Gen

10

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Finalmente è arrivato l’inverno.

 

 

imagesTranquilli siamo in inverno

…sto bene

 

 

A dispetto di delle note tragiche della televisione e dei meteorologici è arrivato l’inverno. Si avete capito bene: l’inverno. Avete presente la neve, il freddo, le temperature sotto zero, alcune località isolate ecc. ” Sotto la neve pane” avevo postato qualche tempo fa a considerazione che la neve porta miglioramento delle produzioni agricole e, malgrado cosa pensano i singoli, fa bene alla natura. Senza un periodo di freddo intenso le specie caducifoglie e non solo non avrebbero quel beneficio dato dalle basse temperature e allo stesso tempo vi sarebbe un proliferare di zanzare e altri parassiti che notoriamente vengono ridotti dai periodi di freddo intenso. Allora ci si chiede perchè tutto questo allarmismo sulle condizioni meteo avverse? Sicuramente gli sconvolgimenti climatici a cui assistiamo dati da”aumento della temperatura del Pianeta hanno acuito alcuni aspetti ma vedere gli allevatori che nella stalla intervistati quasi piangono per la sorte del vitellino, (alle telecamere ha pure salutato) appena nato, accudito in stalla viene da sorridere. Accettiamo senza enfasi il cambio di stagione ed impariamo a riconoscere le esagerazioni televisive atte solo a tenerci dietro il televisore;  purtroppo è diventato sempre più uno strumento di intrattenimento e non di informazione ed educativo come forse lo era in passato.Per intanto: NEVICA

Gen

4

By potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Metti uno spazzino in giardino

balcone

In testa alla classifica dei purificatori dell’aria si posizionano il ginkgo (Ginkgo biloba), il bagolaro (Celtis australis), il tiglio nostrano (Tilia plathyphyllos) e selvatico (Tilia cordata), e l’orniello (Fraxinus ornus). Il melo da fiore (Malus domestica ‘Evereste’) e il biancospino nostrano (Crataegus monogyna), invece, sono ottimi per catturare le polveri ultrasottili, ma non sono tra i più efficienti nell’assorbimento della CO2.
Al contrario, il carpino bianco (Carpinus betulus) è una specie con elevata capacità di assorbire la CO2 atmosferica ma, avendo foglie lisce e senza peli, non è un campione nella pulizia dell’aria dalle polveri. Da evitare invece un massiccio impiego di liriodendro (Liriodendron tulipifera), robinia (Robinia pseudoacacia) e sofora (Sophora japonica), che, “pur avendo ottime caratteristiche dal punto di vista del sequestro della CO2 e dell’assorbimento di inquinanti, sono caratterizzate da una maggiore potenzialità di formare ozono”. Bene anche acero campestre e comune, ciliegiofrassino comune o maggiore, mirabolanoolmo comune, ontano nero e sambuco. A combattere l’inquinamento dell’aria tutti hanno il dover di partecipare. Basta poco: vasi sui balconi, sulle finestre e sui terrazzi rendono accogliente il paesaggio urbano e contribuiscono al filtraggio degli inquinanti. Valutare di aggiungere in giardino rampicanti sulle reti di recinzioni o siepi schermanti da rumore e dai scarichi delle auto, specialmente a ridosso delle vie più trafficate. Aggiungere alberi negli spazi adibiti a prato avendo cura di utilizzerà specie autoctone in modo da evitare contesti paesaggistici anomali e specie che tendono ad ammalarsi continuamente o che non si adattano alle nuove condizioni microclimatiche. Infine da non sottovalutare è  che la presenza di verde anche nel contesto condominiale, ove esistono molte aree comuni, aumenta il valore dei fabbricati oltre che alla vivibilità degli spazi e in queste ambiente le specie vegetali possono essere utili creare ambienti di ritrovo  per attività sociali basta approntare dei gazebo e Bersò. Il Pianeta ha bisogno di “verde”: aiutiamolo e aiutiamo noi stessi.

