L'inquinamento marino

a cura di Fr.Ma.


Gli animali acquatici si distinguono rispetto ai vertebrati per il lungo periodo di evoluzione, la quale ha consentito la diversificazione in tutte le forme attuali, specializzandosi e occupando tutte le nicchie ecologiche dei vari ambienti acquatici.
le particolari cause del loro rischio di estinzione:
la pesca intensiva causa il collasso delle popolazioni marine, che non sono in grado di riprodursi tanto velocemente da rimpiazzare gli esemplari sottratti.
L’inquinamento delle acque dovuto all’industrializzazione, ha provocato l’aumento di scarichi di vario tipo nelle acque, creando forti disagi tra i pesci. Ciò comporta anche il rischio di avvelenare l’ intero ecosistema.
Al malessere marino hanno contribuito anche le perdite di petrolio in mare dovuto agli incidenti. Il petrolio tende a ricoprire prima lo strato superiore e poi il fondo del mare uccidendo pesci, vegetali e uccelli. Solo dopo decennila vita può ritornare come prima.
La pesca indiscriminata, individuabile specialmente in paesi tropicali, meno sentita nelle acque dolci ma distruttiva in mare, è molto visibile ad esempio nelle barriere coralline perchè i pescatori locali spruzzano una soluzione di cianuro per stordire i pesci e catturarli.
Anche l’ introduzione di specie “aliene” costituisce un pericolo per le specie marine.

Precedente Biocarburante a tutta birra Successivo Metti un espresso nel motore

2 commenti su “L'inquinamento marino

  1. gi.pe il said:

    Anche io sono d’accordo che l’inquinamento marino sia un grande danno non solo per l’ambiente,ma anche per quelle popolazioni che hanno la pesca come risorsa principale, che però non la sfruttano eccessivamente. Per questo mi chiedo perchè a molta gente non interessa di questo grave problema, quando anche con piccoli gesti quotidiani potrebbero contribuire a diminuire l’inquinamento marino.

  2. mi.pa il said:

    IO penso che l’inquinamento marino sia un danno per questo ambiente molto grave anche per le popolazioni che non vivono direttamente a contatto. Purtroppo si ha la sensazione che la gente abbia poca sensibilità al problema e per questo occorre più consapevolezza e parlarne maggiormente. Così facendo forse molti si renderebbero conto che basta stare un pò più attenti ai propri rifiuti per migliorare l’ambiente

I commenti sono chiusi.