Gen

8

By Il Potatore

No Comments

Categories: Potatore news

Come un cavallo in …tangenziale

Pronto XXXX? Il tuo cavallo si trova sulla tangenziale ed adesso chissà dove è finito.    Arrivo.

Passo in macchina nel recinto e trovo il filo elettrico abbattuto verso l’esterno,la tangenziale si trova dall’altro lato e bisogna salire la scarpata e  saltare il guardrail: roba da star trek.

Vado verso il box in cui lo tengo ed eccolo là Ginko, si chiama così,   nella stradina in mezzo ai campi che porta al recinto elettrico in cui lo tengo qualche ora al giorno. Due persone armate di cappelli da cowboy e un terzo che lo stanno accudendo ……

Buongiorno ..salve  Ahh Lei è il proprietario del cavallo: era sulla tangenziale…

Qualcuno si è fatto male   No   ha provocato danni alle macchine  No… poi è scappato verso le serre, lo abbiamo perso e lo abbiamo ritrovato che pascolava vicino al recinto degli  asini ed adesso eccolo qua…abbiamo avvisato anche i carabinieri.

Scusate..chiedo….”qualcuno si è fatto male? “No” ha rovinato qualche autovettura? “No” .. Mi perdona  mi spiega meglio la dinamica su dove era il cavallo e cosa ha fatto? bla bla bla. Ho capito grazie , mi scuso saluti. Conclusioni?

Il cavallo era per i fatti suoi nel recinto che confina con la tangenziale. Auto di  curiosi vedendolo si sono fermati . Due salvatori della patria pensando che la bestia fosse lasciata a se stessa, quando invece era in un recinto elettrificato,  hanno pensato che si fosse smarrito o che volesse farsi un giro in tangenziale come il famoso gatto del film. Non basta mettersi il cappello di cow boy e gli stivali  per capirne di cavalli.

Nov

19

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Disinfettare/sterilizzare

Categories: Potatore news

Disinfettare/sterilizzare

Le malattie che colpiscono le piante possono avere un decorso  molto diverso a seconda del tipo e del periodo in cui si sviluppano. Quelle che, ad esempio, colpiscono l’apparato radicale delle piante o la zona del colletto come il Fusarium, il Rhizoctonia solani generalmente hanno un decorso che provoca la morte della pianta stessa e tende ad infettare le piante vicine. Al contrario peronospora, oidio e ruggine che attaccano la parte aerea della pianta raramente portano alla morte della stessa ma possono influenzare notevolmente la crescita, che risulta stentata e con scarsa fruttificazione. Gran parte di queste ed altre malattie sono causate da spore che completano il loro ciclo nel terreno o nei recipienti di acqua lasciati ai bordi del campo, come vecchie botti di legno e all’occasione si trasferiscono nella pianta causando anomalie e sintomatologia diversa. Generalmente coloro che si occupano costantemente della coltivazione di piante orticole provvedono sistematicamente a  disinfettare il terreno al fine di contenere la virulenza di queste malattie. Quando, come nei piccoli orti ciò non viene fatto si può assistere all’aumento, anno dopo anno, degli attacchi di parassiti animali e vegetali che compromettono seriamente il lavoro effettuato e pertanto bisogna  provvedere alla sterilizzazione. I trattamenti di sterilizzazione al terreno sono in genere di natura chimica e fisica. I primi si avvalgono di fumiganti come il vapam che distribuito sul terreno svolge una azione  fungicida, nematocida  e diserbante  mentre  tra i secondi si  utilizza la sterilizzazione con  vapore. Negli ultimi  anni è stato sperimentato, nelle  aziende  orticole anche della bergamasca, la tecnica della solarizzazione. Si tratta  in  pratica  di coprire il terreno con  un  film di plastica in modo di far innalzare la temperatura del terreno sottostante  in  modo che sia letale per erbe  infestanti  e parassiti vegetali ed animali, ovviamente nel periodo estivo.

