La “SCUOLA” di sumeri e egizi

di fe.pa


Con il termine scuola si fa riferimento all’insieme di istituzioni che forniscono l’istruzione e la formazione ai bambini e ai ragazzi. Le università, che sono tecnicamente anch’esse scuole, sia pure di alto livello, vengono escluse dal termine scuola nell’uso normale.
La scuola oggi è il “lavoro” di bambini e ragazzi, ma la parola scuola in origine significava riposo (ozio, tempo beato lontano da ogni fatica e preoccupazione).
Essa deriva infatti dal greco scholè, che significa appunto “riposo”; e questo perché in antico gli uomini, i soli che si dedicassero agli studi essendone le donne escluse, finché avevano muscoli sani erano dediti alle cure delle armi o dei campi.  Perciò quei pochi momenti liberi che potevano dedicare all’esercizio della mente erano considerati un riposo piacevole, uno svago ristoratore. La prima testimonianza della presenza di scuole risale al IV millennio a.c. nell’antico Egitto. In quest’epoca iniziano infatti a formarsi le scuole degli scribi, riservate alla élite che avrebbe dovuto amministrare lo stato. Fin dal IV millennio a.c. i Sumeri avevano scuole per gli scribi, simili a quelle egizie, tanto che sono stati rinvenuti nel corso degli scavi archeologici in Iraq sillabari e testi scolastici.

Precedente Le varie forme dell'inquinamento Successivo Lo sapevate che....

Un commento su “La “SCUOLA” di sumeri e egizi

  1. Paolo 1a il said:

    Leggendo questo articolo,ho capito che lo studio nel passato era diverso rispetto a quello del presente.Infatti lo studio oggi è un dovere,è un obbligo per tutti i cittadini,invece nel passato esso era un momento di riposo,concesso solo agli uomini,quando non si occupavano delle armi o dei campi.Quindi oggi lo studio,per noi studenti,è spesso vissuto come una fatica e non come un momento di relax.Però noi ragazzi di oggi,grazie alla scuola,siamo più istruiti dei ragazzi del passato.

I commenti sono chiusi.