad altri rifiuti di plastica (prodotti da u.s.a. e giappone), vanno a formare una gigantesca isola galleggiante in mezzo all’oceano pacifico, che si chiama Pacific Trash Vortex (vortice pacifico di spazzatura)
Come si e’ formata?
Si tratta di un grande vortice che si estende per tutto il Pacifico settentrionale, che fa viaggiare e concentrare l’immondizia intrappolata dalla convergenza delle correnti oceaniche.
Questa struttura vorticosa ha una superficie variabile, compresa da 700 mila a più di 15 milioni di chilometri quadrati: una volta e mezzo gli stati uniti.
Le ultime stime parlano di almeno 100 milioni di tonnellate di sporcizia. Il fenomeno venne predetto più di venti anni fa. Ricercatori statunitensi ipotizzarono che, spinta da opportuni venti e correnti marine, l’immondizia galleggiante potesse accumularsi in particolare nelle aree dell’oceano.
Il vortice drena l’immondizia galleggiante sia dalle acque costiere del Nord America sia da quelle del giappone. Il materiale catturato viene mosso più o meno lentamente. Si stima che l’80 % dell’immondizia abbia origine da scarichi lungo le coste, mentre il 20% sembra provenire dalla pulizia delle navi.
Ma quali problemi crea alla vita oceanica tutta questa plastica ?
Anche la plastica quando è tagliuzzata e non diventa più visibile ad occhio nudo è dannosa al ciclo vitale, a partire dal microscopico zooplancton fino alle meduse. Molti di questi pezzettini di plastica sono stati trovati persino negli stomaci degli uccelli marini e delle tartarughe.