Nov

5

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Il letargo è…. prossimo

Categories: Potatore news

Il letargo è…. prossimo

I lavori dell‘orto nel mese di novembre tendono a  diventare meno  impegnativi. La temperatura tende progressivamente  ad abbassarsi  e si riducono notevolmente anche le ore di  luce che in questo periodo si attestano all’incirca sulle 12.  Per prolungare la produzione di alcune colture diventa  necessa­rio  predisporre  delle protezioni che riparino  le  colture nelle ore notturne e dal freddo imminente. In  caso  di  nuovi acquisti di teli  per  approntare  la copertura  di eventuali serre, sarà bene orientarsi su  teli con spessore superiore ai 0,15-0,20 millimetri del tipo  EVA oppure in polietilene termico antigoccia che offrono sicura­ mente  all’interno, condizioni termiche migliori ed  evitano effetti  indesiderati di condensa. Per ragioni  strettamentente economiche è consigliabile utilizzare i tunnel per colture a breve  ciclo,  in fase di produzione  oppure  per  semenzai. Resta beninteso che il periodo autunnale è anche il  periodo della pianificazione delle semine; solo una giusta rotazione tra le diverse specie può garantire produzioni abbondanti  e ridurre  notevolmente  lo sviluppo di  parassiti.  Nel  caso specifico  dell’aglio,  ad  esempio, di cui  è prossima  la semina, occorre evitare la messa a dimora su terreno appena letamato facendolo  invece “succedere”  nella coltivazione  a  colture  come pomodoro   e  zucchine  abbondantemente  letamate   all’atto dell’impianto; sempre in successione a pomodoro e  melanzane può trovare posto anche un’altra bulbosa come  la  cipolla. Per  tutto  il  mese corrente è  possibile  provvedere  alla semina  di valerianella, lattuga da taglio, e radicchio  che preferibilmente andranno a prendere posto negli  appezzamen­ti, precedentemente adibiti a patate o leguminose;  radicchi e scarole in fase di raccolta vanno invece legate per  favo­rire l’imbianchimento. Solo i cavoli meritano una attenzione particolare  in questo ultimo periodo in quanto sono  ancora in piena vegetazione: verza, cappuccio, broccoli e cavoletti di Bruxelles sono solo alcune delle varietà in piena  produ­zione  e che necessitano ancora di irrigazioni  e  controlli fitosanitari.

Ott

6

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Riprodurre piante da seme..

Categories: Potatore news

Riprodurre piante da seme..

L’inizio della stagione autunnale è il periodo dell’anno in cui viene prodotta la maggior quantità e la più svariata qualità di frutta, sia di produzione nazionale come albicocche, pesche, agrumi ecc., che di provenienza esotica tipo avocado, datteri e ananas. Per chi lo volesse è possibile utilizzare i semi di tali frutti per ottenere delle piantine che possono essere utilizzate successivamente in casa o nel balcone a scopi ornamentali o anche per avere la possibilità di farle fruttificare in giardino. I semi degli agrumi, ad esempio, molto utilizzati in estate per spremute possono essere facilmente prelevati dalla polpa; il successivo lavaggio in acqua serve a ripulire i tegumenti esterni del seme dagli acidi organici in esso presenti, causa di effetti inibitori e relativa mancata germinazione degli stessi. Dopo il lavaggio, i semi, vanno essiccati per un paio di giorni e quindi posti in un substrato leggero di sabbia e torba in rapporto di 1:1 tenuto costantemente umido ed in ambiente luminoso ma non direttamente esposto ai raggi solari. Bastano due-tre settimane per avere la fuoriuscita delle foglioline dicotiledonari. Successivamente le piantine vanno selezionate avendo cura di eliminare quelle malformate in modo che rimangano, alla fine, quelle che hanno mostrato migliori caratteristiche e velocità di accrescimento oltre che capacità di adattamento alle condizioni climatiche e parassitarie. Con lo stesso sistema possono essere riprodotte piantine di albicocco, pesco, vite, ecc. tenendo sempre conto però che la percentuale di germinazione varia da specie e specie e in talune specie è molto bassa e in alcuni casi non supera il 4%. In tal caso per avere percentuali più alte bisogna intervenire con stratificazioni dei semi in sabbia per 2-3 meli a basse temperature. Per riprodurre piante esotiche come l’avocado, bisogna inizialmente togliere la buccia e recuperare la polpa; quindi distaccato il seme occorre lavarlo per ripulirlo dei residui e subito dopo interrarlo. Importante è che il seme sia posto nel substrato con la parte tondeggiante verso il basso e che lo stesso provenga da un frutto maturo. IL vaso va posto in ambiente luminoso e bagnato con parsimonia e così facendo circa un mese dopo si avrà la nascita della nuova piantina. Nel caso si voglia riprodurre piante tipo ananas che difficilmente producono semi il metodo migliore consiste nel tagliare il ciuffetto che si diparte dall’apice del frutto e interrarlo molto superficialmente e, in considerazione del fatto che è una pianta di climi caldi, va posta in luogo molto luminoso e caldo evitando di inumidire molto il terreno in quanto l’umidità favorisce il marciume e nell’arco di qualche settimana si formano le radici.