Gen

1

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Anno nuovo ….

buon-2017

Eccolo …è arrivato pieno di aspettative e di buoni propositi. La redazione augura a tutti un felice e proficuo anno nuovo pieno di verde e di nuove motivazioni. Cominciamolo bene recuperando l’albero natalizie ( anche se è di plastica)  con la speranza che ogni lettore del nostro blog pianti una nuova pianta. Non occorre avere un giardino ma bastano davanzali, balconi e terrazze e, perché no, in casa.  Il contributo di tutti alla salvaguardia del pianeta è indispensabile ….tanti auguri

Dic

17

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , ,

PATA NEGRA….NO GRAZIE!!

tatanegra

Con sorpresa ho visto, in una nota catena di supermercati, un bancale pieno di prosciutti spagnoli Pata Negra e senza sorpresa ho visto il prezzo di vendita: ci vuole un mutuo! Resta però curiosamente da chiedere come mai tanta esterofilia? I prosciutti italiani non sono più qualitativamente appetibili? Il loro prezzo è eccessivo rispetto al Pata Negra? No! inspiegabilmente compriamo prodotti esteri,  di cui possiamo fare a meno, quando, invece, potremmo acquistare prodotti nazionali di gran lunga qualitativamente migliori, con garanzia di certificazione sulla filiera utilizzata e  controlli più capillari , garanzie che non sempre abbiamo sui prodotti esteri.  Benessere animale all’estero è solo una bella parola, le condizioni di crescita degli animali non hanno niente a che vedere con gli standard italiani. Il disciplinare del Prosciutto di Parma , per esempio, consta di oltre 150 pagine nelle quali sono chiaramente individuate le razze,  le zone di allevamento, l’età di macellazione e il peso, queste sono solo  alcune delle regole che fanno del Prosciutto di Parma uno dei migliori al mondo. Allora quale è la necessità di comprare prodotti esteri? Visto la qualità e il prezzo competitivo perché non utilizzare prodotti su cui  le spese di trasporto sono inferiori, la qualità è certificata e che incentivano il lavoro degli italiani?  Si ci lamenta della crisi ma la incentiviamo comprando all’estero sia  gli alimentari : le arance, formaggi, prosciutti sia le automobili e curiosamente, nonostante l’Italia sia il primo produttore di vino al mondo, gli scaffali dei supermercati sono anche pieni di vini sudafricani, californiani, champagne francese. Anche le scuole organizzano gite all’estero quando i ragazzi non conoscono il paese che detiene il più ricco patrimonio di antichità: l’Italia.

Il mio augurio per il 2017 è che a Gennaio i telegiornali e i giornali, a piene pagine, commentino il boom di consumo di prodotti italiani e sottolineano come persino lo champagne ha avuto un crollo di consumi in Italia mentre spumanti e prosecchi hanno riempito i nostri bicchieri: buona Italia a tutti.

Dic

10

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Niente plastica…un Natale vero!

wp_20161207_21_42_06_proMettiamo un poco di natura in soggiorno.  Invece della solita plastica mettiamo un bel vaso con un abete bianco o rosso. Nei garden si possono trovare anche a cifre modeste, 10 euro quello della foto, con zolla, mentre per piante già in vaso occorre una cifra leggermente superiore. Un vaso colorato e il tutto è pronto. Mi raccomando l’albero di Natale secondo tradizione deve essere preparato dopo l’Immacolata o 8 dicembre. Purtroppo, con cattivo gusto commerciale,  già i primi di novembre i supermercati trasbordano di offerte natalizie e panettoni  togliendoci il gusto dell’attesa. L’Epifania, poi, provvederà a portare via le feste e il nostro albero può trovare collocazione in balcone o in terrazzo. Buone feste e “buon albero”

 

 

 

 

