Lug

11

By potatore

1 Comment

Categories: Potatore news

Alimenti alla diossina

di ma.ga

E’ POSSIBILE CHE MENTRE MANGIAMO LATTE, FORMAGGIO E CARNE MANGIAMO DIOSSINA?
E’ stato raccolto il fieno in balle a poca distanza dall’area industriale di Taranto e in particolare dal camino E312 dell’Ilva. Da quel camino fuoriesce più diossina che quattro nazioni messe assieme, stando ai dati ufficiali dell’Eper sulle emissioni industriali europee.
Spagna 75,6 grammi/anno
Svezia 20,6 grammi/anno
Regno Unito: 68,9 grammi/anno
Austria: 1,5 grammi/anno
TOTALE 166,6 grammi/anno
Ilva di Taranto emette 172 grammi/anno di diossina
Anche se abitaste lontano, chiedetevi per un attimo: sulle vostre tavole potrebbe arrivare la diossina di Taranto?Il problema di fondo è la tracciabilità dell’alimentazione animale, dato che il 98% della diossina entra nel corpo umano attraverso l’alimentazione. Gli alimenti a rischio sono in particolare, stando all’allevamento basato su fieno: il latte,il formaggio,la carne. Quel foraggio in quale parte d’Italia andrà? Sulle tavola di qualcuno distante da Taranto farà capolino la diossina di Taranto? Da questa assurda situazione si esce solo con una ferma volontà politica, dato che le soluzioni tecniche per adottare il controllo continuo ci sono. E’ possibile, oltre al campionamento in continuo della diossina che sorveglia l’invisibile, anche adottare sistemi che sorveglino quanto di giorno è visibile e di notte diventa quasi invisibile. Ci riferiemo agli scarichi notturni. Si possono puntare telecamere all’infrarosso su tutti i punti critici, in particolare la cokeria, per vedere (anche di notte) cosa sputa fuori la fabbrica mentre la gente dorme.