Set

25

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Austria e Islanda al top delle rinnovabili

Categories: Potatore news

Austria e Islanda al top delle rinnovabili

Il Costarica sarà ben presto un paese che ricaverà la sua energia completamente da fonti rinnovabili mentre nella progredita Europa ancora le difficoltà sull’ utilizzo delle rinnovabili viaggia ancora su fasi alterne.  Mentre Austria e Islanda,  sono riusciti ad ottenere produzioni ragguardevoli arrivando alla produzione del l 75% di energia rinnovabile gli altri paese vengono via via staccati. L‘Italia copre solo un 32-33 % proveniente da fonti rinnovabili e pensare che siamo conosciuti come il “Paese del Sole”. Dispiace costatare come l’interesse verso le fonti rinnovabile abbia perso interesse nel nostro paese e gli incentivi statali e spesso la burocrazia e un sistema elettrico non semore adeguato alle richieste limita la diffusione.  Notizia recente la riduzioni degli incentivi sulle piccole produzioni idroelettriche che utilizzano, tra l’altro,  solo tecnoclogia italiana al contrario del fotovoltaico che ci vede deficitari nella produzione di pannelli e inverter e per i quali si ricorre all’importazione. Ridurre gli apporti di anidride carbonica è un fatto determinante per la vita del nostro stesso pianeta e oggi non basta limitare la produzione di energia dal fossile ma occorre fare di più  e in fretta visto gli sconvolgimenti climatici in atto.  il dato positivo è che   “Nel 2020 almeno un chilowattora su tre in Europa sarà generato dalle fonti rinnovabili e a metà secolo, in alcuni paesi, il 100% dell’elettricità sarà verde” scrive Gianni Silvestrini, direttore del Kyoto Club, nel suo libro “Due gradi”. Le vecchie regole che riguardano tutti sono sempre validi e non ci devono lasciare inattivi, utilizzare meno l’auto, ridurre il consumo di carne da allevamenti intensivi, fare un uso razionato del’acqua e la cosa piu semplice piantare alberi e circondarsi di “ verde purificatore”.

 

 