Dic

4

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Conosciamo il favino…

  Il favino è una leguminose appartenente alla tribù delle Vicieae. Appartiene alla varietà minor, si distingue dalle altre varietà in base alla dimensione dei semi; quelli del favino sono rotondeggianti e relativamente piccoli (1.000 semi pesano meno di 700g) e si impiegano per seminare erbai e sovesci e anche come concentrati nell’alimentazione del bestiame.
Il favino è una pianta annuale, a rapido sviluppo, a portamento eretto, glabra, di colore grigio-verde, a sviluppo indeterminato. La radice è fittonante, ricca di tubercoli voluminosi. Gli steli eretti, fistolosi, quadrangolari, alti fino a 1,50 m (media 0,80-1,00) non sono ramificati, ma talora si può avere un limitatissimo accestimento con steli secondari sorgenti alla base di quello principale.
Le foglie sono alterne, paripennate, composte da due o tre paia di foglioline sessili ellittiche intere, con la fogliolina terminale trasformata in un’appendice poco appariscente ma riconducibile al cirro che caratterizza le foglie delle Vicieae. I fiori si formano in numero da 1 a 6 su un breve racemo che nasce all’ascella delle foglie mediane e superiori dello stelo. I fiori sono quasi sessili, piuttosto appariscenti (lunghezza 25 mm), la corolla ha petali bianchi e talora violacei e, quasi sempre, con caratteristica macchia scura sulle ali. L’ovario è pubescente, allungato e termina con uno stigma a capocchia, esso contiene da 2 a 10 ovuli.
Nel favino la fecondazione può essere allogama, con impollinazione incrociata operata da imenotteri (api e bombi), o autogama. L’ovario fecondato si sviluppa in un baccello allungato, verde allo stato immaturo, bruno quando maturo e secco, esso contiene da 2 a 10 semi.
Uno degli usi più frequenti del favino è quello come coltura da sovescio, in questo caso il favino va seminato a inizio autunno, così che abbia raggiunto un buono sviluppo prima dei freddi invernali, e poi in primavera quando si trova in fioritura la coltura viene arata in modo che tutta la parte verde sia interrata. Così facendo  s arricchische il terreno di sostanza organica che sarà facilmente degradata in quanto il terreno dove si trovava il favino è ricco in azoto grazie all’azoto fissazione dei batteri simbionti delle radici e quindi i microrganismi troveranno un substrato ideale sul quale moltiplicarsi e in seguito degradare la sostanza organica. Inoltre, con questa tecnica, si arricchisce di molto il contenuto in acqua del terreno che sarà ceduta lentamente e quindi si eviteranno stress idrici alle colture che seguiranno. Nonostante una parte di azoto venga usato dai microrganismi nel terreno ne rimane una buona quantità, per questo si deve evitare di fare il sovescio di leguminose per vari anni sullo stesso appezzamento soprattutto se ci sono colture arboree perché la forte presenza di azoto promuove un’anticipata ripresa vegetativa correndo quindi maggiori rischi di gelate tardive.
Altro uso che negli ultimi anni sta prendendo campo è quello di usare il favino come coltura rinettante, questo tipo di coltivazione ha due scopi principali, uno è quello di evitare l’erosione del terreno durante le piogge autunnali e invernali, soprattutto in terreni collinari che altrimenti rimarrebbero scoperti per tutto il periodo invernale, e altra importante funzione è quella di evitare lo sviluppo di infestanti così quando si arriva a coltivare la coltura principale abbiamo un terreno completamente sgombro da infestanti. Questo perché questo tipo di colture sono seminate in maniera molto fitta e hanno un rapido sviluppo e soffocano tutte le altre essenze, poi, quando sono sviluppate, non fanno passare la luce e quindi le infestanti non possono germogliare.
Quella che doveva essere la vocazione principale della coltivazione del favino e cioè la produzione di granella per alimentazione del bestiame negli ultimi decenni era andata scomparendo, soppiantata dalla soia,  preferita in quanto ha un altissimo contenuto in proteina.
Per l’alimentazione del bestiame si usano le farine d’estrazione o i panelli, cioè soia a cui è stato estratto l’olio e nella quale la percentuale proteica è concentrata raggiungendo valori del 46%, il favino invece ha un titolo in proteine del 20-21% e quindi il confronto non era proponibile, basta meno della metà di soia rispetto al favino per coprire i fabbisogni di un animale. Ma negli ultimi anni si è riscoperto perché la soia è in gran parte OGM e quindi tutti gli allevamenti biologici non la possono utilizzare per alimentare il proprio bestiame e quindi sono ritornati ad usare o il pisello proteico o il favino che non hanno subito nessun tipo di modificazione genetica.
Una delle varietà che è più usata in tutto il centro Italia è la “Vesuvio” che si adatta molto bene anche a terreni pesanti, e non richiede irrigazione.
Le aziende biologiche sono le più interessate all’utilizzo del favino per i vari motivi visti primi, anche l’uso come coltura rinettante e da sovescio è molto importante in quanto nelle aziende biologiche non si possono usare diserbanti e quindi arrivare alla semina avendo un terreno sgombro da infestanti non è cosa da poco conto, come pure il controllo dell’erosione che dovrebbe interessare tutte le aziende ma maggiormente quelle che non possono fare un largo uso di concimi chimici e quindi perdere la parte superficiale del terreno che è quella più fertile diventa una grave perdita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov

18

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , , ,

Piantiamo i bulbi

 

