Set

18

By potatore

Commenti disabilitati su Sarkozy e la rivoluzione carbon tax

Categories: Potatore news

Sarkozy e la rivoluzione carbon tax

di Daniel Bernini


I francesi, già angosciati dalla crisi economica, stanno facendo i conti su quanto costerà la “rivoluzione verde” di Nicolas Sarkozy, cioè la tassa sui consumi di carbone, gas, petrolio e derivati che il presidente ha loro annunciato. E’ una scelta coraggiosa e irreversibile per arrivare ad un modello di sviluppo sostenibile. Questa tassa verrà calcolata 17 euro per tonnellata di CO2 emessa; il pagamento sarà uguale per famiglie e imprese e si tradurrà in un aumento di 4.5 centesimi alla pompa per il gasolio, di 4 centesimi per la benzina e di 0.4 centesimi per Kwh per il gas. Resta esente dalla tassa l’elettricità perché la sua produzione arriva dal nucleare.  Secondo alcuni questo porterà ad una fuga di industrie in Paesi più tolleranti sotto il profilo ecologico, con pesanti conseguenze sull’economia.  E’ per questo che Sarkozy ha chiesto al resto d’Europa una coerenza ecologica……

Set

18

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

L’epidemiologa e l’influenza suina

di Daniel Bernini

La dr.ssa Stefania Salmaso, capo dipartimento di epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità, ha ammesso di essere partita ipotizzando il peggio; poi con l’arrivo di nuovi dati questa influenza ha mostrato la sua vera faccia ed allora si è corretto il tiro. Ecco perché l’iniziale allarme è stato ridimensionato.  Proprio all’Istituto Superiore di Sanità vengono elaborati i modelli matematici usati come supporto per la programmazione degli interventi, ma le esperienze del passato (vedi influenza aviaria) dimostrano che i modelli matematici possono dare indicazioni errate. Per l’aviaria erano stati ipotizzati milioni di morti, ma solo se il virus avesse compiuto il salto di specie dai polli all’uomo, che non si è realizzato. Eppure c’erano tutti gli elementi per temere, visto che la mortalità è stata comunque del 50%.  In conclusione ammette che una pandemia non si può prevedere; all’Istituto si fanno simulazioni, si elaborano gli scenari più probabili ma si mettono in conto anche i peggiori. I governi per pianificare le strategie hanno bisogno anche delle statistiche.