Set

13

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Giardino acquatico

Categories: Potatore news

Giardino acquatico

Anche una tinozza può diventare un giardino acquatico basta accontentarsi ma chi dispone di spazi maggiori può creare un vero ecosistema dove pesci e piante in reciproca simbiosi sono la gioia di grandi e piccini. La struttura del laghetto generalmente è formata o da un bacino rivestito da pvc o altro materiate impermeabilizzante atossico oppure da vasche preformate facilmente reperibili nei negozi specializzati che possiedono anche una vasta scelta per dimensioni e forme. Una volta formata la vasca occorre collocare innanzitutto le specie vegetali tenendo presente due punti fondamentali: il numero delle specie da mettere a dimora e la giusta proporzione tra specie galleggianti e specie sommerse. Riguardo il primo punto diversi sono gli aspetti da verificare e tengono presente non solo del rapporto specie-spazio disponibile ma anche la scelta delle specie tenendo conto anche della varietà delle forme e delle tonalità di verde che il fogliame pre-senta. Nella scelta delle specie, inoltre va utilizzata la logica per la quale, in caso di utilizzo di piante a fogliame piccolo, è possibile utilizzare numerose specie, disposte preferibilmente a gruppi; così facendo si otterranno delle aree omogenee sia per colore che per epoca di fioritura. In caso di utilizzo di specie a foglie grandi come Gunnera, Rodgersia e Hosta è necessario, invece utilizzare poche piante ben distanziate tra loro siste-mandole in modo da avere le più grandi dietro come sfondo, e a scalare in avanti quelle più piccole. Per essere certi del risultato, sarà conveniente, prima della definitiva messa a dimora, provare la sistemazione lasciando le piante nei contenitori ed una volta certi interrarle. Per quanto riguarda le specie galleggianti risulta fondamentale la loro presenza per impedire o quantomeno contenere lo sviluppo delle alghe. Ninfee, castagne d’acqua, erba pesce rappresentano alcune possibilità di scelta per i climi più rigidi e vanno zavorrate all’interno di un cestello di plastica pieno di terriccio coperto di ciotoli. Le piante galleggianti devono però non entrare in eccessiva competizione con quelle sommerse che necessitano di luce per svolgere la funzione fondamentale di filtro dell’acqua di sostanze inquinanti che sono la causa dello sviluppo delle alghe. Helodea canadensis, comunissima negli acquari, Hottonia e Ceratophyllum demersum vanno sistemate al fondo con lo stesso sistema delle galleggianti e vanno diradate con lo sfoltimento della chioma in caso di eccessiva vigoria vegetativa. Una volta verificato che il ph dell’acqua sia intorno a 7 possono essere introdotti i pesci. Le specie sono diverse e vanno dai comunissimi pesci rossi alle colorate carpe giapponesi o al Leuciscus idus rilevatore del grado di ossigenazione dell’acqua. L’attenzione va posta sul loro numero e quindi del consumo di ossigeno che in ogni caso può essere migliorato con un gettito di acqua. La loro presenza varia in funzione dei gusti di ognuno ma va tenuto in debito conto oltre all’interesse suscitato nei bambini il controllo sulle zanzare che essi esercitano.

Ago

8

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Specie esotiche.. malattie in arrivo