 

Pieno autunno e occorre pensare alla primavera e anche se il tutto può sembrare strano in effetti non lo è se si pensa alle aiuole di bulbose Proprio in questo fine mese occorre mettere a dimora le specie bulbose che caratterizzeranno le aiuole primaverili se per alcuni sembrerà un controsenso proprio in novembre bisogna pensare a quello che sarà il giardino di primavera e quindi provvedere di conseguenza con la messa a dimora delle bulbose che in genere danno via alla cascata di colori e profumi che caratterizzano la stagione primaverile.
I bulbi di gladiolo e lilium raccolti e selezionati durante il periodo settembre-ottobre vanno messa a dimora tenendo molto conto del diametro. Se sono stati conservati in cantina e si hanno dei dubbi sulla loro conservazione è importante controllare uno a uno scartando i bulbi selezionati da larve e insetti oppure rovinati dall’espianto; dovranno inoltre essere eliminati quelli che presentano il minimo segno di sviluppo di muffe. I bulbi rimasti dovranno essere compatti, turgidi e con l’epidermide liscia e devono possedere un diametro superiore a due cm. L’esperienza di selezione e ricerca ha dimostrato che i bulbi presentano una migliore infiorescenza con l’aumentare del calibro e pertanto è conveniente sempre selezionare le piante da riprodurre tra quelle che avranno formato bulbi con calibro maggiore. La messa a dimora per lilium, narciso, tulipano e giacinto è consigliata fino al mese di novembre mentre gladiolo e amarilli conviene aspettare il periodo marzo-aprile.
Dalle indicazioni precise sulla densità di semina risulta molto difficile in quanto questa varia a seconda della dimensione dei bulbi o del calibro o della vigoria delle singole specie. Da considerare inoltre che le forme di impianto sono diverse con i gusti dei singoli che con abilità diversa preferire la costituzione di vialetti e specie singole con varietà diverse, per avere una scala cromatica varia oppure preferire l’alternanza di specie e varietà diverse per ottenere dei camminamenti lungo i vialetti con fioriture scalari in modo da poter avere in epoche diverse macchie di colori che risaltino il verde del prato. A questo proposito possono trovare posto nel prato delle piccole aiuole irregolari o oppure delle ciotole sfruttando inizialmente l’abbondanza di colorazione delle bulbose e successivamente, allo sfiorire di quest’ultime, i fiori dati dalle piante stagionali. Relativamente al terreno va tenuto presente che tulipani, fresie, lilium e giacinti preferiscono terreni leggeri e sabbiosi ricchi di calcio e con pH leggermente acido; gladiolo e iris sopportano terreni più pesanti e argillosi. La preparazione del terreno deve però essere molto accurata con una vangatura molto profonda con la quale va inglobato possibilmente del letame anche se la struttura soffice e lacunare del terreno è molto più importante per la riuscita per una omogenea fioritura.

Nov

1

By Il Potatore

2 Comments

Categories: Potatore news

Cosa portiamo a tavola?

 

Le cavolate americane: patatine millenarie, ketchup, maionese, hamburger:  gran crispy mac bacon ? cosè? Ma si può essere folli ? Purtroppo prende sempre più piede l’imitazione dell’altrui cucina e sempre di più di quella americana. risultato?

diventiamo come gli americani grassi, obesi, sformati con tutti i problemi  medici che ne scaturiscono. Persino i nostri migliori ristoranti si stanno stupidamente americanizzando: ti propongono carni estere come la Angus o carne argentina o di altra provenienza americana che notoriamente arriva in Italia congelata ed è molto grassa. Ma qualcuno dirà è saporita…metti pancetta e tutto diventa saporito.!! Le cose buone non hanno bisogno di zucchero e di grasso per avere un buon sapore.  Riappropriamoci dei nostri gusti, mangia italiano, mangia …dieta meidterranea

Ott

20

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , ,

Arriva l’autunno!!

Tra  il  22  e il 23 del corrente mese  ha   inizio nell’emisfero boreale l’autunno che coincide con la primave­ra dell’emisfero australe. La natura incomincia ad  assumere i colori tipici della stagione e lo stesso orto ridimensiona quelli  sgargianti della bella stagione, determinati  dalle coltivazioni  estive, e solo gli ultimi  pomodori  offrono qualche  sprazzo di rosso mentre per il resto  predomina  il verde delle coltivazione tipiche autunnali: lattughe, cavoli e spinaci in testa. Ciò non significa che i lavori nell’orto siano finiti, tutt’altro invece, nè sopraggiungono dei nuovi e tra questi l’imbianchimento di alcuni ortaggi.