Categories: Potatore news

Specie esotiche.. malattie in arrivo


L’epoca in cui viviamo è caratterizzata da una certa facilità negli spostamenti. Treni, navi e principalmente aerei danno la possibilità in poco tempo di trasferire nei vari continenti non solo le persone ma anche cose, animali e specie vegetali. Inizialmente il trasporto merci interessava mercanzie come le spezie e altri prodotti di natura alimentare ma successivamente con il migliorare del tenore di vita si è assistito ad un trasferimento sempre più massiccio di specie vegetali esotiche che le nuove conoscenze agronomiche hanno permesso di coltivare anche a latitudini molto diverse da quelle d’origine. Forse tra le specie da frutta quello che ha la maggiore diffusione è il Kiwi e l’Italia è diventato in breve tempo tra i principali produttori al mondo mentre per alti generi la diffusione è stata meno accentuata ma sicuramente molto varia. Le specie floricole tropicali, in virtù delle pregevoli caratteristiche trovano sempre più spazio tra le piante coltivate sia all’aperto che in luoghi chiusi e, ogni giorno, le vetrine dei fioristi si arricchiscono di nuove specie che riescono facilmente ad attrarre l’attenzione del “consumatore” sempre più esigente. Dal Brasile, già da molti anni, è arrivata anche la gloxinia, pianta molto interessante per la produzione di vasi fioriti primaverili-estivi con grande effetto decorativo e appartenente alla famiglia delle Gesneriacee. Tale famiglia comprende piante erbacee, arbustive e arboree (circa 100 generi) tra i quali molto conosciuta è anche la violetta africana o Saintpaulia dalle foglie pelose, carnose e fiori con varia gamma di colori. Alcune caratteristiche accomunano le due piante come la forma della foglia ovato-oblunga anche se il lembo è molto più grande nella gloxinia ma i fiori di quest’ultima fanno la differenza in quanto sono sicuramente molto appariscenti, lunghi 5-10 cm, campanulati e con colori molto accesi viola o porpora, ricchi di screziature e nei quali all’interno anche le parti riproduttive come stami e pistilli di colore bianco concorrono alla maestosa bellezza. Ridotta a sei-sette giorni la durata del fiore, ha la particolarità di lasciare cadere la parte a campanula che si stacca di netto dal ricettacolo mentre alla base è già pronta una nuova infiorescenza.
Oltre alla durata del fiore ridotta, risulta anche abbastanza breve l’intero ciclo della pianta stessa (5-6 mesi) e per favorire la continua emissione di fiore conviene sempre asportare i piccoli peduncoli dei fiori rimasti ormai spogli. Il substrato adatto alla coltivazione deve essere leggermente acido (Ph 6-6,5) e ricco di sostanza organica ben decomposta; torba e terriccio di foglie in parti uguali con l’integrazione di un concime completo in misura di 2 gr/l risultano ottimale. Tale miscuglio poroso e permeabile favorisce anche un buon drenaggio che evita indesiderati ristagni. Molto importante risulta l’irrigazione che deve essere effettuata con acqua temperata per evitare sbalzi termici a cui risulta molto sensibile la pianta. In ultimo, da non sottovalutare, è il fatto che le specie importate spesso sono foriere di guai in quanto portatrici di malattie;  il nostro habitat non sempre riesce a far fronte a queste forme patogene e il punteruolo rosso delle palme,  la Xella degli ulivi o la Tristeza degli agrumi ne sono purtroppo esempio attuale

Lug

4

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Idee composizioni da copiare…

Categories: Potatore news

Idee composizioni da copiare…

Piccolo esempio di composizione molto colorata, di facile realizzazione e dall’effetto estetico molto bello. Il contenitore ovviamente è solo uno delle tante possibili soluzioni che vanno dal vaso di coccio, di varia forma e altezza, a vecchi contenitori in lamierino smaltato o con evidenti segni di ruggine.  La scelta può anche ricadere vasi sospesi di varie forme e colori ma vanno messi a ridosso di una parete  e i contenitori di profondi almeno 50 cm. Le specie  utilizzate in questo caso sono tre e primeggia come si vede chiaramente la cinca major variegata che nel vaso tende a ricadere e per molti versi ne maschera ampi tratti. La Pachysandra, specie rizomatosa e tappezzante è la seconda specie dal verde intenso ma che nel breve tempo tenderà a riempire tutte le zone del vaso e il senso di altezza viene garantito da un Cupressus-goldcrest facilmente reperibile nei vivai ma anche nei supermercati. visto che la composizione è duratura nel tempo niente vieta di aggiungere a seconda delle stagioni un punto di ulteriore colore con una pianta fiorita di stagione come bocca di leoni, salvia ornamentale, primule, o altre specie che , però non siano troppo invasive. A voi la realizzazione…..

Lug

2

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Dal produttore al consumatore: che prezzi!!!

Categories: Potatore news

Dal produttore al consumatore: che prezzi!!!

Pomodori a 6 euro, ciliegie ad otto, formaggio di capra a 39 euro questi alcuni esempi di un mercato a km zero: vado decisamente al supermercato. Vendere direttamente per gli agricoltori e quello di proporre prodotti a prezzi da fantascienza.  Un parmigiano o grano con stagionatura oltre i 36 mesi normalmente tra i 15  e 18 euro e mi chiedo come si può proporre un formaggio di capra a un prezzo superiore a questo visto la qualità decisamente inferiore ( confermo inferiore) e con la sola differenza che è piu digeribile rispetto alla generalità dei formaggi in commercio ma anche il parmigiano stagionato non è secondo a nessuno per digeribilità. E allora come mai rifornirsi dal produttore mi costa decisamente i 500% o giù di li in più? Alla fonte prugne arance, albicocche, nettarine e pesche, arance vengono venduta dall’agricoltore a prezzi che di solito che non superano i 30-40 cent al chilo. Supermercato lievitano con medi sopra i due euro direttamente dal produttore sul lungomare di Finale Ligure come nel centro di Bergamo per fare solo alcuni esempi assistiamo ad autentiche esplosioni di fantasia di vendita. EHHH ma sono buone,,, sono appena raccolte…..abbiamo un alta qualità!!!. Compro un kg di ciliegie a 5 euro e una vaschetta di ribes in una azienda agricola dai bei titoloni e portati a casa :sapevano di …niente. Mi reco al mercato ortofrutticolo di Bergamo il sabato successivo  compro una serie di cassette tra frutta e verdura tra cui due cassettine di circa 4 kg di ciliege ad…un euro e sii buonissime ottimo tutto ….si d’accordo il paragone non è corretto ma vorrei far capire perchè comprare a caro prezzo dal produttore se poi lo stesso svende al commerciante? la via di mezzo è auspicabile come una maggiore attenzione alle modalità di vendita tra produttori e consumatori…vi lascio a pensare

Giu

29

By Il Potatore

Commenti disabilitati su Nel pieno dei lavori orticoli: l’orto non va in vacanza

Categories: Potatore news

Nel pieno dei lavori orticoli: l’orto non va in vacanza

Con  l’arrivo di giugno le giornate raggiungono  la  loro massima  durata. Il giorno così lungo permette alla  vegetazione dell’orto di accrescersi con una velocità sorprendente richiedendo cure costanti e ravvicinate. Bisogna controllare la  colorazione  della vegetazione e nel  caso di tonalità troppo  chiare  intervenire con nitrato di sodio  o solfato ammonico  in dosi modeste distribuite su tutto il terreno  e senza  interessare le foglie  che  altrimenti  rimarrebbero scottate. Le piogge del mese scorso hanno sicuramente rinvigorito le erbe infestanti che andranno tolte e possibilmente interrate selezionando  quelle  di interesse terapeutico come malva, ortiche, le radici di bardana, camomilla ecc. che una  volta essiccate  all’ombra saranno preziose per infusi e  decotti. E’  possibile trapiantare all’aperto il sedano,  sicuramente una delle più esigenti piante dal punto di vista  termico. Il  terreno  utilizzato deve essere molto  soffice  affinchè possa essere rincalzato peer l’imbianchimento. Altre  semine possono  essere  effettuate  con  radicchio  estivo, cavolo invernale, rape, fagiolini e fagioli rampicanti. Per  quest’ultimi  può essere riservato  eventualmente  il terreno vicino alla recinzione in modo da far sviluppare  la pianta  sulla rete. La semina a dimora verrà fatta con  una quantità di seme leggermente superiore alle dosi consigliate per la coltivazione in modo di poter eventualmente  selezionare le plantule nate e tener conto dei semi non germinati. Se invece si intende trapiantare direttamente le pianti­ne  con 2-3 foglie è conveniente rimandare di una decina  di giorni. Le  piantine  di pomodoro, melanzana e cetrioli  ormai  in fase avanzata di crescita vanno continuamente  gradualmente scacchiate  sopprimendo  tutti  i germogli  ascellari  e  le foglie basali in modo che i frutti prodotti  successivamente siano completamente spogliati dalle foglie rendendo omogenea la maturazione.