Sedani, radicchi, scarole, porri e cicorie insieme ai meno noti  cardi, prima di essere consumati vanno sottoposti  per un  certo  periodo ad imbianchimento al fine  di  migliorare alcune caratteristiche organolettiche. Si tratta in  pratica di ombreggiare,  con tecniche più meno  simili,  questi ortaggi  in modo da evitare l’esposizione alla luce per un certo lasso di tempo in modo che i tessuti, nell’impossibilità  di  effettuare  fotosintesi, diventino  più teneri  e saporiti. Per il sedano, la legatura a 15-20 cm dal  terreno e  la successiva rincalzatura possono essere valide solo  in casi di terreno leggero e privo di ristagni d’acqua;  mentre risultati molto buoni possono essere raggiunti avvolgendo le parti interessate con paglia o cartoni.  Nel  caso  di radicchi e scarole, per la  diversa altezza  raggiunta  dalla pianta, possono invece,  essere  utilizzati due sistemi diversi anche se i risultati non discostano  tra di  loro  più  tanto. Nel primo caso può risultare  molto semplice  anellare la  parte media delle  piantine  con  un elastico in modo che le parti più interne vengono coperte da quelle più esterne che impediranno la esposizione alla luce. Un  secondo espediente può essere attuato con  o  senza  la precedente legatura ma coprendo le singole piantine con  dei vasi in plastica  capovolti dai quali buchi di scolo entrerà solo un tenue filo di luce.

Ott

13

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Tags: , , , , , ,

Ad ognuno il suo posto

Per favorire una crescita rigogliosa sono necessari clima e ambiente giusti. Qualsiasi ambiente o angolo, sia della casa che dell’ufficio può essere valorizzato sistemando opportunamente delle piante le quali con i loro colori rendono gli ambienti più ospital e confortevoli generando un piacevole sensazione rilassante. Il più delle volte però, nella scelta delle stesse non si tiene conto delle particolari condizioni climatiche e ambientali che le varie specie richiedono ma la scelta cade come si ci si trovasse di fronte a un pezzo d’arredamento considerando la colorazione delle foglie, la voluminosità della piante o ancora la bellezza della ciotola e solo poche volte si tiene conto delle reali esigenze della piante e dell’ambiente doveva bisogna collocarla. Per l’esatta sistemazione della piante in casa, bisogna tener conto di due fattori importanti che sono la luce e la temperatura. In effetti tale collocazione non dovrebbe essere difficile in quanto nella costruzione delle case sì che con i soliti collocare la camera da letto e nord mentre soggiorno, salotto e studio sono in genere le camere con l’esposizione alla luce migliore e quindi tra le più calde. In vista di queste considerazioni in questi ultimi ambienti , durante i periodi estivo vanno preferibilmente collocate Impatiens, Sanseveria, Euphorbia e le piante grasse però, se al caldo viene associata poca luminosità, sono da preferire piante come Maranta, e la Calathea, alcune varietà di ficus. Richiedono decisamente locale ombreggiato ma caldo il filodendron, comunissimo nelle abitazioni per le buone caratteristiche di resistenza e per il suo portamento a liana, il cissus e l’Hasparagus i quali nelle sale spaziose possono esser utilizzati per fare da separè tra una zona e l’altra. Il filodendron per le caratteristiche già citate, si adatterà bene in un ambiente particolare come il bagno, soggetto a frequenti sbalzi di temperatura con umidità e calore a tratti molto elevati e la cucina la quale presenta condizioni analoghe a bagno a causa del calore intenso sprigionato dalla cottura delle pietanze e spesso si passa al freddo immediato quando si aprono le finestre per eliminare cattivi odori; in questo caso è possibile unire l’utile al dilettevole posizionando nei vari angoli varie piante aromatiche oppure, qualora il locale fosse colori locale fosse abbastanza numeroso, si è venderanno molto bene anche ficus ed euforbia. Infine per la camera da letto dove generalmente si hanno condizione di poca luminosità e quindi di freschezza sono da preferire le felci bisogna convivere con armonia e sfatare la regola per cui nelle negli ambienti dove si riposa vanno allontanate le piante,  fermo restando che non si tratta di una vera e propria foresta.